Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

cassetta2g1b9mariateresa.savinoMARGO129lascrivanaelyravmonellaccio19Marielle10diego2020200licsi35pefratellicontinromybragsegreteria.segreteria.rigon59grazianatamgrazianatEmilianoRmgalzeranovigalzeranovincenzo.caporav
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« SPORT AZZARDATI E PERICOLOSICAMPIONI DEL MONDO...CAM... »

IMBARAZZANTE SITUAZIONE FEMMINILE...

Post n°4065 pubblicato il 13 Ottobre 2021 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Vi accennerò un caso che ho tratto da una lettera inviata alla redazione di una rivista. Una trentasettenne che chiamerò Maria, lavora da 12 anni in un'azienda con mansioni organizzative per eventi. Impegnata pienamente e con trasferte in giro per il mondo, ha sempre lavorato al meglio: non subendo alcuna alienazione da affetti personali, famiglia e figli, la nostra amica, molto affezionata al suo vorticoso lavoro che le prende pienamente la giornata, ha guadagnato nel tempo la stima dei suoi colleghi e dei suoi dirigenti, specie il suo diretto superiore che l'ha sempre gratificata esprimendole la sua piena fiducia per il suo operato. Quattro anni fa, Maria ha conosciuto un uomo, c'è stato feeling intenso tra i due e quindi hanno deciso di vivere insieme. Felicissimi entrambi, dopo due anni dalla loro unione, hanno messo al mondo un bambino. Una gioia indescrivibile, una famiglia che cresce, dona momenti di gioia e ovviamente, in ufficio, tutti contenti per l'evento. Tuttavia, al lavoro qualche problema per la donna c'è stato. Non avendo parenti da cui ricevere aiuti, le è rimasta una sola scelta: chiedere il  part-time che l'aiuterebbe a lavorare con il solito impegno e nel contempo, avere più tempo per badare al figlio e alla famiglia.  A Maria non le è stato rifiutato il part-time, ma per lei è cambiato il clima, l'atmosfera magica che aleggiava in azienda ora è scomparsa, i rapporti con i colleghi sono i soliti, ma la freddezza e il distacco lei li coglie e capisce che in fondo non v'è più il feeling che aleggiava prima dell'avvento del nascituro. Anche i dirigenti, subiscono il "cambiamento", ritengono di aver perso una "collaboratrice" che non sia più in grado di mantenere lo standard precedente e in più, una terribile frase colta senza volerlo ed espressa dal suo capo mentre chiacchierava con un collega, l'ha disorientata molto: "Era brava, peccato che poi abbia avuto un figlio". Questo il sunto della lettera molto intensa e sofferta, inviata da Maria in redazione. Secondo voi, avere un figlio ha da essere un impiccio? E' motivo di rendimento scarso al lavoro? Una donna che lavora cosa dovrebbe fare? Smettere di pensare alla famiglia e alla sua condizione di donna capace di lavorare e scegliere: o il lavoro o la famiglia? Insieme i due impegni...no?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog