Blog
Un blog creato da tombeurdefemme2010 il 20/10/2010

poesiaeparole

viaggiare con le parole

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 18
 

 

 

 

« Il dono del cervoun gabbiano che si sente... »

La notte

Post n°486 pubblicato il 02 Aprile 2022 da tombeurdefemme2010

 

Fuori fa freddo e tira un vento fortissimo

che mi porta via come queste foglie e cartacce di una strada in discesa.

C’è una donna seduta sul bordo del marciapiede

che si copre il viso con le mani,

ha con sé un ombrello a scacchi

come per ripararsi dalle insidie che in agguato affollano la mente.

La guardo, intanto chiude gli occhi e li tiene stretti,

il rossetto è sbiadito

e il trucco della matita lascia tanti rivoli neri.

Ed io che mi chiedo come mai?

Ed io che mi chiedo perché proprio lei?

Per quale strano motivo il destino ha voluto che la incontrassi?

E resto lì come uno scemo senza dire parole,

perché ho paura, perché non si sa mai cosa potrebbe succedere.

Perché non so chi sia lei, o forse sì, ma non voglio crederci.

Mi sento smarrito, non ricordo dove ho lasciato la macchina

ne come sono capitato in questo buco di mondo.

Intanto sta piovendo, ma io non ho riparo,

poi guardo quella donna e mi faccio tenerezza,

pensando che anch’io ho perso il treno per una notte,

ho perso le ali per tante volte

quando i giorni passano

e le ore si dividono in serate che t’illudono

e si moltiplicano in sogni

che restano dentro il letto,

portandosi appresso insoddisfazioni

e quel atavico senso d’incompiuto.

Mi rassicuro e mi convinco,

ma intanto la pioggia cade ancora più fitta

e sta bagnando un’altra notte,

e spegne decisa un desiderio,

di quest’ombra che non sa chi sia,

ne cosa vorrebbe essere.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/poesieeparole/trackback.php?msg=16197862

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
acquasalata111
acquasalata111 il 03/04/22 alle 09:32 via WEB
Spesso non c'è un perché razionale al pianto di una donna. Una donna quando piange ha spesso il bisogno di liberarsi del fardello che non può più portare sulle spalle. Un fardello antico, reminiscenze passate, vincoli insormontabili e la incapacità di accettare benevolmente il proprio destino. Spesso nel pianto di una donna non c'è niente di razionale. Si tratta semplicemente di ritrovare se stessa dopo aver versato lacrime liberatorie. Dopo ci si sente pronte a volare di nuovo. Un caro saluto.
 
 
tombeurdefemme2010
tombeurdefemme2010 il 07/04/22 alle 11:15 via WEB
Grazie del commento. Nella nostra società piangere viene ancora spesso considerato un segno di debolezza. Ma non è così. In realtà bisogna essere coraggiosi per lasciare che le nostre preoccupazioni scivolino via insieme alle lacrime...In realtà piangere è il modo più efficace per buttare fuori le emozioni forti, la tensione, persino la gioia e la commozione.Un caro saluto a te.
 
   
acquasalata111
acquasalata111 il 07/04/22 alle 18:48 via WEB
Sì hai ragione!! Un sorriso.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

AREA PERSONALE

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom