Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI
(dal più recente
al più datato)

 

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo puņ perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 
« Renzi e il suo partito-c...Il piccolo Trump stravin... »

Il prof che si fa seppellire con il suo giornale preferito

Post n°2077 pubblicato il 02 Dicembre 2019 da massimocoppa
 

IL PROF CHE SI FA SEPPELLIRE CON IL SUO GIORNALE PREFERITO

Questa è una piccola storia romantica, ma di un romanticismo particolare.

Luigi Quarantiello, un professore di 84 anni di Apice, paesello in provincia di Benevento, in Campania, ha lasciato detto ai suoi familiari, poco prima di morire, di voler essere seppellito con una copia del quotidiano napoletano “Il Mattino”, che leggeva ogni giorno da oltre sessant’anni.

E così è stato.

Nella bara, accanto al corpo del brav’uomo, è stata messa una copia del giornale. Quello stesso giornale che aveva amato talmente da rifiutare di comprare un altro quotidiano quando, per qualche motivo, il “Mattino” non era giunto in edicola.

Al di là del giornale in sé, che in tutta sincerità non merita questo attaccamento così viscerale (ex feudo democristiano e del fu Banco di Napoli, oggi appartiene al costruttore Caltagirone e non è mai stato, come dire, un esempio di progressismo, di obiettività e di onestà intellettuale), il fatto è singolare ed ha il profumo dei galantuomini di altri tempi.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog