Creato da gonzalo74 il 23/04/2006
Spazio di riflessione e cultura contro i nuovi e vecchi fascismi

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

Ultime visite al Blog

INKAZZATA92giancakkkletizia.marascounamamma1bellastronza90homosapiens78lorteyuwlottershtoorresasterminatore1986LallaBesonofortunatasfegatata.comunistanpafriulivg
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« CANI SCIOLTI O COMPAGNI ...Socialismo: abuso di un termine »

25 APRILE: LIBERAZIONE E NON PASQUETTA BIS

Post n°3 pubblicato il 24 Aprile 2006 da gonzalo74
Foto di gonzalo74

Una tecnica ormai testata dei padroni e dei loro intellettualoidi leccaculo è quella di far perdere significato alle giornate della memoria, rifunzionalizzandole, quindi attribuendo un significato più banale e meno pericoloso per i loro interessi.

Tutti noi abbiamo, ad esempio, assistito alla commercializzazione della figura del comandande Ernesto Guevara della Serna: nell'immaginario pubblico si è persa l'immagine del rivoluzionario di professione che combatteva con il cuore e con il fucile ed è stato trasformato in un logo per magliettine e gadget.

Il 25 Aprile ha avuto, per nostra sfortuna, la sorte di cadere a ridosso della Pasqua ed in un periodo dell'anno in cui il sole più caldo e il cielo più azzurro attraggono i fans delle veline e dei calciatori in corsa per avere in anticipo l'abbronzatura che fa tanto chic e tanto trend. Si assiste ad orde di ragazze in top e ragazzi più o meno palestrati con i capelli sfilacciati, inebetiti dai modelli di bellezza mass-mediatici, che si accalcano nelle località balneari senza la consapevolezza che le loro libertà, i loro diritti sono il risultanto del sangue partigiano e popolare.

Il simbolo che meglio esprime il significato del 25 Aprile è Piazzale Loreto, l'immagine della rabbia popolare che dopo almeno due decenni di oppressione e persecuzione si libera i una violenza di reazione, quindi non fine a se stessa, soltanto come reazione alla violenza subìta. Pochi sanno che Piazzale Loreto non fu scelto a caso per l'esposizione dei cadaveri degli aguzzini, in quel piazzale i nazi-fascisti gettavano i cadaveri delle famiglie innocenti dei partigiani, uccise per ritorsione.

Questo era il periodo detto dei "cadaveri in piazza".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog