Community
 
greta1954
   
 

Il silenzio

Il mio silenzio mi parla di te

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: greta1954
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 60
Prov: PA
 

AUGURI BUONA PASQUA..!

immagineimmagineimmagineimmagineAuguri a tutti voi,Cari amici!!! 
 

....LA PRIMA VOLTA ERA FAMOSA

                  Due famosi attori,sono personaggi  immagine

Lei è famosa attrice americana,x vedere un film:Figli di un Dio Minore.... 
 

....LA VITA....

 

BEAUTIFUL SOUL.....

 

..

 
 

...NON CI RESTA CHE PIANGERE.....

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

AREA PERSONALE

 

CONTRO LA PEDOFILIA

Vi lancio una sfida! Nel mondo dei blog siamo numerosi ,pero', possiamo riuscirci a far girare un messaggio a tutti ed è  per una causa buonissima ANTIPEDOFILIA! Perche' episodi su tanti bambini siano solo un brutto ricordo per tutti. Daremo un segnale......CREDIAMOCI INSIEME!! Ricopiate sul vostro blog questo stralcio e vediamo quanti di noi riescono realmente a dar vita a questa campagna e,dopo averlo copiato aggiungete la vostra firma.....come dire  IO CI STO!!

immagine
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

ULTIME VISITE AL BLOG

esmeralda3000lapianalpmariomancino.mcercoilmiocentrocleydstefscopza.ragoldoniantonellaLACOCCINELLALILLIunamamma1luigi.michelonilanonimoamoreV_I_N_C_E_N_Tadoro_il_kenyalibellula_md
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Buona Pasqua di Risurrez...LA DONNA è GORAGGIO X FO... »

SAN PIETRO BONILLI

Post n°19 pubblicato il 05 Luglio 2007 da greta1954
Foto di greta1954

 La Vita del Beato Pietro Bonilli

Apostolo della Santa Famiglia  

 

Il Beato Pietro Bonilli - Apostolo della Sacra Famiglia

Don Pietro Bonilli nasce a S. Lorenzo di Trevi il 15 marzo del 1841, da Sabatino e Maria Allegretti, gente povera ma ricca di fede.
Viene battezzato lo stesso giorno nella chiesa parrocchiale di Castel S. Giovanni.
Nel 1849 il piccolo Pietro lascia la casa paterna per frequentare la scuola presso il Collegio Lucarini di Trevi e, fin dall’inizio lavora per mantenersi agli studi.
Qui incontra Don Ludovico Pieri, figura centrale e decisiva per la sua vita, che diviene guida e sostegno nel cammino della fede: è lui ad inculcargli la devozione alla Sacra Famiglia, ad orientarlo al presbiterato e ad indicargli la meta e la via
della santità.
Il Diario presenta il giovane Pietro impegnato nello studio e nella vita spirituale. Concentrato in Dio, attraverso l’Eucarestia, la meditazione e la preghiera, cresce nell’umiltà quale coscienza del proprio "nulla" e rafforza la decisione di farsi santo.
Nel 1860, superate le difficoltà economiche, entra nel Seminario di Spoleto per continuarvi gli studi e prepararsi al Sacerdozio. Sua preoccupazione costante è la conoscenza di Dio e la conoscenza di sé, come pure l’impegno per la santità: "o santo o morto"!.
Nel 1863 viene ordinato presbitero e subito va Parroco a Cannaiola, parrocchia vicina a S. Lorenzo di Trevi, rifiutata da altri per la sua situazione di povertà morale e materiale.
Questa parrocchia, diventata la sua famiglia, ha la fortuna di averlo per ben 34 anni, come Padre, Pastore e È la carità che lo Guida attenta ed instancabile.
Il Bonilli centra la sua pastorale sulla predicazione, sulla liturgia e sulla carità; anima la pietà popolare, incrementa le Confraternite quale strumento di socializzazione e di educazione alla vita cristiana.
La carità è l’anima di ogni sua iniziativa. rende presente ad ogni miseria e gli fa aprire la porta della sua casa agli "ultimi". È per la carità che fonda opere quali la tipografia, l’orfanotrofio, le case per cieche, sordomute, handicappate…e, per rispondere più attentamente ai bisogni del territorio e della Chiesa, il 13 maggio 1888, dà vita alla Congregazione delle Suore della Sacra Famiglia.

Il Beato Pietro Bonilli attorniato dalle allieve di uno degli istituti da lui fonfato

Il Bonilli, illuminato dal mistero di Nazaret, dà alla Congregazione una chiara indicazione sull’essere e sull’agire. Sul modello e con la protezione della S. Famiglia, "essere famiglia, dare famiglia, costruire famiglia". Giovanissimo parroco di Cannaiola, è tra i primi tre che iniziano la "Società dei Missionari della S. Famiglia", fondata da Don Ludovico Pieri nel 1871.
Di questa Società di preti diocesani, il Bonilli diviene l’animatore più ardente ed entusiasta, testimoniando, tra innumerevoli difficoltà ed incomprensioni, il suo impegno di santità, il suo fervore apostolico, il suo straordinario amore per la S. Famiglia, da cui era stato folgorato fin da giovane seminarista.
Don Pietro Bonilli "può essere annoverato tra gli apostoli più insigni della devozione alla Sacra Famiglia in Italia. Anzi, nella devozione alla S. Famiglia, vide un efficace strumento pastorale per il rinnovamento della società e delle famiglie del suo tempo" (Decreto 30 giugno 1986).
La fiamma missionaria che arde nel cuore del giovane prete, diviene l’anima del suo apostolato parrocchiale e delle istituzioni a cui dà vita e che pone sotto il nome della Santa Famiglia.
Nel 1898 si trasferisce a Spoleto, dove la Provvidenza gli offre un campo di lavoro più vasto per lo sviluppo delle sue Opere. Viene nominato Canonico penitenziere della Cattedrale e, successivamente, Economo e Rettore del Seminario.
Don Pietro Bonilli educa i giovani seminaristi e con grande impegno li prepara al Presbiterato, offrendo loro la sua ricchezza spirituale, la sua esperienza pastorale e la sua testimonianza di carità; da tutti è ricercato per la sua bontà e sapienza.
Svolge ogni incarico che gli viene affidato, con prontezza, precisione e dedizione, sempre lieto di servire la Chiesa e di diffondere il Regno di Cristo.
Opera il bene senza far rumore e riesce a farlo spinto dall’amore che attinge dall’Eucarestia e dalla preghiera prolungata davanti al Tabernacolo.Avanza nella santità portando la croce di Cristo nella pazienza e nella piena disponibilità alla Volontà di Dio.

Si concentra sempre più in Dio: "Da questa profonda interiorità contemplativa si faceva lume di carità, di sapienza e di consiglio per i molti che venivano a trovarlo, cardinali, vescovi, sacerdoti, laici, e tutti ne riportavano l’impressione di essere davanti ad un Santo".
Cieco dal 1929, non si ripiega su se stesso ma continua a vivere da "espropriato per amore degli altri" fino al 5 gennaio 1935 quando, da fedelissimo operaio della Vigna e da "vecchio diafanizzato dalla preghiera e dalla carità", si spegne piamente e placidamente nel bacio del Signore all’invocazione dei presenti: "Gesù, Giuseppe e Maria spiri in pace con voi l’anima mia".
La fama di santità, già goduta in vita, esplode con imponenti manifestazioni in occasione dei suoi funerali e continua ad espandersi ed a consolidarsi negli anni successivi.
La Causa di Beatificazione, aperta nel 1944 a Spoleto, si conclude a Roma con la firma dei due Decreti:

  • Sull’eroicità delle Virtù, il 30 giugno 1986,

Sull’autenticità del Miracolo
  • , il 3 luglio 1987.

Sua Santità Giovanni Paolo II lo Beatifica il 24 aprile 1988.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: greta1954
Data di creazione: 23/03/2007
 

INTRO-8 DONNE E UN MISTERO

                                                                                                                      ****Benvenuti a tutti cari  amici.Greta****                                                                                                                                                                                                                                                                          
 

...LA VITA DEL MONDO...

 

AMICIZIA E VITA

 

"SIA LA LUCE"

 
 

"ECCO, EGLI VIENE

 

"LUCE FRA GLI UOMINI"

 

"LIBERI"

 

"ALLA GLORIA DI DIO"

 

"BEATO L'UOMO..."