Creato da manu650 il 12/12/2005

Una vita MAI BANALE

vita quotidiana di una casalinga non hollywoodiana, I'M NOT A MILF

 

CARPE DIEM

Post n°175 pubblicato il 11 Luglio 2019 da manu650
 

“Goditi la giornata,
non lasciarla finire senza crescere un po’.

Senza essere stato felice, senza aver nutrito i tuoi sogni.

Non essere sopraffatto dallo scoraggiamento.

Non permettere a nessuno di negarti il diritto di esprimerti, il che è quasi un dovere.

Non abbandonare il tuo entusiasmo per rendere la tua vita straordinaria.

Non mancare di credere che le parole e la poesia possano cambiare il mondo.

Perché qualunque cosa accada, la nostra essenza rimarrà intatta.

Siamo esseri umani pieni di passioni.

La vita è deserto e oasi.

Ci abbatte, ci fa male, ci insegna, ci rende protagonisti della nostra storia.

Anche se il vento soffia contro, il potente lavoro continuo. è possibile cambiare una stanza.

Non smettere mai di sognare, perché solo nei sogni l’uomo può essere libero.

Non cadere per il peggiore degli errori: il silenzio.

La maggior parte delle persone vive in un silenzio terribile. Non rassegnarti e non fuggire.

Valorizza la bellezza delle cose semplici, se riesci a fare belle poesie, su piccole cose.

Non attirare le tue convinzioni.

Tutti abbiamo bisogno di essere accettati, ma non possiamo remare contro noi stessi.

Trasforma la tua vita in un inferno.

Goditi il panico che ti fa avere una vita.

Prova a viverlo intensamente senza mediocrità.

Pensa a te stesso come futuro e affronta il compito con orgoglio e senza paura.

Impara dalle esperienze di coloro che hanno vissuto prima di te e possono insegnarti.

Non permettere che la vita passi senza aver vissuto!”

Walt WhitmanMare

 
 
 

FRAGILE_io sono.

Post n°174 pubblicato il 10 Luglio 2019 da manu650
 

Emozioni

Quanto è difficile mostrarsi fragili, lasciare trasparire le emozioni davanti a qualcuno che non mostra mai le sue, che sembra invulnerabile, e quanto male fa...

 
 
 

SENZA CATTIVERIA, PARLARE...

Post n°173 pubblicato il 10 Luglio 2019 da manu650
 

Fare una critica senza distruggere, senza attaccare e insultare la persona, rendendole impossibile dimenticare le nostre parole cattive e inutili rispetto a quello che si vuole comunicare, è cosa difficilissima. Al pensiero di ferire l'altro, mi irrigidisco e sembro fredda e insensibile. In realtà mi sto difendendo dal dolore che questo mi provoca.

E' faticoso assumersi la responsabilità delle proprie emozioni e distinguere tra il comportamento che non ci piace e la persona alla quale certamente teniamo.

E' veramente difficile essere costruttivi e non offensivi, e se non ci riusciamo, chiedere perdono, molto semplicemente, senza alibi o giochini, ma bisogna almeno provarci.

Non riuscirci porta a conseguenze spesso irreparabili, a rotture definitive.

Di fronte a questi comportamenti, personalmente scelgo il silenzio ed evito confronti che reputo emotivamente faticosi, pesanti ed inutili per ricomporre i contrasti. Semplicemente, me ne vado, perchè, di fronte al rancore e alle offese, non saprei cos'altro fare.

Litigio

 
 
 

LEONE IN GABBIA

Post n°172 pubblicato il 09 Luglio 2019 da manu650
 

"Vuoi sapere qual è la verità sul tuo conto?

Non hai un briciolo di coraggio, neanche quello semplice e istintivo di riconoscere che a questo mondo ci si innamora, che si deve appartenere a qualcuno, perché questa è la sola maniera di poter essere felici.

Tu ti consideri uno spirito libero, un essere selvaggio e temi che qualcuno voglia rinchiuderti in una gabbia.

E sai che ti dico?

Che la gabbia te la sei già costruita con le tue mani ed è una gabbia dalla quale non uscirai, in qualunque parte del mondo tu cerchi di fuggire, perché non importa dove tu corra, finirai sempre per imbatterti in te stesso."Bacio

Liberamente tratto da "Colazione da Tiffany"

 
 
 

LA COLLANA ROSA

Post n°171 pubblicato il 09 Luglio 2019 da manu650
 

collana

Ad un certo punto della vita, vuoi guardare oltre il razionale, e ascoltarti completamente, dando voce a tutte le parti di te.

Allora ogni cosa che ti accade diventa un segno. Qualche mese fa, in un modo assolutamente inaspettato mi è stata regalata una collana di tormalina rosa.

Non era una ricorrenza, non ho fatto nulla di speciale per meritarlo, un dono nella vera accezione del termine, inaspettato, per questo ancor più gradito, arrivato da una cugina, Anna, che non vedo quasi mai e che ad ogni viaggio, con la figlia disabile, compra una collana che poi regala, se ne ha l'occasione, a chi desidera.

Un gesto che mi ha commosso perchè viene da una donna che ha lottato e sofferto tanto eppure accetta la vita e si dà agli altri con generosità.

Quando ho indossato la collana, che è veramente bella, mi sono sentita serena e felice, ed ho attribuito le emozioni e sensazioni positive al gesto bellissimo di Anna.

Poi sono entrata in contatto con un mondo nuovo, e con la cristalloterapia e, incuriosita, ho scoperto che la tormalina rosa agisce sul 4° chakra, quello del cuore.

Aiuta il chakra del cuore a liberarsi dai fantasmi del passato e ad aprirsi con fiducia al futuro. E' capace di disgregare le barriere che ci mettiamo spesso sul cuore per evitare di amare, per paura di soffrire.  Rafforza lo spirito di iniziativa e la  volontà di crescere. Regala pensieri positivi, elimina le incomprensioni.

Sicuramente è una parte di me, quella relativa alle emozioni e ai sentimenti, che ha bisogno di sbloccarsi e di essere lasciata libera di esprimersi.

Niente arriva per caso, non esistono coincidenze, ma solo opportunità da cogliere e lasciar vivere.

 
 
 

CHI HA TEMPO NON ASPETTI TEMPO

Post n°170 pubblicato il 05 Luglio 2019 da manu650
 

Il tempo è troppo importante per degradarlo in cose senza valore

 

TEMPO

 
 
 

SVISTE

Post n°169 pubblicato il 05 Luglio 2019 da manu650
 

Sviste

Ho pensato spesso nel tempo a come apparisse diverso visto da fuori il mio rapporto col mio ex marito.

A come amici e conoscenti pensassero che lui, sempre allegro e sorridente, fosse "governato" da me, convinzione derivata dalla mia schiettezza, dal modo asciutto e sbrigativo di esprimermi.

In realtà, proprio perchè sono autonoma e indipendente dal punto di vista emotivo, non ho mai chiesto al mio ex di essere diverso, di cambiare i gusti e rinunciare alle sue passioni, pur diametralmente opposte alle mie.

Non concepisco che si costringa un altro ad essere come noi lo vogliamo, ho sempre creduto che gli "aggiustamenti" di abitudini e di comportamenti dovessero essere frutto della volontà di stare bene insieme.

Così lui ha sempre fatto quello che gli piaceva e lo appassionava e io pure, è sempre stato libero, pure troppo, direi col senno di poi, perchè l'uso che fai della libertà e del tempo ha ovviamente conseguenze sulla relazione.

Nonostante io sia volitiva e diretta, non ho mai controllato chi stava con me, non ho mai indagato, non ho mai fatto l'investigatore, lo trovo inutile, controproducente e poco dignitoso.

E ora che, in altro contesto, si ripete lo stesso equivoco, capisco che da fuori è veramente impossibile capire quello che c'è tra due persone, a come si fraintenda il tutto.

Io mostro quello che sento e sono trasparente, l'altro spesso è impermeabile, indossa la maschera dell'imperturbabilità e dell'indifferenza, o mostra un'ostentata allegria fissa...

Non che siano affari vostri, ma non avete capito niente, avete proprio avuto una svista!

 
 
 

PEYTON PLACE E I SUOI PECCATORI

Post n°168 pubblicato il 04 Luglio 2019 da manu650
 

Libro

Come nel famoso film, tratto dal libro, chi racconta che il re è nudo, viene odiato da chi è in mutande.

Se non fingi benevolenza, se non sorridi a tutti, se non sei opportunamente ipocrita, sei considerato pesante, e vieni isolato, perchè confrontarsi con chi non finge, costringe anche te ad essere autentico. Autenticamente stronzo e rancoroso, di solito.

In tutti noi ci sono tante anime e sentimenti diversi, buoni e cattivi, positivo e negativo, sorrisi e lacrime.

Trovo abbastanza paradossale, chi si considera al di sopra del giudizio, e quindi migliore, più socievole, più simpatico, non perchè non giudica e non sparla, ma semplicemente perchè lo fa alle spalle, fingendo amicizia e stima pubblicamente.

Perdipiù viene anche considerato in società persona di buon carattere, portato ad esempio di leggerezza e gradevolezza.

Un segreto resta tale se lo sai solo tu, se lo racconti, sappi che ognuno di noi ha qualcuno a cui racconta le confidenze che riceve, e alla fine, come gli amori di Venditti, che "fanno dei giri immensi e poi ritornano", voilà, ecco che un amico ti mostra con tanto di screenshot, quello che dice di te la persona meravigliosamente aperta e riservatissima...

Siamo nel mondo dell'apparire, trucchiamo un selfie per ringiovanirci e ci sentiamo belli come nella foto truccata, molto Dorian Gray, per intenderci.

L'importante è apparire felice, apparire amico di tutti, apparire aperto, socievole e sorridente, poi in privato tagliare cucire esattamente come tutti gli altri.

Non conta essere malignetti, cattivelli, bugiardelli, opportunisti, conta solo non sembrarlo.

 
 
 

ASPETTANDO CALASETTA

Post n°167 pubblicato il 02 Luglio 2019 da manu650
 

mare

Che dire? Non vedo l'ora

 
 
 

DEL SENSO DI COLPA

Post n°166 pubblicato il 02 Luglio 2019 da manu650
 

Che strani scherzi gioca il senso di colpa, quando, per giustificarsi, si interpreta ogni episodio in modo da autoassolversi, alterando fatti e circostanze.

Perchè, spesso, non si è abbastanza maturi, nonostante l'età, da assumersi la propria parte di responsabilità, che sempre c'è.

Ogni azione, ogni parola pronunciata provoca delle conseguenze, chi fa una domanda è responsabile della domanda che ha fatto, chi risponde, è responsabile di avere riscelto se rispondere, e in che modo.

Le due parti sono ugualmente responsabili, ciascuno per sè.

Chi provoca e chi reagisce alla provocazione, sono ugualmente responsabili, ciascuno per la propria parte, così come chi lascia e chi è lasciato: dove ci sono due persone in relazione, sempre ci saranno due corresponsabilità.

L'incontro con persone che, quando qualcosa va male, non hanno mai colpe, destabilizza, fa sentire inadeguati e sbagliati, finchè non capisci il meccanismo manipolatore tipico del passivo aggressivo, che ti rovescia addosso tutte le colpe del mondo e spesso per farsi forza cita gli altri e li mette in mezzo, "non lo dico solo io, sapessi gli altri", altri che ovviamente non vengono mai citati col nome, ma solo in modo general generico, adducendo ragioni di discrezione.

Non avendo mai negato i miei errori, neppure da bambina, ho capito questo giochino da anni, e non ci casco più.

Per questo rifiuto assolutamente di addossarmi le "colpe" degli altri, mi assumo la mia parte di responsabilità, ma il fardello degli altri no grazie.

Senso di colpa

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

PENSIERO DEL GIORNO

Ritrovare Afrodite dentro di me

Afrodite

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 

I MIEI BLOG AMICI

Citazioni nei Blog Amici: 3
 

ULTIME VISITE AL BLOG

stil_novo_xyztissy_dei_boschimanu650Jhon_Cdivinacreatura59lacey_munroLadro.di.MenteRavvedutiIn2matmar59enzolangella2009giancarlociancio1mabulbigiyantonio.manducagrmentertainment
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom