Un blog creato da prolocoserdiana il 22/02/2010

SAL& I SIAMO NOI

Fra noi e voi

 
 
 
 
 
 

LO ZOO DI CASA SAL&MARY

Se non è uno zoo questo?!?

 
 
 
 
 
 
 

NON MI ABBANDONARE

IMMAGINE

 
 
 
 
 
 
 

NERONE 1 E 2

Alla mia nuvoletta nera 1 e 2

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

RTROVA LA MADRE BIOLOGICA, MA LEI...

Post n°618 pubblicato il 17 Novembre 2017 da prolocoserdiana
 

IMMAGINE

Belluno, cerca la madre biologica ma lei non vuole incontrarla: "Sei il simbolo della violenza che ho subìto"


“Luisa, non ho scelto io di chiamarti così né di averti, per me sei solo la più dolorosa ferita che ho avuto a 18 anni. Tutto sognavo e tutto potevo sperare, ma non certo la violenza che ho subito e di cui tu sei simbolo”. Parole forti, parole che fanno male al cuore. Specialmente a quello di Luisa Velluti, una parrucchiera di Falcade, in provincia di Belluno, abbandonata alla nascita dalla madre biologica il 6 marzo di 29 anni fa. Da quando ha scoperto di essere stata adottata, Luisa non ha mai rinunciato alla possibilità di ritrovare la donna che l’ha messa al mondo. Ma, dopo l’appello al Gazzettino e alla trasmissione Chi l'ha visto? per ritrovarla, è arrivata la doccia fredda, tramite una lettera anonima lasciata nella buca delle lettere.
La storia - “Mamma, anch’io ero nel tuo pancione?” “No cara, eri nel pancione di un’altra donna”. E’ con questo dialogo che inizia la storia di Luisa, che da quel momento ha iniziato a cercare la madre biologica. Ci ha provato prima con il Tribunale dei minori di Venezia e poi lanciando un appello alla trasmissione Chi l’ha visto?: “Sono nata il 6 marzo 1988 all’ospedale di Montebelluna: mamma, è da tanti anni che ti cerco e non sono mai riuscita ad arrivare a te, desidero incontrarti; fatti viva, io ti aspetto”.
Mamma Lory e papà Secondo - che l’hanno adottata due mesi dopo la nascita - non le hanno mai fatto mancare nulla: “Ho avuto e ho tanto amore e attenzioni
. Crescendo, però, è aumentato il desiderio pressante di conoscere le mie origini”, ha spiegato Luisa al Gazzettino. Appena la legge glielo ha permesso, a 25 anni, si è rivolta al Tribunale per conoscere il nome della mamma biologica, ma la donna non ha voluto. “L’ho presa male. Io non voglio complicarle la vita - ha spiegato Luisa - voglio solo conoscerla. Sono pronta a mantenere il segreto sulla sua identità. Se ha una famiglia e non vuole si sappia va bene lo stesso”.
E poi la lettera - “Ricordo i suoi maledetti occhi azzurri” - ha scritto ancora nella lettera la madre biologica della giovane, spiegando la violenza sessuale di cui è stata vittima. Gli stessi occhi azzurri di Luisa. “Rispetta la mia privacy. Non sbandierare una storia che non c'è. Rispetta il mio dolore e la mia solitudine”, ha concluso la donna. "Avrei preferito che certe cose me le avesse dette guardandomi negli occhi", ha commentato la ragazza.

IMMAGINE

Grandi uomini, ma anche " grandi madri!!!" Auguro a tutti/e un sereno quanto allegro weekend. Sorriso, Sal

PS. Che sia morto il " capo dei capi " , mi fa schifo scrivere anche il suo nome, non me ne frega un ca..o. Per quel che mi riguarda se esiste la MAFIA è solo ed unicamente perchè appartiene a tutti i corrotti e corruttibili della nostra amata Italia.

 
 
 

PAPA FRANCESCO FRA IL RAZIONALE E L'IRRAZIONALE

Post n°617 pubblicato il 17 Novembre 2017 da prolocoserdiana
 

IMMAGINE

Che personalmente sia un " agnostico " ( non ateo che è cosa ben diversa ), è risaputo, ma davanti a Papa Francesco non posso che pormi mille altre domande...Sal

immagine

"Sei bella e coraggiosa", le ha detto papa Francesco, e poi l'ha abbracciata. Così Consuela Cordoba, una donna colombiana sfregiata con l'acido dal suo ex nel 2000, ha deciso di rinunciare all'eutanasia già programmata per il 29 settembre. Dopo 87 operazioni al viso e 17 anni trascorsi con un passamontagna di tessuto a respirare da due tubi nelle narici e a nutrirsi di soli cibi liquidi, alla donna era stata anche diagnosticata un'infezione cerebrale.
Consulela ha deciso di provare a incontrare il Papa durante il suo viaggio in Colombia per chiedergli l'approvazione al gesto. Il Pontefice le ha negato il consenso e le ha rivolto un complimento abbracciandola. “Non lo farò più perché Dio sta per portare grandezza nella mia vita - ha detto la donna -. Il medico prepari l’iniezione per qualcun altro”.

immagine

Papa Francesco ricorda come sia "moralmente" lecito rinunciare all'applicazione di mezzi terapeutici, o sospenderli, quando il loro impiego non corrisponde a quel criterio etico e umanistico che verrà in seguito definito "proporzionalità delle cure". Il Pontefice lo spiega nel messaggio al convegno sul "fine vita" promosso dalla Pontificia Accademia. "Evitare l'accanimento terapeutico non è affatto eutanasia, che rimane illecita", aggiunge.
Il Papa invoca "un supplemento di saggezza, perché oggi è più insidiosa la tentazione di insistere con trattamenti che producono potenti effetti sul corpo, ma talora non giovano al bene integrale della persona".
Quella di sospendere le cure è una scelta che assume responsabilmente il limite della condizione umana mortale, nel momento in cui prende atto di "non poterla più contrastare, senza aprire giustificazioni alla soppressione del vivere". Un'azione, dunque, "che ha un significato etico completamente diverso dall'eutanasia, che rimane sempre illecita, in quanto si propone di interrompere la vita, procurando la morte".

immagine

Auguro a tutti/e una serena giornata. Sal

 
 
 

NON ESISTE CHE IL TUO AMORE

Post n°616 pubblicato il 15 Novembre 2017 da prolocoserdiana
 

IMMAGINE

Emily Dickinson scrive: “Non conosco nulla al mondo che abbia tanto potere quanto la parola. A volte ne scrivo una, e la guardo, fino a quando non comincia a splendere”.

IMMAGINE


Faccio tutto ciò che posso perchè il mio amore non ti disturbi,
ti guardo di nascosto, ti sorrido quando non mi vedi.
Poso il mio sguardo e la mia anima ovunque vorrei posare i miei baci: sui tuoi capelli, sulla tua fronte, sui tuoi occhi, sulle tue labbra, ovunque le carezze abbiano libero accesso. Cara Mary mi conosci...Ti amerò per tutta la vita. Il tuo Sal

immagine

Dedico questo meraviglioso brano, dolce amaro  di G. Barlow , anche a tutti/e voi perchè nella vita può contare tutto o niente, ma senza il vero Amore non si va da nessuna parte. Notte serena e dolce risveglio. Sorriso, Sal

 
 
 

IL TERRORISMO NON E' UN GIOCO

Post n°615 pubblicato il 15 Novembre 2017 da prolocoserdiana
 

IMMAGINE

Il terrorismo non è un gioco. Questa la discutibile iniziativa dell'associazione 'Terre spezzate', nel Torinese, a cui hanno partecipato oltre 240 persone

immagine

Con i morti non si gioca. O per lo meno così dovrebbe essere, perché qualcuno effettivamente lo ha fatto. Nei giorni scorsi infatti, stando a quanto riferito da La Stampa, a Bobbio Pellice, un paesino dell'hinterland torinese, si sono svolte due partite di tre giorni ciascuna comprese nel programma dell'evento intitolato “L'ultimo covo”, un gioco di ruolo dal vivo ambientato negli Anni di Piombo, riguardante in particolare l'episodio drammatico del sequestro del generale americano James Lee Dozier, rapito nel dicembre 1981 a Verona quando era comandante della Nato nell’Europa meridionale e liberato a Padova 40 giorni dopo.

Organizzatore dell'evento, l'associazione “Terre spezzate”, specializzata in questo tipo di intrattenimento per adulti. Come spiegato dal quotidiano torinese si è trattato di un “gioco” con trama storica con tanto di video a supporto della sceneggiatura, in cui i partecipanti (240 giovani tra i 20 e i 30 anni) hanno impersonato e sviluppato il ruolo loro affidato spostandosi liberamente nel paese e interagendo con gli altri giocatori.
Durissimo il commento del segretario generale provinciale del sindacato di polizia Siap, secondo cui il fatto che una tragedia come quella del terrorismo sia diventata un gioco costituisce “uno schiaffo per chi, come noi, non dimentica l'ignominia delle tanti morti vere causate da un'ideologia folle che ha insanguinato il Paese”. Aggiunge Di Lorenzo che “sarebbe ora che ci si adoperi per introdurre nel nostro ordinamento il reato specifico di apologia di terrorismo”.
immagine

Sono a casa, e sto più che bene. Nel pomeriggio sono riuscito a dormire 2 orette e, stanotte, spero di dormirmela tutta. Ringrazio, ancora una volta, tutti/e per il grande affetto che per l'ennesima volta mi avete dimostrato. Grazie, Sal

 
 
 

GLI ALIENI ESITONO. PAROLA DI ANONYMOUS

Post n°614 pubblicato il 15 Novembre 2017 da prolocoserdiana
 

IMMAGINE

La Nasa è vicina allʼannuncio.

Gli hacker lo rivelano in un filmato, diffuso su un canale YouTube, che spopola sul web

immagine

Il filmato, pubblicato su un canale non ufficiale che afferma di essere affiliato con il collettivo di hacker, mostra il testo di tre articoli del sito internet Ancient-Code.com e citano le dichiarazioni di uno scienziato della Nasa, Thomas Zurbuchen, che ad aprile, durante un'audizione al Congresso, avrebbe dichiarato: "La nostra civiltà è sul punto di scoprire prove di vita aliena nel cosmo"
Ad aprile, gli scienziati hanno annunciato che la sonda spaziale Cassini ha scoperto idrogeno su Encelado, la luna di Saturno, inoltre, è stata verificata l'esistenza di oceani su Europa, una luna di Giove. Nei giorni scorsi gli scienziati del Centro ricerche Ames alla Nasa hanno rivelato il "più affidabile" catalogo di potenziali pianeti nella nostra galassia, portando il totale a 4.034.
Secondo Anonymous, ormai è solo questione di tempo: presto gli alieni saranno una realtà scientificamente confermata. In attesa dell'annuncio, il video continua a spopolare sul web.

IMMAGINE

Dopo 13 giorni, finalmente si torna a casa. Alle 12 verrò dimesso  e tornerò a rompere, col mio amicone Alien,  le balle a tutti...Non  che abbia grandi cose da raccontare, ma Alien forse si...A prestissimo, Sal


 

 
 
 
Successivi »
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

neopensionatatiffanplpatboz2009licsi35peambradistellebarattola1977soltanto_unsognoaramar1959ale85giovaprolocoserdiananpivettaanna.grandi1946nagi51avellone.giuseppe
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom