Costo del denaro, la Turchia vara una stretta decisa per rimediare ai danni di Erdogan

Di fronte a una inflazione che è tornata a galoppare (al 15,6% a febbraio), e in mezzo a una nuova ondata di sfiducia, la Banca centrale della Turchia è tornata a intervenire in modo deciso. Anche se Erdogan non avrebbe voluto, l’istituto centrale turco ha deciso di alzare il costo del denaro.

La mossa sul costo del denaro

economia turcaNel meeting di giovedì, la CBRT ha deciso di effettuare una manovra restrittiva sui tassi di interesse. Cosa messa in conto dai mercati, che però non si aspettavano un balzo di 200 punti base del il costo del denaro, bensì la metà. L’istituto centrale ha alzato i tassi d’interesse dal 17% al 19%, con una mossa quindi forte e decisa.
Del resto la situazione in Turchia si stava facendo pesante.

La situazione tesa della Turchia

Il governatore Naci Agbal ha precisato sia che la linea restrittiva sarà tenuta per un periodo esteso di tempo. Ma ha pure aggiunto che se vi fosse la necessità, la CBRT non esiterà a procedere a nuovi aumenti. Alla faccia di Erdogan che solo pochi giorni prima, aveva rimpianto il vecchio governatore (suo cognato) che lo assecondava nei suoi desideri di avere tassi sempre bassi.
Ma la situazione dell’inflazione era troppo pesante per non agire. E neppure la Lira turca stava messa meglio, visto che contro il dollaro era arrivata a cancellare del tutto i guadagni realizzati quest’anno.

Effetti sul mercato

Dopo il rialzo del costo del denaro fatto da Agbal (che in questi quattro mesi e mezzo di carica ha già alzato il costo del denaro di 875 punti base), i mercati hanno reagito subito, premiando la scelta. La lira infatti si è apprezzata del 2% contro il dollaro, per la gioia di quelli che sanno Forex day trading cos’è. Invece i rendimenti a 10 anni sono scesi.

Consiglio: quando si negoziano valute emergenti, è ancora più importante sapere che cos’è trailing stop loss e come utilizzarlo.

Fino a quando durerà?

Tuttavia, c’è sempre una certa diffidenza verso la Turchia. Del resto questo è un film già visto nel 2019. Infatti dopo il tracollo della Lira di quel periodo, ci fu una maxi-stretta benefica. Ma poco dopo, appena le acque si calmarono, Erdogan mise di nuovo pressioni sulla CBRT per allentare la politica monetaria. E così aprì di nuovo la strada al tracollo, cui Agbal sta cercando di porre rimedio.

Costo del denaro, la Turchia vara una stretta decisa per rimediare ai danni di Erdoganultima modifica: 2021-03-19T09:45:52+01:00da nonsparei

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.