Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

Nuvola_volaluiselladisegniannamatrigianodarc1ooguarrerabrunoperfettifkfqhmleo.thaiisabelvonpiotrowskirosabella66mivikofratini39agnese.1935watt75romax68rosanna.evangelista
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 08/11/2017

FINALMENTE UN UOMO MOLESTATO DA UNA DONNA

Post n°2597 pubblicato il 08 Novembre 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

 

 

Sembra la famosa storiella dell'albero che correva dietro un cane: era il colmo della...siccità.  E così con un bla ...bla...bla... che non finisce mai sulle molestie e le avances dei maschi americani nato sulla scia di Weinstein, ora abbiamo finalmente una notizia che produrrà l'effetto contrario, almeno così speriamo, visto che questa storia non finisce qua. Finalmente una donna viene accusata di molestie. Se poi questa donna è la porcellona (fisicamente parlando) Mariah Carey, nota e stimata cantante, allora la notizia non passa inosservata. Una sua guardia del corpo, ha subito dalla donna diverse mostie: è stato accusato di essere nazista, skinhead, tesserato al Ku Klux Kan, e infine, definito suprematista bianco solo perché non è scuro di carnagione. Infatti la Carey preferisce i negri anche per la scorta. Intanto ha tenuto Mr. Michael Anello per due anni al suo servizio, non lo ha mai cacciato via e infine lo ha molestato sessualmente lasciandolo entrare nella camera d'albergo dove alloggiava durante una tournée. Lei discinta audacemente, lo ha provocato, ma lui italiano di cognome e di fatto (sic), l'ha rispettata e non ha abboccato alle sceneggiate della Mariah. Conto finale presentato dall'uomo: 221.329,51 dollaroni per i servizi resi nei due anni. La cantante, prima di arrivare davanti al giudice, ha tentato una mediazione tramite gli avvocati, offrendo una somma inferiore. Niente da fare, Anello (sempre italiano di origine) ha detto no: a partire dai 51 centesimi di dollari, li vuole tutti sull'unghia! Lei ha detto che non ci sta: sull'unghia non ci stanno tutti quei dollari! 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

DI MALE IN PEGGIO E...IN NERO

Post n°2596 pubblicato il 08 Novembre 2017 da monellaccio19

 

Ecco cosa è la politica oggi: la prima pagina di "libero", lo scrivo in minuscolo perché non merita di più: istigazione alla violenza, all'omicidio e credo possa bastare per Feltri e compagni. Ovviamente non menziono il mandante, sapete tutti chi sia: il centrodestra (generalizzato fa meno danni). Immaginate il coro di proteste: tutti, giustamente, si sono rivoltati contro questo ennesimo titolone sporco e aberrante del quotidiano di parte. Credono in questa politica, credono in questi sistemi e non bastano le voci contro, sanno di essere protetti da una libertà di stampa che solo in Italia funziona in tal guisa: ovvero la libertà di dire e scrivere ciò che pare e piace. Beh, non so come la pensiate, ma questo è un buon viatico per percorre la strada delle violenza. Si parte con quella verbale e poi fatalmente si passa a quella reale e concreta. Se siamo a questo punto, vorrei conoscere qualcuno disposto a scommettere sul futuro di questo paese.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ARRESTATO APPENA ELETTO

Post n°2595 pubblicato il 08 Novembre 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19


 Risultati immagini per cateno de luca

Che monelli cattivi siete: nemmeno il tempo di festeggiare, di essere felice per l'elezione ottenuta in Sicilia con l' UDC e già l'arrestate? Povero Cateno De Luca, aspettava tanto questa elezione, ha raggiunto l'obiettivo e tanto era solida la sua sicumera che già pensava di candidarsi a Sindaco per la città di Messina. Che cattiveria, che situazione imbarazzante. Tranquillo Cateno, stai sereno non ti accadrà nulla: tra sei/ sette anni sarai libero e giocondo, senza problemi e come tanti colleghi incriminati come te, sarai libero e con la fedina penale vergine. Un canovaccio che conosciamo bene in Italia, un paese dove nessuno sbaglia, nessuno commette reati e nessuno abusa del potere conferitogli. Eppure c'era chi aveva indicato il tuo nome con altri sospetti: "sono impresentabili, non inseriteli nelle liste". Macché, come se niente fosse, molti sono stati messi negli elenchi elettorali e De Luca è stato il primo ad essere beccato per evasione fiscale. Che facciamo aspettiamo gli altri prima che vengano sgamati o li tirate fuori...a prescindere? Che Bel Paese...sto formaggino amaro da masticare.  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IL MERCATO DEL...COSTA SEMPRE MENO

Post n°2594 pubblicato il 08 Novembre 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per zara istanbul


C'era una volta l'est asiatico che insegnò all'occidente intero come si possa far lavorare sodo la gente per 10/12 ore al giorno, dandole solo un piatto di riso e un bicchiere d'acqua. Poi, giusto perché si scoprì che nel resto del mondo fosse conveniente spendere molto meno di quanto  solitamente si spendesse per certi capi prodotti in casa propria, misero a lavorare i bambini, con le stesse condizioni dei grandi, per far fronte alla grande, forte richiesta di prodotti simili ai nostri, ma con prezzi stracciati. La prima parola in quel tempo lontano (sic) fu: sfruttamento dei minori e sfruttamento dei lavoratori. Ci indignammo, protestammo ma furono solo sprazzi: l'economia doveva essere mondiale e aperta a tutti. Ognuno produce quel che vuole e la gente compra ciò che gli va. Oggi a distanza di molto tempo, in un conteso "pacifico" e regolato da trattati internazionali,  c'è libero scambio e la merce prodotta da tutti gira per tutti. La differenza è solo nella qualità: la qualità della mano d'opera e la qualità della materie prime impiegate. Tutto dichiarato, niente nascosto: basta prendere in mano un capo qualsiasi anche griffato con nomi che ben conosciamo, cercare la classica etichetta interna ed è un tripudio di made in China, Malesia, Nepal ecc.ecc., ovvero si fanno capi dove conviene specie per i costi della mano d'opera. L'equazione non è difficile: la gente povera, indigente, aumenta sempre più e la merce che può comprare deve necessariamente costare poco. Non fa una piega, anzi, si aspettano pure che compriamo e sullo scontrino, invece di stampare loro in fondo: "Grazie e Arrivederci", siamo noi a scrivere almeno  un bel GRAZIE per quello che  ci vendono. A Istambul hanno pensato bene di inventarsi qualcosa di nuovo i lavoratori di un'azienda che produce abiti a livello popolare: nelle tasche di alcuni vestiti, gli acquirenti trovano un biglietto su cui sta scritto: "Ti piace cosa hai comprato? Bene questo l'abbiamo confezionato noi ex operai della Bravo. Siamo senza stipendio, siamo per essere cacciati e non abbiamo nessun tipo di tutela". In parole povere, siamo sempre stati, più o meno, fermi a quel passato che raccontavo all'inizio del post: nonostante i pochi progressi, i piccoli passi fatti in tutto questo tempo, nonostante le ratifiche internazionali, le fabbriche (e i loro voraci proprietari) continuano a fare giochetti, aprono e chiudono, riaprono sempre negli stesi posti, pagano poche tasse, pagano pochissimo (e non sempre) i lavoratori, e le produzioni continuano a crescere sempre alla grande. Conclusione, la loro merce invade i mercati di tutto il mondo, noi continuiamo a comprare, loro continuano ad arricchirsi e i lavoratori sono sempre più morti di fame. Quando sentite parlare di futuro dai politici di tutto il mondo, sappiate che parlano solo per loro, non facciamoci ingannare! I ricchi sono sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri. Equazione perfetta...per loro!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso