Creato da Web_London il 15/04/2015

Note a margine

A volte di vince, a volte si perde ma la lotta è sempre impari

 

« "E dentro metti quello ...«Su le mani!» ... (e se... »

Solo un filo di vento sottile

Post n°186 pubblicato il 03 Marzo 2016 da Web_London

 

Le storie si raccontano con calma e senza aver troppa fretta.
Qualcuna te l'ho già raccontata, qualcun'altra, se avrai voglia e pazienza, te la racconterò.
Ma stasera piove, il cielo è uno scuro telo nero e io ho tanta voglia di
sedermi sulla poltrona nuova, mettermi vicino la stufa e ascoltare quale rumore fa la pioggia.
Ogni volta è diverso.

Se il vento arriva da ponente, l'acqua viene giù, batte sui vetri e poi se ne va senza che tu quasi te ne accorga.
Se invece arriva da levante si rovescia sul tetto del porticato ed è come se il creato si stesse staccando a pezzi dal cielo.
Stasera il vento è solo un filo sottile e a stento sento l'acqua battere sui vetri, leggera e fina che è un piacere stare qui ad ascoltarla.

Ho voglia di accendermi il sigaro che mi ha regalato Massimo un paio di giorni fa per festeggiare l'arrivo della terza figlia e di partire con quel libro che da più di due mesi sta sopra il comodino e ogni sera mi fa l'occhiolino pretendendo da me qualche attenzione.
Gli lascio una trentina di pagine per agganciarmi altrimenti lo mollo, ritorno qui e ci raccontiamo una storia.

Ci pensavo in questi giorni, io non posso cambiare il mio passato, nè tu puoi cambiare il tuo.
Possiamo guardarlo dritto negli occhi e dargli il posto che più ci piace, che ne risalti i contorni, se ne siamo fieri, oppure possiamo metterlo dentro una scatola di scarpe, riporlo in un cassetto e per una quindicina d'anni non pensarci più.
Puoi farne tutto ciò che vuoi ma il passato non lo puoi cambiare.
Ora sta a te decidere.
Io non ho nessuna verità in tasca da rivelarti e non ho nessuna intenzione di dartene una.
La mia, poi, non valerebbe un centesimo di più della tua. Non è compito mio e non è compito tuo rivelarla tu a me, ognuno si fa i conti con le proprie.
Noi possiamo solo ascoltarci e raccontarci delle storie.
Qualcuna te l'ho già raccontata, qualcun'altra è ancora qui da qualche parte.
Di storie ne ho fin che vuoi, alcune ti farebbero accapponare la pelle per giorni interi e tu non ci crederesti mai.
A volte, quando ci ripenso, faccio anch'io fatica a crederci e mi chiedo seriamente se siano successe davvero o se invece me le sono solo immaginate.
Poi le ritrovo una alla volta sparpagliate nei posti più impensabili della mia casa e mi accorgo che sono vere, sono tutte vere.
E' solo che spesso mi dimentico dove le ho messe.


 

...


Elvis Costello
Almost blue

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ULTIME VISITE AL BLOG

cassetta2moon_Iper_letteranadiaemanuSoloDaisyQuartoProvvisoriomaresogno67Arianna1921aldebaran630Web_Londonlisa.dagli_occhi_blugiovanni.franconeEstelle_kossimora
 

ULTIMI COMMENTI

Ci sono situazioni per qui non puoi far niente, come per...
Inviato da: Mat
il 27/03/2024 alle 09:27
 
Vivere nell'attesa o nell'attesa vivere? Un caro...
Inviato da: SoloDaisy
il 23/03/2024 alle 22:36
 
Se provo immaginare gia m'inquieto ^_^
Inviato da: Web_London
il 12/03/2024 alle 21:30
 
No, non si finisce mai
Inviato da: Web_London
il 12/03/2024 alle 21:28
 
Sono d'accordo con la riflessione delle scelte Web, ma...
Inviato da: Estelle_k
il 12/03/2024 alle 19:20
 
 

_____________________________

 

 

_____________________________

 
 

_____________________________________

 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963