Creato da: meninasallospecchio il 28/04/2012
un concept blog (non so che voglia dire, ma mi sembra figo)

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

ognirespiro0QuartoProvvisorioLady_SeleKtaoznerol1971LSDtriperic65vletizia_arcuricassetta2lord_of_borderpasreory.leverattomoon_Igrafobiancosaturno.leoMc_Gill
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 44
 

 

 
« La conclusioneNuovi generi letterari »

Lucy e l’arciere di Machiavelli

Post n°500 pubblicato il 21 Febbraio 2016 da meninasallospecchio

Parliamoci chiaro. La questione della step child adoption era stata messa lì dall’inizio per fare una trattativa con Alfano. Continuiamo a parlare chiaro. Non esiste nessuna questione di principio su questa norma del tutto marginale. Stiamo parlando di bambini che già esistono e che già vivono con due genitori dello stesso sesso: si tratta semplicemente di riconoscere i loro diritti a vivere come bambini normali. E cioè che entrambi quegli adulti che per loro sono genitori possano prenderli a scuola, assisterli in ospedale e anche pagare gli alimenti se la coppia si divide. Di che cosa stiamo parlando?

Chi contesta questa norma in realtà la usa strumentalmente per disconoscere i diritti degli omosessuali tout-court e di fatto per imporci una visione delle norme di legge nel migliore dei casi confessionale, nel peggiore decisamente fascista. L’utero in affitto non c’entra una beata. E comunque esistono paesi civili che hanno norme civili anche per la maternità surrogata, che in sé non ha niente di abominevole. Ma in ogni caso non è di questo che stiamo parlando.

Vabbè, rassegniamoci. Questa norma non entrerà nella legge. Grasso che cola, se ci sarà una legge, dopo tanti anni di testa china di fronte al Vaticano. Che cosa è successo? La step child adoption, come dicevo, è stata messa lì per dare il contentino ad Alfano. Insomma, Renzi fa come suggerito da Machiavelli, ovvero come l’arciere che volendo colpire il bersaglio, mira un po’ più in alto, perché conosce la traiettoria ad arco della sua freccia. Trama della commedia: Alfano si oppone alla legge; Renzi stralcia la step child; Alfano può sostenere di aver avuto una vittoria; Renzi può dire di aver fatto la legge.

Tutti contenti? No. I 5 stelle non hanno avuto una parte nella commedia. Allora che fanno? Ovviamente ai 5 stelle non frega un benemerito cazzo di leggi, diritti civili, omosessuali e quant’altro. L’obiettivo unico e irrinunciabile è sputtanare il PD. Impresa invero tutt’altro che titanica, visto che a sputtanarsi sono già bravi da soli. Insomma, per settimane i grillini sostengono che voteranno la legge, ma attenzione! Ribadiscono più e più volte che la voteranno soltanto ed esclusivamente se non verrà cambiata nemmeno una virgola (sottinteso step child adption). L’idea è quella di mettere in crisi la maggioranza di governo.

Ma la strategia non funziona. Renzi coglie al balzo l’idea di una maggioranza laica di sostegno alla legge, che gli consentirebbe anche di farsi bello a sinistra e Alfano non si schioderebbe dalla poltrona in nessun caso. A questo punto Grillo si accorge di aver sbagliato qualcosa e fa quella magnifica uscita della libertà di coscienza per i suoi. Coscienza? Ah sì? Ma non eravate quelli del non si cambia nemmeno una virgola?

Dietro-front. Ammazzati tutti i canguri, si torna a trattare con Alfano. Sono abbastanza convinta che finirà come doveva andare fin dall’inizio: niente step child. Non è grave. Ci penseranno i giudici, come sempre succede in Italia, a garantire i diritti che i legislatori non sono capaci di tutelare. E’ già successo con quella merda di legge 40, quella sulla procreazione assistita, il cui referendum abrogativo era stato pesantemente boicottato dalla propaganda cattolica. Anche in quel caso una cattiva legge, vessatoria nei confronti delle donne e priva di qualsiasi logica dal punto di vista medico, è stata smantellata punto per punto dalle sentenze della Corte Costituzionale.

Nel frattempo i grillini non sono riusciti a pensarne una nuova. Tornano a dire che sono disposti a votare la legge ma soltanto se non si cambia nemmeno una virgola. Ma va? Dove l’ho già sentita? Renzi menziona Lucy che toglie il pallone a Charlie Brown, citazione non felicissima perché temo che Lucy appaia simpatica e vincente nella sua crudeltà, e che in qualche modo non faccia altro che realizzare il destino sfigato di Charlie Brown. Piuttosto il tutto mi ricorda quelle vecchie pubblicità della cintura Gibaud, con gli incubi in cui una situazione spiacevole si ripeteva all’infinito. A questo punto basta che ne usciamo in qualche modo. Una legge non pienamente soddisfacente è meglio di nessuna legge. Del resto ormai in tutto il mondo civile per i gay c’è il matrimonio, mentre noi stiamo ancora al palo. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
GnothiTauton
GnothiTauton il 22/02/16 alle 11:32 via WEB
Parliamoci chiaro: oltre ad essere gente cui frega poco dei diritti inalienabili sono anche una banda di pasticcioni. D'altronde quando va bene sono eredi di Giannini, Dossetti e Lapira ...
(Rispondi)
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 22/02/16 alle 20:36 via WEB
Bah, secondo me la strategia era una sola ed era chiara fin dall'inizio. Poi Renzi si è fatto incantare dalle sirene dei 5 stelle, ma forse non è stato un male: se non gli avesse dato retta da subito sarebbe stato criticatissimo. Così invece è solo criticato.
(Rispondi)
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 22/02/16 alle 15:02 via WEB
"Moltissime sono le leggi quando lo Stato è corrotto", diceva un politico saggio dell'antica Roma di cui preferisco tacitare il nome...
(Rispondi)
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 22/02/16 alle 20:37 via WEB
Qui la corruzione non c'entra, il che non ci salva dai cavilli. Ci vorrà comunque un'altra legge, ma a questo punto meglio una sentenza.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
UnUomo.InCammino il 22/02/16 alle 17:11 via WEB
> bambini che già esistono

Come si è arrivati a un bambino in una coppia di due uomini?
Ad esempio sfruttando una fattrice-incubatrice subumana poraccia (i kompagni sono sempre dirittisti con le vite degli altri, bimbi e fattrici comprese).

Nel caso in cui uno dei due abbia avuto una relazione etero precedente, non c'è alcun motivo di far fuori la madre naturale.

I diritti non esistono men che meno quello di fabbricarsi dei bambini per i propri egotismi capricciosi e "contronatura". Se sei omosessuale (ed è abbastanza naturale) è al 100% naturale non poter fare dei figli.
Fine.
(Rispondi)
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 22/02/16 alle 20:41 via WEB
C'è stata una bella intervista di una coppia omosessuale a Le invasioni barbariche. Spiegavano come funziona la maternità surrogata, c'erano interviste anche alla donna in questione. Il tutto molto civile e per nulla subumano. Subumana è la condizione dei gay in Italia, ancora insultati e vilipesi, a meno che non siano ricchi e famosi. Come si è arrivati a un bambino in una coppia di due uomini? Lo chiedo io a te, visto che non esiste una legge che lo consente. Da domani questi bambini scompariranno per effetto dello stralcio della norma sulle adozioni?
(Rispondi)
 
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
UnUomo.InCammino il 23/02/16 alle 14:22 via WEB
> Come si è arrivati a un bambino in una coppia di due uomini?
> Lo chiedo io a te, visto che non esiste una legge che lo consente.
Non è questione di legge che domani uno dice sono andato in Biribilia ho sposato un pennello o una tapparella ed eccomi qui con un bambino e la legge mi permette di avere un figlio.
E' semplicemente l'ordine delle cose, per fare un bambino ci vuole una femmina e un maschio di homo in età fertile.
La legge non vuol dire nulla, è una convenzione culturale, spesso stupida e ingiusta, bislacca, illecita, disetica, antiecologica. E' un tentativo tecnoteista di sovvertire la realtà, le leggi della biologia, i limiti dell'omosessualità, i limiti della realtà. Per dirla alla Corona, non c'è alcun diritto storto che permetta a robosessuali di fare un figlio, legge o non legge. E non c'è alcun dovere, alcun obbligo di alcun piccolo di essere fabbricato e posseduto per i capricci egoici di due o enne robosessuali che non vogliono più essere robosessuali ma anche un po' eterosessuali senza esserlo e senza volerlo essere.
E' un orribile miscuglione liquido di tutto e il suo contrario.

Inoltre per i presunti diritti di robosessuali di diventare genitori, c'è lo sfruttamento di una poraccia subumana che lo fa per soldi, per fame. Nessuna femmina fertile autunoma economicamente e intellettualmente e sana, in buono stato si presterebbe manco per il caxxo a fare da macchina sfornapargoli per terzi. E' uno squallido sfruttamento di persone reificate a macchine produttrici che neppure nazi e stalinisti si sognavano di implementare.

Non si sono diritti, men che meno quelli storti.
L'ultima cosa che farei è di citare l'apologia di qualche storto nefasto a sostegno della "dirittezza" (i)civile delle proprie robe.
(Rispondi)
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 23/02/16 alle 14:35 via WEB
Ho capito. Allora secondo natura bisognerebbe vietare alle coppie sterili di adottare. E' chiarissimo.
(Rispondi) (Vedi gli altri 6 commenti )
 
 
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
UnUomo.InCammino il 23/02/16 alle 14:53 via WEB
I bambini adottati esistono perché nella vita esistono difficoltà e sfortune e disgrazie e alcuni bambini non hanno l'opportunità di rimanere con i propri genitori. Essi esistono e per essi si trova un nuovo percorso. Quei bambini non vengono fabbricati alla bisogna inoltre con sfruttamento di subumane macchine fattrici. Poi se vogliamo addentrarci nella hybris<7i> tecnoprogressista, magari nll'ordine a listino si acquista qualche optional come occhi verdi, oppure maschio, oppure... Infine, in un mondo con 7.3 giga homo che sta collassando per esplosione demografica, non c'è alcun bisogno che pure i robosessuali si mettano a fabbricare figli.
(Rispondi)
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 24/02/16 alle 18:28 via WEB
Secondo il tuo ragionamento, che una coppia sterile abbia un figlio, per quanto adottato, è "contro natura". Se la natura non ha voluto che abbiano figli, non dovrebbero averne e basta. La natura ha sempre ragione. Per il resto aggiungo che anche quando si parla di omosessuali, si parla sempre soltanto di uomini. La grandissima maggioranza di questi bambini con i genitori omosessuali vivono in realtà con due donne. Chissà come si pensa di proibire a una donna di avere un figlio. Semplicemente negando a quel bambino alcuni diritti? Si pensa così di scoraggiare la maternità nelle coppie lesbo?
(Rispondi)
 
 
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
UnUomo.InCammino il 25/02/16 alle 11:34 via WEB
Qui ci sarebbe da entrare nella dinamica delle lesbiche che sul piano culturale affermano la loro diversità ma, sullo stesso piano culturale, devono ricorrere al seme di un maschio per ingravidarsi. Ah, questa diversità e questa ortodossia lesbica, a volte c'è, a volte no, dipende un po' da come gira il vento. Una donna può avere un figlio e riconoscerlo in autonomia. Fine [della speculazione].
(Rispondi)
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 25/02/16 alle 22:29 via WEB
Ma va? Qui si parla della partner, se ti è sfuggito.
(Rispondi)
 
 
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
UnUomo.InCammino il 26/02/16 alle 10:56 via WEB
La partner!? Quindi?
Supponiamo che con la madre viva pure un amico ed uno studente universitario fuori sede. Cosa facciamo? Sperimentiamo il matricosomonio in cui amico, studente, partner lesbica diventano robogenitori del bambino?! E poi se c'è un criceto, in casa!? Si alzeranno i comitati vegani per i diritti degli animali che anche i criceti hanno il diritto di possedere un piccolo homo, no!? I diritti sono i diritti!
Invece in questo frullio dirittistoide manca una persona: il bambino e il robo inseminatore (cioè colui che sarebbe il padre anche se quella è roba vecchia). Silenzio totale su 'sti cosi. Ecco, alcuni diritti, stranamente, non ci sono. Mah va!?
(Rispondi)
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 26/02/16 alle 15:24 via WEB
Te l'ho già detto. Se per te sono uno spermatozoo e un ovulo, e non l'affetto e l'assunzione di responsabilità, a fare la genitorialità, allora l'adozione tout court è contro natura e ai bambini adottati non resta che cercarsi o piangere qualche oscuro produttore di gameti in Senegal o in Brasile o in Bangladesh. I genitori adottivi non sono genitori, secondo la tua concezione, ma un surrogato di orfanotrofio, che ha presumo l'unico vantaggio di non pesare sulle casse dello stato. Tanto quei bambini, in assenza dei genitori "naturali", per te sono comunque orfani infelici privi del loro diritto "naturale" ad essere cresciuti da chi ha dato loro il corredo biologico.
P.S. I neologismi lasciali coniare ai bambini delle elementari, che fanno meglio.
(Rispondi)
 
angelorosa2010
angelorosa2010 il 22/02/16 alle 18:01 via WEB
Ciao Menì , sì, parliamo delle adozioni dei bambini di coppia omo, accapigliamoci e facciamo il tifo da stadio, mentre tutto il resto affonda nella m... ( ognuno può completare la parola come crede) . A presto !
(Rispondi)
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 22/02/16 alle 18:25 via WEB
Manna? Maionese? Mutella?
(Rispondi)
 
 
 
angelorosa2010
angelorosa2010 il 22/02/16 alle 19:43 via WEB
mah... !
(Rispondi)
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 22/02/16 alle 20:45 via WEB
Guarda Angelo, io sono convinta che se l'Italia muovesse dei passi decisi nella direzione della laicità, della separazione mai completata fra stato e chiesa, del ridimensionamento dell'influenza nefasta del cattolicesimo sulla nostra vita civile, se ne gioverebbe anche il PIL. Perché la religione è ovunque, non solo nel mondo arabo, un fattore di arretratezza culturale e sottosviluppo.
(Rispondi) (Vedi gli altri 4 commenti )
 
 
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 22/02/16 alle 21:00 via WEB
Non funziona così meninas.
Non è togliendo l'influenza della chiesa che la gente migliora, ma è la crescita del livello culturale che fa regredire l'influenza nefasta della religione.
(Rispondi)
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 22/02/16 alle 21:34 via WEB
Entrambe le cose, certo. Ma se nel nord Europa sono più evoluti di noi è perché c'è stato il protestantesimo, non ho alcun dubbio in proposito. E credo che ai tempi di Lutero non fossero affatto più avanti, anzi; lo sono diventati in seguito, anche grazie a una religione che contiene l'etica della responsabilità.
(Rispondi)
 
 
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 22/02/16 alle 22:05 via WEB
Meglio la nostra.
Con il cristianesimo puoi fare tutte le porcate che vuoi. Basta che poi le confessi e torni così bianco che più bianco non si può.
(Rispondi)
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 22/02/16 alle 23:45 via WEB
Esatto. Basta che vai da mamma chiesa e chiedi scusa.
(Rispondi)
 
arw3n63
arw3n63 il 22/02/16 alle 19:02 via WEB
Sulla maternità surrogata e uteri in affitto, mi spiace anche se all'estero è accettato io non sono d'accordo, ma tanto non frega a nessuno se son d'accordo o meno, come non frega a nessuno se ritengo giusto per bambini che già ci sono , o sono stati adottati o figli naturali di uno dei due abbiano il diritto di continuare a vivere con chi li ha cresciuti se uno dei due muore, che le coppie omosessuali possano avere gli stessi diritti delle coppie etero ma non si può paragonare il matrimonio alla convivenza altrimenti che cosa esiste a fare il matrimonio che senso avrebbe se sono la stessa cosa? Aboliamo il matrimonio e riconosciamo solo le convivenze e buona convivenza a tutti senza burocrazia e scartoffie, i regali ai testimoni ecc... :-)ma non sono io che decido, anzi a ben guardare viviamo in un paese che si definisce democratico ma certe decisioni così importanti non le decidiamo noi del popolo, un bel referendum? No vero? Allora che discutiamo a fare tanto a chi frega di quello che pensa il popolo?
(Rispondi)
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 22/02/16 alle 20:48 via WEB
E' giusto che esista una tutela della convivenza per chi la sceglie al posto del matrimonio, ovviamente con minori diritti. Ma gli omosessuali non necessariamente hanno scelto la convivenza, molti si sposerebbero se potessero. Perché a loro devono essere negati i diritti garantiti dal matrimonio?
(Rispondi)
 
 
 
arw3n63
arw3n63 il 24/02/16 alle 12:05 via WEB
Se fosse riconosciuta la possibilità anche agli omossessuali di potersi sposare è giusto che godano degli stessi diritti delle coppie etero, ma anche gli stessi doveri, non dimentichiamocelo, perchè a me sembra di notare sempre e solo battaglie per i diritti ma non si parla mai di doveri. Il fatto è che in Italia non viene riconosciuto e tantomeno celebrato il matrimonio tra omo, quindi prima si dovrebbe arrivare a questo, invece mi par di capire che il problema delle adozioni si presenta anche nelle coppie conviventi e non so cosa sarebbe giusto, col buon senso che se un bambino cresce all'interno di una coppia a prescindere dal tipo dovrebbe in caso di mancanza di uno di questi o il genitore biologico poter continuare a vivere con l'altro. Per il bene del bambino non degli adulti, bisognerebbe guardare a loro ai bambini e non all'egoismo e interesse che muove gli adulti in un senso o in un altro, cos'è meglio per un bambino, risposta non facile.
(Rispondi)
 
makavelika
makavelika il 23/02/16 alle 08:54 via WEB
Dissento quasi completamente.
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
UnUomo.InCammino il 23/02/16 alle 14:32 via WEB
Aggiungo che, per quanto mi riguarda, io abolirei tra persone adulte, l'intervento dello stato: due si scrivono le loro scritture private. Fine.
Solo che ora con lo tsunami islamico e la sottomissione ed europea e delle donne, vengono a mancare le condizioni di patto tra pari.
I bambini subiscono e sono indifesi e quindi è una delle poche dimensioni che giustificano una normazione a loro protezione e l'intervento di terzi, della comunità ovvero dello stato. A maggior ragione contro questa aberrazione liquida delle famiglie robosessuali. Se c'è una cosa peggiore della famiglia nucleare esclusivo-asfittica modernista eterosessuale è la roba nucleare esclusivo-asfittica modernista robosessuale. E' proprio vero che al peggio non c'è limite.
(Rispondi)
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 23/02/16 alle 14:40 via WEB
L'istituto giuridico della famiglia a tutela dei bambini esisteva prima che si sentisse parlare dell'islam, non capisco bene che cosa c'entra. Peraltro anche le vessazioni nei confronti delle donne non è che le abbia inventate Maometto, eh.
(Rispondi)
 
moltomegliodiprima
moltomegliodiprima il 23/02/16 alle 15:00 via WEB
non si poteva permettere il matrimonio a chi è dello stesso sesso, invece che creare una nuova e ulteriore legislazione utile solo agli avvocati? Pensa in futuro che casino nelle regole di successione e diritti che si mischiano tra uniti civilmente, ex coniugi e non so che altro... Chiunque sia single, potrà unirsi civilmente a chiunque altro, lasciandogli in eredità la pensione di reversibilità. Chissà quanti nipoti si uniranno civilmente ai nonni... Mah...
(Rispondi)
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 23/02/16 alle 15:20 via WEB
Infatti il governo, a scanso di equivoci, si è già premunito di abolire - per tutti - la pensione di reversibilità con privilegi annessi e connessi.
Così appena passerà la legge sulle unioni civili, la collettività non sborserà un centesimo per quei diritti a cui taluni tenevano tanto.
Alla fine chi avrà interesse ad unirsi civilemente potrà farlo solo per amore.
Se c'è.
(Rispondi)
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 23/02/16 alle 18:33 via WEB
Sembri mia madre, Alfredo, che ogni tre per due ha paura che le tolgano la pensione. Ma lei ha 90 anni ed è rincoglionita. Quando mai il governo avrebbe abolito la reversibilità? Se ne sta parlando, ovviamente sui redditi più alti. D'altronde, se posso essere sincera, non mi sembra tanto giusto che mia madre, sola e novantenne, prenda una volta e mezza il mio stipendio di insegnante. I soldi sono quelli che sono, se si vuole dare a qualcuno bisogna togliere ad altri: e togliere ai giovani per dare ai vecchi, come per decenni si è fatto in Italia, non mi pare molto produttivo.
(Rispondi)
 
 
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 23/02/16 alle 19:39 via WEB
Mi piace il principio che se si svuole dare a qualcuno bisogna toigliere ad altri.
Quello che non mi piace è che a fare le parti, come sempre, è il leone*.

*Politici & Co.
(Rispondi) (Vedi gli altri 9 commenti )
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 23/02/16 alle 22:31 via WEB
Le parti le fa chi comanda. In alternativa i giovani dovrebbero fare la rivoluzione e riprendersi ciò che la gerontocrazia gli ha tolto. Ma in Italia i giovani sono troppo pochi per fare la rivoluzione e oltretutto i migliori stanno già all'estero.
(Rispondi)
 
 
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 24/02/16 alle 07:44 via WEB
Se tu dici che quelli che sono "scappati" all'estero sono i migliori, allora sono i migliori pure tutti quei giovani che dall'estero sono emigrati qui in Italia.
E molto prima di quanto pensiamo saranno proprio quest'ultimi a fare la rivoluzione per riprendersi il maltolto...
(Rispondi)
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 24/02/16 alle 07:52 via WEB
E' abbastanza vero, e nella scuola superiore lo si vede. Ragazzi spesso più motivati e meno viziati dei nostri. Il "maltolto" in quel caso non è uno specifico italiano. Io mi riferivo al grande scippo generazionale che invece è questione prettamente nostrana, di cui certamente gli immigrati non sono consapevoli. E mi pare non siano consapevoli manco gli italiani.
(Rispondi)
 
 
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 24/02/16 alle 13:46 via WEB
E che mo è colpa nostra se al giorno d'oggi campiamo cent'anni in ottima salute?
C'è stato un tempo, nell'antica Roma dei Cesari, in cui l'aspettativa vita era di trent'anni ed in quell'epoca i giovani hanno avuto di tutto e di più.
Ora tocca a noi anziani, embè?
(Rispondi)
 
 
 
 
GnothiTauton
GnothiTauton il 24/02/16 alle 18:10 via WEB
in ottima salute ci si accontenterebbe di campare anche meno
(Rispondi)
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 24/02/16 alle 18:32 via WEB
Se sei in ottima salute come minimo ti tocca lavorare.
(Rispondi)
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 24/02/16 alle 18:32 via WEB
Però i Cesari non hanno creato debito pubblico. O sì?
(Rispondi)
 
 
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 25/02/16 alle 21:36 via WEB
Per quello che mi ricordo (nelle pochissime cose che ho studiato a scuola), l'impero romano fondava la sua economia sui bottini di guerra, da cui ricavava, fra l'altro, manodopera a costo zero.
Più o meno quello che fanno oggi le civiltà imperialiste...
(Rispondi)
 
 
 
 
GnothiTauton
GnothiTauton il 28/02/16 alle 00:12 via WEB
Si. Anche privato
(Rispondi)
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 23/02/16 alle 18:28 via WEB
La pensione di reversibilità non si applica alle unioni civili, che contengono meno diritti rispetto al matrimonio. Per questo è bene che ci siano per chi sceglie una convivenza "light", ma il matrimonio full optional dovrebbe essere permesso per tutti coloro che lo desiderano, compresi gli omosessuali.
(Rispondi)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
UnUomo.InCammino il 24/02/16 alle 10:22 via WEB
> il matrimonio a chi è dello stesso sesso

Scusa, ma tu chiami telefono una telecamera? Mater e monus, madre e compito, dovere, antropologico sostanzialmente di famiglia e perpetuazione della specie.
Non c'entra una beata mazza con le unioni civili o omomonio o cosomonio. Del resto si fagiolano le lenticchie per legge storta, appunto. Il fatto che si chiamino sci le racchette di tennis, bulloni le bielle, etc. è un indice dell'orribile inquinamento anche ideologico di 'sto ciarpame.
(Rispondi)
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 24/02/16 alle 18:18 via WEB
Chiamo matrimonio l'istituto riconosciuto dalla legge identificato da questa parola, quale che ne sia l'etimologia. Così come chiamo pomodoro un pomodoro, anche se non è una mela, tanto meno d'oro.
(Rispondi)
 
 
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
UnUomo.InCammino il 25/02/16 alle 11:16 via WEB
Torniamo sempre all'inquinamento profondo che è l'ugualismo e il fatto che esso permea anche il linguaggio. Concetti diversi hanno termini diversi. Ne abbiamo già parlato. Allora l'operazione di confondere, di chiamare matrimonio il robomonio non è solo rozzezza linguistica (la metafora del pomodoro non regge visto che essa era comunque precisa nel descrivere caratteristiche precise di quel frutto) ma è un tentativo puerile di ugualizzare ciò che non è affatto uguale. Il feticismo legalistico nei confronti della legge: la legge dovrebbe rappresentare e normare la la realtà. Invece, ancora con un approccio sostanzialmente "marxista" - ecco la hybris ugalista, omologatrice che si palesa - dall'alto verso il basso, si pensa che agendo sulla legge si possa modificare radicalmente la realtà. Si noti il fine sadismo che permea tutto questo. Non per niente, Renaud Camus ha proprio sottolineato questa industrializzazione, questa cosificazione (post)comunista delle società ovvero, come sottolineato, socioindustrializzazione-ingegnerizzazione al confronto della quale gli esperimenti stalinisti erano giochetti da ragazzi. Dal punto di vista ecologico un nefasto tentativo di annullare le diversità e le loro caratteristiche così caro al tecnoteismo progressista. Ecco un'inversione etica, una sovversione dello spirito della legge: da strumento a Deus ex machina.
No grazie senza se e senza ma!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
S. il 24/02/16 alle 19:49 via WEB
@Uomo, forse, anzi senza forse, per la prima volta sono d'accordo con te.;)
(Rispondi)
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
UnUomo.InCammino il 25/02/16 alle 11:29 via WEB
Vedi, S., lo sfruttamento delle poracce subumane usate e a mo' di fabbriche sfornapargoli è stato truffaldinamente coperto di "dirittismo" di alcune capricciose persone abbienti che, ricorsivamente, violentano la propria natura omosessuale o, in genere variamentesussuale ovvero non eterosessuale e le carateristiche e i limiti relativi. Come scrivevo sopra, nessuna donna che abbia possibilità si presterebbe ad un tale dramma (a parte le estremità zerovirgola della gaussiana): non per niente le subumane sono quasi tutte poracce conproblemi dei paesi ricchi o poracce dei paesi poveri che lo fanno perché costrette dalla miseria. Ancora una volta i kompagni dimostrano che sono i più grandi realizzatori, attuatori e amplificatori di quello che dicono di combattere. Diritti di qui (stranamente sempre assente il dipolo, i doveri di qualcun altro) uguaglianza di là (a parte voi subumane reificate a macchine organiche fattrici per i nostri “diritti” superiori). Del resto finché hai dei fantasmi moralistoidi, dirittistoidi nella testa essi diverranno certamente i tuoi demoni e saranno essi a condurti a spasso col guinzaglio. Si torna allo scollamento dalla realtà (per dirla buddisticamente, alla sua negazione che è il primo crimine) e alla roba del "diritto" di avere dei figli (ma come tutte le cose religiose si omette mezza verità scomoda, ovvero contro i figli, sfruttando delle subumane etc.), contro la tua natura e identità più profonda che non lo prevede affatto.
(Rispondi)
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 25/02/16 alle 22:31 via WEB
Siete rimasti tu e Berlusconi fissati con i comunisti. Forse nemmeno più Berlusconi.
(Rispondi)
 
 
 
 
GnothiTauton
GnothiTauton il 28/02/16 alle 00:12 via WEB
eh no! Siamo rimasti anche io, Vauro, Marco Rizzo ... (è un lungo elenco)
(Rispondi) (Vedi gli altri 1 commenti )
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 28/02/16 alle 20:43 via WEB
Sì, hai ragione, dovreste fare un club molto esclusivo.
(Rispondi)
 
 
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
UnUomo.InCammino il 29/02/16 alle 11:49 via WEB
Il comunismo è solo uno dei problemi, degli oppi per popoli e menti che, per dirla alla Wendel Berry, li sradicano dalla terra, dalla natura, dalla realtà, dalle leggi, dai suoi limiti.
In generale c'è un processo antiecologico di progressiva artificializzazione, virtualizzazione, adulterazione della realtà propinato e inculcato alle masse per motivi economici o egoici, di mode, etc. . Ma questo sarebbe ancora poco. E' proprio l'insieme dei nuovi ismi (genderismi, dirittismi, sinistrismi, accoglientismi, volesomosebenismi, crescitismi, bottepienamoglieubriachismi, animalismi, sviluppismi, progressismi, deficitodebitismi, sìglobalismi, etc.) e questa tensione fondamentalistica, di una neoreligione liquida che entra nelle crape e non esce più. Essa farcisce la testa de la_gggente di cazzate assurde fino al punto che essa crede veramente che siano cose naturali, normali, scontate o da conquistare.

Si torna appunto al sono andato in Biribilia, mi sono sposato con un albero a camme e il mio cane, siamo una "coppia" (e qui si inizia pure a violare la matematica, il linguaggio, la realtà e le sue leggi, appunto) sono tornato magicamente con un figlio “apparso magicamente” che c'ho il diritto che sia mio.

Come in ogni oppio per menti e popoli, gli adepti zeloti non solo non riconoscono in alcun modo l'astrusità delle proprie credenze, delle proprie superstizioni ma, considerano la massa degli ammalati non come sintomo di gravità dell'epidemia ma come giustezza. Dall'interno della setta ogni persona che non è ancora "dentro" è un miscrededente - fissato - ammalato etc.
(Rispondi) (Vedi gli altri 6 commenti )
 
 
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 01/03/16 alle 08:16 via WEB
Se provi ad assaggiare vari alimenti con gli occhi chiusi e il naso attappato è difficilissimo distinguerli l'uno dall'altro.
Allo stesso modo le ideologie sono di fatto tutte uguali, ma hanno etichette diverse.
(Rispondi)
 
 
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
UnUomo.InCammino il 01/03/16 alle 12:09 via WEB
Le persone odiano il discernimento, la responsabilità, le differenze, la realtà, i limiti e le leggi della realtà. Gli ismi (le ideologie) permettono loro di baloccarsi, di non affrontare la realtà. Ti cacci in testa delle credenze e poi credi che siano vere, giuste: se si è in tanti, un bel greggione, ancora più facile. Occhi chiusi, naso tappato, mente spenta di lobotomizzati che recitano la pappa premasticata che è stata loro catechizzata. Il bolo (ugualista) è proprio tutto uguale. Sono andata in Pandoria, con l'aspirapolvere e mia marita ed "è stato un processo ispirato a forti ascendentismi familiaristici non tradizionali in un contesto petaloso d'amore".
(Rispondi)
 
 
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 01/03/16 alle 13:16 via WEB
L'unica cosa in cui credo è il Nulla.
Non per fede, ma per aver avuto occasione di sperimentarlo "personalmente" previo annullamento dell'identità personale...
Non mi serve il greggione, posso continuare ad essere il solo a crederci.
Il Nulla è materialmente concreto e reale, tutto il resto non esiste: è fuffa.
(Rispondi)
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 01/03/16 alle 15:11 via WEB
Continuate pure. Io c'ho un po' da fare in 'sto periodo. Ma vi leggo, neh.
(Rispondi)
 
 
 
 
sagredo58
sagredo58 il 01/03/16 alle 22:33 via WEB
Buona canizza :-)
(Rispondi)
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 01/03/16 alle 23:44 via WEB
Ho dovuto cercare canizza con google. In piemontese abbiamo "cagnuleira", che si riferisce però ad un abbaiare non rabbioso, come di cani che si richiamano l'un l'altro abbaiando, tipicamente in campagna di notte. Probabilmente traduce l'italiano cagnara, più che canizza.
(Rispondi)
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 03/03/16 alle 22:00 via WEB
Hai sentito l'ultima? A chi sta 7 giorni senza cambiare il post, Libero gli pignora il blog e lo mette all'asta.
Ma grazie alle rimostranze di alcuni i termini sono stati allungati a 18 giorni...
(Rispondi)
 
 
arw3n63
arw3n63 il 04/03/16 alle 17:03 via WEB
Alfre' la soluzione potrebbe essere nel darlo in affitto :-)
(Rispondi)
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 04/03/16 alle 21:50 via WEB
Affittasi solo referenziati.
(Rispondi)
 
 
 
 
arw3n63
arw3n63 il 07/03/16 alle 16:36 via WEB
Alfre' è Nulla referenziato, dici che non va bene? Io non riesco a occuparmi di due blog, quindi attendiamo il tuo ritorno, prima che sfrattino te ce ne sono altri abbandonati da anni.
(Rispondi) (Vedi gli altri 3 commenti )
 
 
 
 
PRONTALFREDO
PRONTALFREDO il 08/03/16 alle 08:44 via WEB
E certo, io ho già il blog di Melina, mo pure quello di Menina e poi via-via anche gli altri.
Così i post su libero li scrivo tutti io, me li commento e li controcommento pure, tutto da solo.
E le stelle stanno a guardare.
(Rispondi)
 
 
 
 
arw3n63
arw3n63 il 08/03/16 alle 18:18 via WEB
No i commenti ci stanno, mica ti devi commentare da solo, quelli li posso fa' io anche gratis :-)
(Rispondi)
 
 
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 08/03/16 alle 20:40 via WEB
Arrivo eh, abbiate fede. E' che devo anche andare a ballare.
(Rispondi)
 
 
meninasallospecchio
meninasallospecchio il 04/03/16 alle 21:49 via WEB
Uff... sono già passati tutti 'sti giorni? C'ho le verifiche da correggere e devo pure andare al cinema e domenica vorrei andare a sciare. Potrei scrivere qualche breve minchiata uso intrattenimento.
(Rispondi)
 
 
 
arw3n63
arw3n63 il 07/03/16 alle 16:32 via WEB
Ci piacciono le tue "minchiate da intrattenimento", sono sempre divertenti :-)
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.