Fantozzi, la “figlia Mariangela” vive con 600 euro al mese: «Temo di finire sotto i ponti»

Share on TwitterShare via emailShare on LinkedInPin it on PinterestSubmit to redditShare on Tumblr

Mariangela, la mitica figlia di Fantozzi sul grande schermo vive un momento difficile

I casting da remoto, l’addio a Roma e il trasferimento a Vicenza dalla madre anziana, vivere con 600 euro al mese, così Maria Cristina Maccà (questo il suo vero nome), 53 anni, che nei film interpretava il ruolo della figlia di Fantozzi, racconta al Corriere  le sue paure.

5631344_maria_cristina_macca2

«Vado avanti con i provini da remoto. Prima mi dicono: ci mandi un “self tape”, un auto registrazione, poi l’immancabile le faremo sapere». E più nulla, spariscono. Per l’attrice, già Mariangela nella saga di Fantozzi, la pandemia è stata la mazzata finale.

Ha dovuto lasciare Roma per tornare a vivere con la madre a Vicenza: «Lavoro da quando a 15 anni trasportavo i pacchi in un magazzino di abbigliamento. Non ho mai chiesto nulla a mia madre. Mi sono sempre sostenuta da sola, lavoravo anche quando ero una studentessa dell’Accademia Silvio D’Amico». E adesso i 600 euro dello Stato non bastano: «Vado avanti con i risparmi che ho accumulato negli anni, ma quanto può durare? Ho paura di finire sotto un ponte». Trentasette produzioni tra cinema e tv, e altre 40 teatrali. Ha collaborato con Mario Monicelli, Pupi Avati, Carlo Vanzina, Neri Parenti e Paolo Villaggio l’attrice è stanca, spaventata, non si sarebbe mai aspettata un passaggio del genere nella sua vita. «Rifarei tutto, forse però me ne andrei all’estero, perché qui in Italia la meritocrazia ha lasciato il posto alla mediocrità. E col Covid le cose sono solo peggiorate. Non chiedo sussidi: voglio solo lavorare, sono pronta a ripartire daccapo. Anche se non sono più giovanissima il coraggio e la grinta non mi mancano».

Fantozzi, la “figlia Mariangela” vive con 600 euro al mese: «Temo di finire sotto i ponti»ultima modifica: 2020-12-08T18:15:07+01:00da denisamariutei97
Share on TwitterShare via emailShare on LinkedInPin it on PinterestSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.