Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Area personale

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

particlepargecominciatolascrivanamariateresa.savinoNuvola_volaciliegina1970xnohappybehappypignanesehalpertmonellaccio19giuseppepirozzi2013ambradistellewoodenship
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« SONO CAMBIATI GLI APPROCCINAVIGATOR...IL PERSONAL SHOPPER »

C'E' CHI ASPETTA E CHI NO...LUI NO!

Post n°3079 pubblicato il 06 Dicembre 2018 da monellaccio19
 

Risultati immagini per pensioni allegre

 

 

"Riforma delle Pensioni: dal prossimo anno andrà in pensione solamente chi ha capito come si fa". E con questo aforisma di Daniele Luttazzi, introduco l'argomento citando un caso "sui generis": Vittorio Sgarbi ha annunciato che dall'anno prossimo andrà in pensione con 50 anni di contributi! Detta e data così, la notizia sorprende e lascia disorientati coloro che ancora oggi, assaliti dai tanti interrogativi, sono a rimuginare come accedere, detenendo titoli e facoltà, alla tanto sospirata pensione. Ciò che più abbia irritato il lettore, è stata la spocchia, l'arroganza provocatoria del nostro critico d'arte: la scelta non è sua, lo mandano in pensione e con la solita faccia tosta che lo distingue, ammette: "Vado in pensione senza mai aver lavorato!". Credo che sia abbastanza chiara l'intenzione di sfottere, prendersi gioco dei tanti pensionati che sono in bilico e stanno ancora decidendo cosa fare aspettando, ancor più importante, cosa sortirà dalle leggi che entreranno in vigore. Sappiamo la confusione ancora in essere sulle decisioni da prendere: "Smonterò la Fornero pezzo per pezzo", ebbe a dire Salvini e da buon politico, sapeva bene come non sarebbe stato facile abbattere un meccanismo come la legge Fornero senza avere molte risorse e senza rimettere su il palinsesto della nuova disciplina. Sgarbi invece, ci andrà servendosi proprio della Fornero e per il meccanismo spietato e farraginoso delle leggi in vigore, ci andrà per motivi leciti, legittimi e senza rubare soldi, ossia, ci andrà con i nostri soldi a 66 anni, ma è la legge che lo stabilisce. Vittorio lavora sin da quando aveva 20 anni: supplente a scuola e insegnava latino, poi nel 1972 ha riscattato gli anni della laurea e un anno di perfezionamento; pertanto 45 anni di lavoro e cinque di abbuoni, siamo a cinquanta anni. Nel 1977 passa a ispettore dei Beni Culturali ma chi sa, sostiene che non stava mai in ufficio, poi nel 1985 chiede l'aspettativa e ancora oggi è là con la sua brava aspettativa aperta. Tutti i luoghi e i posti che doveva occupare per lavoro, non lo vedevano mai, sempre a spasso o a svolgere mansioni extra. Questa è la base del mito Sgarbi: mai lavorato veramente, ha fatto risparmiare soldi agli italiani e oggi può contare per legge sulla pensione. Per le sue evoluzioni professionali, è stato processato, condannato, ma il suo posto non l'ha mai mollato, e quando c'era bisogno, i certificati medici piovevano alla grande per giustificare le sue assenze. Oggi Sgarbi ricorda tutto ciò con il sorriso sulle labbra, ha sempre inchiodato le istituzioni facendo sega come a scuola e mai il critico d'arte "pregiudicato", si è scomposto più di tanto. Il resto è storia recente, sindaco in un paio di cittadine, molte esibizioni in tv, presente ovunque più del prezzemolo, onorevole alla camera grazie a Berlusconi, oggi sarebbe "la pietra dello scandalo", ma come ripeto, non è colpa sua, purtroppo la sua condizione socio/politica, lo ha sempre messo in regola e quindi può godere della sua brava pensione, magari al contrario di moltissimi altri che sono in attesa e non sanno ancora che pesci pigliare. Così è se vi pare, Pirandello docet, e un elemento cacciato ovunque fosse impiegato, oggi si permette di dire: "Vado in pensione senza mai aver lavorato". Io di tutta questa storia critico solo la sua protervia e la sua arroganza, mentre devo ammettere che le nostre leggi lo hanno favorito. Ben ci sta, e con il tanto auspicato cambiamento, non vedo luci in fondo al tunnel di questo paese strano e incapace di porre fine alle malefatte che si sono susseguite nel lungo tempo. C'è ancora molto da fare e non vedo le premesse necessarie per ben sperare. Chi vivrà vedrà!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/monellaccio19/trackback.php?msg=14032165

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
lascrivana
lascrivana il 06/12/18 alle 18:48 via WEB
Come al solito schiaffeggia beffeggiando chi lo segue; ma la politica lo ha fatto prima di lui. Buona sera Carlo
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 06/12/18 alle 19:13 via WEB
E tu che sogni la tua pensione chiedendoti come e quando!!!! Ciao Laura, buona serata.
(Rispondi)
 
 
 
lascrivana
lascrivana il 07/12/18 alle 12:14 via WEB
Io non sogno la pensione. Io a Dio chiedo di darmi la forza e la possibilità di continuare a fare quello che sto facendo. Mi piace la vita che ho scelto. MI piace commuovermi e gioire per le vittorie collettive. La pensione è un diritto che mi spetta ... quello che chiedo è una grazia per continuare serenamente il mio percorso ... un percorso fortunato direi, poiché mi ha dato la possibilità di conoscere persone come te. Il mondo è diventato ricco grazie alle menti geniali ... peccato la poilitica resetti qualsiasi cervello riportandolo allo stato brado. Bacioni
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/12/18 alle 16:17 via WEB
OK!!!! Sei sempre disarmante quando argomenti e devo riconoscere dentro di me, che infondo sei un persona senza grilli per la testa, moderata e semplice. Ti auguro di avere sempre quelle soddisfazioni a cui aspiri e raggiungere quei traguardi a cui fai riferimento. Buona salute sempre Laura.
(Rispondi)
 
prolocoserdiana
prolocoserdiana il 06/12/18 alle 20:04 via WEB
Ciao. Nessun medico è veramente esperto prima di aver ucciso uno o due pazienti, e Sal è sempre fra i vivi!!! Sul Blog le ultimissime notizie del pazzoide...Sebastian
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 06/12/18 alle 20:14 via WEB
Beh....allora capisco che sta molto....ma molto meglio! Questo non può che farmi felice. Grazie Sebastian, buona serata.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
ALDO il 06/12/18 alle 20:34 via WEB
Hai detto benissimo!!! Critico d’arte, deputato della Repubblica Italiana e sindaco di Sutri (piccolo comune della provincia laziale di Viterbo), Sgarbi è “finalmente” andato in pensione. Ci è andato dopo 50 anni di contributi versati come funzionario dei Beni Culturali ma, ciò che ha destato maggior scalpore, è che sono ben 33 anni – dal 1985 – che è in aspettativa. Ecco dunque che, quei contributi, sarebbero di fatto figurativi.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 06/12/18 alle 20:50 via WEB
Questa notizia di cui fornisci ampi dettagli a sottolineare il caso eccezionale capitato al Prof. Sgarbi, ritagliala e mettila sul tuo comodino affinché tu possa ricordare tutti i sacrifici fatti per giungere serenamente alla tua pensione.
(Rispondi)
 
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
ALDO il 06/12/18 alle 22:33 via WEB
ah ah ah ah ah io in 40 anni di scuola non ho mai chiesto un giorno di malattia. Perà sono solo un maestro elementare di altri tempi (sono un po' più vecchio di te) mentre lui è un onorevole professore, ecc... Non c'è paragone, non c'è gioco, non c'è partita....
(Rispondi)
 
 
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/12/18 alle 07:38 via WEB
La tua onestà, il tuo impegno e la tua rettitudine, hanno pagato in illo tempore! Oggi, al contrario, se non sballi e fai lo sbruffone, non sei nessuno, manco buono per la...pensione!!!!!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
ALDO il 06/12/18 alle 20:41 via WEB
....quindi a 66 anni, Vittorio Sgarbi va in pensione dopo una truffa ai danni dello Stato per assenteismo (Nel 1996,infatti, è stato condannato a 6 mesi e 10 giorni di reclusione per il reato di falso e truffa aggravata e continuata ai danni dello Stato, per produzione di documenti falsi e assenteismo nel periodo 1989-1990, mentre era dipendente del Ministero dei Beni culturali, con la qualifica di funzionario ai Beni artistici e culturali del Veneto, e al tempo della sua partecipazione al Maurizio Costanzo Show. Condannato a pagare un indennizzo di 700.000 lire, il critico d'arte si giustificò affermando che la sua assenza dall'ufficio dipendeva dall'impegno per la redazione d'un catalogo d'arte, e parlando di "arbitrio, discrezionalità e follia" a proposito della sentenza. All'inizio del 2016 Vittorio Sgarbi è stato riammesso in servizio nei ruoli della Soprintendenza di Venezia grazie al pronunciamento della sezione lavoro del Tribunale di Venezia (Presidente dottor Luigi Perina
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 06/12/18 alle 20:52 via WEB
Nella vita si nasce fortunati: lui lo... nacque!!!!!!! Unto dal Signore, volgesse lo sguardo al cielo e ammettesse che culo abbia avuto il...pregiudicato Vittorio!
(Rispondi)
 
ambradistelle
ambradistelle il 07/12/18 alle 09:09 via WEB
Secoli fa mi piaceva, mi piaceva la sua arroganza, il suo essere fuori dal comune, ora lo trovo stupido,e il solo sentirlo mi da fastidio! Non dico nulla riguardo alla pensione perchè se no mi bannano...Buon venerdì Carlo! Smackkkkkkkk
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/12/18 alle 09:52 via WEB
Se fa il critico d'arte e parla solo di quella che è il suo alto grado di cultura, per me va benissimo. Tutto il resto......affan'cucolo!!!! Ti abbraccio Tina, un bacione
(Rispondi)
 
gabbiano642014
gabbiano642014 il 07/12/18 alle 13:39 via WEB
Nelle arti figurative,ammiro la sua conoscenza negli studi.Lo ritengo un esemplare ospite di mostre nel suo ruolo da protagonista,ma purtroppo manifesta alcune "lacune amministrative".Ma al "Colle" pensate sia diversa la situazione presenze?
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/12/18 alle 16:19 via WEB
Fosse sempre critico e intenditore d'arte, storico e profondo nella sua cultura, mi andrebbe sempre bene. Ahimè resta sempre personaggio che spesso provoca e "innervisce".
(Rispondi)
 
gabbiano642014
gabbiano642014 il 07/12/18 alle 13:42 via WEB
Queste "ferite dell'arte" si possono risanare,basta cambiare il meccanismo a monte...Vedremo..
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/12/18 alle 16:20 via WEB
Per cambiare a monte, ci vuole la mano di Dio! Ormai funziona così da tempo, un sistema tanto radicato che estirparlo sarà lavoro ciclopico.
(Rispondi)
 
gabbiano642014
gabbiano642014 il 07/12/18 alle 13:42 via WEB
Una buona giornata Mon..
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/12/18 alle 16:21 via WEB
Buona sera e felice, lungo w.e. cara Patty.
(Rispondi)
 
molto.personale
molto.personale il 07/12/18 alle 16:04 via WEB
Dolcissima festa dell'Immacolata per domani e splendido weekend..un abbraccio dal cuore..Grazia
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/12/18 alle 16:22 via WEB
Goditi questo lungo w.e. cara Grazia.
(Rispondi)
 
fataeli_2010
fataeli_2010 il 07/12/18 alle 16:21 via WEB
buona festa dell'immacolata Carlo....Un abbraccio a te :)
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/12/18 alle 16:22 via WEB
Fai un lungo e sereno fine settimana cara Ely. Bacione.
(Rispondi)
 
nina.monamour
nina.monamour il 07/12/18 alle 18:17 via WEB
Lo invitano tutti, salotti televisivi, giornali, trasmissioni radio, dicono che fa alzare l'audience, non potendo fare alzare altro, "boccuccia mia statte zitta". Se lo contendono a destra e a manca e quelli che dirigono trasmissioni tv, lo fanno senza un filo di vergogna. E' scambiato per intellettuale, ma visto che bivacca tutti i giorni in tv, dove lo trova il tempo per studiare? A questo punto di pensioni ne merita due, la seconda per il dono dell'ubiquità mediatica. E' un ottimo storico dell'arte, non è poco ma è tutto, per il resto è un buffone nevrotico con manie di protagonismo che ha fatto fortuna, sul piano mediatico, per aver insultato, in modo pittoresco, mezzo mondo. Passa una buona serata Carlé.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 07/12/18 alle 18:29 via WEB
Bella foto gli hai scattato Nina, un primo piano che mette in luce tutte le sue manie, le sue debolezze e le sue rutilanti comparsate in Tv. Beato lui, giustificherei un neo pensionato o un prossimo pensionato che lo invidiassero. In fondo non è lui da invidiare ma il "sistema" che lo premia come premia altri unti come lui!!!! Trascorri un sereno w.e Nina.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.