DallaParteDelTorto

«Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati.» (Bertold Brecht)

 

ACHTUNG! PARTIGIANI

immagine 
 

CI CHIAMAVANO RIBELLI

Racconto partigiano

 

BESTIALITÀ DELL'IMPERIALISMO

 

VICTOR JARA


Han matado una guitarra
[Dallo spettacolo "Guerra di popolo in Cile". Dario FO - 1973]
Han fucilato una chitarra
Victor Jara el cantador
l'hanno ammazzato i militari
insieme a quaranta lavorator.

Era un cantore di piazza
e nella piazza morì
e tutta la povera gente
come muta restò lì.

Han fucilato una chitarra
Victor Jara el cantador
i suoi canti eran risate
fucilate per i padron.

Come mille pesci d'argento
mille note per l'aia van
corron le dita di Victor Jara
sulle corde le fan saltar.

Ai cordones di Santiago
una pattuglia lo arrestò
un sergente l'ha riconosciuto
e le mani gli legò.

Con un colpo di machete
le dieci dita tagliò,
quelle tue sporche canzoni
non potrai più accompagnar.

Le filastrocche che cantavi
fatte apposta per insegnar
che il ricco non va maledetto
ma distrutto va semmai.

Dove dicevi che presto vivere
da uomini umani si potrà
lavorando perfino cantando
perché il padrone non ci sarà.

Han fucilato una chitarra
Victor Jara el cantador
odiato per il suo canto
dai borghesi gran signor.

Un colpo di machete
le sue dita tagliò
ma non han tagliato la voce
che al popolo insegnò.

I canti che con gran furore
ora ognuno sa cantare
come tante fucilate
per chi ammazza la libertà.

Tu cantavi che presto vivere
da uomini umani si potrà
ora mille chitarre gridano
rivoluzione si farà.

 

CAMILO CIENFUEGOS

immagine

 

GERONIMO

immagine 
 

FORSE IL TEMPO DEL SANGUE RITORNERA'

Forse il tempo del sangue ritornerà.
Uomini ci sono che debbono essere uccisi.
Padri che debbono essere derisi.
Luoghi da profanare bestemmie da proferire incendi da fissare delitti da benedire.
Ma più c’è da tornare ad un’altra pazienza alla feroce
scienza degli oggetti alla coerenza nei dilemmi che abbiamo creduto oltrepassare.
Al partito che bisogna prendere e fare.
Cercare i nostri eguali osare riconoscerli
lasciare che ci giudichino guidarli esser guidati
con loro volere il bene fare con loro il male e il bene
la realtà servire negare mutare.

Franco Fortini 

 

CIAO "VISONE" CHE LA TERRA TI SIA LIEVE

E' MORTO UN PARTIGIANO, CHE NE NASCANO ALTRI CENTO

I compagni della Rete dei Comunisti segnalano il vuoto lasciato dalla scomparsa del compagno Giovanni Pesce ("Visone"), comandante dei GAP a Torino e Milano, comunista coerente e antifascista militante in tutta la sua vita.
Le memorabili pagine del suo libro "Senza tregua" hanno contribuito alla formazione politica e culturale di almeno due generazioni politiche.

In una fase in cui l'aggressività squadristica dei fascisti è in preoccupante ripresa in tutto il paese - potendo contare ancora una volta su coperture e complicità negli apparati dello Stato - la scomparsa di Resistenti come Giovanni Pesce, priva il movimento di classe di protagonisti e di testimoni di una memoria storica decisiva per la formazione di nuove generazioni politiche adeguate allo scontro in atto.

Salutiamo il compagno Giovanni Pesce ed inviamo un abbraccio alla sua compagna di sempre "Norina" Brambilla.
Ciao "Visone" che la terra ti sia lieve

La Rete dei Comunisti

 

Uomo libero, sempre tu amerai il mare !
Il mare è il tuo specchio: contempli l'anima tua.
nell'infinito srotolarsi della tua onda,
e il tuo spirito è un abisso non meno amaro.


Ti diletti a tuffarti nel seno della tua immagine;
l'abbracci con gli occhi e con le braccia, e il tuo cuore
si distrae talvolta dal proprio battito
al fragor di quel lamento indomabile e selvaggio.

Entrambi siete tenebrosi e discreti:
uomo, nessuno ha sondato il fondo dei tuoi abissi;
mare, nessuno conosce le tue intime ricchezze:
tanto gelosamente serbate i vostri segreti !


E tuttavia da secoli innumerevoli
vi fate guerra senza pietà nè rimorsi,
tanto amate la strage e la morte,
o lottatori eterni, o fratelli inseparabili !

L'UOMO E IL MARE Baudelaire

 

RAP CONSCIENT

 

CONSIDERO VALORE - ERRI DE LUCA

 

JOE STRUMMER

 

CIRANO DE BERGERAC - NO GRAZIE

 

 

« LA DEMOCRAZIA BORGHESE È...FOIBE: 10 FEBBRAIO IL GI... »

Confine orientale: le foibe tra imperialismo e resistenza - Una storia che deve essere conosciuta... prima che la riscrivano

Post n°167 pubblicato il 10 Febbraio 2010 da Maddalena.Robin
 
Tag: FOIBE

Premetto le mie scuse per la scarsa accuratezza dello stile, ma la ristrettezza dello spazio a disposizione mi impedisce di fare un lavoro più accurato. In ogni caso credo che sia di fondamentale importanza offrire, quanto meno, una serie di elementi atti a fornire gli elementi di base per una accurata ricostruzione storica. Questo è il dovere dello storico in fondo... spazzolare gli eventi contropelo e indicare la via della verità.

Per limitarci al Novecento: con il Patto di Londra, siglato il 26 aprile 1915 tra Italia e Triplice Intesa (Gran Bretagna, Francia e Russia), si prevedeva, in caso di vittoria nella guerra imperialistica del 1914-1918, l'assegnazione all'Italia di Trentino, Sud Tirolo, Venezia - Giulia, Penisola dell'Istria, gran parte della Dalmazia e delle isole adriatiche.
Conclusa la prima guerra mondiale e crollato l'Impero Asburgico, la conferenza di Parigi stabilì la costituzione del Regno dei Serbi, Croati e Sloveni. Il nuovo assetto pose la necessità di definire i confini con l'Italia, mentre migliaia di sloveni si trovano sotto occupazione dell'esercito italiano ed aspirano a ricongiungersi al nuovo Stato jugoslavo.
Per quanto riguardava l'Italia, gli sloveni non si facevano illusioni: avevano già constatato l’esperienza dei loro connazionali delle Valli del Natisone, i quali, passati sotto l'Italia nel 1866, avevano subito da allora un costante e sistematico processo di "snazionalizzazione".
Il combinato disposto dell'occupazione militare e dell'iniziativa nazionalistica (impresa di D'Annunzio a Fiume) trovava riscontro nel Trattato di Rapallo del 12 novembre 1920 che assegnava all'Italia nuovi territori: Istria, la Dalmazia, la città di Zara, le isole di Cherso, Lussino, Lagosta e Pelagosa e, nel 1927, la città di Fiume. La regione assunse il nome di Venezia Giulia.

La borghesia slovena benché disponibile alla collaborazione con il governo italiano, a condizione di preservare la propria identità e ruolo sociale, trovò nel governo di Roma, liberale prima e fascista poi, il fermo proposito di assimilare gli "alloglotti", come venivano chiamate le popolazioni slave. Trieste, avamposto colonialista verso l'oriente, divenne terreno fertile per lo sviluppo del fascismo: nel maggio del 1920 furono create le "squadre volontarie di difesa cittadina", bande armate fasciste, sotto la direzione di Giunta, che scatenarono aggressioni contro la classe operaia delle industrie tessili, cantieristiche, minerarie e contro le popolazioni slovene e croate. Tutti i luoghi di aggregazione degli sloveni e dei croati furono aggrediti e distrutti: società corali, società sportive, sale di lettura, circoli dopolavoristici, le scuole. Nel 1920 a Trieste fu incendiato il Narodni Dom, sede delle associazioni culturali ed economiche slovene.
"Di fronte ad una razza inferiore e barbara come la slava" affermava Mussolini nel settembre 1920 "non si deve perseguire la politica che dà lo zucchero, ma quella del bastone". Nel 1921 la federazione fascista di Trieste era la maggiore d'Italia. Il fascismo si identificava con l'italianità e conquistava il consenso della borghesia liberalnazionale triestina.
Dopo la presa del potere da parte del fascismo, nel 1922, la repressione acquistò il timbro delle leggi dello Stato. Il regio decreto del 15 ottobre 1925 proibiva l'uso delle lingue diversa da quella italiana, la lingua slovena e serbo-croata fu rimossa da tutti i luoghi pubblici e dalle insegne. Con il regio decreto del 7 aprile del 1927 fu imposta l'italianizzazione dei cognomi, soppressi e confiscati i beni delle organizzazioni culturali, ricreative, economiche slovene e croate.
La scuola era al centro della politica di "snazionalizzazione", gli insegnanti di lingua slovena furono trasferiti e costretti a licenziarsi, la repressione investì anche i preti slavi in quanto "si ostinano a celebrare le funzioni religiose in lingua slovena, e in Italia "si prega in italiano".

Contro l'imperialismo coloniale italiano e la sua azione di feroce repressione si organizzò la Resistenza. In particolare si formarono due organizzazioni clandestine, la Tigr (dalle iniziali slovene di Trieste, Istria, Gorizia, Rijeka) e la Borba (lotta) che affermarono la parola d'ordine dell'unione alla Jugoslavia. In particolare nella Tigr, all'inizio degli anni '30, emerse la figura di Pinko Tomazic che pose l'obiettivo di una repubblica slovena inserita nel quadro di una confederazione di repubbliche sovietiche balcaniche.

Negli anni '28-'30 gli agricoltori slavi furono costretti a mettere all'asta le proprietà, acquisite da coloni italiani mediante l'Ente per la rinascita agraria delle Tre Venezie. La repressione negli anni '27-'43, condotta dal Tribunale Speciale fascista contro sloveni e croati, fu particolarmente feroce. La stessa cultura della foiba fu utilizzata da nazionalisti e fascisti, in canzoni e in poesie nei testi scolastici, per intimorire con la minaccia di finire "in fondo nella foiba" le popolazioni slave.

Il 6 aprile 1941 l'Italia, assieme alle forze dell'Asse, sferrò l'aggressione alla Jugoslavia, che venne smembrata; l'Albania era stata occupata nell'aprile 1939. Dalla spartizione della Jugoslavia l'Italia incorporò la Slovenia meridionale, il litorale Dalmata, Sebenico, Spalato, Ragusa, Cattaro, le isole e la regione della Carniola, costituendo la nuova Provincia di Lubiana e il Governatorato della Dalmazia; a Sud incorporò all'Albania la Macedonia meridionale e il Kosovo; il Montenegro divenne un protettorato.
L'occupazione fu contrassegnata da particolare durezza: incendi di villaggi, deportazioni in campi di sterminio italiani (202 complessivi, tra cui Arbe-Rab in Dalmazia e Gonars in Friuli) e tedeschi, eccidi di rappresaglia, rastrellamenti, fucilazioni ed impiccagioni.

Dopo l'invasione nazifascista a Lubiana, il 27 aprile 1941, si costituì l'Of (Osvobodilna Fronta: Fronte di Liberazione Sloveno), cui aderirono personalità indipendenti e gruppi di ispirazione cristiano-sociale, con un ruolo egemone del Partito comunista sloveno. L'Of iniziò la resistenza armata con l'obiettivo dell'indipendenza nazionale e l'unificazione della Slovenia nel quadro della Jugoslavia federativa, organizzando forze prevalentemente contadine e popolari. Le forze liberal-conservatrici slovene, espressione della borghesia nazionale, restavano in attesa della fine del conflitto o collaboravano con l'occupante.

La risposta italiana fu la repressione civile e militare: nell'aprile del 1942 a Trieste fu istituito l'Ispettorato Speciale di Pubblica Sicurezza che si sarebbe caratterizzato per i rastrellamenti, le violenze, le torture. Alla vigilia dell'8 settembre 1943, nella sola provincia di Lubiana si conteranno 33.000 persone deportate, pari al 10% della popolazione, quasi 13.000 edifici distrutti, 9000 danneggiati, ed un numero di fucilati, caduti in combattimento e morti nei campi non quantificati, ma dell'ordine di alcune migliaia (circa 7000 nei campi italiani).

Dopo l'8 settembre 1943, crollate le strutture dello stato italiano, dissolto l'esercito regio, i comandanti in fuga alla ricerca di vie di salvezza, la Wehrmacht occupò i centri strategici della Venezia Giulia, le città portuali di Trieste, Pola, Fiume, l'area industriale di Monfalcone, Gorizia ma per carenza di forze trascurò l'entroterra. Il vuoto di potere nella penisola istriana fu presto riempito dall'insurrezione popolare e contadina, coinvolse la popolazione italiana dei centri costieri e quella slava dell'interno, presentando connotazioni di liberazione nazionale e lotta di classe. Ad una fase spontanea con fenomeni di jacquerie seguì l'assunzione del controllo politico-militare da parte del Novj (l'esercito di liberazione). Una liberazione assai fragile durata circa venti giorni, in alcune zone più o meno un mese.

Tra l'11 e il 12 settembre 1943 le forze del Novj occuparono Pisino, nel cuore dell'Istria, organizzandovi il Comando operativo. Nei villaggi le masse popolari attaccarono i simboli e i rappresentanti dello stato colonizzatore: podestà e segretari comunali, fascisti, carabinieri, commercianti, esattori delle tasse; nelle campagne i coloni e i mezzadri attaccarono i possidenti terrieri italiani; nelle imprese industriali, cantieristiche e minerari, in particolare nella zona di Albona, con una forte tradizione di lotte operaie e socialiste, stessa sorte investe dirigenti, impiegati e capisquadra.
La maggior parte furono arrestati e concentrati soprattutto a Pisino; in questo contesto alcune centinaia (300-500) furono gettate nelle foibe istriane. La propaganda nazifascista utilizzò poi il fenomeno delle foibe istriane per incitare all'odio antislavo, moltiplicando il numero e sottolineando la nazionalità italiana delle vittime.

Il primo ottobre 1943 con l'Operazione Nubifragio le forze armate tedesche rioccuparono tutta l'Istria, il loro passaggio segnò decimazione di massa, distruzioni, incendi, migliaia di morti. I territori riconquistati furono uniti alle altre aree del confine nordorientale e organizzati nella "Operationszone Adriatsches Kusternland" (Zona Operazioni Litorale Adriatico), comprendente le provincie di Udine, Gorizia, Trieste, Pola, Fiume, Lubiana, nelle quali l'autorità suprema era un commissario alle dipendenze di Hitler.
L'Amministrazione tedesca emanò una serie di disposizioni e ordinanze, nominò prefetti e podestà, assegnò ad ogni amministrazione un consigliere tedesco. I giovani di leva furono incorporati nella Wehrmacht o nell’organizzazione tedesca del lavoro coatto Todt. Furono pubblicati giornali e riviste in lingua tedesca, slovena e serbo-croata, fu quindi ridimensionata la politica di snazionalizzazione delle popolazioni slave.
Il potere decisionale, a tutti i livelli, era accentrato in mani tedesche, dai tribunali al controllo poliziesco, quest'ultimo era gestito dal generale Odilo Lotario Globocinik, capo delle SS del Litorale, stimato da Himmler per l'attività svolta nei campi di sterminio in Polonia. A Trieste Globocinik organizzò nel rione industriale di San Sabba, in edifici già utilizzati per la pilatura del riso, un lager che funzionava come campo di smistamento, concentramento e sterminio. A San Sabba trovarono la morte migliaia di oppositori politici e combattenti partigiani sloveni e croati, italiani, renitenti alla leva, ebrei.

Per larga parte della comunità italiana della Venezia Giulia, la borghesia e larghi strati di piccola e media borghesia la creazione della Zona del Litorale Adriatico, la presenza della Wehrmacht fu considerata una garanzia contro la minaccia "slavo-comunista". A Trieste la borghesia industriale e finanziaria vide nella annessione al Reich il rilancio commerciale della città. In Venezia Giulia si costituirono corpi volontari di milizie fasciste che collaboravano col comando tedesco: la Polizia annonaria, la Guardia Civica-Stadtshutz, la Milizia Difesa Territoriale, la X Mas, la Guardia di Finanza; collaborarono con l'occupante anche forze slovene: Slovenski narodni varnostni zbor (corpo nazionale sloveno di sicurezza) detti domobranci e Slovensko domobranstvo (difesa territoriale Slovena).

All'interno della popolazione italiana della Venezia Giulia gli operai di Trieste, Monfalcone, Fiume e delle cittadine costiere istriane diedero origine a formazioni quali la Brigata Proletaria e Delavska Enotnost-Unità Operaia che collaboravano con la resistenza jugoslava nella prospettiva della rivoluzione socialista, prospettiva che le organizzazioni egemoni del movimento operaio italiano (Pci e Psi) non sostenevano, provocando grosse contraddizioni tra quadri e militanti comunisti. Il Pci infatti partecipava attraverso il Cln al Fronte popolare con i partiti borghesi (Dc, Pd'a, Monarchici, Liberali), e a questa alleanza subordinò l'indipendenza di classe.

In Jugoslavia il Pcj, pur aderendo alla politica dei Fronti popolari, in presenza di una borghesia nazionale legata al capitale straniero, tipica di un Paese semicoloniale, le cui forze politiche collaboravano con l'occupante o restano passive, fu costretto dalla dialettica della rivoluzione a superare la fase democratico-borghese (unificazione ed indipendenza nazionale, riforma agraria) fino a liquidare una borghesia che queste esigenze non aveva risolto o risolto parzialmente.

Un intreccio di contraddizioni nazionali e di classe che si riversarono nel movimento partigiano della Venezia Giulia, provocando a Trieste rotture nel Cln, qui le forze borghesi, liberali e cattolici, si opposero per ragioni di classe alla rivoluzione jugoslava, tale avversione portò, come nel caso delle Brigate Osoppo, alla collaborazione con forze fasciste in funzione antislava e anticomunista.

La situazione politico-militare costrinse gli inglesi a limitare il controllo alla parte occidentale della regione, per l'importanza strategica delle comunicazioni verso Nord, in particolare Trieste e Gorizia, rinunciando all'ipotesi greca. L'offensiva finale jugoslava iniziò il 20 marzo 1945 e furono i reparti del Novj ad arrivare il 1° maggio per primi a Trieste e Gorizia, anticipando le armate britanniche; con questi collaboravano le formazioni partigiane comuniste.
Il Cln triestino, costituito dal Psi, Pd'a, Dc, e Liberali, che oscillava tra l'attesa e l'insurrezione, aspettando l'arrivo degli inglesi diede inizio alla lotta mediante il Corpo Volontari della Libertà, ma questi si scontrarono con le forze jugoslave e si ritirarono dalla lotta. Le forze neozelandesi raggiunseno Trieste e Gorizia il 2 maggio, la situazione rimase aperta per circa un mese fino a quando i governi inglese ed americano costrinsero le forze jugoslave a ritirarsi da Trieste e Gorizia.

Il nuovo potere jugoslavo nelle zone liberate si basava sull'Armata, sulla Difesa popolare, sull'Ozna, il servizio segreto, mentre mancavano strutture consiliari tipo i soviet. L'obiettivo era affermare prima possibile la nuova sovranità jugoslava, epurare l'apparato amministrativo e di polizia, prelevare i reazionari e trasferirli per processarli in campi di prigionia in Slovenia, altri furono fucilati dopo la cattura o la resa. Nemici furono considerate le forze armate dello stato imperialista, le formazioni fasciste, le forze antislave e anticomuniste tra cui aderenti al Cvl del Cln triestino.

In questo quadro, tra il maggio-giugno del '45, si ripresentò il fenomeno delle foibe nell'entroterra carsico di Trieste e Gorizia con aspetti simili al precedente istriano. Da una ricerca accurata svolta da C. Cernigoi e pubblicata nel libro ≪Operazioni foibe a Trieste nella provincia triestina≫, le vittime finite nelle foibe furono circa 517 di cui 112 della Guardia di Finanza, 149 della Pubblica Sicurezza, 115 delle Forze armate, 105 civili, tra questi collaborazionisti e spie.

Certo la propaganda reazionaria e liberaldemocratica, per esorcizzare la rivoluzione proletaria, continuerà a rivangare di "migliaia di martiri delle foibe", di "partigiani rossi e violenti", mentre i riformisti, pur di allearsi con i liberali, giureranno sulla nonviolenza. Per parte mia, con Marx, Lenin e Trotsky riaffermo la necessità della rivoluzione socialista fino a quando le masse proletarie di questo pianeta non si saranno liberate dal capitalismo e dall'imperialismo.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/AnnaDiFrancia/trackback.php?msg=8405221

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
stalin14
stalin14 il 10/02/10 alle 10:13 via WEB
grazie x le notizie che riporti e x la storia vista da una parte "militante" e con la giusta prospettiva. x parte mia sono con te fino a quando le masse popolari di questo pianeta, con qualsiasi mezzo, si saranno liberate dall'imperialismo e dal capitalismo che ne è la conseguenza. un abbraccio e un saluto a pugno chiuso.
 
giampi1966
giampi1966 il 10/02/10 alle 14:55 via WEB
Ti faccio nuovamente i complimenti per la tuo opera di formazione e di condanna al revisionismo. un abbraccio
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 16/06/10 alle 01:19 via WEB
Per anni la questione delle Foibe fu volutamente ignorata dallo stato italiano, così come il travaglio degli Italiani Istriani. Così come altre cose sono state ignorate. Il tuo è solo integralismo di parte, quello che fa sommariamente tacciare come spia anche una ragazzina di 13 anni come Giuseppina Ghersi o una maestra di 20 come Norma Corsetto e ti prego non farmi proseguire con la conta dei nomi perché potrei arrivare a migliaia tra cui pochi non furono adolescenti se non bambini. Non sono le false memorie che stanno facendo risorgere il fascismo ma le memorie falsate. Sarebbe bastato ripudiare chi si macchiò di crimini anziché santificare ad ogni costo un criminale solo perché era stato partigiano. VOI AVETE RIDATO VITA AL FASCISMO IN QUESTO PAESE!
 
 
Maddalena.Robin
Maddalena.Robin il 21/07/10 alle 08:58 via WEB
Ma fammi il piacere!!! se devi dire assurdità fallo da qualche altra parte per favore
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: Maddalena.Robin
Data di creazione: 24/01/2007
 

NOI RIVOLUZIONARI

Dicono che noi rivoluzionari siamo romantici. Sì, è vero, ma lo siamo in modo diverso, siamo di quelli disposti a dare la vita per quello in cui crediamo.

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

LA BALLATA DEL PINELLI

GANG - GASTONE PETRUCCI
(versione originale)

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Renato Guttuso: La marsigliese contadina (L'occupazione della terra)

A chi esita [Bertolt Brecht]

Dici:
per noi va male. Il buio
cresce. Le forze scemano.
Dopo che si è lavorato tanti anni
noi siamo ora in una condizione
più difficile di quando
si era appena cominciato.

E il nemico ci sta innanzi,
più potente che mai.
sembra gli siano cresciute le forze. Ha preso
una apparenza invincibile.
E noi abbiamo commesso degli errori,
non si può mentire.
Siamo sempre di meno. Le nostre
parole d'ordine sono confuse. Una parte
delle nostre parole
le ha stravolte il nemico fino a renderle
irriconoscibili.

Che cosa era errato ora, o falso, di quel che abbiamo detto?
Qualcosa o tutto? Su chi
contiamo ancora? Siamo dei sopravvissuti, respinti
via dalla corrente? Resteremo indietro, senza
comprendere più nessuno e da nessuno compresi?

O contare sulla buona sorte?

Questo tu chiedi. Non aspettarti
Nessuna risposta
Oltre la tua.

 

DAX VIVE!

 

MUMIA ABU-JAMAL

"Voice of the voiceless"
immagine
PER NON DIMENTICARE ...
PER CONTINUARE A LOTTARE
http://www.freemumia.org/index.html

 

PER MARCO

 

DEMETRIO

 

INTIFADA

 

 

LENIN

 

WORKING CLASS HERO


Working Class Hero
by John Lennon

As soon as you're born they make you feel small
By giving you no time instead of it all
Till the pain is so big you feel nothing at all
A working class hero is something to be
A working class hero is something to be

They hurt you at home and they hit you at school
They hate you if you're clever and they despise a fool
Till you're so fucking crazy you can't follow their rules
A working class hero is something to be
A working class hero is something to be

When they've tortured and scared you for twenty odd years
Then they expect you to pick a career
When you can't really function you're so full of fear
A working class hero is something to be
A working class hero is something to be

Keep you doped with religion and sex and TV
And you think you're so clever and class less and free
But you're still fucking peasants as far as I can see
A working class hero is something to be
A working class hero is something to be

There's room at the top they are telling you still
But first you must learn how to smile as you kill
If you want to be like the folks on the hill
A working class hero is something to be
A working class hero is something to be
If you want to be a hero well just follow me
If you want to be a hero well just follow me

 

ULTIME VISITE AL BLOG

tarsia.clodomirodreamers2000zoppeangeloSpidey34Njala66Maddalena.Robincara.callacarolucreziopiercarlo.sacchibianconero.f5laucarusoclaudioscanduraavvcicopepe.massariadgpianista
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
hit counter 

 

CARLOS MARIGHELLA (5/12/1911 - 4/11/1969)

 

PEPPINO IMPASTATO

 

 

NOTE

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons.

Registra il tuo sito nei motori di ricerca