La ricetta della crostata

hd650x433_wm

Oggi parleremo di uno dei dolci più buoni che ricorda la cucina della nonna: la crostata

La crostata alla marmellata è la più famosa ma può essere farcita anche con la Crema, la ricotta, la cioccolata.

Ecco la ricetta:
300 gr di farina 00
150 gr di zucchero
100 gr di burro freddo
1 uovo
1 tuorlo d’uovo
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 pizzico di sale
1 vasetto di marmellata

Ecco il procedimento:

Mescolate in una ciotola la farina insieme al lievito, allo zucchero e al sale. Quindi aggiungete il burro morbido a pezzetti piccoli oppure grattugiato e lavorate il tutto con la punta delle dita, fino ad ottenere un composto sabbioso.

Fate una conca al centro del composto e procedete aggiungendo l’uovo e il tuorlo. Impastate il tutto fino ad ottenere una pasta morbida ma non appiccicosa.

Prendete la pasta frolla, formate una palla e avvolgetela nella pellicola trasparente alimentare. Fatela riposare in frigorifero per almeno mezz’ora. Passato il tempo, riprendetela e mettetene da parte un terzo.

Stendete i due terzi rimanenti su carta da forno fino ad ottenere un disco non troppo sottile e di circa 30 cm di diametro. Sollevatelo con tutta la carta e deponetelo in una teglia rotonda di 24 cm di diametro e 3 cm di bordo. Rivestite bene i bordi facendo sbordare eventualmente la pasta fuori dalla teglia.

Tagliate la pasta eccedente il bordo della teglia e aggiungetela a quella messa da parte in precedenza. Bucherellate la base della crostata con una forchetta e spalmate la marmellata sul disco di pasta in maniera omogenea.

Stendete la pasta frolla rimasta e ricavatene, con il taglia pasta liscio o dentellato, delle strisce di circa 2 cm di larghezza. Utilizzate queste strisce di pasta frolla per rifinire il bordo esterno della crostata e per formare la classica gratella centrale.

Cuocete la crostata alla marmellata in forno ventilato per 30 minuti a 180 °C. Una volta che si sarà ben dorata in superficie, sfornatela e fatela intiepidire prima di toglierla dalla teglia.

Buon appetito a tutti!

Moda inverno 2018-2018

moda-e1475667909175

L’inverno è alle porte e le tendenze della moda 2018-2019 è all’insegna del ritorno agli anni 70-80 e del leopardato.
Le tonalità vivaci si alternano alle nuance delicate per un vero gioco di colori.

Capi e gli accessori in pelle e similpelle come le gonne – nere o nei colori della terra, jeans, cropped flare e i mom a vita alta. Ritornano gli stivali in stile texano – gli iconici camperos – e le mini bag dalle forme particolari.

Siete pronte per un meraviglioso e caldo inverno? 😉

Lo zenzero

ZENZERO-COP-640x379

Lo zenzero è una spezia e ha mille virtù e proprietà, favorisce il benessere dell’organismo.
Lo zenzero è davvero prezioso ed è ricco di proprietà e di benefici per la salute. Si tratta di una spezia che rivitalizza, ringiovanisce e ha un’azione benevola sul nostro corpo.
Lo zenzero ha un potere antinfiammatorio, antidolorifico, antiossidante, digestivo e antibatterico.
Assumere ogni giorno una tazza di tisana alla zenzero ogni giorno dopo i pasti è un alleato fidato per la nostra salute!

Preparare un tè perfetto

Tea

Per trascorrere un pomeriggio con gli amici con un tè delle cinque, ecco come preparare un perfetto tè all’inglese con regole precise.
L’acqua pee il tè deve essere dolce e poco mineralizzata per non alterare il sapore del tè.
Anche la temperatura è molto importante e varia in base al tè che si vuole preparare. I tè neri richiedono i 96°, mentre per quelli più delicati come quello verde o quello bianco, l’acqua deve essere intorno ai 70°. Se non avete i bollitori dove si può impostare la temperatura potete usare un semplice termometro alimentare.
La regola vuole che si usi una teiera di porcellana.
Una volta che l’acqua avrà raggiunto la temperatura ideale versatene un po’ nella teiera, lasciatela per un paio di minuti e poi versate il resto dell’acqua calda.
Mettere le foglie di tè in infusione nella teiera e poi filtrarlo.
Il tempo di infusione dipende dal tipo di tè, generalmente va da 3 ai 6 minuti, tempo indicato comunque sulla confezione.
Gli inglesi usano aggiungere il latte senza lo zucchero. No al limone. Leggi tutto “Preparare un tè perfetto”

Come apparecchiare la tavola per il tè

DSC_0173

Per un gustare una deliziosa tazza di tè delle cinque, la tavola ben apparecchiata fa parte del gioco, perché anche l’occhio vuole la sua parte.
Prima di tutto scegliere un bel servizio da tè completo, una tovaglia di lino bianco, tazze in ceramica, lattiera, piattini decorati. Io personalmente preferisco quelle con motivi a fiori.
Ma la caratteristica del tè è l’abbondanza del cibo, la tavola deve essere imbandita con biscotti, scones, cup cake, tramezzini, gelatine di carne, pasticci di prosciutto e torte.
Buon tè Delle cinque a tutti!

Le sale da tè in Giappone

sc145898-1

In Giappone le Sale da tè vengono chiamate chashitsu, locali costruiti secondo precisi canoni architettonici volti ad esaltare le caratteristiche estetiche e intellettuali della cerimonia del tè.
La peculiarita’ delle case da tè giapponese è l’ochaya, termine che si riferisce agli esclusivi locali in cui i ricchi maschi venivano, e vengono tuttora, intrattenuti dalle geishe.
Le più famose sono le tradizionali ochaya di Kyoto, specialmente quelle dell’antico quartiere di Gion.

Chi ha inventato le bustine di tè

Bustine-di-te-impacco

Certamente non è una domanda consueta, ma chi ha inventato le bustine da tè?
Il suo nome è al Thomas Sullivan, commerciante newyorkese, che nel 1908 iniziò a confezionare le foglie di tè in sacchettini di seta cuciti a mano con per sponsorizzare il tè che produceva, inviandone un sacchetto gratuito ai clienti.
I sacchetti presentavano molti vantaggi rispetto alle confezioni di metallo usate fino a quel momento perché erano leggeri, meno ingombranti e soprattutto meno costosi.
L’idea di Sullivan si rivelò un successo, i clienti, anziché svuotare il contenuto dei sacchettini per far bollire le foglie di tè contenute all’interno, li immergevano direttamente in acqua per poi berne l’infuso.
Sì diffuse quindi questa nuova usanza che permetteva di poter preparare e gustare in breve tempo la bevanda calda. I sacchettini di seta furono sostituiti dalla garza e successivamente dalla carta.

Un matrimonio in sala da tè


Ritz-EVD1.jpg1Quando si pensa al ricevimento del matrimonio è normale scegliere un ristorante, una villa, la spiaggia…..
Ma un ricevimento in una sala da tè?
Immaginiamo di spostarci alle 15,30 e di iniziare la festa nella sala da tè alle 17,30.
Sarebbe perfetto per un bel matrimonio invernale, con tanto tè caldo di tutti i gusti, pasticcini, tramezzini, scones, dolcetti e un bel bicchiere di champagne!
E per finire una bella torta nuziale.
Certamente non convenzionale ma tanto originale e con una nota romantica dal sapore vintage.