Ocse: danni della Brexit in Italia più che nel resto d’Europa

L’Italia è il paese europeo che ha subito i danni maggiori dalla Brexit. Sembra un paradosso ma è così. A sostenerlo è l’Ocse, ovvero l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Brexit dannosa per l’Italia secondo l’Ocse

brexit-ocseLa capo economista dell’istituto, Catherine Mann, durante un’intervista rilasciata all’Ansa a Parigi dice: «Più del 40% dell’export italiano è diretto verso l’Europa. A seguito della Brexit, il danno che si è prodotto è valutabile nel 1% del Pil italiano nel 2018».

Non si è parlato solo di questo, però. Mann ha anche affrontato il tema del referendum. A due mesi dal voto, l’Ocse sembra schierarsi per il ‘si’ al varo delle riforme costituzionali. Secondo Mann «sono la chiave per sostenere la crescita dell’Italia e, limitando l’incertezza politica, creano un clima migliore per progredire».

Circa il sistema bancario italiano, invece, Mann parla di un percorso ancora lungo. «L’Italia è attualmente a metà del guado. Per rafforzare strutturalmente il suo sistema bancario l’Italia non è ancora arrivata dall’altra parte. Le banche italiane sono in una sorta di limbo, risparmiatori e investitori lo sanno bene, e questo contribuisce ad intaccare la fiducia».

Ocse: danni della Brexit in Italia più che nel resto d’Europaultima modifica: 2016-10-02T11:06:29+02:00da nonsparei

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.