Piacere...LaUrA

Smaointe Go Deo...

 

AREA PERSONALE

 
 

immagine
 

*GO N-ÉIRÍ AN BÓTHAR LEAT*

 
 

........*__*........

 

ULTIME VISITE AL BLOG

iovagabiondoBonton76ellebi48corsara86Arkeo1000vaniavbfranceferrignoStorm1980SWEETVILLEcome_un_Mangadesaparecidos2il.lordnerokash_63roman.dransky
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

ULTIMI COMMENTI

Tanti auguri per un santo natale...
Inviato da: metrlor
il 24/12/2007 alle 14:40
 
Ciao come va? sempre bello rileggere queste parole ti...
Inviato da: cercandosperando
il 13/12/2007 alle 22:21
 
buona serata
Inviato da: king_eddie
il 29/11/2007 alle 18:58
 
un bacio per te
Inviato da: cercandosperando
il 12/11/2007 alle 23:24
 
notte
Inviato da: king_eddie
il 12/11/2007 alle 00:42
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 

 

Il Piccolo Principe (XXI)

Post n°55 pubblicato il 13 Dicembre 2007 da macushla

In quel momento apparve la volpe.

"Buon giorno", disse la volpe.

"Buon giorno", rispose gentilmente il piccolo principe, voltandosi: ma non vide nessuno.

"Sono qui", disse la voce, "sotto al melo..."

"Chi sei?" domando' il piccolo principe, "sei molto carino..."

"Sono una volpe", disse la volpe.

"Vieni a giocare con me", le propose il piccolo principe, sono cosi' triste..."

"Non posso giocare con te", disse la volpe, "non sono addomesticata".

"Ah! scusa", fece il piccolo principe.

Ma dopo un momento di riflessione soggiunse:

"Che cosa vuol dire "addomesticare"?"

"Non sei di queste parti, tu", disse la volpe, "che cosa cerchi?"

"Cerco gli uomini", disse il piccolo principe.

"Che cosa vuol dire "addomesticare"?"

"Gli
uomini" disse la volpe, "hanno dei fucili e cacciano. E' molto noioso!
Allevano anche delle galline. E' il loro solo interesse. Tu cerchi
delle galline?"


"No", disse il piccolo principe. "Cerco degli amici. Che cosa vuol dire "addomesticare"?"

"E' una cosa da molto dimenticata. Vuol dire ..."

"Creare dei legami?"

"Certo",
disse la volpe. "Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino
uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai
bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila
volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l'uno dell'altro.
Tu sarai per me unico al mondo, e io saro' per te unica al mondo".


"Comincio a capire" disse il piccolo principe. "C'e' un fiore... credo che mi abbia addomesticato..."

"E' possibile", disse la volpe. "Capita di tutto sulla Terra..."

"Oh! non e' sulla Terra", disse il piccolo principe.

La volpe sembro' perplessa:

"Su un altro pianeta?"

"Si".



"Ci sono dei cacciatori su questo pianeta?"

"No".

"Questo mi interessa. E delle galline?"

"No".

"Non c'e' niente di perfetto", sospiro' la volpe. Ma la volpe ritorno' alla sua idea:

"La
mia vita e' monotona. Io do la caccia alle galline, e gli uomini danno
la caccia a me. Tutte le galline si assomigliano, e tutti gli uomini si
assomigliano. E io mi annoio percio'. Ma se tu mi addomestichi, la mia
vita sara' illuminata. Conoscero' un rumore di passi che sara' diverso
da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno nascondere sotto terra. Il
tuo, mi fara' uscire dalla tana, come una musica. E poi, guarda! Vedi,
laggiu' in fondo, dei campi di grano? Io non mangio il pane e il grano,
per me e' inutile. I campi di grano non mi ricordano nulla. E questo e'
triste! Ma tu hai dei capelli color dell'oro. Allora sara' meraviglioso
quando mi avrai addomesticato. Il grano, che e' dorato, mi fara'
pensare a te. E amero' il rumore del vento nel grano..."


La volpe tacque e guardo' a lungo il piccolo principe:

"Per favore... addomesticami", disse.

"Volentieri", disse il piccolo principe, "ma non ho molto tempo, pero'. Ho da scoprire degli amici, e da conoscere molte cose".

"Non
ci conoscono che le cose che si addomesticano", disse la volpe. "Gli
uomini non hanno piu' tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti
le cose gia' fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli
uomini non hanno piu' amici. Se tu vuoi un amico addomesticami!"


"Che cosa bisogna fare?" domando' il piccolo principe.

"Bisogna
essere molto pazienti", rispose la volpe. "In principio tu ti sederai
un po' lontano da me, cosi', nell'erba. Io ti guardero' con la coda
dell'occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di
malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un po' piu' vicino..."


Il piccolo principe ritorno' l'indomani.

"Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora", disse la volpe.

"Se
tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io
comincero' ad essere felice. Col passare dell'ora aumentera' la mia
felicita'. Quando saranno le quattro, incomincero' ad agitarmi e ad
inquietarmi; scopriro' il prezzo della felicita'! Ma se tu vieni non si
sa quando, io non sapro' mai a che ora prepararmi il cuore... Ci
vogliono i riti".


"Che cos'e' un rito?" disse il piccolo principe.

"Anche
questa e' una cosa da tempo dimenticata", disse la volpe. "E' quello
che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un'ora dalle altre ore.
C'e' un rito, per esempio, presso i miei cacciatori. Il giovedi ballano
con le ragazze del villaggio. Allora il giovedi e' un giorno
meraviglioso! Io mi spingo sino alla vigna. Se i cacciatori ballassero
in un giorno qualsiasi, i giorni si assomiglierebbero tutti, e non
avrei mai vacanza".


Cosi' il piccolo principe addomestico' la volpe.

E quando l'ora della partenza fu vicina:

"Ah!" disse la volpe, "... piangero'".

"La colpa e' tua", disse il piccolo principe, "io, non ti volevo far del male, ma tu hai voluto che ti addomesticassi..."

"E' vero", disse la volpe.

"Ma piangerai!" disse il piccolo principe.

"E' certo", disse la volpe.


"Ma allora che ci guadagni?"
"Ci guadagno", disse la volpe, "il colore del grano".




Poi soggiunse:

"Va' a rivedere le rose. Capirai che la tua e' unica al mondo. Quando ritornerai a dirmi addio, ti regalero' un segreto".

Il piccolo principe se ne ando' a rivedere le rose.

"Voi
non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora
niente", disse. "Nessuno vi ha addomesticato, e voi non avete
addomesticato nessuno. Voi siete come era la mia volpe. Non era che una
volpe uguale a centomila altre. Ma ne ho fatto il mio amico ed ora e'
per me unica al mondo".


E le rose erano a disagio.

"Voi siete
belle, ma siete vuote", disse ancora. "Non si puo' morire per voi.
Certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi
rassomigli, ma lei, lei sola, e' piu' importante di tutte voi, perche'
e' lei che ho innaffiata. Perche' e' lei che ho messa sotto la campana
di vetro. Perche' e' lei che ho riparata col paravento. Perche' su di
lei ho uccisi i bruchi (salvo i due o tre per le farfalle). Perche' e'
lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta
tacere. Perche' e' la mia rosa".


E ritorno' dalla volpe.

"Addio", disse.



"Addio",
disse la volpe. "Ecco il mio segreto. E' molto semplice: non si vede
bene che col cuore. L'essenziale e' invisibile agli occhi".


"L'essenziale e' invisibile agli occhi", ripete' il piccolo principe, per ricordarselo.

"E' il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa cosi' importante".

"E' il tempo che ho perduto per la mia rosa..." sussurro' il piccolo principe per ricordarselo.

"Gli
uomini hanno dimenticato questa verita'. Ma tu non la devi dimenticare.
Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu
sei responsabile della tua rosa..."


"Io sono responsabile della mia rosa..." ripete' il piccolo principe per ricordarselo.

 
 
 

Post N° 54

Post n°54 pubblicato il 01 Dicembre 2007 da macushla




Si tu no vuelves, se secarán todos los mares

y esperaré sin ti

tapiado al fondo de algun recuerdo

Si tu no vuelves, mi voluntad se hará pequeña

me quedaré aquí

junto a mi perro espiando horizontes...



Si tu no vuelves, no quedarán más que desiertos

y escucharé por si

algun latido le queda a esta tierra

que era tan serena cuando me querrias

habia un perfume fresco que yo respiraba

era tan bonita, era asì de grande, y no tenia fin......



Y cada noche vendrá una estrella a hacerme compañia

que te cuente como estoy y sepas lo que hay

dime amor, amor, amor....estoy aquí, ¿no ves?

Si no vuelves no habrá vida no sé lo que haré... no sé lo que haré... no sé lo que haré...



Si tu no vuelves, no habrá esperanza ni habrá nada

caminaré sin ti, con mi tristeza bebiendo lluvia...



que era tan serena cuando me querrias

habia un perfume fresco que yo respiraba

era tan bonita, era así de grande, y no tenia fin......



Y cada noche vendrá una estrella a hacerme compañía

que te cuente como estoy y sepas lo que hay

dime amor, amor, amor....estoy aquí, ¿no ves?

Si no vuelves no habrá vida no sé lo que haré...



Y cada noche vendrá una estrella a hacerme compañia

que te cuente como estoy y sepas lo que hay

dime amor, amor, amor....estoy aquí, ¿no ves?

Si no vuelves no habrá vida no sé lo que haré...no sé lo que haré... no sé lo que haré...



Si no vuelves no habrá vida no sé lo que haré ....no sé lo que haré...no no no no...



Si no vuelves no habrá vida no sé lo que haré ...no sé lo que haré... no sé lo que haré...



Si no vuelves no habrá vida no sé lo que haré...

 

 
 
 

Post N° 53

Post n°53 pubblicato il 09 Novembre 2007 da macushla
Foto di macushla


Grazie Moni ;-))

 
 
 

Post N° 52

Post n°52 pubblicato il 31 Ottobre 2007 da macushla

 
 
 

Potrebbe essere la soluzione.........

Post n°48 pubblicato il 31 Ottobre 2007 da macushla

La vita dovrebbe essere vissuta al contrario.
Tanto per cominciare si dovrebbe iniziare morendo, e così tricchete
tracchete il trauma è bello che superato.
Quindi ti svegli in un letto di ospedale e apprezzi il fatto che vai
migliorando giorno dopo giorno.
Poi ti dimettono perché stai bene e la prima cosa che fai è andare
in posta a ritirare la tua pensione e te la godi al meglio. Col passare
del tempo le tue forze aumentano, il tuo fisico migliora, le rughe
scompaiono.
Poi inizi a lavorare e il primo giorno ti regalano un orologio d’oro.
Lavori quarant’anni finchè non sei così giovane da sfruttare
adeguatamente il ritiro dalla vita lavorativa.
Quindi vai di festino in festino, bevi, giochi, fai sesso e ti prepari
per iniziare a studiare. Poi inizi la scuola, giochi con gli amici,
senza alcun tipo di obblighi e responsabilità, finchè non sei bebè.
Quando sei sufficientemente piccolo, ti infili in un posto che
ormai dovresti conoscere molto bene. Gli ultimi nove mesi te li
passi flottando tranquillo e sereno, in un posto riscaldato con
room service e tanto affetto, senza che nessuno ti rompa i
coglioni.
E alla fine abbandoni questo mondo in un orgasmo.

Woody Allen

ps. grazie Ali!




 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: macushla
Data di creazione: 08/05/2006