Creato da Il.Don.Camillo il 04/06/2007

DON CAMILLO'S BLOG

"Che la tua vita non sia una vita sterile - Sii utile - Lascia traccia" San Josemaria Escrivà

 

 

« Introduzione del DIVIETO...LA BARZELLETTA?! »

DIVIETO DI APOLOGIA DEL COMUNISMO

Post n°60 pubblicato il 29 Ottobre 2007 da Il.Don.Camillo

La fantastica proposta dell'Udc fa discutere la politica. Oltre alla naturale autodifesa da parte dei comunisti (che mandano gli altri a leggere la storia, mentre loro se ne vanno a lodare l'Urss), fa senso e tristezza la freddezza con cui gli alleati hanno accolto l'iniziativa. Di Rotondi è meglio non parlare...affermare che il comunismo non esista è una grande STRONZATA: questa ideologia diabolica esisterà finchè qualcuno crederà in essa. Discutibile la risposta di Calderoli... Aspettiamo dichiarazioni entusiastiche di Berlusconi...

Apcom Il capogruppo dell'Udc alla Camera lancia una proposta choc: bisogna prevedere il reato di apologia del comunismo. Ma dal mondo politico arriva un coro di 'no'. "Martedì mattina - annuncia Volontè - ogni deputato, rappresentate del popolo italiano,riceverà in casella il modulo di adesione alla nostra proposta di legge di riforma costituzionale per inserire il divieto di apologia del comunismo insieme al reato già previsto per il fascismo". "Piazza San Pietro - prosegue in un'altra nota Volontè - è il luogo della verità laica e storica. Oggi si innalzano agli altari 498 martiri cristiani del comunismo spagnolo. Cento milioni sono i morti della vergogna comunista figlia della ideologia di Marx, Engels e Lenin. I comunisti italiani non solo mantengono i simboli e il nome di tale macabra ed omicida dottrina ma addirittura si recheranno in 'pellegrinaggio' alla piazza Rossa. Una vergogna e una menzogna senza precedenti, pari solo alle celebrazioni del Festival del Cinema di Veltroni tributata al macellaio Che Guevara". "Il principio di libertà di espressione - secondo il deputato centrista - deve prevedere gli stessi vincoli per il nazifascismo ma anche per il comunismo. La verità, almeno quella storica, non può ammettere eccezioni. E' inaccettabile una alleanza di governo con protagonisti adepti della setta sanguinaria comunista". Immediate le repliche dalla maggioranza e dall'opposizione. Pino Sgobio, capogruppo del Pdci alla Camera, sottolinea: "Divieto di apologia del comunismo? Volontè si rilegga la storia della Repubblica Italiana e lì troverà la risposta sul ruolo che i comunisti hanno avuto in Italia. I comunisti hanno dato la vita per la Liberazione del nostro Paese dal nazifascismo e per ripristinare la libertà in Italia". "Paragonare il comunismo al fascismo - prosegue Sgobio - significa misconoscere la stessa Carta Costituzionale, nata grazie al contributo di tutte le forze democratiche e antifasciste italiane, comunisti compresi. Il capogruppo dell'Udc si rilegga la storia. Rispetto alle alleanze di governo, inoltre, Volontè si guardi attorno: troverà accanto a sé non solo gli eredi ma anche i sostenitori convinti del fascismo, inviso e combattuto dalla stessa DC, suo partito d'origine politica". Il vicepresidente leghista del Senato Roberto Calderoli rileva: "Seppur condivisibile è superflua o comunque tardiva la proposta dell'onorevole Volontè di istituire il divieto di apologia del comunismo: la XII norma transitoria finale della Costituzione dispone che 'E' vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista'. Ma fascismo e comunismo non solo altro che le due facce della stessa moneta ed è inverosimile che questa moneta, fuori corso in tutto il resto del mondo, lo sia restata ancora solo in Italia". "Ma come il Paese a suo tempo seppe attuare una resistenza contro il fascismo oggi la sta organizzando anche contro il comunismo. Resistere, resistere, resistere", conclude Calderoli. Infine Gianfranco Rotondi, segretario della Democrazia Cristiana per le Autonomie, commenta le parole dell'esponente dell'Udc: "Non condivido l'iniziativa dell'amico Volonté: non esiste il comunismo, ma tanti partiti comunisti. Il comunismo italiano non ci ha negato la libertà, ma ce l'ha portata col sangue dei partigiani".

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/BlogDonCamillo/trackback.php?msg=3501842

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
shmaicol
shmaicol il 30/10/07 alle 00:55 via WEB
Ho una proposta da fare a tutti coloro che ancora credono nei cambiamenti possibili: http://blog.libero.it/shmaicol/3503100.html
 
1carinodolce
1carinodolce il 04/11/07 alle 12:50 via WEB
CIAO! crollato ormai da un bel po' il comunismo, quali sono le 'ideologie' dominanti attualmente? puoi fare un 'bel' quadro , semplice e sintetico, della situazione dell'uomo e della società attuale? parlando anke, anke, di : positivismo, scientismo, laicismo, ecc. ecc.............. grazie 1000 , Gius
 
 
Il.Don.Camillo
Il.Don.Camillo il 04/11/07 alle 20:53 via WEB
Il comunismo vero e proprio sarà anche crollato, ma i suoi seguaci rimangono. Quelli seri (quindi pericolosi per la libertà), come nel regime birmano, e quelli buffoni, come nel governo italiano (e, quindi, pericolosi per l'Italia, la sua economia, la sua immagine, etc.). Il positivismo è Ottocento. Attualmente una lunga serie di correnti europee (nate con l'illuminismo) è finita in un pastone pericolosissimo, che ci ha portati al relativismo, letale per la nostra Europa (quella vera, mica quella burocratica e politicamente corretta), che sta per giungere al tramonto. Il laicismo è definibile ideologia? Penso di sì. Non sono un esperto. Un saluto, don Camillo
 
   
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 05/11/07 alle 13:42 via WEB
AMMAZZATI IMBECILLE PRETE!
 
     
Il.Don.Camillo
Il.Don.Camillo il 06/11/07 alle 22:20 via WEB
Il mondo è bello perchè è vario. E nella varietà ci sono pure i deficienti. Un saluto. Don Camillo
 
     
1carinodolce
1carinodolce il 08/11/07 alle 07:41 via WEB
già, ahimè .... ma sappiamo benissimo tutti che ... un cervello limitato contiene una quantità illimitata di idiozie !! ;-))
 
     
1carinodolce
1carinodolce il 08/11/07 alle 07:42 via WEB
già, ahimè .... ma sappiamo benissimo tutti che ... un cervello limitato contiene una quantità illimitata di idiozie !! ;-))
 
   
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 05/11/07 alle 16:40 via WEB
Penso che il comunismo sia solo un utopia...mal intesa da molti.. sicuramente marx non intedeva forme di comunismo come quelle birmane... quelle sono la negazione dei nostri ideli comunisti. Certo non dimenticheremo noi comunisti i milioni di morti in russia e non rinnegaremo lo stalinismo,penso però che i movimenti tipo rifondazione comunista e l' estrema sinistra non presentano esponenti di tipo stalinista almeno secondo me rappresentano i grandisimi politici che si sono opposti allo scioglimento del mitico pci e rappresetano gli ideali del futuro..... come il rispetto dell' ambiente la pace,il disarmo la solidarieta internazionale e l' opposizione al brutale capitalismo rappresentato dall america neoliberista un saluto.... un militante di rifondazione comunista
 
1carinodolce
1carinodolce il 04/11/07 alle 12:51 via WEB
scusa per l'off topic...!! ;-)
 
1carinodolce
1carinodolce il 04/11/07 alle 12:53 via WEB
mi piacerebbe leggere anche qualche tua considerazione/commento sull'articolo di gdl che ti riporto... poi, magari, cancellalo ...
 
1carinodolce
1carinodolce il 04/11/07 alle 12:59 via WEB
Senza troppi clamori si sta consumando sulla scena politica italiana un decesso illustre: quello del cattocomunismo. È questo il significato alla fine più importante delle cronache delle ultime settimane, anche se, come e ovvio, la fine che oggi si annuncia viene da lontano, è il frutto di almeno due grandi fenomeni congiunti all'opera da tempo. Il primo fenomeno è rappresentato dal mutamento sostanziale dell'agenda politica italiana come del resto di tutti i Paesi occidentali. Ormai il grande scontro tra capitale e lavoro, tra la prospettiva proprietario-capitalistica e quella statalsocialista, che ha dominato per più di un secolo la vita pubblica, è alle nostre spalle. Di conseguenza è alle nostre spalle anche tutta una serie di «spartiacque» che sono stati decisivi per determinare storicamente l'identità della destra e della sinistra. Guardiamo al panorama dei nostri maggiori problemi attuali: la competizione con i nuovi attori dello sviluppo mondiale (Cina, India, ecc.), l'ondata migratoria, la crisi demografica, l’insostenibilità della spesa assistenziale, il declino della stabilità del lavoro e della sua cultura. Ebbene, quale di questi problemi nasce dallo scontro tra capitale e lavoro? Quale di questi problemi ha soluzioni alternative che possano realmente dirsi «di destra» e «di sinistra»? Nessuno, direi. Si aggiunga, almeno nel nostro continente, un ulteriore elemento decisivo: il fatto che ormai, per tutto ciò che riguarda l'ambito economico-sociale ad avere la parola decisiva non sono quasi più i parlamenti e i governi nazionali, ma l'Unione Europea. È a Bruxelles e a Francoforte che si decidono i parametri vincolanti delle politiche economico-monetarie da cui dipende tutto. Ed è stato per l'appunto grazie a Bruxelles e Francoforte che da anni si è imposta dovunque la svolta liberista alla quale, oggi, anche i più riottosi ministri di Rifondazione comunista sono obbligati ad adeguarsi. Insomma, in Italia come dappertutto non c'è più spazio per «terze vie», «elementi di socialismo» o altre sperimentali velleità, alternative a quanto stabilito in sede europea. È questo fatto, insieme al mutamento radicale del quadro socio-economico, che ha determinalo la fine della centralità nel dibattito politico dei paesi europei, e dunque anche dell'Italia, dei temi strettamente economici, un tempo invece dominanti. Il vuoto cosi creatosi è riempito ogni giorno di più da temi immateriali, in particolare da quelli etici riguardanti l'esistenza umana e gli stili di vita, perlopiù messi all'ordine del giorno dai progressi della scienza. Attualmente è intorno a questioni come la riproduzione artificiale della vita, la sostituibilità di partì del corpo, o la possibilità di autodeterminazione della morte, ma anche l'ammissibilità del matrimonio tra omosessuali, l'adozione di minori da parte degli stessi, è intorno a questi temi soprattutto che si accende il dibattito politico. Ed è in relazione ad essi che si è verificato il secondo fenomeno che ha portato in Italia alla fine del cattocomunismo: cioè il cambiamento deciso della composizione sociale e quindi dell'ideologia della sinistra. La fine della centralità dello scontro capitale-lavoro o comunque il suo rimodellarsi secondo prospettive inedite , unitamente alla deindustrializzazione, ha prodotto l'allontanamento dalla sinistra di quote consistenti di lavoratori industriali (ne sono prova i risultati elettorali delle regioni del Nord). Gli antichi caratteri «di classe» della sinistra sono ormai sul punto di sparire, e la prevalente base operaia, contadina e di popolo minuto di una volta è stata progressivamente sostituita dai ceti medi del pubblico impiego, dagli insegnanti, dagli addetti alle grandi corporazioni «civili» (magistrati, professori universitari, giornalisti), dalla media e alta borghesia. Questi gruppi sociali sono spesso interessati si, economicamente, alla protezione «pubblica» del proprio reddito/status, ma dal punto di vista ideologico non conservano più nulla delle vecchie posizioni che per decenni hanno costituito l'identità diciamo così etico-pubblica del vecchio Partito comunista e della sinistra in genere. Non più il sospetto per tutto ciò che sapesse di individualistico, di piacere fine a se stesso, di «borghese», non più diffidenza per i valori acquisitivi, non più disponibilità a pensare la vita soprattutto come impegno, e neppure, ormai, la più piccola traccia di quel tanto di moralismo magari un po' ipocrita, di esibito perbenismo che caratterizzava quegli orizzonti di un tempo. Ora, all'opposto, i nuovi ceti di riferimento della sinistra sono tutti immersi in un'atmosfera che appare dominata dalla più radicale soggettività, nonché da una morale di tipo individualistico-libertario (si ha il diritto di fare ciò che si vuole, basta che non si danneggi un altro: quanto allo Stato, esso non deve immischiarsi di nulla), pronti a identificarsi con tutte le mode, i tic, i gusti, i consumi della modernità purché, beninteso, rivestiti di un'opportuna patina di «eleganza». Si comprende senza fatica come i due fenomeni di cui ho fin qui parlato — la conversione dall’economia all'etica dell'agenda politica, e l'avvento a sinistra in posizione dominante di un'ideologia di tipo acquisitivo-libertario—sconvolgano alla radice il panorama sul cui sfondo si è mosso per decenni il cattocomunismo. Il quale ha sempre conservato una natura magmatica, ha sempre rifuggito da teorizzazioni precise (con l'eccezione forse di-quelle compiute in anni ormai remoti da Franco Rodano e Claudio Napoleoni), ma forse proprio per questo ha rappresentato una prospettiva e vorrei dire di più: una suggestione potente che ha attraversato tutta la vita politica italiana. La prospettiva cioè di un incontro tra due «popoli» e due «culture popolari» all'insegna della solidarietà sociale, della comune rappresentanza dell’«umile Italia» delle masse raccolte all'ombra dei campanili e dell'idea socialista, della lotta contro la «miseria», della simpatia per il Terzo Mondo e della diffidenza verso gli Stati Uniti, e infine di una costumata intima, sobrietà, di un senso alto e serio della vita. Il tutto, come si capisce, in polemica contro il Paese dei «signori», contro l'Italia della «borghesia», la sua cultura castale, la sua mentalità egoista, gerarchica, malthusiana, le sue simpatie atlantiche. Chi vuote cogliere di quante cose diverse, ma pure tutte convergenti, si alimentasse il cattocomunismo non ha che da leggere qualche pagina di Pasolini o di Don Milani, rivedere qualche vecchio film neorealista di Rossellini o De Sica, scorrere qualche discorso di Dossetti o qualche nota riservata dì Antonio Tato per Berlinguer. Il cattocomunismo ha rappresentalo lo sfondo del grande disegno togliattiano dell’«incontro con i cattolici, che per decenni ha dominato la poltica della sinistra italiana, ne è stato, pur tra non poche critiche, come una linea-guida essenziale. Un disegno che nel mondo cattolico-democristiano (non esclusa la Chiesa) ha trovato sempre interlocutori pronti e attentissimi. Questa trama antica e tenace di relazioni, di intese, di sintonie non dette, di affinità. profonde, sta oggi andando in pezzi. È lacerata dall'impossibilità di trovare una base economica significativa in comune nel mondo nuovo dominato dal liberismo brussellese; dalla eguale impossibilità di trovare una terza via ideologica in comune, stante l'obbligatoria reverenza liberaldemocratica a cui tutti sono ormai tenuti. Ma soprattutto la prospettiva cattocomunista è squarciata dal dissidio radicale — e che sembra destinato a radicalizzarsi sempre di più — proprio su quel terreno dei valori che un tempo, viceversa, era quello che più teneva insieme cattolici e comunisti. Questi ultimi, divenuti post, e andata perduta ormai ogni vestigia sociale di «popolo», appaiono totalmente assorbiti entro un orizzonte «borghese» che in nulla più si distingue da quello del resto della società italiana, un orizzonte definito da un fortissimo soggettivismo etico, da una spinta edonistico-acquisitiva, da un programmatico relativismo culturale, perfino ormai tentato dai fremiti dell'anticlericalismo. Il mondo cattolico e la Chiesa si trovano invece sulla sponda opposta: impegnati, come sanno e come possono, a combattere proprio contro il bagaglio etico e ideologico che oggi a sinistra raccoglie i maggiori consensi. È, la loro, una battaglia disperata, ma, almeno a giudizio di chi scrive, nobile e importante come spesso sono le battaglie delle minoranze contro le opinioni, e l'inevitabile conformismo delle maggioranze. Quale che sia il suo esito, appare però chiaro che comunque anche su questo piano l'antico dialogo con i cattolici tanto caro alla sinistra di ispirazione comunista ha ormai perduto ogni possibile verosimiglianza; e con esso sembra ormai finita pure la lunga stagione del cattocomunismo. _________________________________ Ernesto Galli Della Loggia
 
1carinodolce
1carinodolce il 04/11/07 alle 13:14 via WEB
http://rassegnastampa.totustuus.it/modules.php?name=News&file=article&sid=2129 consiglio anke qst'altro vecchio articolo : ____________________________
 
1carinodolce
1carinodolce il 04/11/07 alle 13:15 via WEB
consiglio anke qst'altro vecchio articolo : ____________________________ http://rassegnastampa.totustuus.it/modules.php?name=News&file=article&sid=2129
 
1carinodolce
1carinodolce il 04/11/07 alle 13:22 via WEB
ecco il link : __________________________________ http://rassegnastampa.totustuus.it/modules.php?name=News&file=article&sid=2625
 
1carinodolce
1carinodolce il 04/11/07 alle 13:38 via WEB
Dopo il caso dell'arcivescovo polacco __________ Il fantasma del comunismo __________ di Ernesto Galli della Loggia ____________________ Un fantasma si aggira per l'Europa, il fantasma del comunismo defunto. E' il fantasma che ha aleggiato una settimana fa nella cattedrale di Varsavia costringendo il cardinale Wielgus a rinunciare a insediarsi come nuovo arcivescovo. E' il fantasma che ha appena indotto la conferenza episcopale di quel Paese a riesaminare le biografie di tutti i vescovi per accertare i loro eventuali cedimenti al regime. __________ E' lo stesso fantasma che aleggia intorno a Putin e a tanta parte dei gruppi dirigenti dell'Est europeo; lo stesso dell'archivio Mitrokhin così goffamente gestito dal nostro Paese. __________ In un senso ampio e profondo è il fantasma del passato novecentesco dell'Europa, dominato dal totalitarismo. Sul conto del quale tanta parte dell'opinione pubblica democratica ha a lungo alimentato un'illusione: e cioè che a esso fosse stata posta fine nel 1945 con la sconfitta del nazismo e del fascismo, e che il comunismo — tra l'altro proprio perché uno degli autori di quella sconfitta — non potesse neppure essere sospettato di essere qualcosa di analogo. Ma era un'illusione, appunto. Oggi sappiamo che precisamente dopo il '45, anzi, il totalitarismo nella sua versione comunista-sovietica iniziò a vivere su metà del nostro Continente una nuova vita destinata a vederne moltiplicate le malefatte. Su una metà: perché sull'altra metà, invece, esso appariva a molti con tutt'altra immagine. ____________________ E' consistito proprio in questo doppio volto il tratto specifico del totalitarismo comunista rispetto alla vicenda europea. Proprio in questa capacità mimetica di celare la figura ripugnante di Mister Hyde dietro quella angelica del dottor Jekyll si è manifestato l'elemento peculiare (ed è permesso aggiungere: diabolico?) della sua natura. Hitler non nascose mai di volere guerre e stermini. Da Lenin a Breznev, al contrario, il comunismo ha sempre proclamato di essere e di volere ciò che non era né voleva. Proprio una tale doppiezza gli ha consentito di sommare alla capacità di pressione e di violenza esercitata all'interno dei propri regimi (come è avvenuto per ogni totalitarismo) una mai vista capacità di suggestione e di inganno all'esterno di essi. E così di costruire dappertutto una rete smisurata di fedeltà, di acquiescenze, di sottomissioni, di complicità — in parte obbligate in parte volontarie. ____________________ Poi all'improvviso, come per incanto, la disintegrazione, il repentino sbriciolarsi e svanire di tutto. Ma senza il seguito di autentici esami di coscienza; con ben poca verità e senza pentimenti. Soprattutto senza alcuna passione pubblica di giudizio e di ricordo. In questo vuoto della coscienza e della memoria europee c'è stato però chi ricordava. Altroché se c'è stato, e molto probabilmente c'è. Chi «sapeva», infatti, ha naturalmente continuato a sapere — sia sul versante dei padroni di un tempo che su quello dei complici e delatori — e tutto lascia credere che per questa via abbia potuto alimentarsi un'oscura rete di sensi di colpa, di silenzi e di ricatti, di ampiezza ignota e che verosimilmente in qualche modo dura tuttora. Insomma, dalla caduta del comunismo in poi, l'Europa vive con la sua ombra di Banquo, ed è singolare che oggi sia proprio la Chiesa cattolica — che pure nella realtà fu tra i pochi a non farsi mai illusioni sulla vera sostanza del comunismo — a doverne temere le riapparizioni. Può essere considerata la conferma, di certo paradossale, di quanto la sua storia sia fino in fondo, nel bene e nel male, la storia di questo Continente, e di quanto proprio perciò le spettino oggi, di nuovo, il compito e l'onere di dare l'esempio. ***********
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 06/11/07 alle 13:43 via WEB
Non il comunismo è crollato sotto le macerie dei regimi dell’Est, ma sono crollati i sistemi che rappresentavano la negazione dei nostri ideali. Il comunismo nella nostra concezione è l’orizzonte più elevato della libertà e della speranza dell’umanità, in un mondo segnato dallo sfruttamento, dall’alienazione, dall’imperialismo, dall’autoritarismo, dalla guerra.E non dimentichiamoci mai gli estremisti di destra che quelli sono pericoli per la democrazia non qualche estremista dei no global è sempre più facile criticare i militanti di estrema sinistra che non costituiscono un pericolo per la democrazia..... anzi secondo me sono esasperati difensori della democrazia.... sarebbe meglio parlare di estremismo di destra,che usano il teppismo e la violenza proditoria nei confronti degli avversari politici... e meglio sarebbe organizzare una coscienza antifascista nelle scuole,perchè non dimentichiamoci mai si lo stalinismo e lelinismo,ma bisogna anche parlare che mussolini ha mandato e ammazzato persone nei campi di concentramento nazisti........e poi la resistenza in maggior parte organizzata dai partigiani in maggioranza comunisti quindi onore a tutti i partigiani... internazionalista estremista
 
 
Il.Don.Camillo
Il.Don.Camillo il 06/11/07 alle 22:23 via WEB
Che la Resistenza fosse organizzata in maggior parte dai comunisti è solo un'idea tua. I comunisti sembravano tanti perchè uccidevano per tanti. Ma, in realtà, erano solo degli invasati assassini (mica tutti, ma molti sì). Sul comunismo sei liberissimo di tenerti la tua opinione poetica, ma non puoi certo sorvolare sul fatto che l'aggressione nei confronti degli avversari politici c'è a destra come a sinistra. Buona serata. Don Camillo
 
   
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 07/11/07 alle 17:37 via WEB
Si va bene ma a destra c' è sempre stata,,,internazionalista
 
     
Il.Don.Camillo
Il.Don.Camillo il 07/11/07 alle 21:38 via WEB
E a sinistra pure. Don Camillo
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 08/11/07 alle 13:52 via WEB
Solo nelle brigate rosse.....internazionalista
 
1carinodolce
1carinodolce il 11/11/07 alle 00:35 via WEB
 
1carinodolce
1carinodolce il 11/11/07 alle 00:35 via WEB
'' Amo l'odio, bisogna creare l'odio e l'intolleranza tra gli uomini, perché questo rende gli uomini freddi, selettivi e li trasforma in una perfetta macchina per uccidere. '' .......................... (Non è di Hitler , ma del simbolo dei pacifisti ... Ernesto che guevara !!! )
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 11/11/07 alle 07:44 via WEB
patetico,sporco fascista di destra non toccate il nostro che,è un simbolo e rimmara un simbolo in eterno forse non conosci il personaggio....Forzisti caronie andate nelle fogne
 
   
Il.Don.Camillo
Il.Don.Camillo il 11/11/07 alle 20:21 via WEB
Bisogna considerarti un assassino, caro Anonimo? Forse sì, visto che ritieni tuo simbolo un uomo del genere. Vai nelle fogne lo dici a tua sorella. Un saluto. Don Camillo
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 11/11/07 alle 07:48 via WEB
PROVOCATORE.....don camilloo culo
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 11/11/07 alle 19:24 via WEB
1carinidolce in culo
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
marco il 19/12/10 alle 21:58 via WEB
In Polonia l'apologia di comunismo diventa un reato: http://www.ilgiornale.it/esteri/in_polonia_lapologia_comunismo_diventa_reato/storia-storia-comunismo-polonia/27-11-2009/articolo-id=402413-page=0-comments=1
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
marco il 19/12/10 alle 21:59 via WEB
L'Europa centrale per il reato di apologia del comunismo: http://www.legnostorto.com/index.php?option=com_content&task=view&id=30761
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 11
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Il.Don.Camillo
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 33
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lelloazzurrogiochessalattesluxor11Laura.f_2007alfonso9691mik.chiodoshantal_1972giangi952brunellodgl7Greta901caccamo3dongiancarlossimona.placiducciovaleriapalmisanoMaketes
 

ULTIMI COMMENTI

I catari credevano in un unico Dio, e i loro testi erano...
Inviato da: Henry
il 26/04/2013 alle 18:36
 
Già....pggio dei tedeschi che per ogni tedesco ammazzatto...
Inviato da: Henry
il 26/04/2013 alle 18:34
 
L'Europa centrale per il reato di apologia del...
Inviato da: marco
il 19/12/2010 alle 21:59
 
In Polonia l'apologia di comunismo diventa un...
Inviato da: marco
il 19/12/2010 alle 21:58
 
per carità io non me ne intendo tanto di queste cose ma mi...
Inviato da: lelloazzurro
il 07/04/2010 alle 11:35
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom