Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Romanzo con cocaina - M. AgeevLetture austeniane e francobolli »

I duellanti - Joseph Conrad

Post n°956 pubblicato il 06 Gennaio 2013 da bluewillow
 

Titolo: I duellanti Titolo originale: The Duel Autore: Joseph Conrad Traduzione: Leonardo Gandi Casa editrice: E/O pag: 112 formato: e-book costo: 0,99 €

Il 6 Gennaio 1907, secondo quanto riportato nella postfazione di “I duellanti” da Leonardo Gandi, Joseph Conrad si trovava  a Montpellier, nel sud della Francia, quando sotto gli occhi gli capitò una copia di un giornale locale, “Le Petit Méridional”, che riportava in breve, sotto il titolo “Le duel mysterieux”, la notizia di un duello fra due parigini che veniva paragonato ad un altro simile che aveva riguardato, molti anni prima, due ufficiali francesi dell'esercito napoleonico, che si erano sfidati più volte, nel corso del tempo, per motivi futili.
La fervida fantasia di Conrad trovò lo spunto per un racconto davvero insolito nella produzione dello scrittore, che declina il sempre amato tema degli incontri fatali con il destino in una chiave sottilmente e finemente umoristica, abbandonando per una volta la predilezione per il dramma puro.

Protagonisti di “I duellanti” sono due tenenti napoleonici, D'Hubert e Feraud, che finiranno per sfidarsi a più riprese, in una sorta di duello interminabile nel corso di quindici lunghi anni, attraverso cui passeranno la giovinezza e la maturità, l'ascesa e la caduta di Bonaparte, ed infine l'avvento della restaurazione.
All'origine dell'interminabile sfida ci sarà una specie di non-motivo, così sciocco e così poco credibile, che sia D'Hubert che Feraud ne taceranno sempre l'origine, alimentando la leggenda che esso sia in verità un segreto così oscuro da non poter essere rivelato.
Per essersi battuto in maniera cruenta con un civile, Feraud deve infatti essere messo agli arresti nel suo alloggio dal tenente D'Hubert. Non trovandolo nella sua abitazione, D'Hubert cerca e trova Feraud ad una festa elegante.
Il piccolo guascone Feraud, incline a sguainare facilmente la spada, si sente offeso nell'onore dall'arresto dell'alto e biondo D'Hubert proprio mentre si sta divertendo e lo sfida battersi, ma questo ovviamente trova ridicolo scontrarsi in duello con qualcuno messo agli arresti proprio per duello. Feraud però non vuole sentire ragioni: invano D'Hubert, semplicemente incredulo, tenterà di sottrarsi alla sfida, volente o nolente Feraud lo trascinerà in uno scontro, nel quale infine, ubriaco, avrà la peggio.
Il duello sarà il solo il primo di una serie di rivincite nelle quali, nel corso di lunghi anni, Feraud e D'Hubert si troveranno ad affrontarsi, soprattutto ad opera di un malinteso senso dell'onore da parte di Feraud.
Più volte a D'Hubert verrà richiesto il motivo dell'odio di Feraud, ma egli sarà semplicemente incapace di esprimerlo: ha un imperterrito, fatale nemico, ma non ha idea del vero perché.
I due ufficiali verranno promossi, si troveranno in condizioni disperate nelle peggiori campagne napoleoniche e finiranno perfino per coprirsi le spalle l'un l'altro, ma nulla riuscirà a far desistere Feraud dall'odiare D'Hubert e dal volerlo sfidare.
Il dissapore infinito fra i due finisce per assomigliare ad una contorta forma d'amicizia, come se la vita valesse solo per il fatto di aver qualcuno che costantemente pensa, sia pure odiando, l'altro.
Dirà infatti D'Hubert di Feraud: "E' straordinario come quell'uomo, in un modo o nell'altro, sia riuscito a legarsi ai miei sentimenti più profondi"

Il destino sembra aver unito nell'inimicizia Feraud e D'Hubert ed il destino farà in modo che i loro scontri non siano d'ostacolo a D'Hubert, ma paradossalmente ne favoriscano invece la carriera.
Come sentendo di dovere qualcosa alla fedeltà dei sentimenti di Feraud, D'Hubert che è riuscito ad entrare nei favori del regime che ha soppiantato Napoleone, finirà addirittura per salvargli  la vita, sottraendolo ad una certa condanna a morte per aver troppo fedelmente servito l'imperatore: dopo tanto tempo come potrebbe D'Hubert rinunciare al suo nemico? Sarebbe poco onorevole! E come lo ricompenserà Feraud, che però non verrà mai a sapere di quel gesto generoso? Ma ovviamente sfidandolo ancora!
Il duello infinito giungerà ad un epilogo proprio quando D'Hubert troverà l'amore, un sentimento che occuperà lo spazio riservato a Feraud nella vita del suo avversario, e lo scontro avrà il suo duello finale, di cui non rivelo l'esito, ma che io trovo deliziosamente umoristico.

Questo racconto di un Conrad ineditamente leggero, è geniale nel descrivere l'indescrivibile: il sentimento che si prova ad avere un nemico per nessun motivo al mondo, ma la cui presenza, come l'ombra che fa risaltare la luce, è in qualche modo necessaria, perché lo sforzo di una lunga lotta finisce per cambiare al punto le persone che esse non sarebbero più le stesse se la lotta stessa non fosse mai avvenuta.
Allo stesso tempo lo scontro fra i due tenenti è il simbolo di quello fra le forze della restaurazione e napoleoniche: anch'esse interdipendenti e modellatesi l'una sull'altra, entrambe necessarie alla storia.

Da “I duellanti”, Ridley Scott ha tratto nel 1977 il suo primo film, dall'omonimo titolo.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.