Creato da: raccontatevi il 06/03/2006
vita di una trentenne in fuga

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

jola2010RETALIATOR81piccololavoratorepamela101trentanovepetaliMattAndreasarav1stellyna4toorresalottergse.k.o.seffe_elle_1vaicoskywalker1977hanns2008
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 
« Messaggio #20Messaggio #22 »

Post N° 21

Post n°21 pubblicato il 30 Marzo 2006 da raccontatevi

Settantadue. Erano le ore che passarono dal post it. Nella notte precedente aveva provato a chiamarlo, cellulare spento, segreteria non più attiva. Marianne ricordava ancora la sera in cui Paul aveva cambiato il suo classico messaggio in segeteria con " Se non sono reperibile è perchè sono col mio sogno, se invece sei tu, allora mi manchi" e poi il beep finale che concludeva la voce allegra di Paul. Lasciò il cellulare sul tavolo, si preparò la sua tisana. La città era ricoperta di neve, erano tre giorni che non faceva altro che nevicare. Quella mattina sarebbe rimasta volentieri a casa, spegnere ogni contatto. Il suo viso perso e in quell'attimo una telefonata. Corse e senza troppa curanza rispose. Sperava fosse Paul, invece dall'altra parte della cornetta fu solo la segretaria, l'avvisava del meetting del giorno. Si vestì in silenzio, attraversò la città vuota per le prime feste di  Dicembre e furono subito solo carte e progetti. Nei corridoi si mormorava da giorni che col nuovo anno al lavoro ci sarebbero state grosse possibilità di crescita e in azienda Marianne aveva già catturato la stima non solo di molti colleghi ma anche del capo, dopo tutto il suo curriculum era molto interessante. Sarebbe stata un'altra nuova occasione per ripartire?. Cambiare ancora?. Questa volta non avrebbe voluto, ma i silenzi e le risposte che tardavano ad arrivare non lasciavano nessuna sicurezza in lei. E si sa quando non si cercano certe situazioni, queste arrivano senza farti troppe domande. Dopo la pausa pranzo, Marianne fu chiamata in ufficio, sapeva già quale sarebbe stato l'esito di quell' incontro, sapeva già quale sarebbe stata la sua risposta nonostante avesse voluto altro, in quel momento. Arrivò puntuale, bussò e dall'altra parte della porta "Prego Marianne, l'aspettavamo." Accanto alla sua sedia, Federico, un suo collega. In realtà aldilà del nome e della figura professionale all'interno dell'azienda non sapeva un granchè di lui. Per dirla tutta, Marianne, non aveva mai ampliato le conoscenze, si era sempre limitata nelle cortesie dei pranzi di lavoro e quelle brevi pause caffè quando non c'era Paul.La riunione durò poco più di un paio di ore, doveva ripartire, lei lo sapeva, non si era stupita di questa novità, ma a differenza dei vecchi spostamenti questa volta sarebbe mancata per molto più tempo e questa volta la destinazione fu New York. La Grande Mela. Un infinità di ricordi. Fu solo una stretta di mano e un sorriso a concludere la giornata. Lasciò l’ufficio, prese le sue cose, scese in auto raggiunse il suo appartamento e tra i profumi ancora di loro pianse ancora una volta.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
quotidiana_mente
quotidiana_mente il 30/03/06 alle 12:21 via WEB
New York? Why not ;) Un oceano di mezzo.. Buona giornata e grazie. Bises et bien grandes
(Rispondi)
 
 
raccontatevi
raccontatevi il 30/03/06 alle 12:45 via WEB
Buongiorno Cara. Un oceano di mezzo, un'altra volta. New York affascina parecchio. Ritornerò? Già sto mettendo per scontato che parto.. un bacio Amica
(Rispondi)
 
 
 
quotidiana_mente
quotidiana_mente il 30/03/06 alle 12:51 via WEB
Non mi era dispiaciuta come città e per un po' avevo accarezzato l'idea di trovarmi un lavoro e andarci a vivere per un perido non troppo lungo ma abbastanza per capire quella realtà. Bacio a te, belle amie ;-)
(Rispondi)
 
 
 
 
raccontatevi
raccontatevi il 30/03/06 alle 12:59 via WEB
Tre mesi poi non son tanti. La lingua non è un problema, certo una con la -r- che dice good moRning è affascinante. :)
(Rispondi) (Vedi gli altri 2 commenti )
 
 
 
 
quotidiana_mente
quotidiana_mente il 30/03/06 alle 13:11 via WEB
Per un francese o per chi ha studiato nella lingua di Voltaire, pronunciare perfettamente l'inglese è come fare un torto a Giovanna D'Arco ;-), però c'è chi ci riesce benissimo.. ahimè non io.. Non ho dubbi sul fascino del tuo "good moRning" :))
(Rispondi)
 
 
 
 
raccontatevi
raccontatevi il 30/03/06 alle 13:17 via WEB
Hai citato, a mio avviso, la Donna più spettacolare del corso della storia. Oh mon dieu, Voltaire... avrei prefetio un Charles Baudelaire e i suoi pulet malassis. :)
(Rispondi)
 
diavoletta77kiss
diavoletta77kiss il 30/03/06 alle 12:24 via WEB
ma si dai prendiamo l'aereo e vogliamo a new york..vieni con me?eh eh dolce giorno cara
(Rispondi)
 
 
raccontatevi
raccontatevi il 30/03/06 alle 12:45 via WEB
Sarai tu a venir con me, Cara Diavoletta :)
(Rispondi)
 
immaginandoci
immaginandoci il 30/03/06 alle 13:10 via WEB
La grande mela è una grande tentazione...propio come la prima mela della storia.... un bacio
(Rispondi)
 
 
raccontatevi
raccontatevi il 30/03/06 alle 13:12 via WEB
Le tentazioni sono tante spesso non sappiamo vederle.. rifacendoci un pò a quello che hai scritto te... buona giornata e ricambio il bacio.
(Rispondi)
 
lizard_26
lizard_26 il 31/03/06 alle 11:59 via WEB
Quindi anche se tornasse, non la troverebbe...
(Rispondi)
 
 
raccontatevi
raccontatevi il 31/03/06 alle 14:46 via WEB
Quindi se tornasse potrebbe anche non trovarla... bacio
(Rispondi)
 
lottergs
lottergs il 24/03/09 alle 21:20 via WEB
palatial, amplifier, cialis fast shipping niasome, dysphemia, generic levitra cheap widowhood, entomophagan, soma cheap rx exocoetus, orthorhombic, us levitra furcal, providence, buy generic levitra rhizostomata, vehicles, generic levitra calcination, polarizer, buy soma online tickling, hexicology, buy levitra online acyclic, mitomycins, cheap generic levitra greenfinch, orthochorea, overnight soma multiflorous, ozokerite, cheap cialis indice fowlerite, galactosans, buy cheap levitra vardenafil asker, atelectasis, cheapest levitra prices teratosis, thermopile, levitra online walloons, hypomere, levitra price
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.