Creato da daughterofthedesert il 28/06/2006

Match point

mai certa la vittoria, nemmeno la sconfitta però...

 

 

A good year

Post n°295 pubblicato il 06 Gennaio 2010 da daughterofthedesert

Sarà una buona annata? Sarà necessario prendersi grande cura della vigna se non vorrò bere acqua tutto l'anno.

 
 
 

VOICES INSIDE

Post n°294 pubblicato il 03 Ottobre 2009 da daughterofthedesert

 

Torno ad aprire una porta chiusa da tempo. Troppo?Forse. Mi sento bene con questa luce intorno che mi ricorda i raggi di quel sole che sta un pò impallidendo, ma non si arrende ancora alle sfumature autunnali. Mi guardo intorno e mi sento un pò spaesata, ma son certa presto passerà, so di essere in un posto in cui son stata bene, dovrò solo lasciarmi accucciare da una comoda poltrona girata verso i tetti che cambieranno colore con i capricci delle stagioni e permetterò di nuovo alle mie dita di tradurre con parole scritte le voci dentro.

 
 
 

Changes

Post n°293 pubblicato il 23 Agosto 2009 da daughterofthedesert

 
 
 

Oscar 2008

Post n°292 pubblicato il 03 Gennaio 2009 da daughterofthedesert
 
Tag: oscar



Torna la consueta rubrichetta di annotazione del risultato della premiazione con l'Oscar di casa mia per i migliori/peggiori film del 2008.

Oscar  Il matrimonio
di Lorna


Palma d'argento:  Into the Wild
Menzione speciale della critica: Lezione
21


Film rivelazione: ex aequo Le tre scimmie  e  La
banda
 
Palma rossa ( impegno sociale ): La classe
 
Film "oltre":  Lezioni di felicità
 
Premio ciofeca: ex aequo Denti e Amore che vieni amore
che vai
 
Miglior sceneggiatura : Non è un paese per
vecchi
 
Miglior interprete maschile:  Daniel Day Lewis per il Petroliere

Migliore interprete femminile: Meryl Streep in Mamma mia 

 

 
 
 

Perversità

Post n°291 pubblicato il 28 Dicembre 2008 da daughterofthedesert





Pace in terra?

Dalla Tv fischi di missili e sibilio di razzi.

Non male come pace in terra.

Che sciocca
falsità e presunzione. Pace in terra? Pensieri soffici e
profumati, pensieri patinati, file alla apertura del centro commerciale
dopo due giorni signori dico ben due giorni di chiusura, uno sguardo
distratto al TG: i nostri cappelletti, pandoro, panettone e tombola si
mescolano alle rovine e agli urli e al sangue dei sopravvissuti.

Hanno tolto "agli uomini di buona volontà" dalla frase "pace
in terra", perchè, dicono, Dio ama  tutti non solo quelli che la
volontà ce l'hanno. Quindi devo dedurre che ami pure quelli che non
hanno nessuna intenzione di dedicarsi a pensieri di pace, che armano le
loro mani per lanciare missili e razzi e ammazzare nugoli di uomini,
donne, bambini inermi e che allora avrebbero dovuro eliminare la frase intera dalla bandieruola sorretta dagli angeli del presepe. Via pure pace in terra.

Dal mondo le voci di dissenso sono pure quelle circondate da una aura
di molli movimenti appesantiti dalla serena atmosfera di pace in terra
di queste giornate di festa.

La festa non è lì.

E allora godevela la vostra festa, quel tipo di amore.

Io passo.

 







 
 
 

Times

Post n°290 pubblicato il 24 Novembre 2008 da daughterofthedesert







Secoli che non scrivo. Trovo sempre altro da fare di recente, forse dovrei dire buonperme. Altro di meglio o di peggio non so bene. Ma non è questo che conta.
Pensieri nel pomeriggio.
Ho passato anni, quanti? boh, non ne ho idea, ma parecchi, a subire il fascino indiscreto di molti dei richiami del web fino a raggiungere anche tempi di pura ossessione, poi all'improvviso le cose han subito un mutamento. Noia? Stanchezza? Stagioni che si chiudono? Diventata grande? Rimasta piccola? Forse tutto questo insieme?Entusiasmo perso?
Eppure ogni tanto continuo ad accendere e vagare fra blog amici, leggo, di rado commento, ma l'unica cosa che scrivo nel mio è il titolo del film nuovo e il voto. Fra poco finirà l'anno e chissà se inizierò la rubrica del "Seen in 2009" o il gioco finirà con il 2008? Oggi son particolarmente piena di chissà, boh e non so, però devo dire che mi incuriosiscono più le domande che le risposte a dire il vero.
Non chiuderò a chiave, perchè se poi mi capiterà di sentire di nuovo sotto le dita quella specie di irresistibile prurito cui è impossibile resistere e che passa solo scrivendo, sarà facile tornare a riempire queste pagine. Sarà domani, sarà fra mesi?
Chissà.
Invece d'altro canto è avvenuta una cosa che non succedeva da anni: un giorno ho scritto alcune riflessioni a matita su due fogli di carta.  Dico: matita, carta. Con un piacere infinito.
E anche un'altra cosa: ho abbracciato persone con abbracci di pelle e sguardo. Dico: pelle, sguardo.
Forse sta lì il nocciolo di questa riflessione. Deve essere lo stesso punto morto cui prima o poi si arriva dopo anni di amicizie o amori a distanza in cui diventa insopportabile la negazione di una presenza vicina di cui godere il piacere dei gesti.
Matita, carta, pelle, sguardo. Non riesco nemmeno più ad ad aprire la scatola delle matite colorate per fare i miei schizzi, sono secoli.
Credo in questo tempo della mia vita di avere molta voglia di riappropriarmi di tutto questo mondo di materialità cui mi son per troppo tempo negata subendo il fascino del gioco sottile che accalappia la mente, di tutta questa aria che resta nel palmo della mano se tento di abbracciare qualcuno da qui.
Eppure sto scrivendo, eppure qui ci sono persone che al di là della rete hanno pelle, gesti, carta e matita al di là e chissà forse anche matite colorate che non usano da mesi. E sono pure persone care.
Mondi vicini ma distanti che si toccano, così tanto in sintonia  da sovrapporsi per poi allontanarsi di nuovo anni luce per poi tornare a disegnare intrecci curiosi e poi ancora slacciarsi come lacci di scarpe e inciamparsi addosso ancora.
Ogni cosa ha il suo tempo e la sua ragione, probabilmente è vero.
Domani apro la scatola delle matite colora
te. Deciso.

 
 
 

Godot

Post n°289 pubblicato il 28 Ottobre 2008 da daughterofthedesert


- Come stai?

- Così. Quanto tempo. E tu?

- Vero. Così.

- Com'è stare così?

- Dovresti saperlo, lo hai detto tu per prima.

- Forse per ognuno è diverso stare "così". Per te com'è?

- Per me è stare come sto ogni giorno. "Così". Che non è bene. Che non è male. E' "così".

- Già.

- Già.

- Stiamo aspettando anche noi Godot?

- ( sorrido )

- Ti posso abbracciare?

- Perchè poi arriva prima?

- Può anche essere.


Painting: Carlo Carrà, L'attesa


 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Love is blind

Post n°288 pubblicato il 07 Settembre 2008 da daughterofthedesert

Hey butcher!
Oh, oh, oh hey butcher!
What's your name?
Oh hey butcher, what's your game?
Oh, you take all their love, and you suck out their eyes,
and then you rip out their hearts, and you eat their insides.
Yeah, then you just walk away, with a smile on your face.
Hey butcher, hey butcher, I've seen your face before
...

 
 
 

Scuola di Lipsia

Post n°287 pubblicato il 30 Agosto 2008 da daughterofthedesert

Mi sono innamorata dei quadri di David Schnell. In particolare di "Wind" ( 2006 ). Se il vento potesse essere rappresentato da colori avrebbe quei colori e la sua foga avrebbe la spinta che fa volare quelle strutture. Non c'è online, solo sul catalogo, ma non credo si possa scaricare. Peccato, mi sarebbe piaciuto averlo qui, nel salotto della mia seconda casa. :)

Painting: David Schnell, Thermik (cliccare sulla immagine per visualizzare l'opera completa )

 
 
 

Venghino signori venghino

Post n°286 pubblicato il 15 Agosto 2008 da daughterofthedesert

Il Silenzio
-Federico Garcia Lorca

Ascolta, figlio, il silenzio.
E' un silenzio ondulato,
un silenzio,
dove scivolano valli ed echi
e che piega le fronti

     al suolo. 

Il caldo della serata porta via sonno a chi lo sta cercando, fuori echi di fuochi di artificio per la notte di mezza estate, da basso voci di turisti che strepitando spendono il riposo dal lavoro qua, la patria del gran varietà. Mi appoggio alla ringhiera del balcone avvolta nel buio di un angolo dimenticato dalla luce gialla dei lampioni e ascolto un improvviso attimo di silenzio che si inghiotte la frenesia del tempo qui, ora.

E' quando si alza finalmente una folata di vento, dal mare: sarà quella che ha fatto zittire tutto quanto prima era canto, musica, parola e luce. Nessuno per strada,come il finale di otto e mezzo dopo l'allegra parata silenzio e buio.

Dura pochi minuti, poi il grande circo si riaccende, da grande incantatore.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

A J.A. e agli altri che leggo

Post n°285 pubblicato il 15 Agosto 2008 da daughterofthedesert
 
Tag: Dediche

 

"E di sicuro ci sarà tempo
Per il fumo giallo che scivola lungo la strada
Strofinando la schiena contro i vetri;
Ci sarà tempo, ci sarà tempo
Per prepararti una faccia per incontrare le facce che incontri;
Ci sarà tempo per uccidere e creare,
E tempo per tutte le opere e i giorni delle mani
Che sollevano e lasciano cadere una domanda sul tuo piatto;
Tempo per te e tempo per me,
E tempo anche per cento indecisioni,
E per cento visioni e revisioni,
Prima di prendere un tè col pane abbrustolito.. "

 Il canto d'amore di J.A. Prufrock. T.S.Eliot

Aspettiamo che torni, leggerti era bello.

[ dedicato a J.A. che ha chiuso il blog. E ai pochi che leggo o leggevo che meditano di farlo o lo hanno fatto già, un piccolo appello, perchè, se proprio devono, lascino almeno le parole già scritte per il viandante che si trova  a passare o per chi come me ama rileggere cose belle, così che possiamo continuare a goderne. Un appello contro l'egoismo dello scrittore. Un pò di rispetto per il lettore suvvia! Come ho già citato da Borges " Menino vanto altri delle pagine che hanno scritto. Il mio orgoglio sta in quelle che ho letto."]

:)

 

 
 
 

Mortensen: "Resta ancora viva per un pò."

Post n°284 pubblicato il 08 Agosto 2008 da daughterofthedesert

Pare che il vento oggi lanci staffilate di fuoco, ho la testa che gira e la nausea, direi di stare in Africa se non fossi certa si trattasse solo di suggestione da ennesima visione di "La mia Africa".

Chiudo imposte, lascio  spazio fra il dentro e il fuori, bevo un Martini bianco con più cubetti di ghiacchio che Martini.

Poi cena. Poi ultimo Cronenberg, ma per questo dovrò stanarmi.

 

 
 
 

La casa qual è?

Post n°283 pubblicato il 08 Agosto 2008 da daughterofthedesert

"Se no ti va bene come cose qui vanno torna casa tua!"  ha detto la signora delle pulizie al gestore del negozio sotto casa mia che si è lamentato per le gocce d'acqua cadute sulla vetrina mentre la suddetta lavava le tapparelle del secondo piano.

Rumena lei, cinese lui.

Quadretto di vita quotidiana nel mio quartiere, tranquillamente multietnico, in cui girano persone di molti colori e bimbi dagli occhi enormi e la pelle luccicante.

Lo spazio che hanno conquistato desiderano sia condiviso secondo regole di buon vicinato. Non lo fai? A casa!

Mi pare di averlo sentito già questo.

:)

 
 
 

Ok L. : I'll try hard

Post n°282 pubblicato il 31 Luglio 2008 da daughterofthedesert

"..Ora ho un contratto con gli angeli
e ti ritrovo di sicuro vita
in qualche mese d'agosto accecante
o in un tempo meno illuso
che vuoi tu." I. Fossati


Sono andata a un funerale. Era il padre di una alunna. Anni 51. Tralascio ogni commento sulla tragicità del momento e pure sulla predica, il cui ragionamento ho lasciato perdere dopo dieci minuti: mi sarei volentieri alzata per uscire non fosse stato per il rispetto di chi aveva diritto a silenzio e corpi fermi chiusi nella riflessione.

Lasciato il filo del discorso delirante ne ho preso uno che forse per qualcuno avrà altrettante caratteristiche di delirio, ma non mi importa. Ho pensato: se morissi io cosa mi spiacerebbe di più e cosa mi piacerebbe di più?

Mi spiacerebbe lasciare persone che si sentono bene quando mi stanno vicino, mi spiacerebbe sapere che piangerebbero, mi spiacerebbe non poter fare più le cose che amo, mi spiacerebbe se andassi a finire in un posto in cui me ne starei con le mani in mano a fare nulla per quella cosa terrificante che gli esperti chiamano eternità. Eternità, atterrisce. Spero che non esista davvero.

Dà il senso di qualcosa da cui non si ha la possibilità di tornare indietro mai più, che non ha in sè semi di possibilità di progressione, no way out, strada senza uscita, arrivi al fondo e non c'è orizzonte alcuno da scrutare più, nessuna meta da raggiungere, nulla da desiderare..

Una volta mi dipingevo così l'attimo della dipartita: volavo verso l'alto in mezzo alle nuvole fino a raggiungere un corridoio in cui in fila le persone che avevo incontrato nel mio cammino terreno rivedevano  gli attimi trascorsi insieme a me, ma dal mio punto di vista, pure eventuali torti commessi da me nei loro confronti. E immaginavo che per certe cose mi sarei sentita malissimo dovendo sostenere il loro sguardo di biasimo. Una sorta di necessità di catarsi alla Platone. Ho sempre sorriso nervosamente  quando combinavo marachelle a questa idea: prima o poi gli altri avrebbero "visto tutto". Mi preoccupava non poco, ma ciò non mi impediva di farne.

E ho sempre sperato che ci verrà donata la possibilità di rinascere, rimorire e rinascere ancora e ancora e ancora e ancora. E qui sì che la parola eternità può avere un senso.

Così che chi morirà tanto giovane rinascerà subito da altre parti dove ricominciare tutto daccapo ma con segni dei passati passati. Non sarebbe una cosa fantastica? Muoio per andare a vivere in un altrove in cui continuare a intrecciare fili spezzati, perduti. Un eterno viaggiare con bagaglio leggero, senza nemmeno dover pagare il biglietto. Una infinita costruzione di mondi nuovi.

E poi magari avere ad un certo punto la possiblità di poter scegliere se dire fine.

Ecco, questi i miei pensieri mentre F. piangeva e un sacerdote le diceva che il suo dolore sarebbe durato solo un poco, che presto sarebbe arrivato il momento in cui il pensiero della gioia che ora provava il padre morto la avrebbe consolata.

E non credo davvero pensasse per quel quieto gentile uomo a nessun corpo nuovo in cui rigenerare una vita tutta nuova, che forse sarebbe il solo vero motivo per cui gioire. Fra breve. Dopo la tua disperazione, F.

 
 
 

Post n°281 pubblicato il 27 Luglio 2008 da daughterofthedesert

Estate di malattie e morti intorno a me.

Lo voglio scrivere perchè, fosse possibile, non voglio dimenticarla mai.

Scrivo sussurrando, parlando a me sola, testimone inerme di ineluttabili destini.

Avessi tante braccia le avvolgerei tutte attorno a quelli che restano e attorno a quelli che mi guardano con gli occhi ormai spenti e attorno a me stessa per regalar loro e a me una corazza fatta della forza che viene dal senso di vicinanza e partecipazione e amore.

Ne ho due sole: il senso di impotenza fa un male intollerabile.

 
 
 

A Midsummer Afternoon's Lullaby

Post n°280 pubblicato il 22 Luglio 2008 da daughterofthedesert

 

Scorci di giorni di mezza estate, aria cristallina ma gelata, dopo la burrasca della notte: stamane ho dovuto mettere il golfino per andare ad innaffiare le piante sul terrazzo. Una festa per chi come me ha sempre ventagli di varie fogge e colori a portata di mano disseminati in tutte le borse.

Orrori dalle voci dei vari tg e mamma dice sempre che il peggio succede nei posti dove manca lo iodio: non conta farle presente che nonostante qui ne abbiamo a iosa,  non siamo certo in una amena località tranquilla.

Letture in corso: solo in questa stagione riesco a concedermi il lusso di sprofondarmi su letto, divano, brandina, e leggere quello che mi pare. Dopo "Canone inverso", trovato dallo stile encomiabile, ora sono immersa in "Otranto", un filo rosso lega i due romanzi e forse la mia estate.

 

Note di Schubert mi cullano.

 

 

 

 

Ps: osservare da fuori è dunque lo stesso che essere indifferenti?

 

 

 

 

 

 

 
 
 

Ad Ale

Post n°279 pubblicato il 02 Luglio 2008 da daughterofthedesert
 
Tag: Dediche

Sei bello alessandro, fuori e dentro, tua la vita.

Sei bello. Lo dicono gli occhi della tua chiara mentre tu parli disinvolto alla commissione, lo dicono gli occhi della prof esterna di diritto che hai stupito con effetti speciali un secondo fa.

Eroe romantico dai ricci neri come byron nel quadro che hai sul libro che guarda al di là del mare con il foulard al collo che vola e pensa. Pensi Alessandro alla vita che hai davanti, alla tua batteria e al quadro di Coubert su quel cartoncino che strapazzi fra le mani e ai tuoi secondo me e alla tua voce calma e al tuo oddio ho un vuoto e alla tua antica gentilezza e alla lettera alla tua mamma. Pensi e mi guardi senza parlare, basta una occhiata e capiamo già tutto io e te, dopo mille e passa mattine condivise.

Mi lasci una copia della tesina ale? sì prof, lo avevo pensato, ma poi credevo fosse troppo da ruffiano farlo prima. che scemo. però adesso le faccio la dedica. sì ale. fammela.

Pure io me ne faccio una: mille mille e poi mille ancora studenti come te nelle aule, che se non parton belli, belli così ci diventino.

 
 
 

Post N° 278

Post n°278 pubblicato il 02 Luglio 2008 da daughterofthedesert
 

CO1

COlored bubbles

COming out 

COsy space

COunts lots

COs me know

COs me feel

 
 
 

EYESWIDESHUT

Post n°277 pubblicato il 14 Giugno 2008 da daughterofthedesert

" How I long for a little ordinary human enthusiasm. Just enthusiasm - that's all I want to hear a warm, thrilling voice cry out Hallelujah! Hallelujah! I'm alive. I've an idea. Why don't we have a little game? let's pretend that we're human beings, and that we're actually alive. Just for a while." J.Osborne

Ciecità volontaria. Ciecità di fronte a segnali, frecce o sassolini o briciole di pane che indicano ehi tu guarda quello che cerchi è qui, vivi.

Mete da raggiungere, desideri da realizzare affollano i nostri pensieri, ne si fa filosofia, conta poco cercare di comprendere se già ci siamo dentro.

Fosse per un secondo, un'ora, un giorno, dieci anni.

Forse la meta la avevamo già intravista, ma non abbiamo voluto/saputo vederla, riconoscerla, chissà, troppo affacendati, o troppo sbadati o distratti da altro o troppo pretenziosi, o poco attenti o così desiderosi di viverla da non riuscire a vivere.

Camminiamo. Ogni tanto ci fermiamo a guardarci intorno, cerchiamo quadrifogli e sotto le dita ci pare di sentire solo piantine con tre foglie.

E sono stanca.

E vorrei per me per te per tutti un sano sapersi riconoscere e viversi e vivere.

 ...facciamo un gioco, facciamo finta di essere esseri umani e di essere davvero vivi, solo per un pò...

 
 
 

Post N° 276

Post n°276 pubblicato il 31 Maggio 2008 da daughterofthedesert

The man had killed the thing he loved,
And so he had to die.
 
Yet each man kills the thing he loves,
By each let this be heard,
Some do it with a bitter look,
Some with a flattering word,
The coward does it with a kiss,
The brave man with a sword!
 
Some kill their love when they are young,
And some when they are old;
Some strangle with the hands of Lust,
Some with the hands of God:
The kindest use a knife, because
The dead so soon grow cold.
 
Some love too little, some too long,
Some sell, and others buy;
Some do the deed with many tears,
Foe each man kills the thing he loves,
Yet each man does not die.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

WORDS ON MY SKIN

"Menino vanto altri delle pagine che hanno scritto.

Il mio orgoglio sta in quelle che ho letto."

Jorge Luis Borges
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

vampirossfrafinogeppobarbierimattaxtaxdennisclegspidervale.s08max_6_66margherita.carlottivr206ossimorastrong_passioncriaro62rugiada2010A_marathoneremozionisterili
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

TAG

 
Citazioni nei Blog Amici: 14