Train Of Thought

Riflessioni deliranti...

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Tutto torna

Post n°340 pubblicato il 02 Agosto 2010 da mind_storm

Non mi ricordavo nemmeno più di avere questo blog. Chissà perchè lo ritrovo oggi, come si ritrova con piacere un vecchio album di foto o qualcosa che si credeva perso chissà dove. Questo spazio per 2 anni è stato il mio catalizzatore di rabbia e frustrazione. Poi dato che non sono mai stato mai un tipo costante - nemmeno come arrabbiato o frustrato - l'ho abbandonato, come si abbandona un cane lungo l'autostrada, quell'amico che ti è stato tanto fedele anche nei momenti bui. Vista adesso, la cosa mi fa un pò schifo, e quel che è peggio, porta con sè sintomi poco rassicuranti. Il ritorno qui significa che dopo tanto tempo in fondo nulla è cambiato. Significa che le cose sono sempre le stesse anche quando non lo dovrebbero essere. Significa che io sono sempre lo stesso, nel bene e nel male.

Ora, non so se questo sarà un fuoco di paglia oppure avrà un seguito. Intanto voglio lasciare una traccia del mio passaggio, sperando che la polvere non la ricopra nuovamente.

 
 
 

Post N° 338

Post n°338 pubblicato il 30 Dicembre 2007 da mind_storm

Sono più di tre mesi che non scrivo in questo spazio. Un pò per mancanza di voglia, molto per mancanza di tempo. Il fatto è che mi ha stancato. Tanto le cose da 2 anni a questa parte non sono cambiate granchè, almeno da un certo punto di vista, quello personale, che poi è il solo che ho mai trattato qui. Anzi se possibile sono peggiorate, non fosse altro perchè sono più vecchio di 2 anni e quindi ho 2 anni in meno da utilizzare a mio vantaggio. Ma vedo che intorno a me le cose cambiano mentre io sono sempre uguale, ancorato a certe ostinazioni, o paure ,o altro. Cose che dopo quasi 30 anni ormai fanno parte del mio dna e risultano difficili da estirpare come invece si potrebbe fare con un'erbaccia del giardino di casa.

Vedo i miei più cari amici andare a vivere da soli, comprare casa, andare ad abitare con la ragazza, addirittura sposarsi e avere figli. Tutte cose che a me non sono concesse, almeno per ora. E succede che per 364 giorni non me ne frega un cazzo di tutto questo, ma al 365esimo giorno mi fermo e dico: mi manca qualcosa. Certo, è evidente. In 30 anni nella mia vita e nel mio modo di pensare la razionalità, la freddeza e la lucidità hanno regnato sovrane incontrastate. Ma viene il giorno in cui l'emotività cerca, pretende, esige il suo spazio in maniera prepotente e urgente.

A volte penso che sia tutto già scritto. Penso che nella mia esistenza ci sia e ci sarà spazio solo per quello che faccio e non per quello che sono. Ricevo ogni giorno complimenti per il mio lavoro, per le mie intuizioni, per la mia vena creativa, ma mai nessuno per il mio essere. Molti mi invidiano questo successo. Io di nascosto invidio loro per essere gente normale, gente che invece di passare il weekend tra libri di aggiornamento professionale e partite di calcio in tv, si dedica allo shopping o alla passeggiata in centro con la ragazza.

Concludo con un video di un gruppo che molti di voi non conosceranno. Si tratta di un side-project tra il cantante dei Porcupine Tree Steven Wilson e il musicista israeliano Aviv Geffen. Si chiamano BLACKFIELD, e il pezzo è l'omonimo che dà anche il titolo al loro primo album.


 
 
 

Post N° 337

Post n°337 pubblicato il 04 Ottobre 2007 da mind_storm

Non mi piace parlare di politica, perchè fondamentalmente la politica non mi piace, almeno non questa politica di oggi, che fa semplicemente vomitare. Non mi piace parlare di politica perchè poi puntualmente mi girano le balle, e a ragione direi, perchè dopo che senti certe cose (peraltro risapute) non possono non girarti le balle. E siccome a me sono girate parecchio, beh giratevele pure un pò voi.

V-day: Marco Travaglio



 
 
 

Post N° 336

Post n°336 pubblicato il 01 Ottobre 2007 da mind_storm

Ormai torno in questo spazio solo quando ho una giornata di merda, e per fortuna sto tornando sempre meno spesso. Ma questa signori è una giornata di merda e quindi è giusto riconoscerle il dovuto tributo.
Per prima cosa è lunedì, e già sarebbe sufficiente per dare l'etichetta "di merda" in automatico. Per seconda cosa ho un torcicollo da fare spavento. Per terza, ho cacciato quasi 4000 euro di tasse (governo ladro e bastardo) e l'esborso oltre ad avermi prosciugato il portafogli, ha prosciugato pure quasi tutta l'ispirazione che mi serviva per finire un progetto grafico per il mio cliente più importante. Ottimo.

Per fortuna che è ritornato il Boss. Radio nowhere. Clicca qua sotto và...



 
 
 

Post N° 335

Post n°335 pubblicato il 09 Settembre 2007 da mind_storm

Dicono che il cane sia il miglior amico dell'uomo. Quello che non ti tradisce, quello che ti vuole bene e non ti chiede nulla in cambio eccetera. Io avevo un gattino, rosso, col pelo lungo, con gli occhi azzurri. Correva, giocava, e aveva appena imparato a saltare sulle poltrone perchè gli piaceva stare comodo quando si voleva riposare. Gli volevo bene, mi piaceva giocare con lui e lo prendevo in giro perchè aveva i denti ancora piccoli però voleva mordere. Aveva due mesi e un cane bastardo ieri me lo ha ammazzato.

PINK FLOYD - SHINE ON YOU CRAZY DIAMOND





 
 
 

Post N° 334

Post n°334 pubblicato il 10 Agosto 2007 da mind_storm

Mi sono concesso un mese di ferie. Mai vista tanta libertà tutta assieme... era dai tempi della scuola che non facevo vacanze così lunghe, quando il rientro a settembre era traumatico, quando rivedevi i compagni che avevi lasciato mesi addietro, vedevi per la prima volta nuovi compagni, quelli stroncati dalle classi superiori e quelli che per qualche motivo avevano cambiato sezione.

C'era gente che non vedeva l'ora di rientrare a scuola per fare caciara, per rivedere la ragazzina/o con la quale limonava l'anno prima, alcuni (pochi) perchè a loro la scuola piaceva.

Nemmeno a dirlo, io non avevo nemmeno uno di questi motivi per voler rientrare, non sono mai stato un casinaro, non ho avuto storie significative che meritassero un atteso rientro, e normalmente lo studio non mi ha mai entusiasmato. Non ero un asino e non sono mai stato bocciato o rimandato ma diciamo che il mio rendimento era sempre un pò più del minimo sindacale, quando c'era l'ispirazione e quando non c'era un insegnante coglione che mi faceva odiare la materia (vero prof. G. di algebra?), allora i 3 e i 4 fioccavano come neve.

Non avevo aspettative o propositi particolari per il rientro a scuola. Semplicemente rientravo perchè lo dovevo fare.

Ricordo che il primo giorno di scuola alle superiori me ne stavo in disparte aspettando che la campanella dell'entrata suonasse, non conoscevo nessuno quindi non parlavo con nessuno, tantomeno avvicinavo ragazze. A quei tempi le ragazzine erano molto più acerbe di quanto possano essere ora, o meglio le 14enni sembravano 14enni, mica trentenni come certe che si vedono ora, con tanto di minigonna e stivali con tacco assassino, col quale sarebbero pronte a schiacciarti le palle al minino accenno di sguardo storto. Anche i ragazzi erano diversi, erano più rispettosi di adesso, e soprattutto non erano ancora rincoglioniti dalla playstation.

Ora, dopo 10 anni che manco da scuola, il mio rientro a lavoro dopo un mese sarà senz'altro diverso... ma a quello penserò fra 20 giorni, ora mi godo il meritato riposo.
Vi lascio con un pezzo dei Velvet Revolver. Slither.



 
 
 

Post N° 333

Post n°333 pubblicato il 12 Luglio 2007 da mind_storm

Il buio è il mio elemento preferito. La notte è mia alleata, specie nelle sere d'estate. No, non per andare in discoteca tutte le sere, non me ne frega un cazzo di andare in discoteca. La notte è mia alleata perchè porta silenzio, quel silenzio che non siamo più abituati ad apprezzare perchè troppo distratti dalle troppe stronzate nelle quali viviamo immersi ogni giorno.

La notte e il silenzio aiutano a purificare il corpo dal rumore, aiutano a riflettere, aiutano a concentrarsi. E invece abbiamo paura del silenzio, abbiamo paura di stare in silenzio perchè il silenzio mette a nudo le proprie debolezze, costringe al confronto con sè stessi, costringe a chiederci se siamo buoni o cattivi, se siamo angeli o demoni.


BLACK SABBATH - heaven and hell



 
 
 

Post N° 332

Post n°332 pubblicato il 11 Luglio 2007 da mind_storm

io faccio un lavoro che presuppone il contatto con la gente, o almeno presuppone che io sia portato, predisposto al contatto con la gente, ovvero andare, parlare, proporsi, chiedere, rompere i coglioni al prossimo, insomma.

Io non sono nulla di tutto questo, non sono portato a parlare con la gente, non mi piace parlare con la gente per vendere qualcosa, non mi piace dover convincere qualcuno a cui non frega un cazzo di quello che faccio, così invece che io ad andar dalla gente, mi sono autoconvinto che sia la gente a dover venire da me, per il semplice fatto che sono bravo a fare il mio lavoro (eh si cazzo, è così).

Tuttavia non è proprio così che funziona, almeno fino a quando uno non diventa talmente bravo che il suo nome funziona meglio di qualsiasi pubblicità. Ad esempio nessuno ha bisogno di sapere che lavori ha fatto Michelangelo, basta solo nominarlo per associare il suo nome a uno dei più grandi artisti di tutti i tempi. Ecco, gente come lui non si è mai fatta pubblicità ma ha sofferto in silenzio finchè la grandezza del loro lavoro è diventata talmente immensa da parlare da sola.
Io farò una cosa del genere, non per presunzione, ma per necessità, visto che ho scoperto di non avere alcuna attitudine commerciale.

Ricordate che il mondo si divide in 2 tipi di persone: quelle che non sanno fare un cazzo e vendono fumo, e quelle che sanno fare qualcosa ma per un motivo o un altro non riescono a dimostrarlo. Di solito hanno la meglio  i primi. Peccato che io oltre a non venderne, non fumo nemmeno, ma sono contento così, gli ultimi saranno i primi.


Hear me now
words I vow
no fucking regrets.
Fuck these chains
no goddamn slave
I will be different.

MACHINE HEAD - IMPERIUM

 
 
 

Post N° 331

Post n°331 pubblicato il 21 Giugno 2007 da mind_storm

OPETH, THE GRAND CONJURATION. E BASTA.



 
 
 

Post N° 330

Post n°330 pubblicato il 16 Giugno 2007 da mind_storm



Ieri ho visto UNA SCOMODA VERITA', il film-documentario di Al Gore sul problema del riscaldamento globale. Gore spiega tutto quello che c'è da spiegare sul perchè i ghiacciai si stanno sciogliendo, perchè gli orsi polari stanno annegando, perchè le cartine del mondo andranno rifatte. E lo fa in maniera chiara e diretta, avvalorata dai risultati delle ricerche scentifiche svolte nel corso degli anni. E' raro che un politico riesca a convincermi ma questo c'è riuscito, forse perchè non parlava di politica.

Col senno di poi, mi chiedo cosa sarebbe successo se al posto di Bush, alla Casa Bianca fosse stato eletto lui. E forse era anche successo, ma qualcuno probabilmente non ha voluto che questo personaggio diventasse l'uomo più potente del mondo, e per un pugno di voti spostati qua e là, ora abbiamo quello che abbiamo.

Signori, se tutto quello che quest'uomo ha detto è vero, siamo nella merda. Perchè? Guardatevi il film e capirete. Se non avete tempo, visitate almeno il sito CLIMATECRISIS.NET.

La pellicola ha vinto anche 2 Oscar, uno per il miglior documentario e l'altro per la miglior canzone. Melissa Etheridge, I need to wake up.


 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: mind_storm
Data di creazione: 05/09/2005
 

FACEBOOK

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

ULTIMI COMMENTI

ULTIME VISITE AL BLOG

sundropG.a.i.aLuceEAnimacassetta2FATA.ASTRATTAunder_siege11mind_stormDrexciyanHybridausdauerpsicologiaforensearmandotestisubjulioalexisdg10amyaerinn78