Creato da: massimocoppa il 22/08/2006
"Ci sedemmo dalla parte del torto perché tutti gli altri posti erano occupati"

DAL 20 MAGGIO 2022 QUESTO BLOG
NON ACCETTA PIU' COMMENTI ED HA CANCELLATO LA LISTA AMICI.
SE VUOI SAPERE PERCHE', CLICCA
QUI.

 


"There is no dark side
of the moon, really.
Matter of fact,
it's all dark"

Pink Floyd

 

 

 

I MIEI LIBRI
(dal più recente
al più datato)

 

 

 

 

 

DOVE SCRIVERMI

Puoi scrivermi su: massimocoppa@gmail.com

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

"Conosceremo una grande quantità di persone sole e dolenti nei prossimi giorni, nei mesi e negli anni a venire. E quando ci domanderanno che cosa stiamo facendo, tu potrai rispondere loro: ricordiamo".

Ray Bradbury, "Fahrenheit 451"

 

Area personale

 

 

"And all this science,
I don't understand:
it's just my job,
five days a week...
A rocket man"

Elton John

 

Un uomo può perdonare
a un altro uomo
qualunque cosa, eccetto
una cattiva prosa

                     Winston
                        Churchill

 
 

Presto /
anche noi (…) saremo /
perduti in fondo a questo fresco /
pezzo di terra: ma non sarà una quiete /
la nostra, ché si mescola in essa /
troppo una vita che non ha avuto meta. /
Avremo un silenzio stento e povero, /
un sonno doloroso, che non reca /
dolcezza e pace,
ma nostalgia
e rimprovero
PIER PAOLO PASOLINI
 

 

 

 

 

Cazzarola!

 

 

 

 
« DI MAIO LO STATISTA: LA ...CRISI IDRICA E PUTIN, TE... »

LA MESSA DEL VESCOVO E LA FINE DEI TEMPI

Post n°2145 pubblicato il 22 Giugno 2022 da massimocoppa
 

LA MESSA DEL VESCOVO E LA FINE DEI TEMPI
Ha un sapore di religiosità medievale, apocalittica, millenaristica, la notizia che sabato prossimo, in una chiesetta nelle campagne lombarde oppresse dalla siccità, l’arcivescovo di Milano, Mario Delpini, con una messa speciale invocherà la pioggia salvatrice supplicando Iddio di mandarla.
Nel contempo, l’arrivo del flagello delle cavallette in Sardegna conferma quest’impressione di fine dei tempi. Una piaga biblica, che nei modi di dire popolari si affianca ad altre: “fame, peste e carestia”. La “peste” l’abbiamo avuta (il Covid), la “carestia” è in corso (tra siccità, inflazione, economie depresse e Borse impazzite a causa dell’invasione russa dell’Ucraina) e la “fame”, va da sé, ne sarà una conseguenza.
Ci manca solo l’ammonimento “Peniteziagite!”, “Fate penitenza!”, con il sottinteso seguito “Perché il Regno dei Cieli è vicino”, dell’ex dolciniano frate Salvatore del “Nome della Rosa”, per essere completi.

Non è possibile commentare questo post

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog