Creato da bolinanews il 23/01/2007

Bolina news

Il blog per chi viaggia controvento

 

 

Facebook? No, grazie

Post n°92 pubblicato il 13 Novembre 2010 da falco58dgl
 

no facebook

 

Le istruzioni successive riguardano gli utenti che usano come browser Firefox o Google Chrome. Non vanno bene  per chi usa Interenet Explorer. Per gli utenti di Explorer la situazione è più complicata e, forse, il modo migliore per disabilitare Facebook (nonché tutte le finestrelle pubblicitarie e promozionali) è quello di scaricare Mozilla Firefox.

 

Bene, partiamo. Vi dico quello che ho fatto io per liberarmi dai pulsanti Facebook e dagli avvisi indesiderati.

Per prima cosa, andate qui; componenti aggiuntivi per Firefox. Arrivate in questo modo nella pagina di Adblock Plus, cliccate su “Aggiungi a Firefox”, si apre una finestrella che dice “istallazione software”. Cliccate su “Istalla adesso” e, nel giro di pochi secondi, il computer  vi scarica il programma. A quel punto, riavviate il computer per rendere effettiva l’istallazione del programma.

Aprite a questo punto Firefox; in alto a destra, a fianco della barra degli indirizzi web, appare un tasto rosso con una scritta bianca dentro (ABP).

Andate adesso sul vostro blog e posizionate il cursore sopra il pulsante facebook  o anche il box laterale Facebook. Fate click con il tasto destro del mouse, si aprirà un menù a tendina. Scegliere la voce “blocca con Adblock Plus”, click, si apre una finestra ”nuovo filtro di Adblock plus”, click su “aggiungi nuovo filtro”  et, voilà, il pulsante è scomparso.

Il procedimento si può ripetere per qualunque elemento che vi dia fastidio: riquadri pubblicitari nelle mail, annunci promozionali su qualunque sito.

Faccio un esempio che forse mi renderà antipatico a qualcuno. Andate su un gold blog che vi interessa, ma vi disturbano gli adsense pubblicitari di Google. Click con il tasto destro del mouse sugli avvisi pubblicitari, “blocca con Adblock Plus” e, come per miracolo, gli avvisi sono scomparsi. Puff, volatilizzati.

[Leggi tutto]

 
 
 

Eco Willage: scelto il nome

Post n°91 pubblicato il 01 Aprile 2009 da rigitans
 
Foto di bolinanews

Il nome dell'eco progetto è ECO WILLAGE, scelto dalle persone tra i vari nomi indicati nel sondaggio, con piu' del 40% di opzioni. Il primo passo di un cammino che si spera lungo e proficuo.

Rigitans'

 
 
 

Eco Willage

Post n°90 pubblicato il 20 Marzo 2009 da rigitans
 
Foto di bolinanews

ciao,

Stiamo organizzando tra i blogger un eco progetto, un eco-socialnetwork dove unirci, condividere, informare e informarsi, protestare e proporre, farci sentire insomma! Tutti insieme, contro il nucleare, per le rinnovabili, per il risparmio energetico, per l'ecologia e l'ambiente, e un altro stile di vita. Chi la vede come una buona idea ed ha piacere a partecipare ce lo faccia sapere o con un la messaggeria, o via mail o con un commento sul mio blog, lasciando il nick e un recapito(il link del blog o la mail). ù

p.s.: puoi votare sul mio blog il nome dell'eco social network sul sondaggio!

Rigitans'

http://blog.libero.it/rigitans

 
 
 

Perché andare in Antartica

Post n°89 pubblicato il 11 Dicembre 2008 da lottogallo
 
Tag: luoghi
Foto di bolinanews

L'altro giorno stavo  attendendo il mio turno nella sala d'attesa di una clinica traumatologica di Buenos Aires,- tendinite alla spalla, infiltrazione di cortisone, non silicone!- quando la mia attenzione venne improvvisamente attratta da una notizia dell'ultima ora lanciata dalla televisione che sempre accesa per aiutare i pazienti ad ingannare la lunga e noiosa attesa.
Una nave da crociera si era incagliata su un banco di ghiaccio nella Penisola Antartica, ed erano scattate le operazioni di soccorso per evacuare i circa cento passeggeri presenti a bordo, e per cercare di arginare i danni ambientali provocati da una importante fuga di gasolio.
La  “Ciudad de Usuhaia”, bandiera Panamense, fa parte delle decine di navi da crociera che, con l'avvento dell'estate Australe, ogni anno organizzano “Viaggi avventura” da Usuhaia alla Penisola Antartica. Si è incagliata il 5 dicembre alle 14,00 UTC.
Queste crociere di lusso sono una moda che sta aumentando ogni anno, si calcola che negli ultimi quindici , il numero di navi da crociera che si recano in Antartide sia quintuplicato! Sono, naturalmente, molto preoccupato per i danni ambientali che questo ennesimo incidete sta provocando – l'anno scorso, nel medesimo periodo, un'altra di queste navi s'incagliò su un banco roccioso, ed alla fine affondò sul posto , provocando un grave inquinamento (fortunatamente senza nessuna vittima) – ed anche moderatamente dispiaciuto per i disagi patiti dai passeggeri, e sopratutto dall'equipaggio. Ma non posso che fare considerazioni negative su questa costosa moda, ed al fine pensare che un poco di vera “avventura” non faccia male agli incauti turisti aantartici.
Pochi giorni prima di questo incidete ho avuto modo di ascoltare Isabelle Autissier e Érik Orsenna, che presentavano il loro prossimo viaggio in Antartide, a bordo di “Ada 2”, uno sloop di 15 metri , in alluminio, vecchio di trenta anni (disegno di Joubert), viaggio organizzato nell'ambito del progetto :   “Pouqua pas l'Antartique?”. Isabelle ed Erik, spiegarono all'affollata platea di appassionati velisti Argentini, che si recavano in Antartide perché questa è una delle ultime regioni incontaminate del globo, ed è necessario dare dei segnali per la sua salvaguardia, un viaggio con un mezzo ecologico, ben attrezzato , come può essere un veliero  condotto  da una tanto esperta navigatrice, non può essere, in effetti, che un segnale forte. Il problema è quanti avranno modo di ricevere questo segnale, e quanti, invece, saranno sempre di più attratti dalle crociere d lusso, che al costo di diverse migliaia di dollari, offrono la sensazione dell'avventura, ben calmierata dalla “SPA” di bordo, dalla raffinata cucina, e da un'organizzazione della sicurezza, apparentemente a prova di bomba. Quando dopo alcuni giorni tra i ghiacci, li si vedono sbarcare sul molo di Usuhaia, s'atteggiano tutti a novelli “Schakleton”, naturalmente però, rivestiti da griffatissimi abbigliamenti super-tecnici di ultima generazione!
In realtà l'organizzazione della sicurezza, ha spesso gravi falle – metaforiche e reali – ed il viaggio di piacere può rivelarsi completamente differente dalle aspettative. Il segnale che viene lanciato, ma forse da pochi capito, non è dei più edificanti:  lusso. spreco ed inquinamento.  ii progetto di Isabelle, che approvo incondizionatamente , mi sembra, a questo punto quasi patetico ed inane.
Forse neppure questo angolo del pianeta riuscirà ormai a salvarsi!
Non ho mai seriamente pensato di recarmi navigando fino in Antartide, è un clima ed un livello di rischio e sofferenza che non è più nelle mie “corde”, ma inizio a pensare che forse, anche noi viaggiatori del mare, dovremmo rinunciare a questi progetti superbi e pieni di pathos, lasciamo tranquillo questo grande continente di ghiaccio, lasciamolo a piccoli e selezionati gruppi di ricercatori e di scienziati, e speriamo che non ci svelino presto tutti i suoi misteri, in modo che ci possa rimanere ancora qualcosa su cui sognare.

Da bordo del “Jonathan” - Rio della Plata – 7/12/2008


Alcuni Link di riferimento:

http://www.lanacion.com.py/noticias_um-217297.htm




http://news.bbc.co.uk/hi/spanish/international/newsid_7766000/7766348.stm


ttp://www.pourquoipaslantarctique.com/




http://www.erik-orsenna.com/erik_orsenna_mer.php


 
 
 

Un paese senz'anima

Post n°88 pubblicato il 04 Dicembre 2008 da falco58dgl
 

 

Un paese dove si propongono  classi ghetto per minori  stranieri che non parlano bene l’italiano (quattro rumeni, tre marocchini, tre albanesi,  due cinesi, due ucraini, un peruviano, un egiziano, un senegalese, una babele di provenienze e di lingue accomunate dal marchio della discriminazione), dove si vogliono prendere le impronte digitali ai bambini rom (con il pretesto miserabile di renderli identificabili, avviando la prima schedatura etnica di massa dopo quella prevista dalle leggi razziali del ’38), dove si progetta di sospendere i flussi migratori per due anni, con l’effetto di aumentare a dismisura l’immigrazione clandestina, dove s’invitano i medici e il personale sanitario a segnalare alla polizia gli immigrati clandestini  che si rivolgono loro per farsi curare, trasformandoli in informatori delle forze dell’ordine, dove la scuola viene concepita come una fonte di sprechi, un settore da tagliare per fare cassa e non come un investimento fondamentale verso il futuro.

Un paese dove il primo ministro può dire che la crisi finanziaria non avrà ripercussioni sull’economia reale, che si lamenta di essere maltrattato dai conduttori della televisione di “sinistra”, che invita a non pagare il canone televisivo e che definisce “eroe” un mafioso che prestava servizio nelle proprie scuderie mentre esterna il proprio orrore per un ex magistrato che ha avviato “Mani pulite” e rifiutò, a suo tempo, l’offerta di diventare Ministro dell’Interno di un suo governo.

Quest’Italia che assomiglia sempre di più alla federazione Russa, con una caricatura di democrazia, l’informazione asservita, la magistratura umiliata da leggi “ad personam”, la designazione di membri  del parlamento graditi alla maggioranza in commissioni di garanzia che spettano all’opposizione, il revisionismo storico che vuol mettere sullo stesso piano la resistenza e i fascisti della repubblica sociale di Salò, che vuole elargire tessere sociali da poche decine di euro per gli indigenti invece di combattere i meccanismi che hanno condotto sette milioni di italiani nell’area della povertà,  che taglia i finanziamenti all’Università senza intaccare le baronie che hanno trasformato i nostri istituti di insegnamento in feudi per parenti, figli, mogli, nipoti dei professori ordinari, che fomenta atteggiamenti xenofobi  e razzisti da parte di gruppi organizzati, salvo poi considerarli come espressione di tensioni sociali alimentate dall’immigrazione clandestina.

Un paese impaurito, che teme di perdere i propri risparmi e le posizioni raggiunte, che si affida a un governo composto da un partito padronale gestito da un pluriinquisito e da un movimento pesantemente inquinato  da tendenze separatiste e xenofobe, che vota a maggioranza per Berlusconi sperando di non dover fare i conti con la crisi mondiale, con la scarsa competitività delle imprese, con l’assenza di prospettive di lavoro e di vita per le giovani generazioni,  con la precarietà che erode garanzie e prospettive di futuro.

Un paese che baratta la propria libertà per un pugno di illusioni, in nome di un decisionismo che svuota la democrazia e considera il Parlamento un organismo di ratifica delle decisioni dell’esecutivo e gli altri poteri dello Stato come avversari da rendere marginali. Un paese che sopporta che le organizzazioni criminali controllino un terzo del suo territorio, in cui Saviano viene considerato uno “che non si è fatto i fatti propri”, che onora i magistrati antimafia dopo che sono stati ammazzati, prigioniero della pratica delle raccomandazioni, dell’appartenenza famigliare, dei concorsi truccati.

Un paese in cui il qualunquismo, l’anticomunismo ideologico, l’affidarsi a un capo e a un salvatore costituiscono disvalori largamente rappresentati in chi governa e che tende a considerare i conflitti di interessi, il controllo di legalità,  il merito come invenzioni di giornalisti faziosi o  noiosi ostacoli burocratici.

Writer

 
 
 

Formentera

Post n°87 pubblicato il 06 Agosto 2008 da falco58dgl
 

Dalla terrazza della casa cala il crepuscolo su Formentera. A destra intravedo un pino frondoso e inclinato, la striscia azzurra del mediterraneo e la costa di Ibiza che, con l'oscurita', si accende di punti luminosi.

La tavola e' pronta: i piatti, le posate, la bottiglia di vino, i pomodori tagliati, il cestino del pane, i bicchieri sembrano aspettare la nostra presenza, le parole che animeranno la cena, mentre il tramonto proietta striscie rosse e arancioni verso Occidente e un vento fresco spira dal mare.

Il Mare. La spiaggia di Mitjorn e le sue calette di sabbia chiara, l'acqua verde appena increspata che ci avvolge in un abbraccio generoso e atemporale, l'ombrellone comprato in un negozio cinese di Es Pujols che ci ripara dalla calura. Desiderio di bere dalla bottiglia di acqua minerale, di accendere una sigaretta e contemplare la linea che congiunge cielo e mare mentre un filo di fumo s'innalza torpido.

Diero di noi, a cinquanta metri, le biciclette con cui abbiamo attraversato la strada pianeggiante che attraversa l'isola da parte a parte e ci siamo inerpicati sul Faro de la Mola, da cui si scorge quasi tutta l'isola come una cartina geografica in rilievo, lo splendore della spiaggia di Illetes, un dito di sabbia puntato nell'azzurro del Mediterraneo, il maestoso cap de Berberia percorso in solitaria da mio figlio, l'esplorazione dei fondali- rocce chiare coperte da alghe brune-.
E poi,  le birrette gelate bevute a Es Calo' insieme a un polipo e a una paella di pescado che sembravano opere d'arte, l'attesa del crepuscolo e dell'oscurita' dalla terrazza di casa, lo sguardo rivolto verso le stelle  in cielo, chiedendosi  quanti di quei punti luminosi alberghino forme di vita intelligente, il piacere della brezza notturna.

"E' pronto, venite a tavola". Una voce mi distoglie dai miei pensieri, mi alzo dal lettino e mi dirigo a passi svelti verso il tavolo tondo che ci attende come una promessa di condivisione.

Writer

 
 
 

Post N° 86

Post n°86 pubblicato il 24 Aprile 2008 da Friendspaceless
 

Il Sindaco di Alghero vieta 'Bella ciao'

Ci costringono a difendere anche la Resistenza e il 25 aprile: rispondiamo Compagni, e commemoriamo tutti coloro che sono  morti per la libertà, la nostra libertà!

Facciamo in modo che chiunque si trovi a passare, anche per sbaglio, anche col tasto successivo, dai  nostri blog, sappia che noi difenderemo a denti stretti, ora e sempre, la Resistenza e la libertà di espressione.

Per stasera tutti pronti ad inserire il video di 'Bella ciao' sui nostri blog in autoplay.

Per qualsiasi problema di inserimento in autoplay contattatemi!

. . .

Aggiornamento alle ore 14,00 di oggi 24

22 blogger sono riusciti ad inserire il video: quindi il codice funziona.

Spesso il signor Libero "boicotta" i video di youtube: nel caso non andasse inserite la versione di 'Bella ciao' che trovate su Libero video: lì trovate anche la funzione  'personalizza'   per l'autoplay.

Questo è il codice già in autoplay per il blog:

<object width="425" height="373"><param name="movie" value="http://www.youtube.com/v/S3K8NYw8U7c &hl=it&rel=0&color1=0x5d1719&col or2=0xcd311b&border=1&autoplay=1"&a mp;g t;</param><param name="wmode" value="transparent"></param>& amp; lt;embed src="http://www.youtube.com/v/S3K8NYw8U7c&a mp;a mp;hl=it&rel=0&color1=0x5d1719&color 2=0xcd311b&border=1&autoplay=1" type="application/x-shockwave-flash" wmode="transparent" width="425" height="373"></embed></object>

 
 
 

La guerra dell'acqua

Post n°85 pubblicato il 03 Marzo 2008 da falco58dgl
 

L’acqua…elemento primigenio della vita. E’ naturale avere acqua corrente, usare l’acqua per lavarsi, pulire, cucinare. E’ normale, scontato, forma parte della quotidianità, non sorprende.  Ma non è così dappertutto. 

 Ogni giorno 30.000 persone muoiono per cause connesse alla scarsità d'acqua o alla sua cattiva qualità e igiene (Legaambiente), si tratta di  10 milioni di esseri umani ogni anno.
Solo il 16% dell’umanità può aprire oggi un rubinetto e bere acqua potabile (
Bruno 14 riprendendo dati di Legambiente), una persona su sei. L'84% deve cercarla lontano da casa e presso fonti già scarse.
Osserviamo un mondo a due velocità: in Africa il consumo d'acqua varia da 12 a 50 litri al giorno per abitante, in Europa tra i 170 e i 250 litri (Italia) al giorno, negli Usa ci attestiamo sui 700 litri
Sotto i 50 litri si può parlare di sofferenza per mancanza d'acqua. Il 40% della popolazione vive in condizioni igieniche disastrose. Si tratta  di più di  due miliardi di persone.

Nel 2020 tre miliardi di persone non avranno accesso all'acqua. Ci sono già focolai di guerra per il controllo delle risorse idriche, in un futuro prossimo la ”guerra dell’acqua” potrebbe essere la normalità  (WWF).

 Per esempio,  le popolazioni palestinesi hanno accesso solo al 2% delle risorse idriche della regione. L'acqua è dunque una questione chiave nel processo di pace in Medio Oriente. Ma anche il bacino idrografico del fiume Nilo mette in gioco la sicurezza internazionale. Le acque di questo fiume riforniscono una popolazione che nel 2025 potrebbe arrivare a 859 milioni di persone.
Secondo la Fondazione per la ricerca delle Scienze, la Tecnologia e la Politica delle Risorse Naturali, il Nilo Bianco (che nasce in Burundi) e il Nilo Azzurro (la cui origine è in Etiopia) sono stati motivi di tensione permanente tra Egitto, Etiopia e Sudan. (
Tuttotrading)

Questa situazione viene da lontano, ma se volessimo identificare un momento in cui l’assalto all’acqua viene formalmente dichiarato, non dovremmo andare molto in là nel tempo. Nel Marzo del 2000 all'Aja, si svolge 2° Forum mondiale sull'acqua. L'acqua cambia status: da diritto umano (svincolato dalle leggi di mercato) diventa un bisogno umano, che quindi può essere regolato dalle leggi della domanda e dell'offerta. Dal mercato. E quindi privatizzabile e vendibile come qualunque merce.

La prima guerra dell’acqua dovuta a processi di privatizzazione si è verificata a Cochabamba, in Bolivia, dove la  Banca Mondiale conclude un accordo con il governo del paese sudamericano che concede alla Bechtel, multinazionale californiana, la gestione dell’intero sistema dell’acqua potabile della città, col risultato che i costi per avere acqua corrente in casa  aumentano del 200% e  diventano equivalenti a un quarto del salario minimo. La popolazione di Cochabamba, scesa in sciopero generale, ha dovuto lottare per settimane e affrontare una dura repressione governativa per riprendere il controllo delle proprie risorse idriche (Vero Sudamerica).

Se l’acqua diventa una merce come le altre, è evidente che la sua distribuzione può essere trattata come un affare commerciale, inserito nell’ambito della globalizzazione e dei rapporti nord-sud. In alcuni casi il Fondo Monetario internazionale e la Banca Mondiale hanno subordinato la concessione di prestiti a paesi poveri in cambio della gestione dei servizi idrici a società private estere. I giganti che si contendono la  privatizzazione del nascente mercato dell'acqua sono soprattutto europei: le aziende francesi Vivendi e Suez-Lyonnais des Eux (ora Ondeo), la tedesca RWE. E poi i colossi Nestlé e Danone, l'americana Coca Cola. Ma anche l'italiana ACEA concorre alla spartizione del mercato dell’acqua: le bollette che pagano i cittadini di Erevan, capitale dell'Armenia, finiscono nelle casse del Comune di Roma, titolare del 51% delle azioni dell'ACEA, che gestisce l'acquedotto locale. (Disinformazione)


La guerra dell’acqua è già iniziata.

Writer

 
 
 

Come eravamo

Post n°84 pubblicato il 27 Ottobre 2007 da falco58dgl
 

Qualche cifra, per iniziare: 46 racconti pubblicati in rappresentanza di tre piattaforme diverse (libero, Splinder e Blogspot),  più di 2.000 commenti complessivi (è una stima, non li ho contati uno per uno :-), forse 200 nuovi “blog amici” aggiunti, decine di  migliaia di pagine viste. Il gioco letterario “come eravamo” ha prodotto, come era nelle previsioni,  un gioioso casino, un sistema di scambi e di conoscenze vasto e allegro.

Una  prima considerazione: dei 46 partecipanti, forse solo 6 o 7 scrivono abitualmente testi si narrativa. Eppure la qualità media  dei racconti pubblicati è stata molto alta, segno che il tema  prescelto (scrivere un testo sul decennio degli anni ’80) ha mobilitato energie e risorse, ha  stimolato produzioni pregevoli e interessanti. In alcuni casi, sembrava di trovarsi davanti a  racconti scritti da “professionisti”, sia per la costruzione narrativa, sia per la significatività delle vicende raccontate.

I testi hanno scelto moduli narrativi anche parecchio diversi tra di loro: i racconti “in soggettiva”, quelli in terza persona, considerazioni quasi saggistiche sul periodo, i dialoghi,  in un caso il test e la poesia.  Gli argomenti, come ho già sottolineato nel post precedente,  hanno generalmente intrecciato  macro eventi pubblici e vicende personali legate all’età dei partecipanti nel decennio degli anni ’80. A volte, la dimensione privata ha preso il sopravvento (soprattutto nel caso di testi che affrontavano i temi dell’ingresso nell’adolescenza e nella giovinezza) e quella pubblica ha fatto da sfondo, a volte, invece, il rapporto si è capovolto e l’evento collettivo è diventato l’architrave che unisce i destini individuali (come è successo nei racconti su Chernobyl e su altri eventi simbolo). In genere i testi hanno equilibrato queste due dimensioni  e il testo è risultato maturo e godibile.

 Una considerazione sulla partecipazione  che è risultata convinta ed entusiasta. Sono rimasto colpito dalla risposta di molti bloggers che mi hanno ripetutamente ringraziato per l’opportunità loro offerta. A parte il fatto che, senza la loro partecipazione il gioco sarebbe diventato un deserto,  mi pare di cogliere nel loro atteggiamento (e li ringrazio, uno per uno) un desiderio di confronto, di scambio, una volontà di mettersi in gioco e mettere in comune idee, soggettività, spunti,   che costituisce uno degli aspetti migliori e più creativi della blogosfera. Almeno quando i blog si riuniscono per dar corso a iniziative comuni, invece di rinchiudersi ognuno nella sua torre di avorio o condurre avvilenti  battaglie tra di loro.

 In considerazione del successo di queste prime due edizioni del gioco letterario, sono tentato di proporne un altro  verso la fine dell’inverno. Nel caso, vi avviserò con anticipo, ve lo garantisco.

Elenco dei partecipanti

 
 
 

SUL FILO DEL RASOIO

Post n°83 pubblicato il 24 Ottobre 2007 da Il_Writer

Probabilmente il problema più grande che affligge l'Italia è l'ignavia.

Il
male che Dante disprezzava più di ogni altro è la regola e la condotta
che questo paese adotta da sempre. Sembra che la difficoltà che ha lo
Stato a schierarsi sia un male inguaribile.
Noi italiani siamo un
popolo che ha una tremenda paura di intraprendere l'una o l'altra via,
garantendo il nostro assenso a entrambe, così era durante la guerra
fredda, così è ora, nonostante l'unica e grottesca visione del mondo ci
divori.

Seguiamo ogni moda, ogni pubblicità. Quando il
progressismo ci mostra la bellezza e la novità ci mostriamo favorevoli
al femminismo, all'omosessualità, alla libertà di costumi assoluta.
Allo stesso momento, quando la censura conservatrice ci ammonisce,
veniamo colti da crisi mistiche, ritorno agli antichi, medioevali,
valori, terrorizzati dalla novità quanto i censori stessi.
Due realtà simili sono incompatibili, come lo sono l'integrazione e il razzismo, correnti incompatibili e contemporanee.

Non siamo un popolo diviso in due, siamo un popolo unico e diviso in sè, è ben diverso.
Così
come per anni siamo scampati al rischio delle dittature di destra o
sinistra, votando sempre DC, così ora continuiamo a non schierarci,
tanto che le vecchie coalizioni, cambiando pelle (ma non troppo) hanno
dovuto aggiungere il prefisso "centro-" al proprio nome, per
accondiscendere a questo malcostume che ci domina.
Per questo il nostro paese non ha anima, non ha direzione.
Vaga, trascinato da ogni marea che lo spinge nelle più disparate direzioni.

Non
possiamo sperare in un paese migliore senza una mentalità diversa, un
comune obbiettivo, una meta a cui approdare, un rischio da correre per
essere liberi.
Non c'è libertà senza rischi: se vogliamo solamente
sicurezza, allora abbandoniamo questa repubblica fantoccio e
instauriamo una monarchia assoluta, o una dittatura militare, una
qualsiasi, almeno per coerenza.

Dovremmo preferire il rischio:
anche se in un futuro prossimo arriveremo esausti e affranti alla meta
o verremo sconfitti, mai torneremo a chiederci se valeva la pena di
combattere, perchè a quel punto, anche in quelle condizioni, la nostra
vita avrà un senso, e anche quella del nostro paese.

Da Il Writer - Un giornale libero sulla rete 

 
 
 
Successivi »
 

TAG

 

FACEBOOK

 
 

CONSIGLI IMPORTANTI!!!

immagine

Vuoi navigare in maniera veloce e confortevole su questo blog?!

Ti basterà utilizzare il menù dei tags che serve proprio a dividere in aree tematiche il blog e a permetterti di trovare in maniera più veloce e agevole gli argomenti che più ti interessano. Se poi sai con assoluta precisione ciò che cerchi, allora ti basterà inserire la parola chiave nel menù di ricerca(che trovi subito sotto quello delle tags) e il gioco sarà fatto. Utilizzando questi due semplici "trucchetti", potrai raggiungere direttamente anche messaggi non recenti che si trovano in diverse pagine del blog, proprio come se ti muovessi in un sito web. Geniale no?! Buona navigazione;)



 

IL NOSTRO INTENTO

immagine

Ricordate il vero fine ultimo di questo blog: quello di proporre argomenti fuori dal coro, contro corrente, contro vento(come il vento di bolina, appunto) e di non uniformarsi mai, di non lasciarsi mai invischiare da pregiudizievoli dissertazioni politiche ed ideologiche. Io dico sempre “la mente umana dovrebbe essere come l’universo, aperta e infinita”. I bigotti qui non li vogliamo!!:-P

immagine

immagine

Clicca qui per scoprire chi ci governa


Per scrivere su questo spazio non è necessario possedere un blog o un sito su libero.it. E' sufficiente essere iscritti ed avere quindi un nickname. Per chi volesse partecipare, l'indirizzo per la registrazione(semplice e immediata)è il seguente:

http://registrazione.libero.it.

Come già detto, registrarsi a liber è semplice e veloce, soprattutto è gratis;)Allora?! Cosa aspettate?! Entrate anche voi a far parte della nostra community e mandare più articoli possibili.

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

ULTIME VISITE AL BLOG

EllaVideelyravzane.marinolubopoforever_green3newromanticvisageiris76_flo_snorkimax_6_66ephemeral_illusionluciabarberiniunamamma1luigi.michelonilmaddalena.toninramcalcestruzzi
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie!
Inviato da: isa
il 26/01/2014 alle 09:37
 
Grazie!
Inviato da: prsica
il 26/01/2014 alle 09:36
 
Grazie!
Inviato da: Emma
il 26/01/2014 alle 09:36
 
Grazie!
Inviato da: Tami
il 26/01/2014 alle 09:35
 
Grazie!
Inviato da: Bert
il 26/01/2014 alle 09:35
 
 

COSA DA NON PERDERE

immagine
Forum
clicca per entrare

partecipa anche tu!
per saperne di piu'
visita
il Blog
se volete partecipare
scrivetelo sul blog
sarete inseriti nella
lista degli aderenti!


A.A.A
E' nato un nuovo sito per la valorizzazione dei blog, con tanti utilizi servizi(come la possibilità di ascoltare i programmi radio durante la navigazione) e con un interfaccia di navigazione graziosa, semplice ed intuitiva. Un modo per far conoscere i vostri blog e per scambiarvi visite importanti, per aumentare, quindi, la visibilità del vostro spazio personale. Per info scrivete a info@vascoblog.com oppure visitate il sito http://www.vascoblog.com...Buona navigazione


 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom