Un blog creato da jammbelle il 01/04/2007

soloanapoli

Napoli è tutto un mondo a parte

 
 
 
 
 
 

NAPULE È

 
 
 
 
 
 
 

TU SI NAPULE

 
 
 
 
 
 
 

UN FIORINO

 
 
 
 
 
 
 

LA LETTERA

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« a proposito di calciochiuso per mancanza di commenti »

Il mio ritorno alle origini

Post n°107 pubblicato il 09 Novembre 2009 da jammbelle

Senza rinnegare facebook che devo dire è una di quelle invenzioni mediatiche che sarà ricordata nel tempo ( ha fatto veramente il botto ) come all’epoca degli 166 erotici. Ormai non si parla d’altro e chi è su internet al 90% è perché è collegato a facebook.
Ma per raccontare le mie assurdità ho bisogno comunque e sempre del mio amato blog.

E pensavo che di questi tempi dove tutto sembra essere punibile ma niente viene punito, le denunce per cose che non ci immaginiamo nemmeno, fioccano !
Ma perché prima era diverso ? La risposta è perché eravamo ignoranti in materia di leggi .
Ad esempio io avrei potuto denunciare i miei genitori per svariati motivi:

Ogni volta che mi trovavo in giro con mia mamma e chiedevo di comprarmi quel gioco o quel gelato , la risposta era sempre : NUN TENGO MANCO NA LIRA N'CUOLLO . Puntualmente dopo meno di 20 metri al primo tabaccaio si fermava a comprarsi le sigarette.
1 )Falso in bilancio

 

Alle prime avvisaglie di capricci o comunque quando qualcosa la combinavo veramente , mia mamma non mi puniva quasi mai , ma rituale era la frase che pronunciava: MO CHE VENE PATETO  T’AGGIA FA’ ACCIRERE E MAZZATE !
2) Terrorismo psicologico


Nell’anno in cui sono stato bocciato in seconda media, i miei genitori vendettero il mio commodore vic 20 che avevo avuto in regalo alla promozione in prima media.
La legge dice che è appropriazione indebita ed è punibile fino a 3 anni di reclusione, ma cosa più importante io adesso avrei ancora il mio computer.
3)Appropriazione indebita

 

Ma il peggiore di tutti i reati l'abbiamo subito tutti noi. Chi non è rimasto come un fesso quando ha scoperto che nella notte tra il 5 e il 6 gennaio non arrivava nessuna vecchietta sulla scopa , e che i nostri genitori ci avevano preso in giro richiamandoci sempre ad una buona condotta con l’inganno che la befana ci guardava ed annotava tutto sul suo diario.
4) Falso ideologico.

 

LA LEGGE NON E' UGUALE PER TUTTI.

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/soloanapoli/trackback.php?msg=7965220

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
alcalina75
alcalina75 il 12/11/09 alle 22:33 via WEB
... io ODIO FACE.... un sorriso per una buona serata... C.
 
raggiodiluce1974
raggiodiluce1974 il 08/12/09 alle 20:02 via WEB
we cuginetto,,,aggia' fatt' buon ca'nun me so' iscritta a face? cmq è forte il tuo post mann ngaler a parecchi ahahhaha,,,un bacione!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

telefonamifracentannmoillplalau84lacasa.delmobilelon.longobardiGiuseppeLivioL2FRI80vignetorossopestifero83savydeluigi.992tommymoscaracingdgl12nando.speuroparking2014
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

POPOLO DI EMIGRANTI

   popolo di emigranti

cu na valigia e suonne e nu cuofano e paura

songhe partute ajere pe n'avventura nova

nu treno chine e gente tutti napulitane

jamme truvanno a merica

l'america italiana.

chi parte sulo sulo e nun le pare overo

chi va cercanne casa pe isso e pa mugliera

simme arrivate nuje gente napulitane

co core ca ce tremme nun ce guardate male.

nun esseme partuto c'hamme truvato astritte

cu l'anne ca passavano e sacche sempe rotte

è sempe stato chesto nun è uno ogne tante

pecche o napulitano nasce comm'emigrante

ma a colpa pò e chi fosse cu chi c'hamma piglià

co stato ,ca politica o forse è l'aldilà

a colpa è sule a nostra cu chi te a vuò piglià

a notte tu nun duorme e faje o piano pe mbruglià.

e pò che vaje dicenne ca me si cumpagno

scinne da casa mia e faje e scippe ncoppe e tram

nu viecchio pensionato, nu giovane studente

t'arruobbe chellu poche e nun le lasse niente

vattene nun a voglia chest' amicizia toja

si stonghe accussì o vì e pure pe mezza toja

e chisto ca pò dice :te piglio a faticà

pe 12 ore o juorne o sanghe te sucà

e vide cheste mane sò mane e musicista

mò fanne pane e solde e nun sò cchiù n'artista

sono un lavoratore , songhe un comm' a tanti

simme napulitane ...popolo d'emigranti.

(l'ho scritta io dopo il primo mese a modena)