Creato da cristinarontino il 16/01/2009
 

ricette e dintorni

Benvenuti nel mio blog...Cercherò di interessarvi con le ricette tipiche della mia terra ,e non solo, aggiungendo aneddoti e curiosità. Aspetto i vostri commenti e consigli, e anche ricette da aggiungere.ma ricordate ciò che renderà ogni piatto speciale sarà un solo ingrediente:l'amore...

 

 

Auguri!!!

Post n°67 pubblicato il 24 Dicembre 2009 da cristinarontino

Per chi sta pensando "Che Brutto Natale", per quanti stanno soffrendo in solitudine, per chi crede che peggio di così....e per chi ha ritrovato il sorriso, per chi ha capito che il senso della vita sta nella vita, per chi nonstante tutto ogni giorno ringrazia Dio, un augurio di Buon Natale, e un augurio nel riuscire  a credere che prima o poi alla fine di ogni tunnel una luce c'è

 

 
 
 

Il risotto di Zia Gemma

Post n°65 pubblicato il 09 Novembre 2009 da cristinarontino

Rieccomi! Oggi pubblico una ricetta di una cara amica...una variante delle orecchiette con le cime di rapa!!! Ottima riuscita sostituendo alle orecchiette il riso:

 

500 gr di riso

500 gr di broccoletti (cime di rapa)

alici salate (acciughe)

uno spicchio d'aglio

olio

 

Cuocete i broccoletti in acqua salata, attenzione a non cuocerli troppo altrimenti diventano una crema! In una padella mettete abbondante olio, lo spicchio d'aglio e fate soffriggere . Aggiungete ora qualche acciuga salata, tagliata a pezzi non troppo piccoli, e i broccoletti. Fate amalgamare bene il tutto, cuocendo a fiamma non troppo vivace. Cuocete ora il riso. Scolatelo e mettetelo i padela con i broccoletti. Qualche minuto di cottura, girando e facendo attenzione che non si attacchi. Ed ecco un piatto squisito. A piacere  potrete spolverarlo con parmiggiano o pecorino.

Grazie Gemma!!!

 
 
 

 Pizzelle alla salvia

 Ingredienti

  Per 2 persone: 5 foglie di salvia, 125 g di farina, sale, 2 uova, 50 g di burro, pepe nero  Bollire 150 ml di acqua e fate fondere il burro. Unite la farina, mescolando energicamente. Fate cuocere l’impasto e spegnete quando si staccherà dalle pareti. Aggiungete le uova, la salvia, il sale e il pepe. In una padella mettete l’olio e friggete il composto, immergendo una cucchiaiata alla volta. Finite il composto e servite ben caldo.

 

Pizzelle di salvia

Post n°64 pubblicato il 23 Ottobre 2009 da cristinarontino

   
 
 

Oggi solo una canzone....

Post n°63 pubblicato il 21 Ottobre 2009 da cristinarontino
Foto di cristinarontino

Tiene mente 'sta palomma,
comme gira, comm'avota,
comme torna n'ata vota
sta ceròggena a tentá!
Palummè' chist'è nu lume,
nun è rosa o giesummino...
e tu, a forza, ccá vicino
te vuó' mettere a vulá!...

Vatténn''a lloco!
Vatténne, pazzarella!
va', palummella e torna,
e torna a st'aria
accussí fresca e bella!...
'O bbi' ca i' pure
mm'abbaglio chianu chiano,
e che mm'abbrucio 'a mano
pe' te ne vulé cacciá?...

Carulí', pe' nu capriccio,
tu vuó' fá scuntento a n'ato...
e po' quanno ll'hê lassato,
tu, addu n'ato vuó' vulá...
Troppi core staje strignenno
cu sti mmane piccerelle;
ma fernisce ca sti scelle
pure tu te puó' abbruciá!

Vatténn''a lloco!
..........................

Torna, va', palomma 'e notte,
dint'a ll'ombra addó' si' nata...
torna a st'aria 'mbarzamata
ca te sape cunzulá...
Dint''o scuro e pe' me sulo
'sta cannela arde e se struje...
ma ch'ardesse a tutt'e duje,
nun 'o ppòzzo suppurtá!

Vatténn''a lloco!


 

 


 
 
 

Frittata 'e vermicielle à cafone ( frittata di vermicelli alla cafona)

Post n°62 pubblicato il 07 Settembre 2009 da cristinarontino

700 gr di vermicelli

70 gr di olio

1 spicchio di aglio

50 gr di acciughe

50 gr di olive

25 gr di capperi

3 uova

sugna

prezzemolo

 

Soffriggete nell'olio dell'aglio, che toglierete una volta che si sia colorito, delle acciughe tritate, olive snocciolate tagliate finissime, capperi e un filetto di pomodoro. Condite con questa salsa i vermicelli che avrete cotto al dente e sistemati in una zuppiera. Aggiungete le uova intere e il prezzemolo, mescolando fincheè le uova non si siano completamente amalgamate alla pasta. In una padella, dove avrete fatto soffriggere della sugna(al giorno d'oggi va bene anche l'olio), versate la pasta condita, spianando con una forchetta. Cuocete uniformemente la frittata da una parte e dall'altra, fino a che i vermicelli non presentino una crosta colorita.

 

 

PIANEFFORTE ‘E NOTTE

Nu pianefforte ‘e notte
Sona lontanamente
E ‘a musica se sente
Pe ll’aria suspirà.

E’ ll’una: dorme ‘o vico
Ncopp’a sta nonna nonna
‘e nu mutivo antico
‘e tanto tempo fa.

Dio, quanta stelle cielo!
Che luna! E c’aria doce!
Quanto na bella voce
Vurria sentì cantà!

Ma solitario e lento
More ‘o mutivo antico;
se fa cchiù cupo o vico
dint’a all’oscurità.

Ll’anema mia surtanto
rummane a sta funesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannose, a penzà.

 

 
 
 

Mulignane a barchetella (Melanzane a barchetta)

Post n°61 pubblicato il 23 Luglio 2009 da cristinarontino
 

Ingredienti:

1 kg di melanzane, 100 gr di pancetta,70 gr prosciutto cotto, 70 gr d salame , una decina di pomodrini tipo ciliegia. Per guarnire:

pecorino, qualche fetta di scamorza o fior di latte, origano.

Lavate ed asciugate accuratamente le melanzane. Con un coltello praticate delle incisioni sulla superficie mettendovi un pò di sale. Lasciatele riposare per un ora o due. Lavatele e asciugatele. Dividetele in due parti, scavatene l'interno, tagliatelo a pezzettini e soffriggetelo in padella con i pomodorini e tutti gli altri ingredienti. Una volta ben colorito lasciatelo raffreddare. Intanto friggete bene da ambo i lati ,le melanzane scavate. Riempitele ora con il composto preparato in precedenza. Sistematele in una teglia una accanto all'altra. Su ogni "barchetta di melanzana" aggiungete una fetta di scamorza o fior di latte. Passare in forno una decina di minuti, spolverare con pecorino, guarnire con qualche foglia di basilico.

 

 

 
 
 

Alice' ammullecate (alici con pangrattato)

Post n°60 pubblicato il 09 Luglio 2009 da cristinarontino

Ingredienti:

 

1,500 kg di alici

2 dl di olio

3 spicchi di aglio

succo di limone

pangrattato

pepe, sale, origano

 

 

Una ricettina tradizionale dl Golo di Napoli, semplice semplice e assolutamente deliziosa..

Private le alici di testa e interiora, sciacquatele abbontantemete con acqua fredda,  quindi disponetele in u tegame a strati. Bagnatele d'olio, aggiungete l'aglio tagliato grossolanamente, sale, pepe, origano, succo di limone e infine cospargete con il pangrattato. Cuocete a fuoco lento, fino a colorire il pangrattato e buon appetito!

Marechiaro

 

Quanno spónta la luna a Marechiaro,
pure li pisce nce fanno a ll'ammore...
Se revòtano ll'onne de lu mare:
pe' la priézza cágnano culore...

Quanno sponta la luna a Marechiaro.

A Marechiaro ce sta na fenesta:
la passiona mia ce tuzzuléa...
Nu garofano addora 'int'a na testa,
passa ll'acqua pe' sotto e murmuléa...

A Marechiaro ce sta na fenesta....

Chi dice ca li stelle só' lucente,
nun sape st'uocchie ca tu tiene 'nfronte!
Sti ddoje stelle li ssaccio i' sulamente:
dint'a lu core ne tengo li ppónte...

Chi dice ca li stelle só' lucente?

Scétate, Carulí', ca ll'aria è doce...
quanno maje tantu tiempo aggi'aspettato?!
P'accumpagná li suone cu la voce,
stasera na chitarra aggio purtato...

Scétate, Carulí', ca ll'aria è doce!

 

 
 
 

Maccarune deliziuse (Maccheroni deliziosi)

Post n°59 pubblicato il 20 Giugno 2009 da cristinarontino

Ricetta procidana, con le gustosissime acciughe, qui da noi"alici salate", rigorosamente preparate alla Corricella. Una "deliziosa" ricetta dalla mia terra d'origine.

 

600 gr di bucatini

100 gr di olio

1 cipolla

75 gr di acciughe

350 gr di pomodirini

1/4 di bicchiere di vino bianco

salvia,sedano, rosmarino, prezzemolo, sale e pepe.

 

Fate colorire una cipolla in un pò d'olio. Aggiungete quindi filetti di acciughe tagliate e dissalate, della salvia, un pò di sedano e rosmarino. Unite i pomodori tagliati grossi e del vino bianco che lascerete evaporare a fuoco deciso. Aggiungete del prezzemolo e condite i maccheroncelli cospargendoli di parmigiano.

 
 
 

Rise à piscatore... Risotto alla pescatora

Post n°58 pubblicato il 16 Giugno 2009 da cristinarontino
 

Dalla ricetta originale di un antico libro di cucina napoletana donatomi da una persona speciale....da oggi in poi nuove ricette e con il nome originale

 

1 kg di riso

1,5kg  tra seppie, calamaretti, piccoli polipetti, gamberetti

500 gr di cozze

500  gr di vongole

100 gr di olio

2 spicchi di aglio

500 gr di pelati

1/2 bicchiere di vino

prezzemolo, sale, pepe

 

Lavate accuratamente seppie, calamaretti e i polipetti. Pulite cozze e vongole, e lasciate che si aprano in olio bollente mettendo poi da parte la loro polpa. Il sughetto( o brodo che dir si voglia) creatosi in padella, mettetelo da parte. In una casseruola fate soffriggere aglio e olio, versare i pelati e il vino, facendo stringere il tutto. Aggiungere ora, calamaretti, polpi e seppie e solo in ultimo i gamberetti. Mentre cuociono, versate il brodo dei molluschi, i quali saranno aggiunti alla fine, con prezzemolo e sale. Condite il riso appena scolata e ben al dente. Insaporite mescolando energicamente su fiamma bassa per qualche secondo e servite!

 

 
 
 

Cavolfiore con mozzarella al forno

Post n°57 pubblicato il 15 Giugno 2009 da cristinarontino
 

Ingredienti per 6 persone:

 

1 cavolfiore da 1 kg, 300 gr di mozzarella, 50gr di burro, pasta d'acciughe, sale , pepe.

 

Liberare il cavolfiore dal torsolo e dalle foglie verdi. Dividerlo in pezzi, lavarlo e lessarlo in acqua salata portata al bollore (un tovagliolo di bucato messo contemporaneamente nell'acqua assorbirà tutto il cattivo odore-consiglio della nonna Sisina!) Fare attenzione che il cavolfiore cuocia senza scuocere, toglierlo quindi dall'acqua ancora un pò duretto.

Farlo raffreddare e affettarlo. Ungere una pirofila da forno, disporvi le fette di cavolfiore, spolverare con pepe, coprire con mozzarella a fette, aggiungere qualche fiocchetto di burro. Se gradita, un pò di pasta d'acciughe non guasta. Infornare a circa 180 gradi per pochi minuti. Ottimo sia caldo che freddo!

 
 
 

Umido piccante di polipetti con borlotti e patate

Post n°56 pubblicato il 05 Maggio 2009 da cristinarontino
 

280 gr di fagioli borlotti sgranati

750 gr di polipetti

4 filetti d'acciughe

2 patate a pasta gialla

1 cipolla rossa

100 gr di olive nere

2 spicchi d'aglio

1 peperoncino

1 mazzetto di basilico

30 semi di coriandolo

8 semi di cumino

olio,sale pepe

 

Mettete a lessare i fagioli. Pulire molto bene i polipetti e tagliarli a pezzetti piccoli. Sbucciate le patate, tagliatele in grossi spicchi e tenerle a  bagno in acqua fredda. Tritate finemente cipolla e aglio  insieme al peperoncino e ai semi di cumino e di coriandolo. Lasciate  rosolare per una  decina di minuti questo trito in una casseruola larga dal fondo pesante insieme a tre o quattro cucchiai d'olio. Aggiungete al soffritto le olive snocciolate e sminuzzate, le acciughe a pezzetti, i polipetti e un pizzico di sale. Proseguite la cottura per 15 minuti. Unite le patate ben scolate dall'acqua, copite e lasciate cuocere per altri 20-25 min, bagnando se necessario con poca acqua. Scolate i fagioli e aggiungeteli all'umido, fate insaporire per 5 min, correggete il sale e completate con il basilico sminuzzato.

 
 
 

Rotolini stuzzicanti

Post n°54 pubblicato il 16 Aprile 2009 da cristinarontino

Ingredienti per 6 persone:

 

Per la pasta:

500 gr di farina di grano

50 gr di lievito di birra

qualche cucchiaio di latte

1 uovo

50 gr di burro

50 gr di zucchero

10 gr di sale

 

Per il ripieno

250 gr di prosciutto

1 uovo per spennellare

 

Mescolate 375 gr di farina con il lievito, un pò di latte e tenete da parte il resto della farina.

Unite l'uovo e mescolate. A parte mescolate il burro , lo zucchero e il sale; quando tutto è ben amalgamato, aggiungete la farina tenuta da parte. Unite i due impasti e mescolate bene tutto. Nel caso fosse necessario, aggiungete un pò farina. Lasciate lievitare la pasta per circa 45 min.

Stendete la pasta, ritagliate delle strisce di 10 cm x 6 circa, e disponete su ogni striscia delle fette di prosciutto cotto ( in alternativa anche pancetta, o mortadella, o salame, e per rendere il tutto più gustoso ai salumi si può aggiungere una sottile fettina di scamorza). Arrotolate le strisce, spennellate con l'uovo sbattuto e lasciate lievitare per ancora 50 min.

Disponete i rotolini in una teglia unta e cuocete in forno a 180° per circa 40 min.

Di tanto in tanto verificate la cottura. Buon appetito!

 
 
 

Pizza di Pasqua/omaggio a Civitavecchia

Post n°53 pubblicato il 08 Aprile 2009 da cristinarontino
 

PIZZA DI PASQUA DI CIVITAVECCHIAsegnalatami da una cara amica,una ricetta tradizionale delle sue parti..
 

La ricetta della pizza di Pasqua civitavecchiese imitata in tutto il Lazio 

 
zucchero gr. 1000
Pasta di panegr.700
Cannellagr.30
Burrogr.250
Lievito di birragr.20
Anicegr.25
Ricottagr.500
Farinagr.2000
Uovan.5
Alkermens 1 bicchierino 
Latte 1 bicchiere  
Vermouth un quarto di litro  
Un pizzico di sale  
 
 
 

Mettere a bagno per 12 ore circa l’anice nel vermouth. Amalgamare la ricotta con la pasta del pane, sciogliere il lievito di birra con il latte e unirlo alla pasta. Mettere la farina a fontana sulla tavola e porre I’impasto al centro della fontana. Battere le uova con lo zucchero; sciogliere il burro a bagnomaria e unire il tutto, compresi gli altri ingredienti, al suddetto impasto. Lavorare con molta energia fino al completo raccoglimento di tutta la farina. Lasciar riposare la pasta per circa 2 ore, quindi tagliarla in pezzi e metterla nei testi. Coprire i testi e lasciar lievitare in un posto ben caldo per circa 24 ore. Trascorso questo tempo, pennellare la superficie della pizza con un uovo sbattuto e infornare nel forno caldo, circa 220 gradi, per un’ora.  
Che ne dite?

 
 
   
  

 
 
 

Una gustosa bavarese....

Post n°52 pubblicato il 30 Marzo 2009 da cristinarontino
 

Scopritela amici su http://cristinarontino.blogspot.com

 
 
 

Soufflè con crema e pane nero

Post n°51 pubblicato il 25 Marzo 2009 da cristinarontino
 

http://cristinarontino.blogspot.com

Non potete perderla!!!

 
 
 

Brutti ma buoni

Post n°50 pubblicato il 19 Marzo 2009 da cristinarontino
 

Biscotti dall'aspetto non proprio invitante ma molto molto buoni... Adatti per la merenda dei nostri bambini. Da una vecchia ricetta procidana:

 

Ingredienti per 6 persone:

tre etti di mandorle, due etti e mezzo di zucchero, quattro albumi, poco burro, poca farina, un pizzico di vaniglina.

Scottate le amndorle per qualche minuto in acqua bollente, scolarle, sbucciarle, farle leggermente tostare in forno e tritarle finissime. Montare gli albumi a neve ben soda, quindi incorporarvi, a poco a poco, e sempre mesolando le mandorle tritate, lo zucchero e la vaniglina. Mettere il composto su fuoco molto moderato e tenervelo per circa mezz'ora, mescolando continuamente con un cucchiaio di legno. Toglierlo dal fuoco e distribuirlo, a cucchiaiate ben distanti l'una dall'altra, sulla placca del fornoimburrata e infarinata. Cuocere in forno a circa 160° per circa 35-40 minuti.

 
 
 

Baccalà con ceci

Post n°47 pubblicato il 12 Marzo 2009 da cristinarontino
 

Gustoso...moooolto gustoso, e inoltre semplic semplice...provatelo

http://cristinarontino.blogspot.com

 
 
 

Semifreddo al cioccolato

Post n°45 pubblicato il 09 Marzo 2009 da cristinarontino
 

Buon giorno amici... Golosissimo semifreddo al cioccolato

solo su http://cristinarontino.blogspot.com

 
 
 

Meringhe alla panna

Post n°44 pubblicato il 08 Marzo 2009 da cristinarontino
 

Quattro albumi,tre etti di zucchero al velo, panna montata, poco burro, poca farina.

Pochi e semplici ingredienti per farci alzare un pochino la glicemia!!!

Battere gli albumi con una frusta iniziando a lavorare con un movimento molto lento e aumentando gradatamente la velocità; quando saranno ben montati e sodi unire lo zucchero al velo fatto scendere da un setaccio, mescolando con delicatezza. Imburrate leggermete una placca da forno, foderatela con la carta oleata, imburrate anche questa e spolveratela con lafarina. Riempire con la meringa una tasca di tela con bocchetta a foro liscio e farla scendere a ciuffi ben distanziati sulla placca del forno. Lasciar riposare per qualche minuto, quindi mettere nel forno moderatissimo, leggermente aperto. Lasciarvi le meringhe in forno per circa un'ora . Dovranno asciugarsi senza colorire. Staccarle dalla placca ,lasciar raffreddare, quindi accoppiarle mettendo tra l'una e l'altra uno strato di panna montata. Volendo servire con a parte del cioccolato fuso....

http://sempliciriflessioni.blogspot.com

 http://favole-per-bambini.blogspot.com/

 
 
 

Calcioni di ricotta

Post n°43 pubblicato il 05 Marzo 2009 da cristinarontino
 

Buonissimi e semplici, i calcioni di ricotta sono ottimi da mangiare con carciofi o cavolfiore pastellati e fritti. La ricetta in realtà è abruzzese, ma anche da noi si usa spesso farli. Vi consiglio un Trebbiano d'Abruzzo fresco per accompagnare queste piccole delizie.

Ingredienti:
Per il ripieno: 400 gr di ricotta di pecora, 100 gr di prosciutto crudo, 100 gr di provolone, 2 uova, sale, pepe, prezzemolo, olio per friggere.

Per la pasta: 400 gr di farina, 100 gr di strutto o olio d'oliva, 2 uova, un limone, sale.

Preparate il ripieno unendo alla ricotta freschissima 2 tuorli, il prosciutto tagliato finemente e il provolone a dadini. Insaporite con prezzemolo, sale, pepe. Impastare la farina con le uova battute, lo strutto(o l'olio) il succo del limone e un pizzico di sale. Lavorate molto la pasta, stendetela sottile (se la pasta riuscisse troppo dura aggiungere un pò d'acqua) Mettere sulla sfoglia tanti mucchietti di ripieno, copriteli con la pasta, premetela bene tutt'intorno perchè rimanga unita. Tagliate i "calcioni" con un tagliapasta rotondo. Friggeteli in abbondante olio bollente. Scolateli e servite!

 

http://favole-per-bambini.blogspot.com/

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FINGERS

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: cristinarontino
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 41
Prov: NA
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 14
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Markmars53dubionelemnia85arch.grossorendinarenbonelli.teresagabrielefirenzeloredano.orlandiconsuelo21manupolorobertadelbassoluranaldomarcosatryaranciamela.dasportoMr.Miata
 

ULTIMI COMMENTI

mi e piaciuto molto questo post. Per sdebitarmi posso...
Inviato da: aranciamela.dasporto
il 25/01/2016 alle 18:08
 
Grazie!
Inviato da: Tartes
il 22/03/2014 alle 09:49
 
grazie
Inviato da: doudou
il 27/01/2014 alle 11:19
 
grazie
Inviato da: alberto
il 27/01/2014 alle 11:19
 
grazie
Inviato da: tina
il 27/01/2014 alle 11:17
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

ZUPPA REALE

 

TORTA DI RICOTTA

 

BABÀ

 

PARMIGIANA DI MELANZANE

 

BACCALÀ AL POMODORO

 

TAMMURIATA NERA

Je nun capisco e vote che succede
e chello ca se vede nun se crere nun se crere
E’ nato nu criaturo è nato niro
e a mamma ‘o chiamma ggiro sissignore ‘o chiamma ggiro


Se vota e gira se
se gira e vota se
ca tu ‘o chiamme ciccio o ‘ntuono
ca tu ‘o chiamme peppe o ggiro
chillo o fatto è niro niro, niro niro comm’a chè


O’ contano e cummare chist’ affare
sti case nun so rare se ne vereno a migliare
E vote basta sulo na uardata
e a femmena è remmasta sott’a bbotta ‘mpressiunata


Se na uardata se
se na ‘mpressione se
va truvanne mo’ chi è stato
c’ha cugliuto bbuono o’ tiro
chillo o fatto è niro niro, niro niro comm’a chè


E ddice o’ parulano embè parlamme
Pecchè si arraggiunamme chisti fatte ‘nce spiegamme
Addò pastena o grano o grano cresce
riesce o nun riesce sempe è grano chello ch’esce


Sè dillo a mamma sè
sè dillo pure a me
conta o’ fatto comm’è gghiuto
si fuje ciccio ‘ntuono o ggiro
chillo o fatto è niro niro, niro niro comm’a chè


E ssignurine ‘e caporichino
fann’ammore cu ‘e marrucchine
‘e marrucchine se vottano ‘e lanze
‘e ssignurine cu ‘e panze ‘nnanze.


Amerivan express
damme ‘o dollaro ca vaco e pressa
ca sinnò vene ‘a pulis
mett’e mmane arò vò isso.


Ajere ssera a piazza dante
a panza mia era vacante
si nunn’era po’ contrabbando
je mo’ ggià stevo ‘o campusanto.


E llevate ‘a pistuddà
e llevate ‘a pistuddà
cu chisti pacch’nmane
e llevate ‘a pistuddà. (2 volte)


Sigarette babà
caramelle mammà
fischiette bambino
e dduje dollare ‘e ssignurine.


A cuncetta e nanninella
lle piacevano ‘e caramelle
mo’ s’appresentano pe’ zetelle
vanno a fernì ‘ncopp’e burdelle.


E ssignurine napulitane
fanno ‘e figlie’ e mericane
‘nce verimme ogge e dimane
‘nmiezo porta capuana.


E cercillo ‘o viecchio pazzo
s’è vennuto ‘e matarazze
e l’america pè dispietto
‘nc’ha scippato ‘e pile a pietto.


Ajere ssera magniaje pellecchie
‘e capille ‘ncopp’e rrecchie
‘e capille ‘e capille
e ‘o ricotto ‘e cammumilla
‘o ricotto ‘o ricotto
e ‘a fresella cu a carnacotta
‘a fresella‘a fresella
e zì monaco tene ‘a zella
tene ‘a zella ‘nnanze e arreto
uffa uffa e comme fete
e lle fete e cane
muorto
uè pe ll’anema e chillemmuorto.


E llevate ‘a pistuddà
e llevate ‘a pistuddà
cu chisti pacch’nmane
e llevate ‘a pistuddà. (a finire)

 

PROCIDA

 

ISCHIA

 
 
Template creato da STELLINACADENTE20