MONDE LIBRE

notizie varie dal mondo

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

 

GLI EVENTI 

Post n°15 pubblicato il 20 Ottobre 2008 da spartan.x
Foto di spartan.x

Sensazioni violentano il corpo, l'anima

Occhi osservano impotenti immagini di vita

Nulla potranno se non restare spettatori

Noi mediocri commedianti inappagati

Resteremo in attesa che il sipario si chiuda

Lurido cencio ,sull'inapplaudita farsa

(Poesie di Renè)

 
 
 

AMO       

Post n°14 pubblicato il 16 Ottobre 2008 da spartan.x
Foto di spartan.x

Ti amo che piccola parola

Così sola, quasi triste

Giammai potrà significare

L'eternità di un amore

( cortesemente cliccate l'immagine)                                          (Poesie di Renè)

 
 
 

LA FOTO  

Post n°13 pubblicato il 14 Ottobre 2008 da spartan.x
Foto di spartan.x

Sono oltre il confine

Fiutando l'aria

Come un felino in caccia

Cerco il tuo odore nel vento

Mi par di sentirlo

Ma è solo illusione

Guardo quel tuo ritratto

Da tempo, lo porto con me

Mi par di udir la tua voce

Ma è solo illusione

La mente, rivede il tuo corpo

Lo ambisce, lo vuole

Il mio desidera esser voluto

Bramato, amato

Ma è solo illusione

Le mosche mi ronzano in viso

Dei miei occhi, si cibano

Son giorni che giaccio

Su di un sasso riverso

Ora io per te

Son solo illusione

(Poesie di Renè)

 
 
 

L'ANDARE  

Post n°12 pubblicato il 10 Ottobre 2008 da spartan.x
Foto di spartan.x

Anni trascorsi, vita fuggita

Solchi sul corpo, nella mente

Ferma il tempo con un sorriso

Lascia, le rughe di questo

Si imprimano sul tuo viso

Soltanto così avrai, saprai, vivrai

Ciò che gli altri non vedono

(Poesie di Renè)

 
 
 

COPPIA BORGHESE   

Post n°11 pubblicato il 07 Ottobre 2008 da spartan.x
Foto di spartan.x

La definizione vecchio amore

Da sempre è errata

L'amore è fanciullo

Non matura

Non appassisce

Quando un amore

Diviene tenerezza, affetto

E' gravemente malato

Sta per morire

Rimarra' il caldo ricordo

Di una cocente passione

Il tempo trascorrendo

La renderà realtà idealizzata

Incomparabile ad altre

Immensa preziosa

Menzogna dell'animo

Cancro inarrestabile

Del nostro egoismo

(Poesie di Renè)

 
 
 

Post N° 10

Post n°10 pubblicato il 06 Ottobre 2008 da spartan.x
Foto di spartan.x

 
 
 

IL VIAGGIO  

Post n°9 pubblicato il 06 Ottobre 2008 da spartan.x

L'umanità frettolosa

Ci sfiora senza vederci

Eppure ognuno nasconde in se

Il medesimo desiderio

La voglia di essere

Per se stessi, per gli altri

Inconsapevole agonia

Troppo lunga per non comprendere

Troppo breve per essere compresa

Enorme grottesco privilegio

Di una specie

Incoronatasi pensante

(Poesie di Renè)

 
 
 

A VOLTE SI RITORNA

Post n°8 pubblicato il 01 Ottobre 2008 da spartan.x
Foto di spartan.x

La polvere ci mordeva la pelle, il freddo sembrava volerci mummificare, gli elicotteri andavano e venivano, era l'ora, la maledetta ora che sai quando giunge ma non sai se ritornerà a giungere. Ci sollevammo in un attimo, i ragazzi erano tesi, silenti, altri ostentavano sicurezza, ma il tono delle loro voci tradiva il terrore dell'ignoto. Le pale dei rotori ruotavano monotone quasi a volerci tranquillizzare. Erano troppi anni che mi occupavo di questo lavoro, nessun legame, troppe spiegazioni da dare, ad un'eventuale compagna. La solitudine era divenuta la mia migliore amica, mi induceva alla calma alla riflessione, ottima consigliera in ogni azione. Terminata la quale, stress,nervosismo, adrenalina, ti divorano corpo e mente, facendoti precocemente invecchiare. Togliendoti il sapore del vivere, donandoti la gelida certezza della morte. Eravamo in zona operativa. Giù, nel vuoto, per una fune, scomparire nel buio in un attimo, per non essere individuati. Le cinque squadre in contatto fra loro si organizzavano per l'attaco. In bocca sapore di ferro e polvere, questo è il sapore della paura. I muscoli  tesi,  fino a far male,pronti per l'azione. In pochi secondi attachiamo le sentinelle, entriamo nelle tende, granate accecanti, assordanti,fumogeni, raffiche di mitra, colpi singoli, urla lamenti, scompiglio. Ok ,gli ostaggi sono tutti salvi. Gli altri, alcuni, ci hanno lasciato le penne, due di noi feriti non gravi, difficile stabilire ,se colpiti da noi stessi ,o dagli altri ,in quel marasma. Caricati  sul velivolo gli ostaggi che ci ringraziano in stato confusionale, guardandoci attraverso i passamontagna che coprono i nostri volti, torniamo alla base. Ora i ragazzi anche se dolenti, feriti, si guardano, scherzano tra loro, battute, pesanti, si beve alcool, si fuma, l'adrenalina bolle nei nostri corpi per smaltire. I miei occhi si soffermano sul pacchetto di sigarette d'un ragazzo, nuoce gravemente alla salute, c'è scritto. Rido, forte, faccio notare ai miei collaboratori quel che ho letto, è un ridere generale, è l'allentarsi della tensione. Ricordo quando iniziammo con il nostro primo incarico, ci dissero, sarete ben pagati, lo fummo, dimenticarono di dirci che saremmo stati pagati per morire, per vivere nel buio, in solitudine. Unica soddisfazione ,salvare la vita di sfortunati che se rimanessero nel loro paese ,evitando questo modaiolo turismo di guerra, non andrebbero incontro a certe sgradevoli esperienze. In occidente, non vi rendete conto che qui una famiglia vive con 60 dollari al mese, pertanto rapire turisti ,è sfamare i propri figli e in altri casi finanziare la rivoluzione popolare. Per tentare di migliorare.

 
 
 

LA SIRENA DELL'ISOLA NERA ....continua 2^parte

Post n°7 pubblicato il 28 Settembre 2008 da spartan.x
Foto di spartan.x

Ormai la stanchezza stava avendo la meglio ,la lotta impari contro i flutti ,mi aveva fiaccato ,solo il sorriso della sirena ,mi spingeva verso la riva ,ma ogni volta che lei mi tendeva le sue braccia ,un onda si impossesava di me ,brandello di carne umana. Perchè proprio ora avrei  dovuto morire, ora che l'immagine di lei mi dava la forza di lottare, era finita, l'acqua iniziò ad entrarmi nei polmoni affogavo. La vidi, bella, agile, venire verso di me ,sorrisi era il buio ,il freddo ,la morte, mi lasciai scivolare verso il fondo, quando ecco un dolore fortissimo alla testa ,un bagliore ,di nuovo lei, follia dell'agonia,son morto. Incredibile storia di marinaio, pensai al risveglio, dolorante e ferito dappertutto, lei era li, su di me,mi accudiva. Una splendida fanciulla, dal colorito ambrato ,con i suoi occhi verdi come il mare all'alba, lineamenti gentili e perfetti come una statua del Canova, il suo corpo morbido e sinuoso ,si muoveva sfiorando il pavimento come volasse. Nefer era il suo nome. L'amai in quell'attimo. Iniziò il periodo migliore della mia vita ci svegliavamo nel nostro dammuso, guardavamo il mare tenendoci avvinghiati, quasi il timore di perderci. La notte lei per me danzava alla luna, cantando, volava leggera nell'aria ,nel mentre io la osservavo vivendo la nostra storia. Ci amavamo con passione ,senza ritegno alcuno, perquisendo ogni piega del nostro corpo, collezionando orgasmi e nuotando nel piacere che solo l'amarci ci donava. Da tanta bellezza nacque un bimbo meraviglioso. Ed ora io son qui, con mio nipote, scrivendo la storia di Nefer e Renè che si amarono per tutta la vita e continueranno a farlo nei raggi del sole. (Nefer ti amo Renè)

 
 
 

LA SIRENA DELL'ISOLA NERA....    1^   parte    

Post n°6 pubblicato il 28 Settembre 2008 da spartan.x
Foto di spartan.x

Anni ed anni trascorsi in mare ,avevano precocemente invecchiato la mia pelle, ma l'anima,sempre come un bambino, alla ricerca di miti tesori e avventure. Ecco l'ultimo imbarco, era finita, finalmente avrei potuto acquistare la mia piccola barca a vela. La osservavo eccola li ad attendermi, vecchia e ben tenuta, come me,il suo comandante. Il sogno si realizzava, ma era incompleto, mancava lei,la donna, compagna della mia vita.Molte ve ne erano state, di tutti i colori, a tutte le latitudini,ma nessuna che facesse scattare in me, il magico attimo della follia che si trasforma in amore.Finalmente tolsi gli ormeggi per veleggiare verso l'Africa, lo scafo solcava sicuro il mare la scia bianca gorgogliava contro il fasciame. Che pace li tra mare e cielo. Il sole pian piano scomparve all'orizzonte. Fissai il timone e decisi di riposare qualche ora. Mi assopii in un attimo. Sognai spiagge lontane. Fui svegliato da scrosci violenti, corsi sul ponte, pioveva, il vento piegava rischiosamente l'imbarcazione. Governai pericolosamente per ore gli strumenti in avaria, ecco l'alba per fortuna,in lontananza vidi una perla nera sorgere dalle onde della burrasca,diressi la prua verso di lei, era la salvezza. Mentre mi avvicinavo  non vidi degli scogli affioranti ma ne sentii la forza che scuarciava i fianchi dell'imbarcazione. In un attimo mi ritrovai a nuotare come un disperato verso terra, non ce la potevo fare, ateo da sempre, imprecai dei e demoni. Allorquando vidi, o mi sembrò di vedere una sirena sugli scogli che si sbracciava verso di me. Ero pazzo, non avevo ne bevuto, ne fumato niente di che, per gli dei la vedevo. Sicuramente deliravo, era follia o solo l'anticamera della morte. Nuotavo impotente, guardando quella figura che mi affascinava, mentre le onde mi trascinavano ovunque. Solo un pazzo romantico come me, poteva credere d'aver veduto la mitica sirena. Soltanto io,in un momento del genere,potevo sentirmene attratto,tanto da amarla. ....  continua

 
 
 

BAMBOLINA

Post n°5 pubblicato il 21 Settembre 2008 da spartan.x
Foto di spartan.x

Come sei carina,sei proprio bellina, che bei capelli, me lo ripetevano ovunque, osservando nello specchio,le  mie forme d'adolescente cominciai ad apprezzarmi. Era piacevole sentirsi così ammirata da tutti, gli inviti alle feste fioccavano, i ragazzi mi chiedevano appuntamenti. Ero felice che la natura mi avesse regalato il dono della bellezza. Un giorno, sola in casa, venni raggiunta dal marito di mia zia. Mi aveva portato in dono, un magnifico abitino di seta, lo indossai immediatamente,voleva vedere come mi stesse. Non appena davanti a lui per mostrarmi, in un attimo mi fu addosso, mise la mano sulla mia bocca per non farmi gridare, ero smarrita, semisoffocata, la stanza mi girava attorno. Fui messa prona sul tavolo della cucina, immobilizzata dal terrore e dal peso del corpo di quel maiale che mi schiacciava, non capivo nulla, ero terrorizzata, tremavo, piangevo, mi raccomandavo. In quel mentre sentii la sua mano fra le gambe strapparmi le culotte e un gran bruciore lacerante invase il mio ventre, durò tutto un attimo, lui mugugnò qualcosa, e si accasciò ansimante. Che schifo quel liquido caldo che colava sulle mie gambe. Mentre se ne andava disse:- Ora sei una donna. Non capii nulla, so soltanto che da allora non ho più voluto aver a che fare con gli uomini. Riesco a comunicare esclusivamente con il mondo femminile anche se per noi che abbiamo scelto di vivere così è tutto difficile, persino una passeggiata mano nella mano. Tutti ci osservano come bestie aliene, non comprendono, non vogliono forse.  Ma noi non disturbiamo nessuno. Chissà perchè ritengono più normale il bavoso che fa la mano morta sul bus. Siamo nel terzo millennio eppure è tutto così medievale. La Santa Inquisizione sembra ancora esistere ed operare anche se sotto mentite spoglie. Ma oramai noi donne, solo donne, siamo forti,unite e ci dovranno stare a sentire. Basta con le discriminazioni. Un saluto a tutte quelle persone che civilmente comprendono come una società si componga di molteplici sfumature e non di sole due categorie, o maschi, o femmine. Guardatevi dentro e non temete di riconoscervi. Siamo cio che siamo e non quello che decidono altri si debba essere.

 
 
 

PER UN LURIDO TOZZO DI PANE     parte 2^

Post n°4 pubblicato il 21 Settembre 2008 da spartan.x
Foto di spartan.x

Iniziai a vivere in un ambiente dove tutto è il contrario tutto, difficile adeguarsi, ma si sa per lavorare si è costretti ad accettare, tutto sommato era sufficiente dire signorsì sissignore ai superiori, farsi amare e rispettare dagli inferiori, evitare scontri diretti. Per me che avevo studiato le fonti del diritto sembrava tutto così ridicolo. Il tempo passava,giorno dopo giorno, in un monotono susseguirsi di piatta quotidianetà. Fino a quando ci ritrovammo in zona di guerra, missione, opportunità di guadagnare qualche soldo in più, finalmente. L'impatto con la realtà non fu dei migliori, non era come nei films, la popolazione ti odiava, ti sputava addosso, pur accettando,cure ed aiuti alimentari che offrivamo loro, ci offendevano in una lingua a noi incomprensibile. Ogni tanto ci trovavamo nei pressi di focolai di guerriglia, i colpi fischiavano, esplodevano, la paura ci bloccava, per poi farci correre alla ricerca di un riparo. Per la prima volta vidi strani proiettili che perforavano tutto come fosse burro. Scoprii più tardi trattarsi di uranio impoverito, innocuo mi dissero, credetti, come tutti gli altri, continuammo a lavorare. Due anni dopo la missione sopravvennero strani disturbi, dissero, leucemia, il mondo mi cadde addosso, eravamo in molti, nessuno ci volle riconoscere la causa di servizio. Come avvocato iniziai la battaglia per me ed i miei commilitoni, li vedevo morire, giovani, lavoratori disperati, sogni spezzati, vite distrutte. Qualcuno l'avrebbe dovuta pagare, ne ero convinto, fiducioso sostenitore della democrazia, della legge, dello stato. Non vidi accadere nulla, un muro di gomma, perdemmo persino l'impiego. Ora sono qui, vi scrivo consapevole di aver tutto errato, in attesa che sopravvenga la morte,a mettere fine a tante sofferenze, di gente che come me ha semplicemente cercato di procurarsi un lavoro.Giovani vite spezzate, giovani donne già vedove, bimbi senza padri. Non dimenticateci, abbiamo soltanto avuto la colpa di credere,di  poter esistere.

 
 
 

PER UN LURIDO TOZZO DI PANE    parte 1^

Post n°3 pubblicato il 20 Settembre 2008 da spartan.x
Foto di spartan.x

Iniziarono a dirmelo a 6 anni, studia, studia, lo feci, brillantemente mi diplomai, altrettanto mi laureai, giurisprudenza. Fiducioso, non avevo considerato le mie umili origini, non ero figlio o nipote di avvocati, notai, magistrati, pertanto irta la china, insuperabile l'ascesa. Dopo il periodo di praticantato, sfruttato a lavorare gratis nei tribunali per i prestigiosi studi legali associati, mi ritrovai pieno di entusiasmo, iscritto all'albo professionale, finalmente anche io avvocato, come risuonava importante per me il suono di quella parola, feci stampare i primi biglietti da visita della mia vita. Inutilmente distribuiti, esposti, regalati a faccendieri, nella speranza di poter iniziare la professione. Costretto a lavorare come istruttore ginnico nelle palestre per mantenermi, ma in quanto alla professione di avvocato nemmeno a parlarne a pagamento, gratis si, amici, conoscenti, mediocri studi professionali che dispensavano solo promesse nel tempo. Un giorno disperato gettai la spugna, mi arruolai, se non altro avrei potuto contare su uno stipendio, una regolare carriera, finalmente avrei potuto sposare la mia Michela e sommando insieme i nostri stipendi mettere su famiglia. Entrai in un mondo sconosciuto, folle, dove il buon senso resta fuori delle caserme.....continua

 
 
 

LA SICUREZZA DELLE DONNE

Post n°2 pubblicato il 20 Settembre 2008 da spartan.x
Foto di spartan.x

Uscita  dalla Metro per tornare a casa, dei passi si accodano ai nostri, il cuore inizia a battere più  veloce. Abbiamo voglia di voltarci,per vedere chi sia,ma il timore ce lo impedisce. Acceleriamo il passo e con esso il respiro, il cuore spinge nel petto, allunghiamo l'andatura. Dietro di noi sempre più vicini quei piedi avanzano. Vorremmo iniziare a correre, stringiamo la borsetta, ci guardiamo attorno, nessuno. Le auto ci sfiorano, sembrano non vederci, possibile non ci notino, o è solo menefreghismo.Sentiamo il sudore freddo affiorare, la paura si sta impadronendo di noi, dobbiamo controllarla, ma lei sta esplodendo. Vediamo in lontananza dei ragazzi speriamo di raggiungerli, ci fermeremo li, aumentiamo ancora l'andatura. Quando ecco al nostro fianco,il respiro dell' inseguitore ci sfiora, affannato, temiamo il peggio siamo irrigidite, richiamiamo a noi tutte le energie, per fare qualcosa, ma cosa. L'affannoso respiro ci supera, ormai stressate, con la coda dell'occhio scrutiamo lo sconosciuto, tranquillo lavoratore in sovrappeso, con un viso bonario, da padre di famiglia. Già ma neppure di questi ci si può più fidare, iniziamo a rilassarci, la tensione si allenta, siamo prossime al gruppo di ragazzi, sorridiamo, instupidite dalla tensione. Raggiungiamo casa, ci eravamo allarmate per niente, stiamo per aprire il cancello del giardino condominiale, quando il respiro non attraversa più la gola, ci stanno stringendo, forte. Accade tutto in un attimo, calci pugni schiaffi, gettata a terra vicino alla siepe il branco è sopra, a terra immobilizzata, abusano di me, non capisco, è incubo, realtà, confusione, panico, rabbia, inerme sotto la brutalità animale, svengo. Dolorante, a terra, osservo il cielo stellato, unico testimone, non c'è più nessuno, sono andati via, vorrei la terra mi ricoprisse, vergogna, smarrimento. Qualcuno parla, mi aiuta ad alzarmi, ricoprendomi con qualcosa, ho freddo, tremo dolorante. Arrivano le forze dell'ordine,domande martellanti, quanti erano, come parlavano, italiani, stranieri, come erano vestiti, alti, bassi,non so nulla non ricordo. Vengo invitata a recarmi in ospedale, sono affranta. Beh certo, signorina anche lei, con questa minigonna!? Mi interpella un anziano graduato, l'unica cosa che mi viene da dire è, vaffanculo. Sono trascorsi 7 anni dal fatto, ora sono una donna non più una fanciulla,ma porterò per sempre dentro di me, i segni di quell'atroce esperienza. Nel mentre nulla è cambiato,come la mia altre storie hanno imbrattato le notti e le vite delle donne. Si continua a parlare, parlare, emergenza sicurezza, rapine, furti di appartamento, scippi violenti, truffe ad anziani. Noi non giriamo con la scorta, non ci sono vigilantes nel nostro giardino, non andiamo in discoteca con il body guard. Noi,siamo gente comune che lavora, per sopravvivere, noi possiamo anche soffrire, ma non dobbiamo morire, perchè dobbiamo continuare a produrre benessere per le classi privilegiate.

 
 
 
« Precedenti
 
 
 

INFO


Un blog di: spartan.x
Data di creazione: 18/09/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fly.19superaronne26biancanotte2008timboraspartan.xpinnalibera0comelunadinonsolopolEly_sabettaperlina1972molto.personaleFubelli_Fubellibiristellacristina_70letizia_arcuriKuzunoha.K
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom