Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 174
 

Ultime visite al Blog

monellaccio19g1b9lordashcassetta2diego2020200ReCassettaIIplacidi.paolamartellodgl13elyravspalmierosbabete62larosadeiventi2008danielebertucciniamici.futuroierisurfinia60
 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« DISCUTIBILI OPINIONILA BANDA BASSOTTI...DE NOANTRI »

TRA TERRA E CIELO...SOSPESO!

Post n°4335 pubblicato il 11 Agosto 2022 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

++

 

 

 

Non tutti i nostri cimiteri vivono pace e serenità come dovrebbe essere per un luogo destinato alla fine del viaggio di noi umani. E' deceduto un uomo di 51 anni per un cancro al colon: dolore per la compagna, preparazione per il funerale e Marco è...rimasto tra terra e cielo perché anche da morto, ha un problema che nessuno avrebbe mai sospettato. Marco pesava e ancora pesa...180 kg. Obeso cronico, aveva espresso la volontà di essere sepolto al fianco dei suoi genitori. Il primo problema nasce immediatamente con la scelta della cassa: non esistono pronte all'uso per contenere omaccioni così grandi e grossi. Secondo problema: i loculi del cimitero, dove avrebbe dovuto essere sepolto, sono tutti delle stesse dimensioni e previsti per bare standard. Beh a questo  punto non rimaneva altro alla compagna della sua vita: "Cremiamolo, è l'unica possibilità!". Più facile a dirsi che a farsi e qualcuno pare abbia risposto: "E come lo poniamo nel forno crematorio che è predisposto con un'apertura standard? Senza cassa, lo mettiamo così...senza riporlo degnamente?". Vabbè, allora ditelo che ce l'avete con lui: non è possibile fermarsi dinanzi a tante difficoltà. Siamo tutti uguali dinanzi alla morte e non sarà il peso o le dimensioni di una persona che potranno fermare l'iter procedurale di un funerale. Non esagero sostenendo che ci troviamo dinanzi a un caso discriminatorio e per niente previsto dalle regole e dalle leggi. Ora che si può fare per Marco? Lo si tiene fermo da qualche parte in attesa di una buona idea? Siamo bravi solo a parlare e giudicare: se vediamo una persona obesa, grassa oltre ogni limite, subito ammicchiamo e sorridiamo sotto i baffi. Sappiamo essere critici e borbottare contro chi non è uguale agli altri però, dinanzi alla morte di un obeso con gravi problemi di peso e di stazza, la soluzione non c'è: manco "A' Livella" di Totò saprebbe trovare la giusta soluzione che non sia razzista e discriminante.   

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog