Blog
Un blog creato da m.sing il 12/02/2013

IN ASCOLTO

Pensieri e canzoni in ordine molto sparso

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 

 

"IMAGINE" 4 giugno Teatro Colosseo Torino Ore 21.00

Post n°8 pubblicato il 16 Aprile 2013 da m.sing

FELICE FELICE E ANCORA FELICE. Ecco come mi sento.

Sono coinvolto in un progetto musicale che ha dell'incredibile.

Sarò coinvolto nel un Musical sensoriale "IMAGINE" a Torino il 4 giugno al teatro Colosseo sulle note dei Beatles.

Perchè sono al settimo cielo?

Sono al settimo cielo perchè avrò l'onore di cantare su un palco che ha visto esibirsi  Artisti incredibili che mi hanno ispirato da quando ero un bambino.

Sono al settimo cielo perchè ho l'onore di lavorare con Artisti e Uomini di uno spessore umano che mi lasciano senza fiato. Come ad Esempio Franco Sciancalepore in arte Slep, Marco Bonino, Louis Atzori...se non li conoscete andate a vedere il loro curriculum...hanno collaborato e suonato per artisti come De Gregori, REM, Lucio Battisti e altri ancora...

E sono tutte persone con un'umiltà unita ad un talento che non può far altro che farti cadere in adorazione.

Dire che sono onorato è troppo poco, non so nemmeno se meritarmelo davvero tutto questo.

Anche il fonico dello spettacolo è una persona incredibilmente preparata, cura l'audio dei Subsonica, collabora con artisti come Gianna Nannini....capite??????????

E tutto questo per portare in scena uno spettacolo con un messaggio toccante e illuminante.

Un messaggio di speranza, un messaggio di amore, un messaggio di riscoperta del nostro potenziale, un invito alla riscoperta della nostra immaginazione, della nostra verità, del nostro profondo.

Ad insegnarci questo ci aiuteranno anche dei bambini talentuosi che ci faranno riflettere su ciò che abbiamo perduto crescendo e che forse è il caso di riscoprire in questo periodo storico di crisi e depressione psicologica.

Sono al settimo cielo perchè tutto il ricavato dello spettacolo sarà devoluto in beneficienza a favore dell'associazione A.P.R.I. Onlus (Associazione Pro retinopatici e Ipovedenti). Un organizzazione senza fini di lucro che promuove la ricerca scientifica contro le malattie degenerative della retina e non solo.

Sono al settimo cielo perchè potrò mettere del mio in tutto questo...per me è una cosa enormemente bella.

Sono pieno di gratitudine per l'esperienza che sto vivendo, sono pieno di gratitudine per chi sta mettendo in piedi questo progetto che sembrava così ambizioso ma che in realtà sta prendendo forma, ovvero Marinella Locantore, presidente dell'associazione Incanto Arte Creativa .

Un'amica, un'artista, un'insegnante, una passione ed un talento puro tutto racchiuso in unica persona.

Devo dire grazie a lei per la fiducia nei miei confronti e per accompagnarmi nel mio percorso artistico evolutivo...e anche per le serate in birreria hihihiihih

 

 

 

 
 
 

L'ABITO DELLA FESTA

Post n°7 pubblicato il 26 Marzo 2013 da m.sing

E ancora non ho trovato il mio destino…credo di esserci vicino, ma non l’ho ancora trovato. Quel fiume in cui tutto arriva, quel luogo in cui tutto fluisce…lo vado cercando da una vita…ma non riesco a trovarlo. Forse sto sbagliando, forse la bussola che sto utilizzando è tarata male. Non lo so, ci sto provando…ma non riesco a trovare questo benedetto abito che mi calza a pennello…quest’abito che quando lo vedi dici: eccolo, è il mio!

Io nella vita mi son spesso autoconvinto del fatto che alcuni abiti potevano andare bene…e in effetti andavano…oggettivamente non è che mi stessero male…quindi non mi biasimo se non sono stato in grado di capire che in realtà non mi piacevano.

Erano sbagliati i paramentri del mio giudizio, o meglio, non è che fossero sbagliati i paramentri…è che semplicemente erano i paramentri degli altri.

Poi allora ho cominciato a chiedermi quali fossero i miei di paramentri…e da lì è iniziato il casino. Non so quali sono i miei parametri.

Ho vagato per il mondo e non ho potuto far altro che dare ascolto al mio istinto.

Un istinto selvatico, che porta spesso a rifiutare ciò che la mia mente vuole a tutti costi farmi accettare attraverso i criteri della logica.

Ed è così che a volte mi ritrovo a litigare con le commesse, che quando provo il vestito che mi propongono dicono che sto bene.

Ma per me spesso è un no. E mi rendo conto che sto diventando sempre più intollerante e sempre più nervoso…Posso passare per quello capriccioso, posso passare per quello impaziente. A volte giustamente sono invitato gentilmente a cambiare negozio.

E la mia ricerca continua…solo che mi sto veramente scoglionando.

 
 
 

MA QUAND E' CHE HO SMESSO?

Post n°6 pubblicato il 08 Marzo 2013 da m.sing

C'è stato un tempo che mi sembra lontano di almeno tre vite in cui sognavo.

Sognavo un amore da togliere il respiro per la gioia, che potesse accorciare le distanze, che potesse cambiare il mondo.

Sognavo questo e ci credevo.

C'è stato un tempo in cui sognavo che la fine della mia adolescenza si sarebbe conclusa con: e vissero felici e contenti. E ci credevo.

Che forza mettevo nei miei sogni? Tutta, tutta quella che avevo.

Poi succede che smetti di sognare. Un po' perchè ti dicono che la vita è dura, un po' perchè talvolta i tuoi sogni vengono banalizzati e sminuiti, un po' perchè talvolta anche a chi ti vuol bene fa un po' incazzare tutta sta felicità a cui ambisci (o più che altro fa incazzare alla loro ormai ben piantata disillusione).

 I tuoi sogni così si offendono e lasciano il posto a ciò che c'è.

Te lo fai andare bene perchè sai, non si può avere tutto, te lo fai andare bene perchè sai, c'è di peggio, te lo ai andare bene perchè sai, tutto sommato una briciola di ciò che volevi per la tua vita è meglio che niente, te lo fai andare bene perchè sai, bisogna imparare a cogliere il lato bello di ogni cosa.

Ma vaffanculo.

Rivoglio i miei sogni.

E voglio viverli.

 

 
 
 

EPPURE SENTIRE

Post n°5 pubblicato il 26 Febbraio 2013 da m.sing

Vi capita mai che ad un certo punto, in mezzo al traffico, nel mezzo dei pensieri più fastidiosi riguardanti i casini più disparati di cui si costella l'esistenza giornaliera quali:

  • Bolletta gas esorbitante che presuppone un'ora di litigi con il call center
  • Dentifricio finito che devo comprare altrimenti stasera mi tocca lavarmi i denti con il bicarbonato
  • Affitto da pagare e dove cavolo trovo i soldi
  • riscaldamento da pagare dove cavolo trovo i soldi
  • Cacchio, a marzo mi scade anche l'assicurazione dell'auto dove cavolo trovo i soldi
  • Devo valutare sul serio l'idea di prostituirmi, va beh no dai, posso provare prima con gli spogliarelli via web cam
  • ecc
  • ecc
  • ecc

Ad un certo punto, decontestualizzato come lo spazzolone del water messo nella credenza, vi esca un sorriso.

E' stupefacente,  inspiegabilmente sorge  un senso di profonda gratitudine per la vita, per ciò che c'è intorno, per la ragazza che sorride alla pensilina del tram, per la coppietta di ragazzini che si tengono per mano, per il rosa del cielo che da il benvenuto alla sera.

E vorresti coccolarla questa sensazione, vorresti tenerla con te per tutto il giorno, per tutta la vita.

E' un gran Peccato che arrivi il momento di parcheggiare.

 
 
 

AL CUOR NON SI COMANDA

Post n°4 pubblicato il 21 Febbraio 2013 da m.sing

Cantare, scrivere, dipingere, ballare, comunicare e tutte le forme d'arte e di espressione in generale sono manifestazioni di un qualcosa che viene dalla parte più profonda del nostro essere.

Il casino è che questa parte profonda è inconscia, incontrollabile, indescrivibile, è fatta dell'impulso che fa battere il cuore. Non puoi decidere di far battere il tuo cuore, non puoi chiedergli di fermarsi, non puoi farlo accelerare consapevolmente.

Il tuo cuore va da solo, segue il tuo andamento...batte lentamente mentre ascolti una musica rilassante, batte più forte quando sei in collera, si ferma quando è il momento di andare altrove.

Al cuor non si comanda...quanta saggezza.

Allo stesso modo la mia voce non può essere comandata...fa quello che vuole e non c'è corso o tecnica di canto che possa reggere.

Lei si esprime di armonia quando nutro il mio spirito, il mio equilibrio, la mia felicità, il mio profondo.

Il profondo, la verità, la fonte.

Questo è il lavoro di cui vorrei essere un eccellente professionista...tutto il resto è sabotaggio.

 
 
 
Successivi »
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cassetta2exodus1984animabilepsicologiaforensemax_6_66m.singsemprepazzaEddie_Cranemilena_nortebal_zacWIDE_REDkremuziopantaleoefrancadoublellecielostellepianeti
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom