il mio lato oscuro

Ognuno di noi ha un lato oscuro...

 

NON ME LO SO SPIEGARE...

 

IN QUESTO MOMENTO SIAMO:

who's _nline

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

NON SI PUO' RESTARE INDIFFERENTI!!!

IoSoCarmela
Chi controlla i controllori?

Un blog di: alfio38
Data di creazione: 23/01/2008

 
Citazioni nei Blog Amici: 16
 

ULTIME VISITE AL BLOG

delirio_e_suppliziotestipaolo40casa_miafantasyland3tania.paoluccicalmseasuadente_lentezzaannaoccusolgodlokifrasal86tomas5819gatta.sissiladyamira1albachiara88
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 

 

« Sul ponte...QUEL GIORNO... »

Giovedì...

Post n°28 pubblicato il 28 Febbraio 2008 da suadente_lentezza
 

Lo specchio…

A volte  è terribilmente difficile guardarsi allo specchio ed accettare come propria quell’immagine riflessa, che porta addosso i segni del tempo, degli errori, dei dolori…

E’ tremendamente difficile riconoscersi ed accettarsi per ciò che si è e, soprattutto, per ciò che si è diventati…

Ci fu un tempo in cui qualcosa era diverso? O forse nulla è mai cambiato, nulla si è mai evoluto, nulla è mai stato diverso da com’è oggi?

A volte è difficile persino ricordare…

Quando alle spalle ti vedi solo il dolore e la speranza in tempi migliori…e poi ti guardi allo specchio e ti chiedi: quando verranno i tempi migliori?

Ci fu un tempo in cui non conoscevo la malattia…ma sapevo già che la morte prende ciò vuole…che tu non puoi far nulla…Erano quelli i tempi migliori? Quando non conoscevo la malattia? Quando la morte era una possibilità accidentale e mai prevedibile?

Ci fu un tempo in cui credevo di poter diventare qualunque cosa volessi…ma non ero nulla di diverso da ciò che sono ora… Forse quelli erano tempi migliori? L’inconsapevolezza, l’utopia, i sogni, le illusioni, erano tempi migliori?

Ci fu un tempo in cui credevo che la famiglia fosse un rifugio sicuro, che senza quella si fosse del tutto indifesi…

Ci fu un tempo in cui credevo che l’amicizia fosse una certezza, una fortezza inespugnabile…

Ci fu un tempo in cui fidarsi non era poi così difficile…

 Ci fu un tempo in cui desideravo un figlio, tanti figli, una famiglia tutta mia…

E poi venne il tempo delle certezze che cadono, dei sogni che si infrangono…della rinuncia, dell’apatia…il tempo del dolore senza speranza…del dolore cosciente, consapevole, che ormai fa parte di te, è la tua pelle…

E venne il tempo della resa…

 

E  poi c’è il maledetto giovedì

Col suo tintinnare di chiavi che rompe il silenzio…

e quei sassi che, ad uno ad uno, lentamente,

 ti piombano addosso…
fino a diventare un unico, enorme masso
che ti schiaccia al suolo…

Se qualcuno ora mi chiedesse chi sono, cosa sono…non saprei rispondere…

Da anni, ormai, continuo a farmi la stessa domanda:

           « Perché sono sempre quelli che più amiamo a farci più male?»

…E  miracolosamente non ho smesso si sognare…

                  Miracolosamente non riesco a non sperare…

                                         Già…

                                                                                            Elena

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: suadente_lentezza
Data di creazione: 22/12/2007
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: suadente_lentezza
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 121
Prov: EE
 

CASA_MIA

 
Un blog di: casa_mia
Data di creazione: 08/04/2007

 

IN MASCHERA...

 
 
 
 

SALLY...

 

Verrà la morte e avrà i tuoi-
questa morte che ci accompagna
dal mattino alla sera, insonne,
sorda, come un vecchio rimorso
o un vizio assurdo. I tuoi occhi
saranno una vana parola,
un grido taciuto, un silenzio.
Così li vedi ogni mattina
quando su te sola ti pieghi
nello specchio. O cara speranza,
quel giorno saprewmo anche noi
che sei la vita e sei il nulla.

Cesare Pavese

 

Elevazione


 Al di là degli stagni, delle valli e dei monti,
al di là dei boschi, delle nuvole e dei mari,
al di là del sole, al di là dell'aria,
al di là dei confini delle stellate sfere,

tu, mio spirito, ti muovi con agilità
e, come nuotatore che gode tra le onde,
allegro solchi la profonda immensità
con docile e maschia voluttà.

Fuggi lontano dai morbosi miasmi,
voli a purificarti nell'aria più alta,
e bevi, come un puro liquido divino,
il fuoco chiaro che colma spazi limpidi.

Felice chi con ali vigorose,
le spalle alla noia e ai vasti affanni
che opprimono col peso la nebbiosa vita,
si eleva verso campi sereni e luminosi!

Felice chi lancia i pensieri come allodole
in libero volo verso i cieli del mattino!
Felice chi, semplice, si libra sulla vita e intende
il linguaggio dei fiori e delle cose mute!

Charles Baudelaire

 

UN REGALO DI ANGY75

 

Elena,

il suo significato è '

splendore del sole',

la sua origine è greca,

l'onomastico cade

il 18 agosto.