DarkSoul

La mia vita dopo la tossicodipendenza

 

ORA SONO LIBERO

Il mio passato ed il mio errore sono sepolti senza nome e senza ricordo.

 

PENTIMENTO

         

Io rimpiango

 

 

 

 

 

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 16
 

ULTIME VISITE AL BLOG

adagio.14occhio.vivo2oscardellestelleanmicupramarittimalubopoanastomosidisabbiamygangstasurfinia60orsinopelosomisteropaganoCherryslgryllo73suor.grazianamary.dark35
 

ULTIMI COMMENTI

Perché non ci fai vedere l'inverno lì da te con una...
Inviato da: anastomosidisabbia
il 10/03/2017 alle 21:51
 
ti ringrazio
Inviato da: mygangsta
il 09/03/2017 alle 20:10
 
Sono felice per te.
Inviato da: anastomosidisabbia
il 26/02/2017 alle 19:55
 
fortunatamente qust'anno è inverno davvero! no, sono...
Inviato da: mygangsta
il 12/01/2017 alle 18:31
 
Splendido! Ciao Massy. Credo però che il tuo soggiorno in...
Inviato da: Cherrysl
il 11/01/2017 alle 11:12
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

Ringrazio Deepak Chopra

Post n°252 pubblicato il 02 Marzo 2017 da mygangsta
 

 

Ringrazio uno dei Maestri che mi hanno aiutato moltissimo in tutti questi anni di rinascita spirituale (e anche fisica, ovvio).

Un Maestro che con le sue parole, i suoi libri e le meditazioni guidate mi ha condotto, insieme ad altri, a come sono oggi.

Anche l'ultimo ciclo di meditazioni appena concluso "L'Arte del desiderio" è stato illuminante. Lampante la frase "i desideri si manifestano a tempo e luogo".

Grazie, grazie Deepak perchè posso credere ancora che i due desideri più forti che ho nel cuore, a tempo e luogo, si realizzeranno.

 

Per chi volesse tenersi aggiornato: http://www.deepakchopra.it/

 
 
 

Esempi

Post n°251 pubblicato il 25 Febbraio 2017 da mygangsta

Mi ritrovo a 36 anni a guardare i miei 20 anni e, non so, se penso a come ho bruciato tutti quegli anni nella tossicodipendenza mi dico che bisogna proprio essere stupidi per buttare alle ortiche giovinezza e salute in quel modo.

E quando vedo moltissimi giovani che si credono supereroi, che pensano di poter sfidare tutto, che la trasgressione sia cool, che tanto la droga non fa nulla, che ci si può buttare via così senza dare importanza a sentimento ne rispetto alla persone... beh penso che, se ci saranno ancora, tra molti anni si guarderanno indietro e proveranno tristezza e compassione per la loro stupidità.

Esattamente come ho fatto io.

Ora io sono così "perbene" che, sicuramente, quando parlo così alla gente mi possono guardare come fossi un "predicatore noioso", come se fossi diventato un angelo da demone che ero. Noioso e "castigatore".

Ma penso di poter "ammonire" dopo tutto ciò che ho visto e passato. Penso di poter consigliare ai più giovani di non fare come me.

Ho un cugino di 18 anni. Non gli ho risparmiato nulla del mio passato. Ci rimase molto male. Ma ho voluto metterlo in guardia da tutti i miei errori, da tutti quegli errori che a quell'età possono sembrare così ridicoli, superficiali, cool. Lo so perchè anche a me sembrarono così.

Volli fargli conoscere il mio migliore amico mentre stava subendo fatali conseguenze proprio perchè vedesse che, talvolta, gli errori si pagano con un non ritorno.

Non gli ho mai detto "non fare i miei errori" ma gli ho semplicemente "mostrato" cosa ho dovuto passare io facendoli. Direi che gli è bastato.

Se mai avessi un figlio penso che la mia storia dovrebbe essergli da esempio per non fare i miei stessi errori.

 
 
 

Nuovo inizio

Post n°250 pubblicato il 05 Gennaio 2017 da mygangsta

 

Nuovo inizio. Anno nuovo, vita nuova sul serio.

36 anni ci sono voluti per essere a casa, per essere chi davvero voglio essere e dove voglio essere.

Credo che quando si rinasce, quando si cambia, quando si evolve, quando si lascia indietro una devastazione psicologica ed emotiva come è accaduto a me, non si possa rimanere neppure negli stessi luoghi.

Intendiamoci, ho amato la mia città natale, sono legato ad essa da momenti belli e anche purtroppo da momenti davvero dolorosi, tutto questo non si cancella. Ho vissuto 36 anni là, non posso fare finta di nulla.

Ma ora sono a casa. E' straordinario, è quella sensazione di quando, finalmente dopo anni di dolore e pellegrinaggio, raggiungi la meta così desiderata e immaginata che non riuscivi neppure più a crederla reale.

Ora sono a casa, guardo dalla finestra le montagne tutto intorno a questa nuova città e mi chiedo se davvero io sia riuscito in questa impresa. Se davvero tutti i miei sforzi, il mio testardo impegno, le mie preghiere a quell'Universo inflessibile e spesso sordo, siano finalmente serviti.

Sono riuscito ad accelerare i tempi e a essere a casa quasi dieci giorni prima di quanto pensassi.

Questa casa che ho osservato moltissime volte nel corso degli anni quando mi ritiravo qua in montagna per salvarmi adesso posso chiamarla "casa mia".

Non è mai troppo tardi per sentirsi felici.

Ora sono a casa, tra queste montagne amiche. Ancora non ci credo ma a 36 anni ce l'ho fatta.

Ora solamente altri due miracoli e poi davvero avrei tutto...

Ma, per intanto, guardo dalla finestra e vedo queste splendide montagne e le luci della sera in questa calma città qui incastonata.

Basta anonimi palazzi grigi e una città in cui troppi luoghi mi facevano male.

Ora sono a casa.

 
 
 

Ricominciamo

Post n°249 pubblicato il 07 Dicembre 2016 da mygangsta
Foto di mygangsta

 

Essere stato un tossicodipendente è uno degli errori più gravi e assurdi che potessi fare.

Io posso dirlo, non c'è niente di bello, interessante, alternativo o "cool" nel finire schiavi delle sostanze.

I maestri che seguo da qualche tempo, dicono di vivere nel "qui e ora", di cercare la felicità innanzitutto dentro se stessi perchè, in tal modo, altre cose belle arriveranno.

Va bene, ci provo.

La mia casa nella nuova città di montagna mi sta aspettando, ogni volta che porto via qualcosa da qua e lo trasferisco in montagna mi sento meglio. Prima della metà di gennaio dovrei, finalmente, essere a casa.

Nuova casa, nei luoghi di montagna che mi hanno salvato.

Le sostanze non riescono a fare presa su di me da 11 anni ormai.

Questa casa voglio credere che sia l'inizio di una nuova vita.

Un sogno? Poter riabbracciare mio padre tra quelle mura.

 

 

 

 
 
 

Finalmente

Post n°248 pubblicato il 02 Dicembre 2016 da mygangsta

Finalmente.

Questa splendida parola così fantastica e meravigliosa.

Finalmente riesco a coronare almeno un sogno, una cosa per cui ho lottato moltissimo.

Lasciare questa città e trasferirmi definitivamente in montagna.

Ancora non ci credo che questo "miracolo" stia avvenendo davvero.

Ok, la mia città è molto bella, non l'ho mai negato. Ma, dopo tutto quello che ho passato qua, mi era tremendamente difficile continuare a viverci, ricordi prepotenti in luoghi che ero obbligato a frequentare, a rivedere e transitare almeno ogni tanto.

La montagna, quella splendida città di montagna, quei borghi dove sono "fuggito" ogni agosto e ogni momento che avessi libero, mi hanno ridato la speranza.

E ora, finalmente!, non manca molto al mio trasloco definitivo.

 

Presto vivrò finalmente nel luogo a me tanto caro, in quel luogo dove mi sento, perlomeno, sereno.

E, voglio crederlo, da questo "miracolo" chissà che non ne nascano altri...

 

Sempre avanti, nonostante tutto. E, ogni tanto, arriva il "finalmente".

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: mygangsta
Data di creazione: 18/05/2008
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Campagna Say No To Drug