Stultifera Navis

Non sono ubriaco, ma diversamente sobrio

 


Vado alla ricerca della felicità naturale e possibile
sapendo che la felicità non è una meta,
ma un modo di viaggiare

 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 14
 

TAG

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

AVVERTENZA

I testi contenuti in questo blog, salvo dove specificatamente indicato, appartengono al sottoscritto.
Non valgono una sega, ma se qualcuno volesse copiarli da un'altra parte mi farebbe piacere saperlo.

Grazie

 

 

« Viaggio di ritornoAutunno »

Vacanze brevi

Post n°573 pubblicato il 21 Ottobre 2021 da hieronimusb

Santa Maria di Leuca.
Questo è il luogo dove l'Italia finisce, il suo punto più orientale.
Questo è il primo luogo in cui ogni giorno il sole accarezza il territorio italiano, ma anche il primo ad immergersi nella notte ogni sera
Qui l'Adriatico e lo Jonio si sposano e chi abita qui mi dice che talvolta è evidente il loro confine.
Ci sono luoghi simbolici, luoghi che non sono solo geografia, ma anche e soprattutto idea, appartenenza, pensiero e se qualcuno ha avuto la necessità di costruire qui la chiesa di "finibus terrae" significa che non sono solo pensieri miei o riflessioni oziose.
Al di là di tutto, al di là dei pensieri è un luogo che non lascia indifferenti. Trovarsi di fronte a questo faro, a questo mare che si apre davanti agli occhi e si perde nell'orizzonte è un sentire, al tempo stesso, l'appartenenza ad una terra che rende orgogliosi, ma anche la sua vocazione ad essere ponte tra i popoli, ad essere una passerella tra i mondi, le culture, gli usi e le tradizioni.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: hieronimusb
Data di creazione: 10/12/2008
 

UANDEO (E SE) MORIRÒ

Quando , (e se), un giorno morirò
non voglio un prete che mi parli di un dio in cui non credo
o di paradisi che non mi interessano,
di inferni che non ho meritato
e se un purgatoriò ci deve essere
non sarà diverso dal mondo in cui ho vissuto

quando , (e se), un giorno morirò,
non voglio tombe costruite come casa
nè che si estirpino  fiori
se il senso della vita deve essere
nel tornare da dove son venuto
sarà l'utero della terra la mia ultima casa

Quando, (e se) morirò
sarà perchè ho vissuto
in un lungo istante senza tempo
raccolto come seme che diventa albero e poi frutto
come il fiume che corre e corre per tornare al mare
senza pensare neppure un momento
che questa vita possa finire

Se e quando morirò,
sarà perchè ho cercato nell'ultimo viaggio
la chiave segreta del tutto

 Alex