Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

ULTIMI COMMENTI

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: bluewillow
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 39
Prov: EE
 

ULTIME VISITE AL BLOG

paola.89tesorobggermanaboeronicolabenedetti2000hdueo79smackludariblufrancesco_danielepsmalpensa1gianlucadd1989Ladyhawk55Fla.ZVentoDiPoesiaskiavo8tirchio2000
 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

___________________

www.StatCounter.com/myspace/ - Free myspace Profile Counter

 

 

« Cap. 12 -  PrioritàCap.13 – Da due ad uno »

La forza del passato – Sandro Veronesi

Post n°253 pubblicato il 11 Febbraio 2007 da bluewillow
 

Titolo: La forza del passato Autore: Sandro Veronesi Casa editrice: superpocket pag:250 costo: 5 euro


immagineGianni Orzan, protagonista del libro, è uno scrittore per bambini, dalla vita apparentemente senza punti oscuri: proviene da una tranquilla famiglia borghese, ha una moglie fedele, un figlio che ama ed anche un discreto successo nel lavoro, grazie ai libri sulle avventure di “Pizzano Pizza”.
L'incontro con Brogliasco, un misterioso sessantenne che si proclama grande amico del padre di Gianni, morto da poco, cambia completamente il modo in cui l'uomo guarda a sé stesso e al proprio passato: questi gli rivela infatti che il genitore non è il conservatore bigotto che egli credeva, ma una spia sotto copertura del KGB, rimasto per decenni in Italia in attesa di intervenire nell'eventualità che ci fosse stata una guerra.
Orzan è costretto a rivedere ogni aspetto della propria vita, alla ricerca di indizi che confermino o smentiscano quanto asserito da Brogliasco. La grande confusione suscitata dall'apparire dell'uomo nella vita di Gianni, porta lo scrittore a ulteriori scoperte sulla solidità del suo matrimonio. Un po' alla volta Orzan si accorge che dietro l'apparenza della normalità, anche la sua vita nasconde torbidi segreti e verità non dette.
Il libro si lascia apprezzare molto più per la capacità di Veronesi di creare l'interiorità del personaggio, il modo in cui un po' alla volta concede a sé stesso di accedere ad una verità dolorosa, che per la trama di per sé senza troppe soprese. La storia è incentrata infatti più su come il protagonista reagisce ad rivelazione sconvolgente, piuttosto che sull'azione. Quindi anche se ci sono potenzialmente tutti i classici elementi della spy-story, non aspettatevi che il protagonista si metta a fare il detective alla ricerca di indizi. La ricerca della verità avviene esclusivamente nella mente di Gianni Orzan. Il tema fondamentale della storia sembra essere la rete di bugie che ognuno di noi costruisce intorno a sé stesso, per non vedere ciò che ha sotto gli occhi, ma è troppo doloroso o difficile da accettare. Punti ciechi del pensiero, che possono però in un istante divenire nuovamente visibili. Un consiglio: non leggete la quarta di copertina, contiene molte anticipazioni, che tolgono suspence allo svolgersi degli eventi.
La caratterizzazione dei personaggi è molto buona: il nervossimo Orzan e il flemmatico Brogliasco sono resi in maniera molto efficace. Veronesi è molto bravo a caricare di significati tante piccole azioni quotidiane, che spesso sfuggono all'attenzione, per descrivere “gli attori sulla scena”.
Unico punto debole: nel libro sono riportate alcune ipotetiche pagine delle avventure di Pizzano Pizza, posso solo dire che è una fortuna per Veronesi che non faccia lo scrittore per bambini (Pizzano Pizza? Ma che nome è?).
Forse mi sarebbe piaciuto un finale più drammatico e teatrale, una svolta epocale nella vita del protagonista, ma Gianni Orzan è tutto sommato una persona comune, quindi l'insieme delle abitudini, “la forza del passato”, alla fine lo riporterà di nuovo sui binari della propria vita, sia pure con nuove consapevolezze.
Dal libro è stato tratto anche un film omonimo nel 2002 con Sergio Rubini nella parte di Gianni Orzan.
Se volete saperne di più su Sandro Veronesi, che nel 2006 ha vinto il premio Strega per “Caos Calmo” potete consultare questi link:
wikipedia

Biografia di Sandro Veronesi tratta dal sito di Niccolò Ammaniti

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 
Blue's bookshelf: read

Verso un'altra estate Ragazze di campagna La morte paga doppio Vento rosso Bang Bang sei morta La morte di Ivan Il'ic

More of Blue's books »

 

Book recommendations, book reviews, quotes, book clubs, book trivia, book lists
 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 231
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.