Post N° 69

Post n°69 pubblicato il 12 Gennaio 2007 da Makataimeshekiakiak

DOMANI SU LIBERAZIONE

USCIRA' QUESTO ARTICOLO DI MICHELE DE PALMA, DELLA SEGRETERIA NAZIONALE DEL PRC

immagine

"…Tagliate i capelli a quell'hippie amico di drogati e vestitelo decentemente perché se vuole vivere in pace come predica demagogicamente deve usare il cervello, deve essere moderato come richiede l'era moderna e stare nel suo…stia attento se vuole vivere nella pace, come predica demagogicamente…" queste sono alcune delle parole che un anonimo ha scritto in una lettera al padre di Giovanni. Un "consiglio a emigrare" perché "qualcuno", nella sua terra, ha deciso che Giovanni Maiolo, giovane ex-assessore comunale di Rifondazione, è pericoloso per gli affari della criminalità organizzata a Caulonia piccolo centro della provincia di Reggio dove è nato Angelo Frammartino. In questi giorni si discute molto di Calabria ma troppo poco dei calabresi, troppo di ceto politico e poco di una generazione di giovani che fa dell'attivismo politico una scelta di passione civile, di riaffermazione del diritto ad avere dei diritti....Continua clicca qui

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 68

Post n°68 pubblicato il 21 Settembre 2006 da Makataimeshekiakiak

Notizie Ansia

Appello a Napolitano
No al raduno dei neofascisti

Roma – L’appuntamento è per il 30 settembre, a Viterbo, dove si sono date appuntamento le sigle di estrema destra di mezz’Europa, invitate da Forza Nuova.
Ma quel raduno non s’ha da fare, secondo i Comunisti Italiani che si sono appellati al Presidente della Repubblica Napolitano. Lo hanno fatto con una lettera il segretario Diliberto, i capigruppo Palermi e Sgobio e l’eurodeputato Rizzo, facendo leva sulla Costituzione che “sancisce a chiare lettere che la Repubblica Italiana, nata dalla Resistenza, ripudia il fascismo e vieta ogni tentativo, anche in forme inedite, di ricostituzione del partito fascista”.
La manifestazione, promossa da un’organizzazione dai connotati “xenofobi e razzisti”, secondo il PdCI, costituirebbe un “vulnus alla sensibilità democratica del nostro paese”.
(Da “la Repubblica” del 21/09/2006)

Ricordate tutti i disordini di febbraio con la manifestazione di FN a Milano, preceduta da una contromanifestazione di protesta per l’autorizzazione concessa al partito di estrema destra, che sfilò con le forze dell’ordine per di più? Ora se ne preannuncia una peggiore, e internazionale per di più.
Viterbo sembra non avere il buon senso di Catania, dove i neofascisti volevano organizzare il 16/9/06 una manifestazione omofoba, poi vietata, in coincidenza di una dell’Open Mind (battezzata per l’occasione come “Orgoglioso Antifascismo”).
L’AntiFascismo è senza se e senza ma. L’incontro di Viterbo è un’offesa all’Italia intera.
Fate girare e spargete la voce della protesta, sta a noi boicottarla.
Jk

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Post N° 67

Post n°67 pubblicato il 06 Agosto 2006 da Makataimeshekiakiak

Fate girare - Appello per la pace

La sera di lunedì 7 agosto chiedi il cessate il fuoco tenendo una candela accesa alla tua finestra.
Se abiti a Roma vieni ad accenderla in piazza del Colosseo alle 19.00.
Passa parola!

Ringrazio Uto88 per la segnalazione.
Jk

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Campioni di quale mondo?

Post n°66 pubblicato il 10 Luglio 2006 da Makataimeshekiakiak

In Corea del Nord è scoppiata una grave crisi per via di test balistici: il Giappone, nonostante la costituzione pacifista, vorrebbe attaccarla onde evitare che attacchi per prima; la Cina e la Russia si dicono preoccupate e caldeggiano una soluzione diplomatica; gli USA, spaventati dalla gittata dei missili, minacciano sanzioni; la Corea del Sud si dice preoccupata di come questo influirà sul rapporto delle due Coree - qualche tempo fa si sperava nella possibile riappacificazione e unione dei due stati.
La Corea del Nord, che dispone di arsenale nucleare, si dice pronta alla guerra totale.

In MedioOriente, continua la strage di palestinesi da parte delle forze israeliane. L'attacco è stato giustificato grazie al pretesto di liberare il soldato rapito dal braccio militare di Hams, ma è chiaro che il vero motivo è proprio colpire Hamas e fare cadere il governo - eletto democraticamente - palestinese.
Israele ha negato, come molte potenze occidentali, aiuti umanitari alla Palestina dall'insediamento di Hamas al governo.

In Italia furoreggia lo scandalo calcistico sulle intercettazioni e sulle partite truccate. Per colpa della vittoria mondiale, potrebbero essere emesse sentenze addolcificate per evitare di macchiare la scena calcistica dopo un successo simile.

In Somalia la situazione umanitaria dopo lo scontro tra i signori della guerra e le corti islamiche è preoccupante. Gli scontri si susseguono tuttora, anche nelle vicinanze dei confini con gli altri stati, Etiopia in primis.

In Spagna, Ratzinger lancia ancora segnali di totale chiusura e bigottismo contro le unioni omossessuali per difendere il ruolo centrale della famiglia.
La nazione spagnola diventa così il secondo stato dove il Papa mette becco in affari di politica interna - il primo è l'Italia.

In Russia, Putin continua la guerra coi ceceni, utilizzando anche la tortura per estorcere confessioni dai prigionieri.
In America, Guantanamo è ancora aperto, pieno di prigioneri fermati illegalmente e illegalmente detenuti. La tortura fisica e psicologica è all'ordine del giorno.
In Cina, continua a mancare la libertà di stampa.

In Italia, mafia e camorra esistono ancora e ancora mietono vittime.
In Italia, il Sismi è accusato di corruzione.
In Italia, la giustizia è lenta e malfunzionante.
In Italia, forze neofasciste esistono ancora e ancora professano l'intolleranza.

In Iraq, una guerra illegale causa ogni settimana centinaia di morti per due-tre barili di petrolio. A questo, si aggiungono torture come ad Abu Ghraib, nei confronti di prigionieri da parte di soldati repressi.

Siete contenti di essere campioni di questo mondo?

Jk

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Libera Censura?

Post n°65 pubblicato il 14 Giugno 2006 da Makataimeshekiakiak

"Libero.it pratica la censura nei blog che ospita all'interno della sua piattaforma.
Un intero post corredato da una immagine da Libero è ritenuta lesiva del "sentimento religioso" di alcune persone è stato cancellato.
Nel pubblicare quella foto, io non ho commesso alcun reato, non ho inneggiato alla violenza, non ho insultato nessuno, ma ho semplicemente espresso un'idea che ho reso più forte corredandola con quell'immagine; per questo ritengo assolutamente illegittima la censura della quale io e un'altra compagna siamo state vittime.
La censura religiosa di Libero non è accettabile in quando le idee non possono essere processate a meno che esse non siamo portatrici di istanze illegali e illecite.
Tutta la vicenda, raccontata in maniera dettagliata, la potete trovare sul mio blog.
Invito tutte le compagne e i compagni blogger, sia che scrivano su questa piattaforma che su altre, a diffondere per la rete, in ogni modo, che Libero pratica la censura.
Perchè le nostre parole, il nostro tempo dedicato alla cura dei nostri blog, alla diffusione delle nostre idee di libertà e giustizia abbiano un senso, chiedo a chiunque ritenga quella da me subita, una ingiustizia che non può passare senza lasciar traccia, di unirsi nella battaglia per la libertà di espressione.
Se Libero non smetterà di praticare la censura invito tutti i blogger a spostarsi su altre piattaforme, invito tutti a protestare, invito tutti a fare ogni atto LECITO che abbia il fine di far cessare questa pratica fascista.
lully_rossa
http://blog.libero.it/comunistadentro/view.php?reset=1&id=comunistadentro "

E' a conoscenza di tutti come la nostra piattaforma abbia la brutta abitudine di censurare, spesso violando la libertà di espressione e di pensiero che dovrebbe invece essere garantita a tutti su questo spazio, e come questa abitudine sia generalmente indirizzata a senso unico verso blog appartenenti ad una determinata area politica.
E' noto, infatti, come ogni giorno blog di ispirazione comunista, anarchica o anche semplicemente illuminista (soliti, cioè, a scrivere liberamente la loro opinione, senza remore nè autocensura), vengano continuamente bannati con i pretesti più assurdi (da una presunta violenza verbale mai trovata,a volgarità inesistenti, alla pubblicazione di foto, come in quest'ultimo caso, che attestano  una verità storica scomoda), mentre blog inutili e stupidi, feroci oltre ogni dire, fascisti, razzisti e integralisti, vengono tranquillamente lasciati aperti, in una strategia politico-sociale che mira evidentemente a istigare alla stupidità e agli scontri verbali violenti.

Libero pratica censura politica e sociale, nel tentativo di nascondere verità o fatti scomodi, mentre volgarità e insipidezze folleggiano liberamente negli altri blog, insieme a idee politiche e religiose inneggianti all'intolleranza, allo scontro, all'odio.
Nel farlo, induce le persone a scrivere con un atteggiamento prono all'autocensura per evitare la chiusura del loro blog, commettendo una forma di mobbing.

Ritengo questo comportamento estremamente scorretto e ipocrita, da censura.
Invito Libero e gli amministratori a giustificare queste censure con prove ed evidenziando i passaggi incriminati, ammesso che siano in grado, e tutti i bloggers censurati ad esporre liberamente la loro versione dei fatti, in modo che queste verità non vengano più taciute.

Jk

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Luogotenenti e falsi generali

Post n°64 pubblicato il 08 Maggio 2006 da Makataimeshekiakiak

E’ singolare osservare come sul dibattito per trovare il candidato adatto alla presidenza della Repubblica, i due generali, P. e B., mantengano un discreto silenzio, frasi accomodanti e propaganda azzurra a parte.

Sono i loro luogotenenti, i segretari dei partiti centristi pseudo destrorsi sinistrorsi, le vere eminenze grigie dietro alla scelta del candidato: Fassino e Fini, Casini e Rutelli. A fare le veci di cui dovrebbe tenere le redini del comando per parte, due ambasciatori, le orecchie più che le lingue dei rispettivi capi. Quale che sia il nome che uscirà dai negoziati, alla fine, poco importa (in serata si è parlato di Napolitano in alternativa a D’Alema), semmai è importato davvero qualcosa: nel cuore degli Italiani, il vero presidente rimane Ciampi, capace non solo di un grande settennato ma anche di sapersi togliere dagli inciuci e dire un no grande e forte ad un secondo mandato, e il suo successore, così come sta succedendo per Giovanni Paolo II e Ratzinger, non sarà altro che un nome,  vuoto della personalità e del carisma necessarie per essere veramente grande, nonché mancante del rispetto e della considerazione necessari degli Italiani.

Quello che conterà davvero, in questa elezione, sarà quindi la parte giocata, le tele e i ricami intrecciati, i patti stipulati e il potere conquistato nell’ambito delle proprie coalizioni o  sottratto al leader della coalizione. Ecco dunque i centristi sfumati di rosso e blu, i 4 grandi partiti nazionali, là a spolparsi la prossima legislatura e a sistemare precari equilibri di potere secondo nuove ottiche.

Per Fini e Casini è un’occasione d’oro: rompere con la Lega tagliandola dal confronto e  delegittimare il generale B., per ottenere, dopo 5 anni di prostra sudditanza, la tanto sospirata libertà e un maggior numero di interlocutori possibili. E mentre la Lega o almeno i leghisti della vecchia guardia non può fare altro che rosicare, Forza Italia è riassunta dall’impasse imbarazzata del suo condottiero: il prode Silvio fustigatore di comunisti ha promesso la linea dura, non pagherà neanche le tasse (bello sforzo, no? Che sacrificio..) al nuovo governo di centro(sinistra), ma intanto cerca ancora un compromesso col nemico, un accordo per non perdere il potere così difficilmente ottenuto e mantenuto, nei 5 anni passati, all’interno della Cdl, dove cominciano a fare orecchie di mercante, avanzando ogni giorno nuove pretese e nuove accuse. Il generale sa che serpeggia la voglia di autonomia nei ranghi alleati, e cerca di stringere almeno i suoi, e quelli verdi-azzurri padani, per restare in pista.

A sinistra, o in quella parte che dovrebbe esserla, Fassino e Rutelli giocano a consolidare le strutture di potere: il partito democratico alle porte segnerà la nascita di un altro colosso dai numeri di FI, ed entrambi sanno che bisogna limitare l’influenza (già scarsa) di P., nel caso si facesse strane idee, per poter aspirare alle massime cariche possibili. Così si spiega la ripartizione del potere: alla Camera, Bertinotti, dopo la desistenza di D’Alema (guarda caso, sempre lui..), sarà troppo occupato e forse compiaciuto per dare fastidio nell’interno della coalizione; al Senato, Marini è benvisto dai centristi azzurri oltre ad essere uomo di fiducia delle bianche margheritine del Signore.

Manca solo il Quirinale. L’ideale sarebbe D’Alema, per i due, e forse anche per qualcun altro: è sempre un personaggio, metterlo come Capo dello Stato faciliterebbe tante cose. E Massimo ci starebbe pure, un incarico di tutto riposo e alto prestigio come questo sancirebbe una grande carriera politica, chiudendola..

E Romano, direte, non fa obiezioni? La risposta è no, non può, non ne ha la forza, nè la convenienza. Anche lui è sistemato dov’è per una ragione, ossia quella di essere persona abbastanza gradita agli elettori di centro(destra), sennò si sarebbe candidato volentieri qualcuno altro. Il generale qui è solo una facciata, una maschera tragica.

Jk

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Dal blog del Grillo..

Post n°63 pubblicato il 20 Marzo 2006 da Makataimeshekiakiak

"Il New Labour deve riconoscere che Berlusconi è il diavolo".

Martin Jacques
16/3/2006
The Guardian

"Non dovremmo essere sorpresi che il New Labour sia stato coinvolto in uno scandalo a causa di Silvio Berlusconi. C’è qualcosa di totalmente prevedibile in ciò. Tony Blair fu felice di avere Berlusconi, insieme con il precedente primo ministro José Maria Aznar, come alleato al tempo della rottura tra Europa e Stati Uniti, nei mesi precedenti all’invasione anglo-americana dell’Iraq. Ha visto in Berlusconi un valido alleato per la sua politica estera pro-Bush. Infatti, è stato più vicino a Berlusconi di altri leader di centro sinistra come il precedente cancelliere tedesco Gerhard Schröder. Questo senso di affinità ha perfino assunto una dimensione personale e familiare, con l’ospitalità data da Berlusconi alla famiglia Blair durante le vacanze. Blair ha chiaramente un rapporto politico e personale con Berlusconi e questo ha influenzato il New Labour: Berlusconi è considerato un uomo con cui si può fare business.
Ciò disturba profondamente. Come può il New Labour valutare Berlusconi in questa luce?
Come è possibile che non veda e rifletta sulla maligna influenza che ha sulla democrazia italiana? Berlusconi è il fenomeno politico più pericoloso in Europa. Rappresenta la più seria minaccia alla democrazia nell’Europa occidentale dal 1945.

Si potrebbe obiettare che l’estrema destra rappresentata da figure apertamente razziste e xenofobe come Jean-Marie Le Pen e Jörg Haider sia un pericolo ancora maggiore, ma queste figure sono marginali nella scena politica europea. Berlusconi non lo è. La democrazia si basa sulla separazione tra i diversi poteri: politico, economico, culturale e giudiziario.
La proprietà da parte di Berlusconi dei maggiori canali televisivi, e il suo controllo della RAI durante il suo Governo, insieme con la sua volontà di utilizzare il potere dei media per le sue ambizioni politiche, hanno minato la democrazia. Egli ha anche cambiato le leggi a suo piacimento, grazie alla sua maggioranza in Parlamento, per proteggere i suoi interessi personali e sottrarsi ai tribunali.

La connessione tra Berlusconi e il fascismo italiano non è difficile da decifrare. C’è sempre stata una tendenza ad aspettarsi che il fascismo ritornasse nella sua vecchia forma, ma questo non è mai stato il vero pericolo. Quello di cui dobbiamo avere paura è il ripresentarsi del fascismo in una nuova veste, tale da riflettere le nuove condizioni globali economiche e culturali del nostro tempo unite alle tradizioni nazionali. Berlusconi è precisamente questa figura. Egli tratta la democrazia con disprezzo: ogni volta cerca di minarla, di distorcerla e di abusarne. Non ha rispetto per i pilastri indipendenti dell’autorità, ed accusa i giudici di essere i tirapiedi dell’opposizione, descrivendoli come “comunisti”. Con il suo indiscriminato assalto a chiunque lo ostacoli, ha avvelenato la vita pubblica italiana.
Egli discende da Mussolini.
L’errore del New Labour di riconoscerlo, peggio ancora di essergli amico, considerarlo un alleato, accettare la sua munificenza e la sua ospitalità, non può essere liquidato come un errore. Riguarda la visione mondiale e la capacità di giudizio politico del New Labour e di Blair.
Tessa Jowell non è un politico innocente, è uno dei membri del Gabinetto. E’ stata a lungo una “Blairite” con una relazione di fiducia con il primo ministro. Ha lealmente sposato le sue posizioni nei confronti di Berlusconi come di una figura con cui fare affari. Può aver conosciuto o meno i dettagli degli affari di suo marito, ma sicuramente sapeva dei suoi contatti con Berlusconi, che lo aveva aiutato con consulenze fiscali ed assistito nei suoi tentativi di resistere ai giudici. E, senza dubbio, Jowell non vedeva nulla di sbagliato in questo. Dopo tutto, Berlusconi aveva la benedizione del suo primo ministro, egli era “dalla nostra parte”.
Ma Berlusconi è un uomo pericoloso con cui si può rimanere intrappolati. Il suo partito, Forza Italia, ha lavorato instancabilmente per assicurarsi l’eredità dei voti della mafia provenienti dalla Democrazia Cristiana.
I suoi tentacoli finanziari hanno abusato e sfigurato la vita politica italiana. Berlusconi considera la legge malleabile, negoziabile e corruttibile.

Il problema è che Blair e il New Labour non hanno mai riconosciuto che Berlusconi è il diavolo. Invece lo hanno trattato da amico ed alleato. Non hanno mai compreso, o non si sono curati a sufficienza, della minaccia tossica che rappresenta per la democrazia italiana ed europea. Ci sono due ragioni per questo. La prima è che è visto come un amico comune di Bush e di Blair. La seconda e che alcuni valori da lui rappresentati: ricchezza, celebrità e potere, sono quelli a cui Blair aspira e ammira. Il New Labour condivide alcune caratteristiche con Berlusconi, un culto del business e dell’arricchimento, il credere nel potere dei media e un disprezzo per la sinistra. Noi stiamo assistendo a un lento degrado della democrazia europea, del quale Berlusconi è la più estrema e perniciosa espressione, ma della quale il New Labour, in una forma più leggera, è in parte causa e in parte conseguenza.

Quando il processo italiano andrà avanti, non ci sono dubbi che altre rivelazioni verranno alla luce. Qualunque cosa David Mills abbia fatto o non fatto non può essere visto come responsabilità di Jowell, Blair o del New Labour. Ma il fatto che il New Labour abbia accettato una così insidiosa influenza politica ha, senza alcun dubbio, aiutato a persuadere Mills che Berlusconi fosse un cliente accettabile e Jowell che non ci fosse nulla di sbagliato nel fatto che suo marito fosse in relazione con lui e con i suoi affari. Per questa ragione il primo ministro deve assumersi la responsabilità principale. Così come per l’Iraq, Blair è colpevole di un monumentale errore politico. La posta in gioco è la democrazia in una delle più grandi nazioni europee e, di conseguenza, la salute del governo europeo".

--------------------------------------------------------------------------------------

L'articolo si commenta da sè, non aggiungo niente, tranne una cosa: è bene ricordare che oltre ad essere un pericolo di suo, il caro Berlusconi ha trovato alleati nell'estrema destra e nella Lega Nord, aumentando la sua pericolosità per il sistema democratico (o per quel che ne resta) facendosi spalleggiare da individui privi di senso storico e ancora legati all'epoca del ventennio, barattando voti con devoluzioni della costituzione..

Jk

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

il cavaliere più forte che mai

Post n°62 pubblicato il 19 Marzo 2006 da jenko89

Jenko torna a scrivervi questa notte, ad un orario alquanto insolito. Jenko non si è mai dimenticato di guardare quello che ci succede intorno e approfitta di un momento di notturno relax per tornare più tagliente ke mai a proporre le sue (per fortuna) sempre condivise convinzioni. La notte trascorre tranquilla in questo bell'appartamento, ospiti del buon Pierge ed in compagnia di due assonnati cronici. Tra una russata più forte ed un sussulto del volume alquanto flebile del televisore, penso al futuro imminente, mio, vostro, nostro. Mio Dio mi viene da pensare. Meno di un mese e sapremo che destino ci tocca. E stranamente, da buon comunista, penso che almeno per una volta sarebbe meglio se il "portatore nano di Democrazia" vincesse e ci continuasse a vendere il fumo per altri cinque anni. Si perchè, parlando seriamente, come si può pensare  di mettersi nelle mani in quel triste omuncolo di Prodi? Fa tenerezza solo a sentirlo parlare, con quella sua fronte aggrottata, le sopracciglia inarcate, le gote belle in salute e quelle spallucce protese verso l'interno quasi ad indicare asservimento ed assoggettamento. Va bene il ruolo di primo ministro, ma se questo riguardasse i semplici rapporti interni. Ma vi immaginate Prodi a colloquio con i grandi della Terra? Ma dai, siamo realisti. Accontentiamoci della merda meno fredda, accontentiamoci del cavaliere di Arcore, teniamocelo stretto altri cinque anni. E speriamo che qualcosa di buono la faccia. E se proprio non dovesse fare niente neanche nei prossimi cinque anni... Beh... Rivoluzione. Hasta la victoria siempre!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

I ministri più apprezzati d'Europa

Post n°61 pubblicato il 18 Marzo 2006 da Makataimeshekiakiak

Dopo l'exploit islamofobo di Calderoli con la sua maglietta fumettata, costato 11 morti e numerosi feriti in Libia (ecco le altre cifre del governo!) e le sue obbligate dimissioni, ecco un'altro ministro italiano svettare dal mucchio con una delle eccelse uscite per le quali siamo noti al mondo...  

Il ministro per i Rapporti con il Parlamento Carlo Giovanardi, UDC, ha paragonato le leggi naziste a quelle olandesi sull'eutanasia. Nel corso di un dibattito a "Radio Anch'io", ha detto: "Le idee di Hitler stanno per tornare in Europa: le leggi olandesi permettono l'eutanasia, e c'è un dibattito sulla possibile soppressione dei bambini con patologie". (Fonte Repubblica)

La presa di posizione non è andata giù al primo ministro olandese, Balkenende, bollandola prontamente "inaccettabile" e dichiarandosi pronto a parlarne con Berlusconi.

Il tema è uno dei più scottanti e complessi di questo millennio: è giusto disporre liberamente e fino alla fine della propria vita?
Ognuno adduce le proprie ragioni per essere pro o per essere contro: chi difendendo la sacralità della vita, chi difendendo la libertà di gestirla in virtù del libero arbitrio.
In Olanda, hanno preso una posizione chiara e decisa, seppure contrastabile, su questo tema. In Italia, influenzati, chi più chi meno, come siamo dal Papa Re, non è possibile nemmeno pensare soltanto di affrontare questo discorso seriamente.

E' giusto, allora, intromettersi nella vita legislativa di un altro stato? E' giusto violarne la sovranità nazionale e popolare, di cui quelle leggi sono espressione diretta, solo per farsi pubblicità in campagna elettorale?
E' giusto avere rappresentanti del popolo così abietti e cinici da prendere in considerazione questo tema solo quando possono lucrarci sopra voti e consensi,snobbandolo poi a giochi chiusi?

In Italia è inutile parlare di eutanasia: ci sta pensando il governo a farsi fuori da solo, rovinando l'immagine del Paese, e senza alcuna dolcezza.

Jk

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

L'importanza di chiamarsi Mussolini

Post n°60 pubblicato il 10 Marzo 2006 da Makataimeshekiakiak

N.d.R: Questo post poteva anche chiamarsi "Ogni scarafona è bella a NONNO suo"

Erano le 20,30 circa ierisera e spulciavo la sezione "Politica" del Televideo Rai... Subito mi colpisce un titoletto a pagina 126: <<Battibecco fra l'on. Mussolini e Luxuria a "Porta a Porta". "Meglio fascista che frocio!">>.

Ecco l'unica cosa che adoro, di "Porta a porta": è registrato nel pomeriggio, non è in diretta. E così puoi andare a leggerti cose simili a pomeriggio e poi guardarti tranquillamente la sera la fascistella che getta la maschera...

Per la cronaca, è la prima puntata in assoluto che seguo dall'inizio alla fine del suddetto pseudo-show, ma valeva la pena darci un'occhiata, credo, solo per vedere come Vladimir Luxuria (al secolo Vladimiro Guadagno, come è stato più volte chiamato dal ministro Castelli durante la trasmissione nel tentativo di offendere) abbia mantenuto la calma di fronte a simili offese, commentando il vanto della signora Mussolini con un'ironico "Grazie".

Ma come si arriva all'insulto?
Il programma parte così: DiPietro e Luxuria da una parte, Castelli dall'altra con la Mussolini (in ritardo); in scaletta: Corano nelle scuole, immigrazione, Pacs.
I baldi difensori dell'onor italico cominciano subito col provocare i due candidati dell'opposizione, che in effetti subiscono molto per tutta la trasmissione (spettacolare lo sproloquio da disco rotto di DiPietro "Io sono cattolico, sposato con regolare matrimonio,favorevole anche al matrimonio concordatario", un mantra ripetuto a più intervalli) ma che tentano di dialogare sui temi senza sfociare nell'insulto.
Non vi tedierò riportando passo passo tutto quello che hanno detto; per arrivare al punto, DiPietro, dopo una serie di uscite infelici della leader di Alternativa Sociale (che corre col centrodestra) con una presa di posizione molto radicale a favore "dei nostri figli" (per chi vede i Simpson, fatevi conto che strepitava come la moglie di Lovejoy) a priopri nei confronti di immigrati :"rubano il lavoro ai nostri figli" e dei Pacs :"si penalizzano i bambini e arriverete a chiedere l'adozione" dei piccoli "da parte delle coppie omosessuali" (il che dimostra quanto la signora sia preparata sul tema: i Pacs mirano solo a parificare i diritti delle coppie omosessuali e non a quelli delle coppie sposate), se ne esce con un "Sei fascista".

La replica? "Sono fiera di esserlo, me ne vanto!"
E Luxuria "Sono preoccupata, ci manderete al confino?"
E in un crescendo, "Ti vesti da donna e pensi di poter dire quello che vuoi", si arriva all'1 e 30 alla battutona "Meglio fascista che frocio!", che, tanto per sottolineare l'importanza, è stata diffusa anche alle agenzie internazionali di stampa estera...

Ho poi letto su alcuni blog, anche extra-Libero, che l'episodio è stato giudicato come una caduta di stile.
Personalmente,mi è sembrata una caduta di maschera, lo smascheramento finale e volontario di chi si nasconde dietro nomi nuovi ma continua a pensare come quando c'era lui; mi è sembrato un'autogol, limpido e netto, in periodo elettorale; mi è sembrata l'ennesima prova che la politica si è trasformata in un gioco al massacro, in una gara dell'insulto e della deleggitimazione e della discriminazione.

Jk

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

albaneseannamaria85giuseppebobbio1989Fatamorenaminsterr999volandfarmlottergsctthsoelorteyuwtoorresaSdoppiamoCupidovogliadiviver82gelsomina_a_volteMakataimeshekiakiakstonefree79
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom