Creato da umbredemuri il 11/05/2014
facezie e dintorni

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 15
 

Ultime visite al Blog

cassetta2barbaramenteTHE_QUEEN_OF_SPADESamici.futuroierisiamoliberidigirareumbredemuriel86l.amata.immortalegibbonejTele_novelasanmicupramarittimail_tempo_che_verraossimoramarta.magi5
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« ****** »

***

Post n°137 pubblicato il 07 Novembre 2015 da umbredemuri

Ovviamente quella sera pioveva. Ero alla finestra al piano terra e davanti a me il cortile, sul pietrisco battevano le gocce impietosamente. Il mio sguardo era perso in mille pensieri lontani quanto un'assenza forzata. Il rumore delle ruote mi riportò alla realtà. Sei arrivata come promesso e ti vedevo dai vetri. Hai spento il motore ma non sei scesa, il capo reclinato in avanti portatore di indecisione e sofferenza. Sarà passata un'eternità; io in attesa; tu in attesa. Nulla di buono (pensò la pioggia..). Ti sei voltata a guardarmi, sapevi che ero lì e che non avrei fatto nulla. Lacrime ovunque dal cielo e mi pareva anche sul tuo viso. Sorridevi tristemente come sappiamo fare in quei casi in cui le circostanze ci sono maledettamente avverse. Sei tornata ai tuoi pensieri lasciandomi il tuo dolce profilo mistificato dalle intemperie. Voltai le spalle alla finestra mentre una terribile ferita mi si apriva ovunque. Chiusi gli occhi per nascondermi a tutto il mondo. Le eternità si succedevano assurdamente. Poi il rumore dello sportello mi disse che eri alla porta, ma la porta non si aprì così ebbi quelle certezze che poco prima erano solo malcelati dubbi. Ti aprii con le mani gelate dalla tristezza e guardai quei tuoi meravigliosi occhi neri. Mi posasti un bacio leggero sulle labbra e dopo miliardi di anni sussurrasti l'unica cosa che speravo non sentire mai.. no, non posso.. Rimasi sulla porta mentre la pioggia si impadroniva della mia anima e tu sublimavi. Un vuoto sconcertante mi pervase portandosi dietro un gelo inesorabile. Solo adesso ricordo le parole prima del fragore dello sportello.. ma sai che ti amo...
Ma qual'è quell'amore che separa? Quale quello che induce una tale violenza? Quello per le convenzioni? Per il quieto vivere? Quello che porta rispetto per gli altri soffocando il proprio ardore?
Tu non risponderai mai, così lo farò io.
Quell'amore è.. il nostro Amore.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/metanf0re/trackback.php?msg=13306441

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
barbaramente
barbaramente il 08/11/15 alle 01:54 via WEB
Quello che non ha sciolto i suoi "non posso" in un abbraccio?
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963