Fedez contro tutti

Fedez si è fatto male, come sta? Dovrà stare fermo parecchio tempo

Bagarre a causa delle esternazioni di Fedez al Concertone del Primo Maggio, per queste parole che i destinatari hanno assimilato a vere e proprie pietre:

È la prima volta che mi succede di dover inviare il testo di un mio intervento perchè venga sottoposto ad approvazione politica, approvazione che purtroppo non c’è stata in prima battuta, o meglio dai vertici di Rai3 mi hanno chiesto di omettere i partiti e i nomi e di edulcorarne il contenuto. Ho dovuto lottare un pochino ma alla fine mi hanno dato il permesso di esprimermi liberamente”.

Per quanto riguarda le maestranze del mondo dello spettacolo, Fedez si è rivolto direttamente a Draghi dicendo:

Caro Mario, capisco perfettamente che il calcio è il vero fondamento di questo Paese, però non dimentichiamoci che il numero dei lavoratori del calcio e il numero di lavoratori dello spettacolo si equivalgono. Quindi, non dico qualche soldo, ma almeno qualche parola, un progetto di riforma in difesa di un settore che è stato decimato da questa emergenza e che è regolato da normative stabilite negli anni Quaranta e mai modificate a dovere fino a oggi. Quindi caro Mario, come si è esposto nel merito della superlega con grande tempestività sarebbe altrettanto gradito il suo intervento nel mondo dello spettacolo, grazie”.

Non del tutto satollo, il rapper ha attaccato la Lega sul Ddl Zan.

Ovviamente mamma rai ha tenuto a dire la sua:

“Rai3 e la Rai sono da sempre aperte al dibattito e al confronto di opinioni, nel rispetto di ogni posizione politica e culturale. È fortemente scorretto e privo di fondamento sostenere che la Rai abbia chiesto preventivamente i testi degli artisti intervenuti al tradizionale concertone del Primo Maggio, per il semplice motivo che è falso, si tratta di una cosa che non è mai avvenuta. Né la Rai né la direzione di Rai3 hanno mai operato forme di censura preventiva nei confronti di alcun artista del concerto: la Rai mette in onda un prodotto editoriale realizzato da una società di produzione in collaborazione con Cgil, Cisl e Uil, la quale si è occupata della realizzazione e dell’organizzazione del concerto, nonché dei rapporti con gli artisti. Il che include la raccolta dei testi, come da prassi”.

A seguito di questa smentita, Fedez ha pubblicato il video della telefonata. Qui i dettagli.

Ora, ma chi ha detto che l’arte non deve fare politica? In tempi come questi dovrebbe diventare una necessità per tutti i veri artisti. E se pure Salvini, alla vigilia del concertone, si era espresso in questi termini:

Sono curioso di vedere se stasera al concertone del Primo maggio ci sarà qualche artista di sinistra che farà il solito comizio di sinistra, mancando di rispetto a chi paga il canone e alle lavoratrici e ai lavoratori che non hanno colore politico”, al monologo di cui sopra ha replicato:

Reinvito Fedez a bere un caffè, tranquilli, per parlare di libertà e di diritti. Il diritto alla vita ed all’amore sono sacri, non si discutono. Per me anche il diritto di un bimbo a nascere da una mamma e un papà è sacro, mentre il solo pensiero dell’utero in affitto e della donna pensata come oggetto mi fanno rabbrividire. Così come, da padre, non condivido che a bimbi di 6 anni venga proposta in classe l’ideologia gender, o si vietino giochi, canti e favole perché offenderebbero qualcuno. Non scherziamo”.

Fedez contro tuttiultima modifica: 2021-05-02T12:26:31+02:00da VIOLA_DIMARZO
  1. P.S. La cerimonia degli Oscar non è stata trasmessa in Cina, e sui social i commenti di orgoglio per la vittoria di Zhao sono stati cancellati. Il regime non ha gradito una vecchia intervista, risalente al 2013, in cui la stessa affermava di aver trascorso in Cina un’infanzia “circondata dalle menzogne”.

    • Proprio il contrario, su censura e diritti, l’abisso che raccontiamo è sempre e solo ipocrisia e quel sentirci migliori di loro è patetico. I nodi vengono sempre al pettine, ma noi siamo così pieni della nostra imbecillità che basterà tagliarli e continuare a parlare di quelli degli altri.

      Da un altro lato, quando sopravvalutandoci parliamo male dei nostri giovani, devo dire che Fedez ha dato una lezione di diritto e di coerenza intellettuale mettendosi in tasca la pochezza non solo dell’intelligentia della RAI, ma di tutti quei conduttori televisivi, giornalisti e sindacalisti che da servetti di partito si atteggiano ad essere indipendenti.
      Un altro sorriso. Va meglio?

  2. ok, però in Italia possiamo almeno fare fumo, mentre i cinesi boicottano quello che dovrebbe essere un orgoglio nazionale per aver semplicemente espresso un rimpianto (“infanzia circondata dalle menzogne”). Detto ciò, la smetti di bacchettarmi, invitandomi a sorridere? 🙂

Rispondi a VIOLA_DIMARZO Annulla risposta