Creato da oscarzeri il 07/10/2009
Idee per Zeri.

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Ultime visite al Blog

mario.maffei1975paolettigeommassimo.micionicormedsasmax_6_66d.ollubopopinosilvereugenia1820oscarzeriluigipam45strong_passionSky_Eaglepiccolacris3
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Auguri e commenti all'i...Una bruciatura che non guarisce »

Alcune riflessioni e notizie portate in visione ai cittadini

Post n°278 pubblicato il 16 Gennaio 2011 da oscarzeri

 

 

ZERI, COSE CHE SI POSSONO CHIARIRE E SI CHIARISCONO, COSE CHE NON SI CHIARISCONO, E POI, PARLIAMO ANCHE DI “EOLICO”, DEGLI AMICI E SPONSOR MAFIOSI DELLA FERA Srl, ARRESTATI E CONDANNATI IN QUANTO COMPONENTI DI COSA NOSTRA

 

- 1) Una vicenda che diventa più chiara e definita è legata allo Zum Zeri, già oggetto del precedente commento, nulla da smentire, ma anzi da aggiungere per una maggiore e migliore comprensione di quanto sta avvenendo, e come dovrebbe essere, “dare a Cesare quel che é di Cesare”, il problema ricorderete, era legato al mancato pagamento del canone di concessione (impianti), anno 2010, la causa riportata era da addebitarsi, con il beneficio d'inventario, al mantenimento di una copertura in eternit, voi direte è normale, visto i tempi che corrono, vi è la NON osservanza da parte di uno dei due contraenti del contratto di concessione, cioé di quanto sottoscritto ufficialmente nell'affido dei beni, ma purtroppo la NON osservanza degli impegni presi, oltre i cavilli ed i distinguo, anche un profano la andrebbe ad individuare nell'affidatario, cioè nell'amministrazione comunale, questa ha preso degli impegni, sottoscritti e a quanto sembra, NON rispettati, la sua competenza, quella dell'amm.ne comunale. Nel bando di gara e nel contratto stipulato, viene tecnicamente nominata “manutenzione straordinaria”, cioè, i beni che io ti do, e per cui tu mi dai un canone, oltre allo stato di fatto che tu hai visto, te li consegno funzionanti e liberi da vizi e pregiudizi, così NON è, si spendono denari pubblici ( fra manutenzioni, interventi t1mpone e varie ed eventuali, si arriva a quasi 250.000 euro) e NON si raggiunge un risultato di minima sufficienza; NON avendo la piena funzionalità, non si ottiene una piena operatività e fruibilità del sito, con conseguente diminuzione di offerta turistica e decurtazione degli introiti, questa amministrazione NON finirà mai di stupirci, un solo esempio, sono stati spesi quasi 80.000 euro per un “gatto!”, logica a nostro parere sarebbe stata quella di spendere eventualmente questo “tesoretto”, nella manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti, elettrico, pompaggio e neve artificiale, etc.., senza dimenticarsi che entro il 17 Aprile 2011, il Cippo 15, per legge dovrà essere smantellato, NON fermato, smantellato.

 

2) Il macello mobile, oggetto di polemiche e discussioni, oltre che di incomprensioni e interpretazioni non sempre benevole, ha usufruito di un finanziamento pubblico abbastanza cospicuo, il modulo “macello”, a quanto ci risulta è ancora inutilizzato nonostante l'interessamento del Consorzio di tutela, vi erano sicuramente delle scadenze da rispettare, dei protocolli firmati e controfirmati, delle assunzioni di responsabilità da onorare, l'amministrazione comunale, NON ha niente da dire, continuiamo a far finta di niente, ok. Ma i soldi sono pubblici o privati, siamo in tempo di vacche grasse solo a Zeri?.

 

3) EOLICO

Abbiamo notato un insieme di fogli, stampati con la dicitura “Comitato cittadino”, in cui si richiedono le firme per la creazione del parco EOLICO “Vento di Zeri” a Zeri (sul Monte Colombo), un Comitato misterioso si fa promotore di una iniziativa, perlomeno “DUBBIA”, in cui si elogia in modo quasi sperticato, entusiastico, la società FERA, sembra quasi che sia stata la stessa società che ha redatto la premessa della ricerca firme,nella premessa, appunto, si certifica che la società FERA è affidabile e che fino ad ora ha agito in piena sinergia con il Comune di Zeri.

Poiché NON si capisce chi vi è dietro a questa iniziativa, qualcuno parla di un ex assessore, qualcuno parla di più soggetti, tutti ex per capirci, e poiché il settore delle energie alternative ed in particolare dell'EOLICO muove tanto denaro, NON sempre regolare e pulito, (mazzette, corrotti e corruttori) e coinvolge gli interessi più vari che vanno dagli affaristi, agli amministratori pubblici, ai loro ex, ai tecnici dei vari enti pubblici per finire ai politici ed alla criminalità organizzata, forse per chi é intenzionato a firmare la richiesta di supporto del “Comitato Cittadino” a favore del parco Eolico “Vento di Zeri” progettato dalla società FERA, è interessante continuare a leggere e sapere che:

Eolico, gli amici e sponsor mafiosi della FERA srl condannati”

-Dal comunicato stampa della Squadra Mobile della Questura di Trapani Sezione Criminalità Organizzata e dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Trapani-Reparto Operativo-Nucleo Investigativo-

Comunicato Stampa

Operazione Antimafia EOLO

Nella mattinata di oggi (17.02.2009), Militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Trapani e Agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile di Trapani, al termine di complesse indagini sulle dinamiche politiche e imprenditoriali concernente la realizzazione di “parchi eolici” in Sicilia, hanno eseguito 8 Ordinanze di custodia cautelare, emesse dal GIP di Palermo (Dr.ssa A.Consiglio) su richiesta della Procura Antimafia (P.M. Cartosio-P..Padova), nei confronti di:

-Agate Giovan Battista, pluripregiudicato mafioso, fratello del più noto Agate Mariano;

-Aquara Antonio – imprenditore;

-Campana Baldassarre, Dipendente Comune di Mazara del Vallo;

-Cuttone Antonino, imprenditore e gestore della calcestruzzi Mazara;

-Franzinelli Luigi, imprenditore di Trento;

-Martino Vito, imprenditore, già assessore e consigliere comunale di forza italia;

-Saladino Melchiorre, imprenditore;

-Sucameli Giuseppe, architetto del Comune di Mazara del Vallo, in atto detenuto per associazione mafiosa.

Il blitz è scattato all'alba ed ha visto impegnati oltre cento agenti di Polizia e Carabinieri, gli arrestati a vario titolo sono ritenuti responsabili dei seguenti reati:

-reato di cui all'art.416/bis c 1,3,4 e 6 C.P., per avere consentito all'associazione mafiosa denominata “Cosa Nostra”, e in particolare alla famiglia mafiosa di Mazara del Vallo il controllo di attività economiche, di autorizzazioni, appalti e servizi pubblici nel settore della produzione di energia elettrica mediante impianti eolici nonché allo scambio di voti politico-mafiosi;

più tutta un'altra innumerevole serie di accuse ed imputazioni.

Il comunicato stampa dell'operazione EOLO continua ancora a lungo, secondo il nostro parere, questo è più che sufficiente, se poi qualcuno necessita di maggiori dettagli, contattare Oscar e sarà esaudito.

Morale della vicenda

-gli amici e sponsor della FERA, tutti condannati per MAFIA (9 MARZO 2009-33 ANNI COMPLESSIVI DI CARCERE), in particolare, l'architetto Giuseppe Sucumeli, ex architetto del comune di Mazara del Vallo, condannato a 8 anni e 4 mesi per associazione mafiosa alla fine dell'inchiesta sull'eolico, della procura antimafia di Palermo, dice in una intercettazione riferendosi alla FERA, “ quell'azienda é cosa nostra”.

 

Nessun commento, solo sarebbe meglio vederci chiaro, che interessi sono in gioco, vi è qualcuno che furbescamente ci vuole guadagnare senza apparire?, e perchè ora questa richiesta di firme? E smettiamola con la favoletta che ci guadagna il comune ed i cittadini, ci vogliono dei numeri, quelli che sono indicati dal comune e dal “Comitato” sono le briciole che si danno ai passerotti affamati, servono numeri confrontabili con altre realtà e innanzitutto sapere chi c'é dietro i numeri.

 

p. SEL-Zeri

O.B.

 

Zeri lì, Gennaio 2011.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/oscarzeri/trackback.php?msg=9767467

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963