Moody’s: banche in difficoltà se vince il “no ” al Referendum

Il destino del sistema bancario italiano potrebbe legarsi a filo doppio al prossimo referendum costituzionale. E’ quello che sostengono gli analisti di Moody’s. Secondo loro in caso di affermazione del fronte del “no”, il comparto bancario italiano potrebbe uscirne penalizzato.

Il parere di Moody’s

moodysIl punto è che un esito negativo della consultazione referendaria, potrebbe essere interpretato come un segnale di poca capacità del governo di portare avanti le riforme. Questo metterebbe a rischio non solo il piano di ricapitalizzazione di MPS, ma anche eventuali aumenti di capitale delle banche più deboli alle prese con piani di cessione degli Npl.

Gli analisti fanno il nome di Carige, Veneto Banca e Popolare di Vicenza. Ovvero quegli istituti che prima di altri dovrebbero ridurre i deteriorati e quindi chiedere capitale. Tuttavia, questo diventerebbe molto complicato se non ci fosse la piena fiducia da parte degli investitori.

In generale – sostengono da Moody’s – una vittoria del “no” e una conseguente minore fiducia negli asset italiani «potrebbero rallentare il processo di pulizia dei bilanci dallo stock di Npl»e di un rafforzamento patrimoniale, che però è «più urgente per le banche più deboli», mentre le altre hanno più tempo a disposizione.

Moody’s: banche in difficoltà se vince il “no ” al Referendumultima modifica: 2016-10-13T23:46:25+02:00da nonsparei

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.