Creato da: domenicomolinini il 09/02/2010
& dintorni

Area personale

 

link amici

Tempo vivente

Domenico Molinini - Tempo vivente

Concerto per Flauto e Pianoforte
Flautista Michele Bozzi
Pianista Gianni Saponara
29 Giugno 1980 - Corato

I parte

 

II parte

 

Ildebrando Pizzetti, Messa di Requiem

 

Ildebrando Pizzetti, Concerto dell'Estate

 

copertina MN


 

lorca


 

Rota

 

tre liriche

 

Ultime visite al Blog

domenicomolininialphabethaailike06vi_dialinaba2011mpt2003ilGrinch86cassetta2carmelitanopasqualeodio_via_col_ventoStowassapippidomargherita.22MITE_ATTACHET_2lorifu
 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 16
 

Ultimi commenti

allora? questo libro? questa storia???? ;-)
Inviato da: ilike06
il 18/08/2012 alle 16:09
 
Una storia che merita di essere raccontata.Tra pochi...
Inviato da: domenicomolinini
il 17/06/2012 alle 12:08
 
Già... sono del '51 :-)
Inviato da: domenicomolinini
il 17/06/2012 alle 12:05
 
Grazie!
Inviato da: domenicomolinini
il 17/06/2012 alle 12:03
 
è ancora in fibrillazione per via della copertina che ha...
Inviato da: ilike06
il 16/06/2012 alle 21:28
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

visitors

free counters

 

contatore



 

 

 
« Primo MaggioVenti anni dopo: per non... »

Brindisi...

In questi giorni, mentre lavoro freneticamente per terminare di scrivere un libro, penso a cosa dire per ricordare ancora una volta Giovanni Falcone, Francersca Morvillo, Paolo Borsellino e le loro Scorte.

Il 23 maggio e il 19 luglio sono due date che non dimenticherò mai.
Due date che si sono aggiunte alle altre che le hanno precedute.

A Francesca Morvillo è dedicato l'Istituto Professionale di Brindisi.
Lì stamattina, alle 7,45 circa, e iniziato un incubo.
Un incubo che a quelli che hanno la mia età ha subito rammentato altri incubi.

Melissa, immagino, fosse come tutte le sue coetanee.
Stamattina sarà uscita di casa serenamente.
Oggi la Puglia ci sta offrendo una giornata piena di sole, luminosa.Sarà andata sorridendo incontro alla sua amica più cara.
Si saranno dette le cose che possono dirsi due ragazze della loro età.
Avranno fatto commenti, e come tutti i giorni piccoli e grandi progetti. Sorridendo.

Sono sicuro che fossero liete di andare a scuola.

Oggi è sabato.
Oggi è il 19 maggio.
L'Anno scolastico volge al termine.
La Puglia ci ha regalato una magnifica giornata di sole.

Chi lo conosce questo Istituto, fatta eccezione per chi lo frequenti e, forse, per i brindisini?
Ho avuto e ho studenti provenienti da Brindisi, ma nessuno di loro me ne ha mai decantato le qualità che, pure, immagino abbia.
Oggi ho saputo che a Brindisi c'è un eccellente Istituto Professionale per i Servizi Sociali, il Turismo e la Moda.

Ma non l'ho saputo, come sarebbe stato giusto, per i suoi meriti: una scuola nel meridione che si distingue per l'eccellenza (e ce ne sono tante) fa sempre piacere, specie a uno che vede l'insegnamento come una missione.
L'ho saputo dalla televisione che ascolto, mentre lavoro.
Ho saputo di Melissa. Una giovane ragazza che oggi è andata ignara verso la morte.
Sul suo viso sorridente si sono sovrapposti i visi di tantissime mie studentesse.
Da quelle che, ventenni trentaquattro anni fa, quando ho iniziato a insegnare in Conservatorio, adesso sono ultra cinquantenni (ma io le ricordo com'erano, e a ritrovarle resto sempre sorpreso e intenerito), a quelle di oggi.
Non è possibile, mi sono detto.
Non è giusto.
Le ragazze a 16 anni devono studiare, sognare, fare progetti e sorridere...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/AFFABULAZIONI/trackback.php?msg=11318685

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Poker.coffee
Poker.coffee il 19/05/12 alle 22:42 via WEB
Difficile dimenticare quel 23 maggio... e quel pullman che doveva portarmi a fare quella stessa strada e che non passava mai... e nessuno sapeva perchè. Oggi dopo 20 anni e a 1500 km di distanza, la mente riporta a quel boato tremendo che si sentì 2 mesi dopo su mezza Palermo. Ma stavolta manca l'obiettivo principale, e non si può non ripensare alla strage della stazione di Bologna in questo caso.
(Rispondi)
 
 
domenicomolinini
domenicomolinini il 20/05/12 alle 10:03 via WEB
Non dimenticheremo.
Nulla è stato fatto perché, piano nel tempo, potessimo elaborare quel lutto e i tanti, troppi, lutti che lo hanno preceduto e seguito.
L'obiettivo principale sembra mancare, ed effetivamente il pensiero va alla stazione di Bologna.
Chissà se questa volta riusciremo a sapere chi sia stato materialmente l'autore e chi siano i mandanti.
(Rispondi)
 
Tesi89
Tesi89 il 20/05/12 alle 16:53 via WEB
Ricordo benissimo quel 23 maggio di 20 anni fa: era il mio compleanno e per la prima volta in vita mia lo passavo in ospedale,ma ero felice,perchè la sera prima era nato mio figlio...ma per una vita che nasceva altre si spengevano assurdamente in maniera tragica e violenta.E ascoltando la radio dal mio letto anche una parte della mia felicità si spense bruscamente lasciando posto alla rabbia,allo sconforto e all'impotenza.La stessa rabbia,sconforto e impotenza che ho provato ieri per la tragedia di Brindisi.
(Rispondi)
 
 
domenicomolinini
domenicomolinini il 20/05/12 alle 18:27 via WEB
Era un sabato. Pieno di sole.Tornerò probabilmente a raccontare di quel sabato di vent'anni fa e della domenica di luglio, il 19 luglio, che seguì.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.