**TEST**
Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI
(dal più recente
al più datato)

 

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« Anche i Grillini “tengon...Il prof che si fa seppel... »

Renzi e il suo partito-contenitore che accoglie tutti e vuole solo il potere

Post n°2076 pubblicato il 24 Ottobre 2019 da massimocoppa
 

 

RENZI E IL SUO PARTITO-CONTENITORE CHE ACCOGLIE TUTTI E VUOLE SOLO IL POTERE

Il potere di interdizione di Matteo Renzi sul governo Conte, com’era prevedibile, cresce di giorno in giorno.

Renzi, per dirla fuori dai denti, sta già rompendo le scatole con continue richieste e rimostranze: è una strana tattica, perché non può ritirare l’appoggio dei suoi deputati e far cadere il governo; questo aprirebbe la porta alle elezioni ed il suo partito, “Italia Viva”, non è assolutamente ancora pronto a misurarsi con le urne. Infatti il premier ha fatto balenare l’arma atomica della consultazione popolare; certamente questo porterà l’ex leader PD a diminuire d’intensità il “fuoco amico”, ma non sembra volervi rinunciare.

Forse è un modo per dimostrare al mondo ed a sé stesso di esistere ancora e di avere ancora potere: questo è un dato di fatto, ma nella psicologia di alcune persone, nonché nelle regole della comunicazione politica moderna, non è sufficiente essere, ma bisogna anche apparire.

Intanto la neo-formazione politica renziana assomiglia sempre di più ad un contenitore onnicomprensivo, capace di accogliere chiunque. Già avevo accennato ai parlamentari grillini che, per paura di un ridotto orizzonte politico (e di stipendio), si stanno orientando verso “Italia Viva”. Ma negli ultimi giorni se ne sentono di ancor più clamorose. Anche Renata Polverini sarebbe in predicato di diventare una renziana! Ex presidentessa della Regione Lazio, militante di Forza Italia e, ancor prima, dell’UGL, il sindacato erede della Cisnal neofascista, la Polverini è una di destra senza “se” e senza “ma”: su questo non ci piove.

Come può finire con Renzi? Perché, come ho sempre sostenuto, in Renzi non c’è nulla di sinistra (come nel Partito Democratico): è un Berlusconi senza i soldi e senza le tv; ma l’impianto è quello.

Berlusconi prima, e poi Renzi e quindi Salvini, sono tutti demagoghi, impegnatissimi nel fare confusione, creare paure, fare appello alla pancia della gente e passare poi all’incasso dei voti. Tutti saldamente impegnati nella tutela dei propri interessi, ovviamente. E “Italia Viva” vuole essere in pratica quel “Partito della Nazione” nel quale sempre Renzi voleva trasformare il PD: un contenitore trasversale destinato ad accogliere tutti gli italiani, di qualsiasi provenienza e credo politico ed ideologico, purché disposti ad uniformarsi, allineati e coperti, ad un credo nazionalista che si sostanzia nella fedeltà al capo. Qualcosa di inquietantemente simile al partito unico di uno Stato totalitario.

Per questo credo che, come Salvini, anche Renzi sia un pericolo concreto, reale e prossimo per la democrazia. Molto più di Berlusconi il quale, col senno di poi e confrontato ai due personaggi suddetti, sembra un simpatico dilettante.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog