Creato da: antonio.facchiano il 07/05/2008
Tutti i sogni che una tastiera qwerty può scrivere

I miei libri / I miei articoli

I miei libri

Voli di linea (Bastogi)

Tempo di futuro (Ed. Progetto Cultura)

A prima vista (Ed. Progetto Cultura)

Leggimi anche su www.agoramagazine.it  

Gli articoli linkati sono    qui

 
 

Chi sono / chi credo di essere

- 47 anni (mentre scrivo, ma dipende da quando tu leggi)
- Nato e vissuto a Napoli fino all'etÓ di 27 anni; poi emigrato; Napoli resta nel cuore
- Ricercatore in campo oncologico
- Segni particolari: nessuno
- Segni zodiacali: tutti

 

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

gauantonina8368kikapisaniziamiadinapoliantonio.facchianogiangry2008dona4dglEross82clara.rizzo3camdicpsicologiaforensegiovannazadrapietrolina681968borgosottotredueuno1
 

Ultimi commenti

Se l'etÓ Ŕ sicuramente quella che uno si sente, forse...
Inviato da: arg
il 06/05/2010 alle 23:48
 
Io penso che incazzati lo siamo tutti. Pero' prevale...
Inviato da: Angelo
il 17/02/2010 alle 11:41
 
Proprio perche' lo squalene e' prodotto...
Inviato da: Antonio
il 03/02/2010 alle 01:24
 
Pensa un po', da quello che Ŕ successo nella mia...
Inviato da: RaffRag
il 27/01/2010 alle 10:14
 
Non capisco se quelli che hanno messo in mezzo lo squalene...
Inviato da: RaffRag
il 27/01/2010 alle 10:07
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

 

 
« La democrazia dei furbi ...Gli esperti del campo »

Forse ci dovremmo un po' incazzare

Post n°59 pubblicato il 15 Febbraio 2010 da antonio.facchiano
 

Forse ci dovremmo un po’ incazzare  


I cittadini de L’Aquila protestano con cartelli al collo (http://ilcentro.gelocal.it/multimedia/home/23055944/1/3) con su scritto: ”Io alle 3 e 22 non ridevo" ( vedi altre news  http://it.notizie.yahoo.com/7/20100214/tts-l-aquila-in-piazza-nella-zona-rossa-c8abaed.html).

E’ nato anche un gruppo su facebook  (http://www.facebook.com/group.php?v=wall&ref=search&gid=302288078330) intitolato “Quelli che alle 3.32 non ridevano” (http://www.corriere.it/cronache/10_febbraio_15/caccia-protesta-contro-sciacalli_ec71a872-19ff-11df-8cad-00144f02aabe.shtml )

Queste sono notizie col sapore amaro della sconfitta della civiltà; notizie che fanno male a chi crede nella democrazia, nella giustizia e nella solidarietà.
Gli scandali sessuali di personaggi influenti, pur clamorosi, sono aspetti secondari, tutto sommato; ma le intercettazioni che svelano il cinismo delle iene ridens, degli sciacalli che ridono sulle sventure del prossimo, sbavando  e affilando i propri denti  (
http://www.agi.it/news/notizie/201002111924-cro-rt10303-g8_maddalena_intercettazioni_imprenditori_ridono_del_terremoto) pronti ad approfittarne, aprono uno squarcio fetido sugli appetiti di imprenditori senza scrupoli e sul rischio di corruzioni e clientele. Questi rischi ridicolizzano la favola della mancanza delle risorse economiche per combattere precarietà, povertà, ingiustizia, malasanità.  Favoletta raccontata da tutti i governi e alla quale, francamente, non crede più nessuno. Secondo il Sole24ore del 12 febbraio ( http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Norme%20e%20Tributi/2008/02/corruzione-italia-brucia--miliardi.shtml?uuid=5994a372-d93f-11dc-864a-00000e251029&DocRulesView=Libero ) la corruzione in Italia costa circa 50 miliardi di euro all’anno, pagati dai cittadini onesti che pagano le tasse. 50 miliardi  all’anno sarebbero sufficienti a risanare i bilanci della scuola pubblica e della giustizia, e a dare una boccata di ossigeno alla sanità pubblica mortificata, ai servizi sociali, ai trasporti dei pendolari spesso ammassati nei treni e nelle metro come bestiame da macello.
Forse ci dovremmo  incazzare un po’ di più quando fatti come questi (che pure avvengono tutti i giorni a tutte le latitudini) vengono smascherati e diventano pubblici. Ma qui si arrabbiano solo i cittadini perbene, che sono senza alcun dubbio la stragrande maggioranza, ma non hanno più alcun potere di decisione, di veto, di indirizzo.
Qualcuno alza un po' la voce, ma l'unico risultato è la vendita di qualche copia in più dei quotidiani e l'aumento dell'audience di telegiornali e altre trasmissioni televisive, ma poi, dopo qualche sfuriata, tutto torna nella quieta e muta tranquillità melmosa nella quale sguazzano i coccodrilli.
Dovremmo certamente incazzarci di più di fronte a tutto questo, ma è pur vero che ognuno ha i suoi problemi di sopravvivenza quotidiana, e perciò domina ovunque una sorta di fatalismo nel quale a sera ognuno è soddisfatto se è riuscito almeno a sopravvivere. E come dargli torto?
Ecco perché davanti a questo scempio dovrebbe incazzarsi soprattutto e innanzitutto lo Stato, con le sue istituzioni, i suoi uomini, la sua forza, la sua credibilità.
Con le sue leggi, quelle giuste e condivise; quelle che azzerano i furbi e disinnescano le loro trappole.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/AntonioFacchiano/trackback.php?msg=8434311

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
Angelo il 17/02/10 alle 11:41 via WEB
Io penso che incazzati lo siamo tutti. Pero' prevale l'assuefazione, il che e' pessimo, e ci teniamo tutto. Come dici tu, si punta alla sopravvivenza. Forse si dovrebbe seguire una volonta' diversa: VOGLIO VIVERE, NON SOPRAVVIVERE
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.