Creato da gianor1 il 07/01/2005
Da qualche parte una farfalla batte le ali e mette in moto un meccanismo irreversibile dalle conseguenze imprevedibili.
 

 

Qualcosa mi manca

Post n°828 pubblicato il 18 Giugno 2018 da gianor1
 

Quando il mio sguardo scruta il firmamento e intravede un nuovo asterisco luminoso, che prima era velato, la speranza rintraccia un sorriso.
Le notti si susseguono e quella stella si consuma. In apparenza il cielo non cambia. Ma la mia anima si sofferma su quello spazio che permane oscuro. Gli occhi continuano a cercare ma il nulla soffoca il profondo.
Malgrado ciò il crepuscolo mantiene il suo fascino conservando quel puntino oscuro, favorendo il mio sguardo a soffermarsi ancora per qualche istante. Per ritrovare un immagine oramai sbiadita, un ricordo per proseguire a sostenere il mio mondo interiore.

                                


 

 
 
 

Sinonimia

Post n°827 pubblicato il 11 Giugno 2018 da gianor1
 

            

C'è una casa di fronte al mare. Le pareti sono colorate d'azzurro con tanti dipinti ben riposti, un complesso di programmi conservati e pronti per essere utilizzati e una scatola di cartone, ormai vecchia e malandata, che contiene i miei ricordi. All'esterno un delizioso giardino circonda il tutto. Ma la cosa più impagabile è la finestra che si apre verso l'orizzonte. Ho la sensazione che sia immensa per guardare attentamente le cose che il mondo dona. Osservo i movimenti, le sensazioni in modo che le immagini restino indelebilmente nella mente come emozioni, come dipinti dell'anima. Il mondo si muove velocemente attorno alla casa, e insieme a lui si avvicendono le persone con le loro storie, i sogni e i desideri, le aspettative ma anche le disillusioni. Nella casa, a volte, giunge qualche sconosciuto, sosta con curiosità, poi continua il cammino e scompare oltre l'orizzonte. Altri, per lo più amici, suonano alla porta, chiedono gentilmente di accomodarsi e inducono alla conversazione prima che la notte e la stanchezza prendano il sopravvento sui pensieri. La mia casa non è un maniero, ma lascio, accanto alla finestra, una candela splendente sempre visibile in modo che chi sosti, gradito ospite, possa lenire l'affaticamento del percorso, lasciare il segno del passaggio prima di proseguire il cammino. La sinonimia? A voi, gentili lettori, la risposta.

 
 
 

Amore al capolinea

Post n°826 pubblicato il 04 Giugno 2018 da gianor1
 

Dolce amore nella nostra convivenza siamo stati sempre felici. 
Quando rientrando dal lavoro ho visto sul corridoio le sacche con i miei indumenti, ho dedotto che ogni tanto è necessario svecchiare gli abiti con i loro accessori.   
Quando ti ho scoperta a letto con l'idraulico ho considerato che oggi gli artigiani sono talmente rari che è un bene tenerseli buoni e cari.   
Quando hai sostituito la serratura di casa senza darmi le nuove chiavi,  ho capito che pensavi alla mia sbadataggine nel perdere le cose e non ne hai fatto le copie.     
Quando mi è stato rifiutato il pagamento con la carta di credito, perchè non era coperta da fondi sufficienti, mi sono detto che il denaro non da la felicità.   
Quando ho ricevuto immagini da tutto il mondo, in posti bellissimi ed esotici anche con i saluti di un certo Odisseo, ho ritenuto che il viaggio è un fatto di cultura oltre che di divertimento.     
Ma quando non hai saldato l'abbonamento mensile a Sky sport, non permettendomi di visionare le partite della Champions League e dell'Europa League di calcio, per la miseria, ho affermato immediatamente che mi era impossibile vivere ancora con una persona completamente indifferente ed insensibile.

 
 
 

Nel profondo dell'animo...

Post n°825 pubblicato il 28 Maggio 2018 da gianor1
 

Ti sento
la sera in un soffio di silenzio,
al battere del cuore
come l'onda che s'infrange
dentro di me.
Ti sogno in una tempesta di pensieri
che percuotono i momenti
dell'essenza.
Ti penso una goccia
che si spande sulla mia pelle
e affonda nell'abisso della gioia
a inebriarmi
dell'ultimo sogno che sarà.

 
 
 

Realtà o fantasia?

Post n°824 pubblicato il 21 Maggio 2018 da gianor1
 

E' una scoperta che ho fatto recentemente: nell'insieme dei tasti che costituisce il personale elaboratore (alias pc) risiedono esserini stravaganti e inquieti.
Ora, domato l'innocente candore di cui sono circondato, sono certo che i tasti e i suoi simboli non sono meramente tecnici e imparziali.
Hanno una propria e indipendente vitalità e narrano avventure che nè io e neppure voi abbiamo mai raccontato. A volte le realizziamo interponendoci a loro, favoriti dalla fantasia meccanica di cui sono in possesso.
In quale spazio, se non accettando questa  stranita realtà, avrei la facoltà di creare pensieri che sopravvivono ad una temporanea immortalità, ben sapendo che loro sono gli intermediari della creatività.
In definitiva, mancando uno scenario contrario e accertato mi chiedo: sono io ad esporre una realtà contingente e attendibile, oppure sono loro, i tasti, a narrare me?

 
 
 
Successivi »
 

Area personale

 







Sono per la salvaguardia del grafema Ch

 

Ultime visite al Blog

NoRiKo564divinacreatura59the_oracle73gianor1filoderbaromanticoelyravemily2009lunetta_08oltrelasera0neopensionatadonadam68gabbiano642014vivodi_folliapa.ro.le
 

Come eravamo



 
Citazioni nei Blog Amici: 239
 

 

 

 

Spigolature

AFORISMA
L'educazione è una cosa ammirevole,ma è bene ricordare,
di tanto in tanto,che nulla che valga la pena di conoscere
si può insegnare.
Oscar Wilde



PROVERBIO SARDO
Nen bella senza peccu,nen fea senza tractu.
Non c'è una bella senza difetto,nè una brutta senza grazia.


"Il lavoro del maestro è come quello della massaia, bisogna ogni mattina ricominciare da capo: la materia, il concreto sfuggono da tutte le parti, sono un continuo miraggio che dà illusioni di perfezione. Lascio la sera i ragazzi in piena fase di ordine e volontà di sapere - partecipi, infervorati - e li trovo il giorno dopo ricaduti nella freddezza e nell'indifferenza. Per fare studiare i ragazzi volentieri, entusiasmarli, occorre ben altro che adottare un metodo più moderno e intelligente. Si tratta di sfumature, di sfumature rischiose ed emozionanti.Bisogna tener conto in concreto delle contraddizioni, dell'irrazionale e del puro vivente che è in noi. Può educare solo chi sa cosa significa amare".

 

Armonia delle forme

 



 

 

Solidarietà


 
,

,

,



 

Contatore per siti

 

 
 



 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30