Community
 
alba.chiara65
   
 
Creato da alba.chiara65 il 26/11/2008

Passione

La passione dell' Angelo

 

ULTIME VISITE AL BLOG

corrado569margherita.22jfbrown0jack0807altair768robyjackson1adriano65GIORGIO45.RMAramis_52eva_978alba.chiara65sonoiodoc21francescor1111verdeangelo
 

IL NOSTRO SENTIERO

 

 

AREA PERSONALE

 

GIOIA DI VIVERE

 

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

GRAZIE AMICI SIETE UNA BELLA COMPAGNIA

GRAZIE AMICI

UN ABBRACCIO

DI LUCE

 

....TI SENTO...

donna

 

 

 

ULTIMI COMMENTI

 

OM

Post n°109 pubblicato il 20 Marzo 2013 da alba.chiara65
 
Tag: musica

 
 
 

OM

Post n°108 pubblicato il 20 Marzo 2013 da alba.chiara65
 

l'Om è la combinazione di tre suoni A - U - M (l'Om ne è la pronuncia):

se viene recitato correttamente inizia dalla tonica inferiore che risuona con la "A"

nel Manipura Chakra (situata vicino all'ombelico), sale verso l'alto e risuona con la "U"

a livello del Anahata Chakra ( zona del cuore), raggiunge la tonica superiore con al "M"

che risuona dell'Ajna Chakra ( fra le sopracciglie). Quando si canta la A la coscienza

è quindi all'ombelico, la mente si calma. Il canto della U al cuore, porta lucidità e gioia.

La M con la consapevolezza del terzo occhio dona beatitudine alla mente.

om

 
 
 

CHIUSO PER FERIE

Post n°107 pubblicato il 21 Agosto 2012 da alba.chiara65
 

AMICI CI TROVIAMO PRESTO.... MI PRENDO QUALCHE

GIORNO DI FERIE.....A PRESTO !!!

SARAH

 
 
 

cercare la felicitą

Post n°106 pubblicato il 27 Luglio 2012 da alba.chiara65
 

 

Lo sciocco cerca la felicità lontano,

il saggio la fa crescere ai suoi piedi

 
 
 

NESSUNO HA UN COMPITO

Post n°105 pubblicato il 26 Luglio 2012 da alba.chiara65
 

Nessuno ha un compito, una missione da portare a termine.

Lascia che il divino si occupi degli altri, tu occupati del tuo essere.

Nessuno ha una missione da assolvere, ma l'ego vuole cose di

questo genere: una missione da compiere.

L'unica cosa che puoi fare è essere te stesso, beatamente te

stesso, e attraverso quella beatitudine adempierai a qualsiasi cosa.

Sii ordinario, il semplice sforzo di essere straordinario è una specie di follia.

Sii ordinario e sei divino.

Osho

 


 
 
 

Mantra

Post n°104 pubblicato il 13 Luglio 2012 da alba.chiara65
 
Tag: musica

 
 
 

IMPARARE AD AMARE

Post n°103 pubblicato il 12 Luglio 2012 da alba.chiara65
 

Un giovane discepolo andò dal saggio e gli disse:
"Come si fa ad imparare ad amare?"
"Beh", rispose il saggio,
"potresti iniziare a mettere in pratica queste regole:

1) Non dare mai un’immagine falsa di se stessi.
2) Dire sempre di sì, quando è sì, e no, quando è no.
3) Mantenere la parola data, anche e soprattutto se costa.
4) Guardare gli altri ad occhi aperti, cercando di conoscere i pregi e i difetti.
5) Accogliere degli altri non solo i pregi ma anche i difetti e viceversa.
6) Esercitarsi a perdonare.
7) Dare agli altri il meglio di se stessi, senza nascondere loro i propri difetti.
8 ) Riprendere il rapporto con gli altri anche dopo delusioni e tradimenti.
9) Imparare a chiedere scusa, quando ci si accorge di aver sbagliato.
10) Condividere gli amici, vincendo la gelosia.
11) Evitare amicizie chiuse e possessive.
12) Dare agli altri anche quando gli altri non possono darci niente."
Il discepolo con uno sguardo perplesso disse:
"Sono regole belle ma difficili da vivere!"

"Perché, chi ti ha detto che amare è facile?", rispose il saggio.
"Non esiste l’amore facile, non esiste l’amore a buon mercato".
Tutti cercano l’amore ma pochi sono disposti a pagarne il prezzo: il sacrificio!
"Quando potrò dire a me stesso di aver imparato ad amare?" disse il discepolo.
"Mai. Perché la misura dell’amore è amare senza misura."

Rispose il saggio


 
 
 

Consapevoli del proprio presente

Post n°102 pubblicato il 19 Dicembre 2011 da alba.chiara65
 

Se

Se riesci a conservare il controllo quando tutti

intorno a te lo perdono e te ne fanno una colpa:

Se riesci ad aver fiducia in te quando tutti

ne dubitano, ma anche a tener conto del dubbio

se riesci ad aspettare e non ti stanchi ad aspettare

o se mentono a tuo riguardo,

a non ricambiare con menzogne

se ti odiano o, non lasciarti perndere dall'odio,

e tuttavia a non sembrare troppo buono e a non parlare troppo saggio,

Se riesci a scognare e a non fare del sogno il tuo padrone:

se riesci a pensare e a non fare del pensiero il tuo scopo;

Se riesci a far fronte al Trionfo e alla Rovina

e trattare allo stesso modo quei due impostori;

Se riesci a sopportare di udure la verità che hai detto

distorta da furfanti per ingannare gli sciocchi

o a contemplare le cose a cui hai dedicato la vita, infrante

piegati a ricostruirle con strumenti logori

S riesci a fare un mucchio di tutte le tue vincite
e a rischiare in un colpo solo a testa e croce,

e perdere e ricominciare di nuovo dal principio

e non dire una parola sulla perdita;

 Se riesci a costringere il cuore, tendini e nervi

a servire al tuo scopo quando sono da tempo sfiniti,

e a tener duro quando in te non resta altro

Tranne la Volontà che dice loro: "Tieni duro".

Se riesci a parlare con la folla e a conservare la tua virtù,

e a camminare con i Re senza perdere il contatto con la gente,

Se non riesce a fermarti il nemico nè l'amico più caro,

se tutti contano per te, ma nessuno troppo;

Se riesci a occupare il minimo inesorabile

dando valore a ogni minuto che passa,

Tua è la terra e tutto ciò che è in essa,

e quel che è di più - sei un Uomo, figlio mio!

Rudyard Kipling

Ho scelto questa lettera che Kipling scrisse a

suo figlio nel 1910 circa perchè è

il mio modo di vivere, il mio quotidiano

Shanti amici

sarah

 
 
 

CONFRONTO TRA LE VITE DI HORUS E GESŁ PURE COINCIDENZE?

Post n°100 pubblicato il 16 Dicembre 2011 da alba.chiara65
 

CONFRONTO TRA LE VITE DI HORUS E GESÙ PURE COINCIDENZE?

Evento | Horus |Yeshua di Nazaret, alias Gesù

Concepimento: Da una vergine. Da una vergine.

Padre: Unigenito figlio del Dio Osiride. Unigenito figlio di Geova (nella forma dello Spirito Santo).

Madre: Meri. Miriam (alias Maria).

Padre putativo: Seb (Jo-Seph). Giuseppe.

Discendenza del padre putativo: Di discendenza reale. Di discendenza reale.

Luogo di nascita: In una grotta. In una grotta o stalla.

Annunciazione: Di un angelo a Iside, sua madre. Di un angelo a Miriam, sua madre.

Nascita annunciata da: La stella Sirio, stella del mattino. Una non precisata “stella apparsa nel cielo d'oriente.”

Data di nascita: Gli antichi egizi sfilavano attraverso le strade al tempo del solstizio Celebrata il 25 dicembre. La data scelta era la stessa della nascita di invernale (tipicamente il 22-25 dicembre), portando una mangiatoia e un bambino che rappresentava Horus. Mitra, Dioniso, il Sole Invitto (Sole Invincibile), ecc.

Annuncio della nascita: Per mezzo di angeli. Per mezzo di angeli.

Testimoni della nascita: Pastori. Pastori.

Testimoni posteriori della nascita: Tre divinità solari. Tre sapienti.

Minaccia di morte durante l'infanzia: Herut tentò di far uccidere Horus. Erode tentò di far uccidere Gesù.

Gestione della minaccia: Il Dio Che dice alla madre di Horus: “Vieni, tu dea Iside, nasconditi con tuo figlio.” Un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe, dicendo: “Destati, e prendi il fanciullino, e sua madre, e fuggi in Egitto,…”

Ceremonia del rito di passaggio: Horus raggiunse la maturità con uno speciale rituale, quando gli fu reintegrato l'occhio. Portato al tempio dai genitori per quello che è oggi chiamato un rituale Bar Mitzvah.

Rituale all'età di: 12 anni. 12 anni.

Discontinuità nella storia della vita: Nessuna documentazione tra i 12 e i 30 anni. Nessuna documentazione tra i 12 e i 30 anni.

Località del battesimo: Il fiume Eridano, o Iarutana. Il fiume Giordano.

Età al battesimo: 30 anni. 30 anni.

Battezzato da: Anup il Battista. Giovanni il Battista.

Sorte finale del battezzatore: Decapitato. Decapitato.

Tentazione: Portato dal deserto di Amenta su un'alta montagna dal suo arcirivale Sut. Sut (alias Set) fu un precursore Portato dal deserto della Palestina su un'alta montagna dal suo dell'ebreo Satana. arcirivale Satana.

Esito della tentazione: Horus resiste alla tentazione. Gesù resiste alla tentazione.

Sostenitori :Dodici discepoli. Dodici discepoli.

Attività: Camminò sull'acqua, espulse demoni, guarì i malati, restituì la vista ai ciechi. “Con la sua potenza calmò il mare.” Camminò sull'acqua, espulse demoni, guarì i malati, restituì la vista ai ciechi. Comandò al mare: “Taci, e sta’ cheto.”

Resurrezione del morto: Horus resuscitò il suo defunto padre Osiride dalla tomba. Gesù resuscitò Lazzaro dalla tomba.

Località dove si compì il miracolo della resurrezione: Anu, una città egiziana dove si tenevano annualmente i riti della morte, sepoltura e resurrezione di Horus. Gli ebrei aggiunsero il loro prefisso (“beth”) per “casa” ad “Anu”, originando “Beth-Anu”, o la “Casa di Anu”. Dato che “u” e “y” erano anticamente intercambiabili, “Bethanu” divenne “Bethany” (Betania), la località menzionata in Giovanni 11.

Origine del nome Lazzaro: Asar era un altro nome per Osiride, padre di Horus, che il figlio resuscitò dal regno dei morti. A Lui ci si rivolgeva utilizzando, come segno di rispetto, il termine “l'Asar”. Tradotto in ebraico, è reso “El-Asar”. I romani aggiunsero il prefisso “us” per indicare un nome maschile, ottenendo “Elasarus”. Con il passare del tempo la “E” fu omessa e la “s” si tramutò in “z”, dando origine a “Lazarus” (Lazzaro). Come descritto dall'autore(i) del Vangelo di Giovanni.

Trasfigurato: Sulla montagna. Sull'alta montagna.

Sermone(i) chiave: Sermone del Monte. Sermone del Monte; Sermone della Pianura.

Tipo di morte : Per crocifissione. Per crocifissione.

Accompagnato da: Due ladroni. Due ladroni.

Sepoltura:In una tomba. In una tomba.

Destino dopo la morte: Discese negli Inferi; resuscitato dopo tre giorni. Discese negli Inferi; resuscitato dopo circa 30-38 ore (da venerdi pomeriggio a, presumibilmente, domenica mattina), che coprono parte di tre giorni.

Resurrezione annunciata da: Donne. Donne.

Futuro: Regno millenario. Regno millenario.

CONFRONTO DELLE CARATTERISTICHE DI HORUS E GESÙ

Caratteristiche Horus Yeshua di Nazaret, alias Gesù.

Natura :Considerato un personaggio mitico. Considerato come un uomo-dio del Iº secolo E.V.

Ruolo principale: Salvatore dell'umanità. Salvatore dell'umanità.

Status sociale: Dio-uomo. Dio-uomo.

Descrizione comune: La vergine Iside che porta in braccio Horus bambino. La vergine Maria che porta in braccio Gesù Bambino.

Titolo: KRST, l'unto. Cristo, l'unto.

Altri nomi: Il buon pastore, l'agnello di Dio, il pane di vita, il figlio dell'uomo, la Parola, il pescatore, il redentore. Il buon pastore, l'agnello di Dio, il pane di vita, il figlio dell'uomo, la Parola, il pescatore, il redentore.

Segno zodiacale: Associato con i Pesci, il pesce. Associato con i Pesci, il pesce.

Simboli principali: Pesce, mazza, la vite, la verga del pastore. Pesce, mazza, la vite, la croce del pastore.

CONFRONTO TRA I MESSAGGI DI HORUS E GESÙ

Caratteristiche Horus Yeshua di Nazaret, alias Gesù

Criteri per la salvezza nel giorno del giudizio: “Ho dato il pane all'uomo affamato, l'acqua all'uomo assetato, vestiti all'uomo ignudo e una barca al marinaio naufrago.” Perciocchè io ebbi fame, e voi mi deste a mangiare; io ebbi sete, e voi mi deste a bere; io fui forestiero, e voi mi accoglieste. Io fui ignudo, e voi mi rivestiste…” Matteo 25:35-36 (Traduzione di G. Diodati, 1649).

Dichiarazioni su “Io sono”: Io sono Horus nella gloria… Io sono il Signore della Luce… Io sono il vittorioso… Io sono l'erede del tempo infinito… Io, proprio Io, sono colui che conosce le vie del cielo.” “Io sono Horus, il Principe dell'Eternità.” “Io sono Horus, che avanza attraverso l'eternità… Eternità e immutabilità è il mio nome.” “Io possiedo il pane in Anu. Io condivido in cielo il pane con Ra.” “Io sono la luce del mondo… Io sono la via, la verità e la vita.” “…io vi dico, che avanti che Abrahamo fosse nato, io sono.” “Gesù Cristo è lo stesso ieri, ed oggi, e in eterno.” “Io sono il pane di vita ch’è disceso dal cielo.” (Dal Vangelo di Giovanni)

 

Alessandro D'Ovidio

 

 

 
 
 

Johann Wolfgang Goethe

Post n°99 pubblicato il 16 Dicembre 2011 da alba.chiara65

Tutto quello che puoi fare, o sognare di poter fare, incomincialo. Il coraggio ha in sé genio, potere e magia. Incomincia adesso.

Johann Wolfgang Goethe

 
 
 

solo due aforismi per meditare....

Post n°97 pubblicato il 12 Dicembre 2011 da alba.chiara65
 

Gradisci ciò che non piace.

Se conosci ciò che è male e seguiti a farlo, commetti un peccato che è difficile perdonare.

G. I. Gurdjieff

 
 
 

 

“Esistono menti che si interrogano, che desiderano la verità del cuore,

 la cercano, si sforzano di risolvere i problemi generati dalla vita,

cercano di penetrare l’essenza delle cose e dei fenomeni, e di penetrare

in loro stesse. Se un uomo ragiona e pensa bene, non ha importanza

quale cammino egli segua per risolvere questi problemi, deve

inevitabilmente

ritornare a se stesso, ed incominciare dalla soluzione del problema di

che cosa egli stesso sia e di quale sia il suo posto nel mondo attorno a lui.”

G. I. Gurdjeff

 


 

LA VERITA' DEL CUORE

Post n°96 pubblicato il 04 Novembre 2011 da alba.chiara65
 

 

 
 
 

il mio percorso...

Post n°95 pubblicato il 03 Novembre 2011 da alba.chiara65
 

...un giorno l'uomo delle pietre mi disse....

"Ogni mattina traccia il tuo percorso su della sabbia...

... aggiungi  delle pietre...

Ogni giorno avrai un percorso diverso...

Ogni giorno troverai le tue pietre...

imparerai ad oltrepassarle....

... riuscirai a percorrere quel tragitto

che ogni mattina sulla sabbia avrai tracciato"

Grazie Pietro maestro dei miei percorsi sulla sabbia!

 

 
 
 

La mia sensazione di quiete !!

Post n°94 pubblicato il 02 Novembre 2011 da alba.chiara65
 

 
 
 

LA CONSAPEVOLEZZA

Post n°91 pubblicato il 19 Ottobre 2011 da alba.chiara65
 

Retta Consapevolezza (samma sati)

Il Buddha afferma che il DHAMMA (Darma in sanscrito), la vera natura

delle cose, è direttamente conoscibile, senza tempo, e chiede di essere

toccato e visto, sebbene tale esperienza sia inesprimibile.

La verità ultima è dunque dentro di noi, ma affinché divenga liberante,

deve essere vissuta. Non serve accettarla per fede, in virtù dell'autorità

dei testi o del maestro, né comprenderla intellettualmente.

La si deve conoscere personalmente attraverso la visione profonda,

la si deve interiorizzare e fare propria, perché è un conoscere

 ma allo stesso tempo un immediato vedere.

La parola in lingua pali SATI viene tradotta con "consapevolezza",

tuttavia un significato più completo è "facoltà mentale che

consente una visione profonda e panoramica, centrata

sul presente, emotivamente neutra e distaccata".

La retta Consapevolezza non è dunque il semplice "stato cosciente"

bensì è una coscienza portata ad un'intensità particolare in cui

la mente è mantenuta in uno stato di nuda attenzione,

ovvero osservazione distaccata di quanto sta accadendo dentro di noi e

attorno a noi "qui ed ora".

Consapevolezza "senza scelta e senza giudizi", che osserva

senza selezionare e senza afferrare, e che non cede nella rete dei pensieri

discriminanti.

nella pratica della retta Consapevolezza, la mente viene

educata a rimnanere nel momento presente, aperta, calma e sollecita,

tutta intesa all'esperienza dell'evento attuale.

Giudizi e interpretazioni sono sospesi o, se si presentano,

vengono registrati e subito abbandonati.

L'obiettivo è la pura osservazione di tutto ciò che si produce

nel momento in cui si produce, cavalcando l'incalzare degli eventi come un

abile surfista cavalca le onde dell'oceano.

Ecco perché molti maestri, specialmente nello Zen,

istruiscono i loro discepoli con affermazioni apparentemente

enigmatiche del tipo: "quando mangi, mangia; quando cammini,

cammina..."

La mente consapevole non oscilla tra passato e futuro ma

resta ancorata nel presente. Tale forza mentale può essere

efficacemente utilizzata sia in modo indirizzato sull'oggetto

(obiettivo) che per produrre la visione profonda di saggezza.

La retta Consapevolezza viene anche coltivata mediante

una pratica insegnata dal BUDDHA stesso, chiamata "le quattro

basi della presenza mentale", che consiste nella

contemplazione consapevole delle quattro sfere della

percezione: il corpo, le sensazioni, gli stati mentali e i fenomeni.

 
 
 

OIZ1...L’ANIMA INNAMORATA

Post n°90 pubblicato il 18 Ottobre 2011 da alba.chiara65
 

A volte succedono cose strane,
un incontro, un sospiro,
un alito di vento che suggerisce nuove avventure
della mente e del cuore.
Il resto arriva da solo,
nell’intimità dei misteri del mondo.
Alda Merini, L’anima innamorata

QUESTO PENSIERO CI RISPECCHIA IN PIENO....

 
 
 

Bellissima serata con gli amici di libero

Post n°89 pubblicato il 29 Agosto 2011 da alba.chiara65
 

UN GRAZIE A TUTTI GLI AMICI

CHE HANNO PARTECIPATO

ALL'INCONTRO DI SABATO SERA.

E' STATA UNA BELLISSIMA SERATA.

PRESTO  NE ORGANIZZERO'  UN'ALTRA.

SARAH

 
 
 

UN PARTY PER CONOSCERCI !!!

Post n°88 pubblicato il 21 Agosto 2011 da alba.chiara65
 
Tag: PARTY

PARTY TIME

SABATO 27/08 ORE 19,30

AMICI STO ORGANIZZANDO

UNA SERATA PER CONOSCERCI.

UN MODO PER TROVARE NUOVI AMICI.

VI ASPETTO TUTTI E NUMEROSI.

CI VEDIAMO AL BAR AIDA DI TORRE A MARE ALLE 19,30.

 

 
 
 

un nuovo angelo

Post n°87 pubblicato il 31 Luglio 2011 da alba.chiara65
 

Grazie a Fedepello nel mio blog un nuovo ...Angelo

 

 
 
 

legame

Post n°86 pubblicato il 12 Maggio 2011 da alba.chiara65
 

(Scultura di Eva Antonini)

 
 
 
Successivi »