Creato da bluewillow il 31/03/2006

L'angolo di Jane

Tutto su Jane Austen e sui libri che mi piacciono!

L'ANGOLO DI JANE

Benvenuti nel mio blog!

Questo spazio è dedicato a recensioni di libri e film, ai miei racconti,  a riflessioni personali di varia natura e soprattutto a Jane Austen, una delle mie scrittrici preferite.

Sono una stella del firmamento
che osserva il mondo, disprezza il mondo
e si consuma nella propria luce.
Sono il mare che di notte si infuria,
il mare che si lamenta, pesante di vittime
che ad antichi peccati, nuovi ne accumula.
Sono bandito dal vostro mondo
cresciuto nell'orgoglio e dall'orgoglio tradito,
sono il re senza terra.
Sono la passione muta
in casa senza camino, in guerra senza spada
e ammalato sono della propria forza.

(Hermann Hesse)

 


 

 

JANE AUSTEN -RITRATTO

immagine
 

SLIME BOX

Slime adottati dal blog grafico amico Stravaganza

(clicca sul nome degli slime per leggerne la descrizione)

 

Pink Slime


 

Ink Slime

 


 

IL MIO ANIMALETTO BLOG-DOMESTICO

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 


 immagine


immagine

 

 

immagine

 

 

« Un passato imperfetto - ...Una nuova parola nel diz... »

Mi ricordo di te – Yrsa Sigurdardóttir

Post n°1112 pubblicato il 09 Agosto 2013 da bluewillow
 

Titolo: Mi ricordo di te Titolo originale: Ég man þig Autrice: Yrsa Sigurdardóttir Traduzione: Silvia Cosimini Casa editrice: Il Saggiatore pag: 320

mi ricordo di teCredo che scrivere una storia di fantasmi ambientata in tempi moderni non sia facile perché cellulari, macchine fotografiche e sempre più spesso dispositivi in grado di filmare sempre a portata di mano sono ormai molto popolari: tutta questa tecnologia è sicuramente un grosso antidoto per chiunque sia tentato di cedere alle suggestioni di messaggi provenienti dal mondo dei non viventi, perché se c'è una cosa che accomuna da sempre le ghost-story è che chiunque venga a contatto con una entità fantasma sia in qualche modo isolato dal resto dell'umanità e gli sia del tutto impossibile provare ad altri di aver avuto eventuali esperienze soprannaturali. Solo quando uomini e donne si trovano soli con se stessi la paura può irrompere nella mente con il massimo della forza: allora tutto è possibile, anche ciò che è estremamente improbabile, se non del tutto folle.
Yrsa Sigurdardóttir conosce bene i meccanismi classici dell'inconscio letterario e quindi in “Mi ricordo di te” sceglie una doppia linea narrativa per raccontare la sua originale storia di fantasmi, ambientata nella natìa Islanda: da una parte abbiamo la storia di una coppia di coniugi, Katrín  e Garðar, che insieme all'amica Lìf, rimasta vedova di recente, decidono di ristrutturare una antica casa nel villaggio sperduto di Hesteyri, allo scopo di trasformarla in pensione per villeggianti; dall'altro c'è invece lo psicologo Freyr indaga su uno strano atto vandalico avvenuto in una scuola del piccolo paese in cui abita che, per motivi del tutto inspiegabili, sembra collegato alla scomparsa nel nulla del suo bambino Benni, avvenuta alcuni anni prima, e alle misteriose morti di alcuni anziani del posto, un tempo anch'essi alunni della scuola.
Il mondo isolato di Hesteiry è il classico sfondo propizio ai fantasmi: un fiordo isolato, raggiungibile solo in barca, dove i cellulari possono non funzionare, non c'è elettricità e nessun modo di mettersi in contatto con l'esterno; uomo e natura a confronto, gli eterni nemici, con in più l'aleggiare di una strana entità, un bambino dalla risata malefica, che sembra essere a volte minaccioso e a volte avvertire di qualche pericolo, che terrorizzerà Katrìn, Lìf e Garðar.
Freyr, il cui punto di vista si alterna a quello dei tre di  Hesteriry, invece si muove in un ambiente popolato e tecnologico, dove la paura fatica ad attecchire perché gli eventi della vita quotidiana e i ricordi di un passato doloroso, sembrano cancellare i legami con il mondo sottile degli spiriti.
Mentre i tre di Hesteriry cederanno sempre più al terrore, Freyr scoverà sempre più tracce che legano il suo Benni a fatti avvenuti molti anni prima e alla fine egli stesso, per quanto scettico, dovrà seguire le indicazioni di quelle voci che sembrano provenire da un altrove sconosciuto.
Un cumulo di bugie e falsità si svelerà pian piano nei due filoni narrativi, fino a quando non verrà ribaltata la percezione stessa dei personaggi (che riservano non poche sorprese), per poi far converge le due storie in una narrazione unica.
“Mi ricordo di te” è un romanzo ad alta tensione che tiene letteralmente incollati alle pagine, pieno di colpi di scena, e che sa restituire alle storie di fantasmi tutto il loro potere di far paura, nonostante tutta la tecnologia disponibile che si possa avere come antidoto, perché affonda la sua capacità di provocare brividi nella più grande paura che c'è in ognuno di noi: conosciamo davvero chi abbiamo accanto?
Un romanzo ben riuscito che è stato un piacevole rinfrescante nelle sere estive, sia per l'evocazione di freschi (anzi freddissimi) sfondi islandesi che per il fatto di aver rimpiazzato il pensiero dell'afa opprimente con una sana paura di avere un fantasma dietro la porta (o sotto il letto, o vicino alla finestra, o a prendersi un caffè in cucina, fate voi...)

Commenti al Post:
VentoDiPoesia
VentoDiPoesia il 12/08/13 alle 09:47 via WEB
Avevo adocchiato questo libro in un catalogo e pensavo proprio di leggerlo. La trama mi piace. Grazie per la minuziosa recensione ;)
 
 
bluewillow
bluewillow il 12/08/13 alle 23:32 via WEB
:)) Anche io ne avevo sentito parlare bene, ma non mi aspettavo facesse davvero paura e invece ne sono rimasta sorpresa :)
 
LadyAileen
LadyAileen il 18/08/13 alle 18:20 via WEB
Devo dare un'occhiata. :) Inserito nella lista dei desideri. Grazie.
 
 
bluewillow
bluewillow il 19/08/13 alle 21:02 via WEB
Spero ti piaccia, a me ha fatto venire i brividi :)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

BANNER

I miei banner

immagine
immagine
immagine

immagine

(Realizzati per me in esclusiva dal blog grafico Stravaganza)

 

ROMPERE IL VETRO IN CASO DI EMERGENZA

 

BANNER LINK

 


 

 

 

 

I MIEI PROGETTI PER IL FUTURO

 

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.

____________________


Metto questo disclaimer molto alla moda su quasi tutti i blog, già mi sento più importante solo per averlo messo! Comunque la mia personale opinione al di là della legge è che non sono una testata giornalistica perchè :
-non vedo il becco di un euro, ma in compenso a scriverlo sto andando alla neuro
-nessuno mi regala i libri
-nessuno mi regala i biglietti del cinema
-nessuno mi paga per scrivere e per dire quello che penso...
- e nemmeno quello che non penso!
- perchè se il "Giornale del Grande Fratello" èuna testata giornalistica, va a finire che io sarei la CNN! (questa l'ho quasi copiata da un altro blogger!).
Se volete leggere altre definizioni simili e più divertenti (magari vi torna comodo) potete trovarle QUI

____________________

 

 


Si fa il più assoluto divieto di utilizzare o citare il materiale contenuto in questo blog su siti di natura pornografica, illecita o immorale, pena denuncia alla polizia postale.

 

Relativamente al contenuto dell'intero blog, vale il seguente copyright:
TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

Le citazioni da libri, all'interno delle recensioni dei libri stessi o in altri post, appartengono ai relativi autori.

 
Citazioni nei Blog Amici: 228
 

LE TRADUZIONI DI BLUEWILLOW - FREE TEXT

La maschera della morte rossa - Edgar Allan Poe

L'ingratitude (L'ingratitudine) - Charlotte Brontë 

Disclaimer
Non sono una traduttrice professionista, quindi le mie traduzioni potrebbero contenere errori. Vi raccomando di adottare riguardo a questi testi le stesse precauzioni di una installazione di Windows e cioè: non basate il software di aerei sulle mie traduzioni, non impegnate il vostro patrimonio in scommesse sul fatto che siano esatte, non usatele per delle tesi di laurea e soprattutto non spacciatele per vostre! Declino ogni responsabilità riguardo (e fate i vostri compiti onestamente, diamine!)

Anche se si tratta di traduzioni su di esse valgono gli stessi diritti di qualsiasi altra opera di ingegno. Naturalmente potete leggerle, stamparle, regalarle ai vostri amici e anche farci delle barchette di carta, ma non potete in nessun caso ricavarne un profitto o ometterne i crediti.