1 destino

il mio

Creato da vhagos il 10/01/2007

IL PIU BEL 10 E LODE

Un premio di dieci e lode perchè sei: Mosaico sfaccettato di pensieri e percorsi umani, fratello fedele e leale, estimatore delle pennellate incorniciate, restauratore e costruttore di torri e pilastri, voce rossa sensibile e valorosa, volto istrionico di sentimenti sinceri, giostra di colori ed emozioni
Principessapersiana

 

Contatta l'autore

Nickname: vhagos
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 52
Prov: RM
 

Lo stato è laico

 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

marinovincenzo1958sols.kjaerbagninosalinaroninokenya1andrea.massaro1967vhagostrampolinotonantestrong_passionbenedetta.dilisageocollovaRuNaWaYbRyDecobo7elio.tagliaferriverlaine3drhause78
 
 

il bacio di un amica

immagine

Ai tuoi meravigliosi pensieri disarticolati……

Alla tua intensità nel dire le cose……..

All’amore, grande………immutato che ancora ti nutre,

ma che ti spezza in due dal dolore…

 

 

« La faccia come il culo o...

fu locomotiva

Post n°251 pubblicato il 29 Luglio 2009 da vhagos

E' da un pò che non scrivo su questo blog... il motivo forse è che sono un pò stanco.
Ci sarebbe così tanto da dire, da riflettere, da discutere... ma a volte mi chiedo: a che serve? possono le mie riflessioni contribuire a cambiare le cose? a volte credo proprio di no.
Consapevole che la nostra civiltà è ormai alla "frutta", che il declino a livello mondiale è iniziato da tempo, non possiamo fare a meno che assistere alla nave che affonda...
La nostra civiltà che anno dopo anno è diventata sempre più complessa sta per collassare sotto il peso dei mancati benefici (economici ma non solo) che la complessità stessa gli dava fino a pochi anni fa; insomma stiamo per fare la fine di tutte le altre civiltà della storia che si sono espanse fino ad un certo punto e poi sono implose, come l'impero romano. Naturalmente tutto ha origine dalla non "sostenibilità" di queste civiltà; dalla loro "crescita" come condizioni necessaria all'esistenza.
Ma mentre il mondo va a rotoli lentamente, ma inesorabilmente, l'Italia ha deciso di suicidarsi subito. Non riesco più a guardare le notizie che vengono dall'Italia. Mi deprimo; mi disgusto; e non vedo via di uscita. Come siamo caduti così in basso? come è possibile che il governo che guida l'Italia sia sostenuto dalla popolazione? capisco che non si vede alternativa valida all'orizzonte (anche se forse c'è ma semplicemente i media non gli danno voce, e quindi non esiste) ma esaltare il "Nano" no!
Possibile che non si vede il pericolo? l'Italia è ormai nelle mani di donne pronte a concedersi al "drago" ed uomini che per aggraziarselo sono pronti a strisciare come vermi. Gli italiani hanno dato il paese in mano a puttane e leccaculo.
Questo clima da "fine dell'impero" è asfissiante. Ma naturalmente questo è quello che in pochi vedono, sentono, percepiscono e si preoccupano; il resto degli italiani bela.
Non c'è un giorno che trovi una buona notizia; la lista delle leggi devastanti per il nostro futuro si susseguono ad un ritmo incredibile. Andiamo dalla nuova legge sulla caccia alla nuove centrali nucleari; dalla legge sulla "sicurezza" alla legge per imbavagliare internet; senza parlare delle leggi che dovrebbero "sostenere" il nostro futuro economico.
L'Italia è diventata fascista; e si vede nella superficialità dei discorsi, nell'egoismo che ci vede tutti contro tutti: il nord contro il sud, una regione contro l'altra, una provincia contro l'altra; possibilmente un comune contro l'altro o un quartiere contro l'alto.
Ci si è dimenticati dell'ABC della democrazia: è il popolo che sa cosa è meglio per se stesso (invece ora è il capo del governo che sa cosa è meglio per il popolo); i processi decisionali vanno sempre dal basso verso l'alto (e non dall'alto verso il basso).
E mentre in Europa si chiedono come tutto ciò sia possibile la credibilità del nostro Paese e degli italiani va a puttane (come il nano premier)
Sembra passato un secolo da quando si scendeva in milioni per le strade a contestare il potere... un'altra grande forza spiegava allora le sue ali, parole che dicevano "gli uomini sono tutti uguali"....

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/vhagos/trackback.php?msg=7446965

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
indianina67
indianina67 il 31/07/09 alle 13:13 via WEB
Lù, è proprio per questo che io non mi stanco di dire, di raccontare, di parlare, di scrivere. Lo so che nel mio piccolo serve a poco, forse a nulla, ma già informarsi è tanto ed è difficile. Grazie alla rete si può trovare ciò che si cerca ciò che spesso non troviamo sui mass media ufficiali e compiacenti. Ed è proprio questo quello che va reso noto. Io ho un telefonino da quattro soldi e un abbonamento ad Internet sul cellulare da due euro a settimana. Quando sono sul treno, durante quell'ora, mi leggo Repubblica, sì, ma leggo Grillo, Travaglio, la stampa estera, e poi posso "dirle", le cose. E serve, spero, anche dirle su un blog, serve anche quando hai dei coglioni che ti rispondono e pensano di offenderti, senza rendersi conto che in realtà il paragone con loro è un grande complimento. Bacetti. :)
 
principessapersiana
principessapersiana il 02/09/09 alle 23:19 via WEB
Non abbiamo gli strumenti di cambiare, ma guai a fermare la forza di denunciare che si deve e si può cambiare i sistemi immeritevoli. *Ciao fratellì, un abbraccio*
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

IO STO CON GAZA!

 

Il mio motore di ricerca

 

QUE VIVA FIDEL

 

lider maximo

 

con la luz de tu sonrisa

 

visto da una principessa

Tu, con l'espressione malinconica
e quel sorriso in più,
cosa mi fai ?
Stai cosí vicino, cosí immobile
parla qualcosa,
non ti ascolto mai.
I maschi disegnati sui metro
confondono le linee di Miro.
Dalle vetrine, dietro ai Bistrot
Bistrot.
Ogni carezza della notte
è quasi amor.
I maschi innamorati dentro ai bar
ci chiamano dai muri di città
Dalle vetrine, dietro ai juke box
Box.
Ogni carezza della notte
è quasi amor.
Tu sotto la giacca,
cosa avrai di più,
quando fa sera
e il cuore si scatena.
Mi va, sulle scale poi te lo lo darò
geb ich dir,
quello che sento
parlami ancora un po'.
I maschi innamorati dentro ai bar ......
Ai maschi innamorati come me
ai maschi innamorati come te
quali emozioni, quante bugie,

ma questa notte voglio farti le pazzie.
Ai maschi innamorati come me
ai maschi allucinanti più di te
non è mai ora a dirti addio
tutta la notte voglio ancora farvi mio


immagine

 
 

qualità nel nome