Creato da un_uomo_della_folla il 09/10/2012

Memorie

di me in me

 

ventitrè luglio 19

Post n°106 pubblicato il 23 Luglio 2019 da un_uomo_della_folla

se avessi la percezione della distanza tra noi e la galassia di Andromeda o la nebulosa di Orione mi sbarazzerei di ogni telescopio o binocolo, per fortuna le vedo soltanto un po' più lontane del mio braccio proteso, tutto qui. questione di centimetri. la distanza che detesto, che amplifica i pensieri come le chiese con la musica,  rendendo cupe tutte le note, anche quelle che cupe non vogliono sembrare. note che scivolano via alla velocità della luce.

perchè da piccolo la febbre produceva incubi, e il peggiore era osservare matido di terrore il soffitto della stanza allontanarsi da me, per poi accorgermi che la mia stessa pelle si allontanava insieme alle pareti della stanza. mi espandevo in ogni direzione e  l'orrore di perdere il controllo e smembrarmi riempiva lo spazio vuoto che restava. è quasi ripeto quasi affascinante notare come anche oggi che gli incubi sono solo minuscoli insignificanti ricordi, lontani nel tempo e nello spazio, anche ora...

sentire ancora oggi la mascella leggermente serrarsi, contrarsi in un spasmo di leggera paura. affascinante sì, dentro di me non si muore, si resuscita al momento opportuno. o meno opportuno. distanze che io non so azzerare per pigrizia o per codardia. o forse perchè è sempre un po' troppo tardi. teneramente illudendomi che certe distanze in fondo servano a proteggere me e la mia vita fatta di comode certezze, quando invece questo immobilismo mi distrugge come l'espandersi insiema alla stanza da letto. e mia madre non c'era allora come nessuno è con me ora. a fermare le pareti di questa fottuta stanza

non saprò mai se quell'incubo era ed è la soluzione ultima per raggiungere tutto e tutti

 

 

 
 
 

ventidue luglio 19

Post n°105 pubblicato il 22 Luglio 2019 da un_uomo_della_folla

ho dimenticato cosa vuol dire sfiorare il corpo di una donna, tutte le volte che la vita quasi per errore, come una specia di malattia, si ricorda della mia piccola silenziosa esisteza, mi emoziono. non perdo mai occasione di emozionarmi, perchè non debba mai pentirmi di averlo fatto quando il tempo sarà scaduto.

seguo il volo di una farfalla bianca

 

 

 
 
 

ventuno luglio 19

Post n°104 pubblicato il 21 Luglio 2019 da un_uomo_della_folla

nelle favole lasci molliche di pane per ritrovare la strada e non perderti.  io voglio perdermi e non ritrovarmi più. così lascio pezzi di me per strada, lascio persone mai conosciute per strada, ricordi, sangue, lacrime, canzoni dell'infanzia.  per non ritrovarmi ancora me.

sognando un universo parallelo dove le cose siano andate diversamente da queste. mi hanno illuso affermando con matematica certezza  che questa cosa è possibile, che in un universo infinito ci sono infinte possibilità, e infinite possibilità significano che da qualche parte, anni luce a distanza da qui, sono semplicemente felice. Che tutto è andato esattamente come avevamo sognato.

basta cercare nelle galassie che puntellano il cielo notturno, cercare un me che sorride. non dovrebbe essere troppo difficile da trovare, dato che tutti gli altri non lo fanno.

infiniti universi paralleli, da qualche parte mi sono innamorato e lei mi ama. non ho segni di punture sulle braccia e sul cuore, no, non spine, fili d'erba, steli di fiore. petali non spine. rugiada non lacrime.

sono in cammino, sbuffi di nuvole bianche mi fanno da soffitto, e senza la luce del sole ho il buoi dentro. sono tornato perchè le parole sono le uniche che non mi abbandonano mai

 

p.s foto mie come i pensieri e le parole. non ho miti da copiare o clonare.

 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

donadam68un_uomo_della_folladaunfioreBellesHeuresbluiceeeEasyTouchsoltanto_sergioNoRiKo564arienpassantFanny_Wilmotalf.cosmosditantestelleIlbacioneroSignorina_Golightly
 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 52
Prov: RM