Creato da anchise.enzo il 30/01/2012

Mondo contadino

Civiltà contadina molisana

 

 

« Violenza inauditaex voto »

Nascere donna

Post n°84 pubblicato il 24 Marzo 2012 da anchise.enzo

 

Nascere donna nel mondo contadino era condanna sicura per dover affrontare  una
vita grama e piena di rinunce. Avere una figlia femmina era considerata quasi 
una condanna, infatti, quando ci si sposava si augurava agli sposi ”Auguri e
figli maschi”!

Appena messa da parte la bambola di pezza alle donne la sorte le affidava poi
da giovinetta molti compiti: fare il bucato, cucire o rattoppare i panni,
rassettare la casa, preparare il pane e i pasti, seppur frugali, accudire agli
animali domestici e all’orto di casa,  e, qualche volta contribuire anche ai
duri lavori dei campi con i genitori dove cantavano stornelli d’amore e
tradimenti. A loro veniva affidato il compito di accudire  ai fratelli minori.
Insomma, non stavano mai ferme. A loro era demandato il compito di attingere
con la tina presso il pozzo o alla fontana. Qualcuna gettava l’acqua della tina
per strada per  tornare alla fonte per rivedere l’uomo che la ammirava di
nascosto.

Quando giungeva il fidanzamento, spesso era imposto dai genitori per interessi
e non le era consentito ne’ parlargli né avvicinarlo. Se uscivano insieme
potevano farlo solo con la stretta vigilanza della mamma o di una sorella. L’
impegno economico più gravoso da parte dei genitori non era quello dello studio
che veniva reputato inutile per una donna che doveva solo pensare a “portare la
rima di casa” era  impegnativo, invece, farle la dote dei panni che avrebbe
portato a casa del marito. Un marito che a stento conosceva e che la usava come
una cosa chiamandola non per nome ma  “uagliò” .

Era spesso punita con botte e con epiteti irrepetibili. La loro femminilità
veniva esaltata con il taglio delle trecce portate da ragazza per passare al
“tuppe” capelli raccolti con una spilla, una camicetta ricamata con una
catenina o “birlocco”, un fazzoletto in testa e una gonna che scendeva fino ai
piedi.

Divenivano serve di tutti in famiglia, anche di suoceri o cognati che
vivevano sotto lo stesso tetto. Le prime ad alzarsi e le ultime a coricarsi.
Apparentemente fragili di natura, avevano forza d’animo, tenacia e spirito di
sopportazione. Erano sempre loro ad essere le custodi della pace familiare,
sopportando sempre tutto per il bene dei figli. 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/mondocontadino/trackback.php?msg=11177718

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

soloio232otticaveraldiPippo2020ilcastellodelprincipl.dantinoanchise.enzoAnnaTorocardilloesimioprolococastelbuonobrevini.matteosasochiarinesehelpimazzocco.maurizioevinpal
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom