Creato da marcobe65 il 13/11/2008
campo libero per chiacchiere di ogni tipo

Area personale

 
 

Archivio messaggi

 
 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

Ultime visite al Blog

 
vulnerabile14mariomancino.memanueleandreolipsicologiaforensemerku.riotStayin_alivebal_zacstella.luna71sidopaulstrong_passionkatya_adavinilfisico68peterdanielsignora_sclerotica_2asterixalemata
 

Ultimi commenti

 
Grazie a te
Inviato da: marcobe65
il 19/10/2010 alle 09:13
 
Conosco bene queste tecniche ...sono le stesse che certi...
Inviato da: asterixalemata
il 18/10/2010 alle 13:35
 
lo devono processare a tutti i costi pure per sapere la...
Inviato da: alicud
il 07/10/2010 alle 21:02
 
Sarò collegato, mancano 13 minuti. Ciao Oscar
Inviato da: oscarzeri
il 07/10/2010 alle 20:16
 
Condivido.... Grazie!
Inviato da: ppfasting
il 07/10/2010 alle 19:55
 
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

 
« Dal blog "toghe rotte" d...Dal blog di Grillo - il ... »

Dal blog di Luigi De Magistris - SILENZIATORE MEDIATICO

Post n°31 pubblicato il 17 Marzo 2010 da marcobe65

Unico obiettivo centrato: ridurre al silenzio Annozero, Ballarò, Report e le voci critiche della tv. Il Cda della Rai, dove la destra è padrona, si piega al volere di Berlusconi e di fatto conferma lo stop ai talk show politici. Nonostante la decisione del Tar che ha accolto il ricorso di Sky e La 7 contro il regolamento dell'Autorità di garanzia, la quale ha imposto la par condicio nel periodo elettorale rendendo nei fatti impossibile l'informazione politica. La legge, falsamente e strumentalmente, è tirata da tutte le parti per evitare che i cittadini conoscano, si formino un convincimento e in base a quest'ultimo votino. Svuotare le coscienze, drogarle e poi servirsene per realizzare il proprio piano eversivo, invocando il popolo manipolato, il rispetto della sua volontà indotta, il principio plebiscitario che il Governo ha sempre mani libere, perché trionfa quantitativamente nelle urne e può fregarsene dei pesi-contrappesi istituzionali e degli equilibri democratici. Dopo la decisione del Cda Rai, si arriverà alla situazione paradossale che la tv privata del premier potrà informare, mentre quella pubblica, cioè la nostra da noi pagata, non potrà farlo. C'è in quello che sta accadendo uno smarrimento etico che genera la paura per il futuro democratico, soprattutto tenendo conto di quanto emerso dalla Procura di Trani e dalla vicenda intercettazioni. Il premier che chiama alla mobilitazione non solo il fido Minzolini del Tg1, ma addirittura un consigliere dell'Agcom, Giancarlo Innocenzi, perché censurino Annozero di Santoro e anche Parla con me di Dandini e magari tutte le voci che non si omologano al coro osannante verso il sovrano. Forse, anche la magistratura è risucchiata in questo intreccio, con un consigliere del Csm che pare -il condizionale è d'obbligo- abbia fornito i suoi pareri tecnici allo stesso membro dell'Agcom per neutralizzare, come a lui richiesto dal Capo, i programmi tv scomodi e urticanti la sensibilità tirannica. Ancora una volta ritorna il trittico della devianza: parte della politica che agisce pro domo sua et amicorum (per il Sovrano e la sua corte), spezzoni delle istituzioni di controllo che si prestano al disegno, porzioni della magistratura che si lasciano condizionare. E chi lo denuncia, finisce per essere additato come complottista-giustizialista oppure viene censurato il più possibile dalle tv di regime. L'Italia dei valori, che ha sempre rifiutato le logiche spartitorie della lottizzazione, che ha sempre denunciato il piano del Governo, che non ha fatto sconti anche a chi, nello stesso centrosinistra, si è spesso incamminato sulla strada dell'inciucio con Arcore, è il "pubblic enemy" da colpire. Semplicemente si tratta di un partito che crede che gli italiani meritino qualcosa di più degli editoriali sovietici di Minzolini o della distruzione delle leggi da parte dell'esecutivo. Perché il benessere di questo Paese non dipende dal reddito di Berlusconi, per altro cresciuto di oltre 8,5 milioni in un anno. Grazie anche all'abuso di Stato operato dal "silenziatore" mediatico.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/marcobe65/trackback.php?msg=8571570

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback