Creato da dott.nippur il 15/09/2010
Il blog del malcontento democratico

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Ultime visite al Blog

ITALIANOinATTESAgiovanni.artioliVittorio_The_Dreamerchopin83cE03mara_dolcemaraenrico505Elemento.Scostanteclaudio2012sdott.nippurCosimino1968mrjnkslacey_munrofrancesca632velodicristallo
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Ridere o piangere?Doppiopesismo di Sinistra »

I risultati (a caldo)

Post n°366 pubblicato il 01 Giugno 2015 da Cosimino1968

Ieri Bersani pregustava i risultati elettorali ed annunciava che, prima o poi, il "Loro" PD sarebbe tornato ... e così è stato: in Liguria, grazie a Sergio Cofferati che, dopo le primarie (in cui è stato sconfitto) ha salutato tutti ed appoggiato un candidato alternativo a quello del suo Partito, il PD ha perso la guida della Regione.

Alzi la mano chi ha mai visto, negli USA, un candidato Democratico alle primarie che, dopo una sconfitta, appoggia un Repubblicano ...

Chiaro che è facile e sbagliato dare la colpa agli altri per le proprie sconfitte; in Liguria il PD ha perso soprattutto per la pessima gestione e per tutti gli scandali dove è stato immancabilmente coinvolto.

In ogni caso direi che, a parte il risultato dei M5S, molto buono nonostante il nulla fatto a Roma, queste sono le elezioni meno sorprendenti degli ultimi 20 anni: il Veneto ai Leghisti, la scomparsa del PDL-FI (in parte riempita dall'uomo che passava di lì per caso, Matteo Salvini), astensionismo in continua e costante crescita, un pizzico di autolesionismo di Sinistra.

Se il risultato italiano si confrontasse con quello Europeo, dove i partiti di Governo vengono sonoramente bastonati, Renzi (che sta iniziando a pestare parecchi calli) potrebbe di che gioire; forse l'aspetto più preoccupante è la sostanziale scomparsa del suo principale alleato di governo, l'NCD che potrebbe disfarsi ma per andare dove? Un Alfaniano che va da Salvini non lo vedo e la situazione di FI è troppo confusa per essere un'alternativa.

Probabilmente Alfano resterà in attesa degli eventi (o della fine) e Renzi continuerà per la sua strada.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/poverademocrazia/trackback.php?msg=13215835

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Nessun Commento