Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

amici.futuroieriazzurricielomonellaccio19cassetta2alanjonesg1b9ReCassettaIIcuspides0aniram1959e_d_e_l_w_e_i_s_sburgoaEstelle_kSono44gattinfilax6.2icavallidirosselyrav
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« FATALI DISTRAZIONIVEDI NAPOLI E... »

SCUSI DOV'E' LA GUERRA?

Post n°4298 pubblicato il 15 Giugno 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

 

Durante il torneo femminile di tennis di Berlino, il primo scontro è tra due giovani donne: la russa Daria Kasatkina e l'ucraina Anhelina Kalinina. Il primo set è molto duro, se lo giocano bene entrambe e alla fine lo vince l'ucraina con una rimonta al tie-break. Partita interessante e da seguire, c'è imbarazzo tra le due tenniste e non possono fare a meno di volgere il pensiero alle loro nazioni in guerra e al conflitto molto duro che si trascina da oltre cento giorni. Iniziato il secondo set, la Kalinina dopo pochi minuti, si accascia sul prato verde per un irrigidimento del polpaccio: si tocca l'arto e piange per il dolore. Dopo un attimo di smarrimento e di esitazione, la collega russa Kasatkina si rende conto che sia un malanno serio e corre dalla rivale per aiutarla. Infatti è la prima a soccorrerla e dopo aver preso del ghiaccio, lo porge alla tennista ucraina perché lo metta sul polpaccio dolorante. Il pubblico presente all'incontro, a questo punto esplode in un applauso sentito e fragoroso. L'incontro è ripreso dopo alcuni minuti, ma evidentemente la Kalinina  non era più nelle normali condizioni e la tennista russa ha vinto l'incontro. Perché vi riporto questa breve notizia? Perché la guerra non è la scelta definitiva, non ci si batte per un sì o un no, non si mettono a repentaglio vite umane che in tutti gli altri contesti, anche se sportivamente si possa essere l'uno contro l'altro, gli uomini riescono a rispettarsi, a solidarizzare ad applaudire come abbia fatto il pubblico tedesco! Ne tengano conto tutti, senza partigianeria e senza essere di parte, sappiate che una guerra è lontana anni luce da tutti gli uomini di buona volontà e per quanto uomini coscienti, consapevoli e pronti a tutto, possano dimostrare nei confronti di chiunque anche di un "nemico" in guerra, pace  e solidarietà. La guerra è solo là geograficamente, mentre altrove russi e ucraini possono anche andare a braccetto o sedersi a un bar per bere qualcosa. Quien sabe?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog